TX Nefario - шаблон joomla Форекс
logoanc nanord  
 

 

 

 
     

     

Gentile Collega,

Ritenendo di fare cosa gradita, Ti trasmettiamo il numero 8-2018 della newsletter settimanale dell’Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord, che a breve sarà riservata ai soli associati e sostenitori.

Ti invitiamo a consultare il nostro portale internet, dove potrai trovare tutti i riferimenti per effettuare o rinnovare l'iscrizione, che ti consentirà di accedere a tutti i nostri servizi associativi. Nel segnalarti che potrai seguire le attività dell’Associazione Napoli Nord anche sul nostro profilo Facebook, ti ricordiamo che le informative precedenti, relative agli anni precedenti ed all’anno in corso, sono consultabili sul sito nell'apposita sezione. Un caro saluto e una buona lettura!

Il Consiglio direttivo

Informativa ANC Napoli Nord n° 8-2018 – 24 febbraio 2018

A cura del Consiglio direttivo ANC Napoli Nord

Hanno collaborato a questo numero:

Antonio Carboni, Mauro Galluccio, Giovanni Granata, Marco Idolo, Enza Pisano.

In primo piano


Fare consulenza non è da tutti.


Di seguito riportiamo l’articolo pubblicato sul quotidiano “Italia Oggi” “Fare consulenza non è da tutti” che contiene un intervento del Presidente ANC Marco Cuchel all’indomani della notizia apparsa sui social dell’ingresso del colosso Amazon nel mercato dell’elaborazione dati fiscali e consulenza alle imprese. Di fronte al “no comment” del Consiglio nazionale, rompe gli argini Marco Cuchel, Presidente dell'Associazione Nazionale Commercialisti, secondo cui è l’ennesimo tentativo di entrare in un mercato come quello professionale, da tempo oggetto di particolari attenzioni da parte di banche, assicurazioni, Confindustria e in genere dai portatori di capitale. Tutto questo va a discapito della qualità dei servizi resi a cittadini e imprese. Da anni, afferma Cuchel, si chiede a gran voce una regolamentazione del mercato fiscale, chiedendo una volta per tutte chi può fare cosa in tale ambito.

Italia Oggi 21.02.2018 – Intervento ANC

Pillole di deontologia – Art. 2 – Contenuto del codice


Il codice deontologico contiene principi e doveri che i Commercialisti e gli Esperti contabili, nonché i loro tirocinanti, devono osservare nell’esercizio della professione a tutela dell’affidamento della collettività, dei clienti e dei terzi, della correttezza di comportamenti nonché della qualità ed efficacia della prestazione professionale.

Il loro comportamento, anche al di fuori dell’esercizio della professione, deve essere irreprensibile e consono al decoro e alla dignità della stessa.

Ogni condotta che costituisce violazione di obblighi estranei alla svolgimento dell’attività professionale comporta responsabilità disciplinare qualora sia tale da compromettere, per modalità e gravità, la fiducia dei terzi nella capacità del professionista di rispettare i propri doveri professionali.

Consulta il codice deontologico

Pubblicazione dell'avviso di vendita ex art. 490 Co.1 C.P.C.: istruzioni pratiche e riferimenti normativi emessi dai Tribunali di Napoli Nord e Santa Maria C.V..


Si riportano, di seguito, le recenti Circolari pubblicate dai Tribunali di Sanata Maria Capua Vetere e Napoli Nord, reperibili sui relativi portali internet, contenenti prescrizioni operative sulle modalità di pubblicazione sul Portale delle Vendite Pubbliche per custodi e professionisti delegati alle operazioni di vendita ex art. 591 bis c.p.c..

Circolare Napoli Nord 20.02.18

Circolare Napoli Nord 12.02.18

Circolare SMCV 12.02.18

Tribunale Napoli Nord: aggiornata la sezione “sovraindebiatamento”.


Si comunica che sul portale internet del tribunale di Napoli Nord, in apposita sezione, è possibile consultare i piani del consumatore oggetto di omologa.

Consulta la sezione

Telepass  Fleet – Detrazione Iva per i pedaggi autostradali


Si segnala la risposta fornita dall’Agenzia delle Entrate all’Interpello n. 954-716/2017 presentato dalla società Telepass S.p.A.. In tale occasione l’Agenzia ha indicato la possibilità di detrarre integralmente l’iva assolta sui pedaggi autostradali per il transito dei veicoli dati in uso promiscuo ai dipendenti qualora, per il tramite del servizio Telepass Fleet, sarà possibile dimostrare che il costo è sostenuto nell’esclusivo interesse aziendale. 

Leggi il testo dell’interpello e la risposta dell’Agenzia delle Entrate

Pubblicate dal MEF le slides riassuntive della legge di stabilità 2018.


Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha pubblicato un documento titolato “Il Fisco nella legge di Bilancio 2018” composto da 64 schede riassuntive delle principali novità/proroghe contenute nella Legge di bilancio 2018. Le schede, di una facciata ciascuna, seguono l’ordine delle disposizioni all’interno della Legge di bilancio, e sono composte da cinque voci: misura, descrizione, obiettivo, destinatari, tempi. Come ogni anno, infatti, sono molte le novità e le proroghe previste nella Legge di bilancio approvata lo scorso anno e si rendono sempre necessari chiarimenti e puntualizzazioni.

Valido il favor rei per la mancata stampa cartacea dei registri IVA.


Nel corso di telefisco2018, l’Agenzia delle Entrate ha ricordato che il Decreto fiscale 2018 ha stabilito che la tenuta dei registri delle fatture emesse e di quelle ricevute con sistemi elettronici è in ogni caso considerata regolare, in difetto di trascrizione su supporti cartacei nei termini di legge, se in sede di accesso, ispezione o verifica, i registri risultano aggiornati sugli stessi sistemi elettronici e vengono stampati a richiesta degli organi procedenti ed in loro presenza. Il decreto non ha fornito indicazioni circa le violazioni già constatate al momento della sua entrata in vigore (6 dicembre 2017). Alle stesse, pertanto, deve ritenersi applicabile il principio del favor rei contenuto nell’articolo 3, comma 2, del DLgs. n. 472 del 1997.

Occorre comunque considerare che la regolare tenuta dei registri citati e, dunque, la non sanzionabilità, è legata alla stampa degli stessi in sede di accesso, ispezione o verifica. Ergo, solo laddove tale adempimento sia stato effettivamente posto in essere all’epoca del controllo potranno prodursi gli effetti favorevoli al contribuente.”

Indennità di tirocinio dalla Regione Campania.


Aperto fino al 31 dicembre 2020 o all’esaurimento delle risorse, un avviso per sostenere formazione professionale e inserimento nel mondo del lavoro. La Regione Campania corrisponderà ai tirocinanti un'indennità di partecipazione per un importo massimo di 3.000 euro per sei mesi. L'ambito è quello dei tirocini professionali, obbligatori e non obbligatori, per l’accesso alle professioni ordinistiche.

Interessati i giovani con età non superiore ai 35 anni all’atto della presentazione della domanda, iscritti al registro dei praticanti, per professioni con tirocinio obbligatorio, o che intendono fare un’esperienza professionale, in caso di tirocinio non obbligatorio (in tal caso il tirocinio si configura come un periodo di apprendimento e di formazione professionale, a tempo pieno, presso un tutor professionale). Le domande di partecipazione potranno essere presentate da parte del soggetto ospitante esclusivamente online, pena l’inammissibilità, attraverso l’applicativo informatico: www.cgs4us.com/tirocini-giovani-professionisti.

Check list Assirevi


Assirevi ha reso disponibili le liste di controllo sui bilanci d’esercizio e consolidati. Le check list tengono conto degli emendamenti pubblicati a dicembre dall’OIC.

Consulta le check list

Operative le modifiche agli incentivi “Smart&Start” per le START UP innovative.


La circolare 102.159 del 14 febbraio 2018 emanata dal MISE, rende operative le modifiche e integrazioni alla circolare 68.032 del 10 dicembre 2014, già previste dal DM 9 agosto 2017, in merito ai criteri e modalità di concessione delle agevolazioni finalizzate a sostenere la nascita e lo sviluppo, su tutto il territorio nazionale, di start-up innovative. Tra queste l’estensione delle agevolazioni alle start-up innovative costituite da non più di 60 mesi dalla data di presentazione della domanda di agevolazione (in precedenza 48 mesi); Sono agevolabili entro il limite del 20% dell’importo totale ammesso per le altre categorie di spesa gli investimenti in marketing e/o web marketing, intese quali spese relative alla definizione della strategia di ingresso sul mercato e alle attività propedeutiche alla promozione dell’innovazione oggetto del programma di investimento proposto, ivi incluse le spese di pubblicità e di promozione di carattere non ricorrente riconducibili a piani pluriennali finalizzati al lancio dell’innovazione proposta.

Pagamenti Pa, stretta sui controlli dal 1 marzo.


Dal 1° marzo scende a 5mila euro la soglia per il blocco dei pagamenti da parte delle Pubbliche amministrazioni a favore dei contribuenti con pendenze fiscali. La modifica era contenuta nella legge di Bilancio 2018 che prevede anche l'aumento del termine per la sospensione del pagamento - finora fissato in 30 giorni - che, sempre dal 1°marzo 2018, si raddoppia in 60 giorni. La stretta sul blocco dei versamenti non si applica alle aziende/società che abbiano ottenuto la dilazione del pagamento. Operativamente parlando i soggetti pubblici prima di effettuare pagamenti per importi superiori a 5mila euro, devono inoltrare per via telematica una specifica richiesta alle Entrate-Riscossione per verificare la presenza di somme debitorie. In 5 giorni l'ente di riscossione verifica. Se non risultano impedimenti e se non si fornisce risposta entro i 5 giorni, il soggetto pubblico procede al pagamento a favore del beneficiario. In caso contrario si sospende il pagamento per 60 giorni. L'Agenzia poi notifica il pignoramento presso terzi dell'ordine di pagamento.

Reato esercizio abusivo professione: fino a 3 anni di carcere e 50mila euro di multa.


Rischia fino a 3 anni di carcere e 50mila euro di multa chi esercita abusivamente una professione. È quanto prevede la legge n. 3/2018 (riforma Lorenzin), in vigore dal 15 febbraio 2018. La nuova legge in particolare ha novellato l'art. 348 del codice penale, inasprendo le pene previste per il reato e introducendo anche aggravanti specifiche per i delitti commessi da falsi medici, da chi esercita abusivamente un'arte sanitaria e da chi detiene farmaci scaduti.

L'art. 12 della legge ha riscritto l'art. 348 c.p., sull'Esercizio abusivo di una professione, aumentandone notevolmente le pene previste. Nello specifico secondo il nuovo testo, "chiunque abusivamente esercita una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 10.000 a euro 50.000".

La condanna comporta la pubblicazione della sentenza e la "confisca delle cose che servirono o furono destinate a commettere il reato e, nel caso in cui il soggetto che ha commesso il reato eserciti regolarmente una professione o attività, la trasmissione della sentenza medesima al competente Ordine, albo o registro ai fini dell'applicazione dell'interdizione da uno a tre anni dalla professione o attività regolarmente esercitata". Si applica la pena della reclusione da uno a cinque anni e della multa da euro 15.000 a euro 75.000 nei confronti del professionista che ha determinato altri a commettere il reato, ovvero, ha diretto l'attività' delle persone che sono concorse nel reato medesimo.

Abolite le monete inferiori ai 5 centesimi.


L'articolo 13-quater del decreto legge numero 50/2017, come convertito dalla legge numero 96/2018, prevede infatti che il conio da parte dell'Italia di monete metalliche in euro di valore unitario pari a un centesimo e a due centesimi è sospeso a decorrere dal 1° gennaio 2018.

Il medesimo articolo 13-quater chiarisce che durante il periodo di sospensione del conio, quando il pagamento è effettuato in contanti, l'importo in euro che costituisce un autonomo importo complessivo da pagare è arrotondato per eccesso o per difetto al multiplo di cinque centesimi più vicino.

Se, quindi, la cifra complessiva da pagare è ad esempio pari a 20,99 euro, si dovranno pagare 21 euro. Ma non se si paga con carta o bancomat: in tal caso, anche una volta sparite le monetine, l'importo addebitato sul conto dell'acquirente resterà esattamente quello dovuto.

Così l’intelligenza artificiale sconvolgerà gli studi legali.


Si chiama “lawtech” ed è la rivoluzione tecnologica che sta mutando il volto dei grandi studi legali. E nato “Ravn”, un’intelligenza artificiale in grado di “leggere” migliaia di documenti in tempo reale organizzandone i contenuti secondo la chiave di analisi desiderata. Una ricerca hi-tech sartoriale, utilissima in studi legali in cui la massa di documenti continua a crescere.

A fronte della moltiplicazione dei robot, non fa quasi più notizia la stima che nel prossimo decennio prevede la scomparsa di oltre 110mila posti di lavoro nel settore legale (il 39% del totale). Ne verranno creati di nuovi, naturalmente, ma il vero problema è che già oggi esiste un disallineamento tra le figure professionali formate nelle università e quelle (con curriculum più ad ampio respiro) di cui gli studi legali hanno effettivamente bisogno. Come nel resto del mondo del lavoro, anche in ambito legale i robot hanno gioco facile nel sostituire gli umani negli impieghi routinari. Ma sono ben lontani dal surclassarci quando entrano in gioco empatia, creatività e flessibilità.

Dillo al Consiglio di ANC Napoli Nord.


Il Consiglio direttivo di ANC Napoli Nord ha istituito la casella di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. dedicata ad acquisire indicazioni e suggerimenti da parte degli iscritti sull’operatività o su eventuali disservizi degli uffici finanziari, giudiziari, previdenziali ed in generale degli uffici della P.A. d’interesse generale. Si invitano gli iscritti a segnalare anomalie riscontrate negli uffici frequentati al fine di consentire di individuare le principali criticità o problematiche di interesse generale per realizzare interventi mirati, il tutto sempre nell’ottica e con lo spirito di una collaborazione costruttiva a favore della Categoria.

Altre notizie e documenti di interesse professionale


Fondazione Nazionale dei Commercialisti


Si segnala che la Fondazione Nazionale, ha recentemente pubblicato i seguenti documenti:

  • Società di persone: criticità e prospettive di modifica della disciplina alla luce dei dati statistici

Consulta il documento

  • Lo stato di crisi negli Enti locali

Consulta il documento

  • Giustizia tributaria: qualche concreta proposta per migliorare

Consulta il documento

  • Dinamiche del credito alle PMI e riflessioni operative

Consulta il documento

  • Imposta sul reddito Le imposte indirette sui trust: la Cassazione torna sui suoi passi

Consulta il documento

  • Nota variazioni IVA

Consulta il documento

  • Il distacco transnazionale dei lavoratori e la cooperazione amministrativa internazionale alla luce della nuova Direttiva europea

Consulta il documento

  • Gli effetti della crisi sul lavoro dipendente e sul lavoro indipendente: occupazione e redditi

Consulta il documento

  • Crisi d'impresa e insolvenza nella prospettiva aziendale e giuridica alla luce delle riforme in itinere

Consulta il documento

Si informa, infine, che sul sito della FNC sono pubblicati i seguenti strumenti operativi di controllo a supporto dell’attività svolta dai collaboratori negli studi professionali:

FNC: Osservatorio economico.


Pubblicato dalla Fondazione Nazionale dei Commercialisti un documento che passa in rassegna i principali dati economici diffusi dall’Istat nel corso del 2017 riguardanti le famiglie italiane.

Consulta il documento

FNC: Informativa Periodica - Attività Internazionale: Pubblicata la seconda uscita dell’Informativa sulle Attività delle organizzazioni internazionali curata dalla Fondazione Nazionale dei Commercialisti.

Consulta il documento

CNDCEC: Ultime pubblicazioni


Il Consiglio nazionale dei Dottori Commerciali e degli Esperti Contabili ha pubblicato i seguenti documenti:

Pronto Ordini


Si segnalano le seguenti risposte fornite dal Consiglio Nazionale ai quesiti formulati dagli Ordini in merito allo svolgimento della professione.

Non solo tasse…


Questa sezione è stata attivata per fornire informazioni su attività culturali, ludiche e ricreative in programma nell’ambito del circondario.

Per segnalazioni:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Festival del barocco napoletano con dieci concerti gratuiti al Museo Archeologico di Napoli.


Fino al 21 maggio 2018, in vari appuntamenti, si terrà al Museo Archeologico Nazionale, il MANN di Napoli, la seconda edizione del Festival Barocco Napoletano.

L’evento comprende dieci concerti di bravi artisti e saranno tutti gratuiti. La rassegna ci propone la bellissima e variegata musica dei compositori napoletani del XVI e XVII con delle suggestive esibizioni che si terranno nella Sala del Toro Farnese del museo.

La manifestazione è un modo per raccontare la storia e l’influenza di compositori napoletani del XVI e XVII secolo, come Scarlatti e Pergolesi, sulla grande musica classica europea.

Il due aprile 2018 si potrà assistere a “Musica devozionale e passione nella Napoli del XVII secolo” (Stabat Mater di A. Scarlatti) Ensemble Barocco Accademia Reale

Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Piazza Museo 19 ore 18.00. Ingresso gratuito.

Per info Pagina Facebook Festival Barocco NapoletanoSito Ufficiale MANN

Le Domeniche a Donnaregina.


La Conversione di un Cavallo, costruito con la tecnica dei TABLEAUX VIVANTS, è un lavoro di estrema semplicità e insieme di grande impatto emotivo: sotto gli occhi degli spettatori si compongono 23 tele di Caravaggio realizzate con i corpi degli attori e l'ausilio di oggetti di uso comune e stoffe drappeggiate. Un solo taglio di luce illumina la scena come riquadrata in una immaginaria cornice, i cambi sono tutti a vista, ritmicamente scanditi dalle musiche di Mozart, Bach, Vivaldi, Sibellius.

L'Orchestra Napoletana, in esclusiva per il Museo Diocesano di Napoli, propone un viaggio tra le più belle melodie di quella espressione di arte, storia, e cultura, che è rappresentata, caso unico al mondo, dalla canzone napoletana.

Museo Diocesano Napoli Largo Donnaregina 80138 Napoli / Napoli. Telefono 081.557.13.65.

E-mailQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure utilizza Modulo di contatto

Osservatorio professionale


Focus tributario


L’onere della prova ricade sull’Ufficio per le operazioni soggettivamente inesistenti.


Con ordinanza n. 1715 depositata il 24.01.2018, la Cassazione, nel ribadire la propria consolidata posizione , conferma che “… l’A.F., ove ritenga che il diritto alla detrazione debba essere negato attenendo la fatturazione di operazioni soggettivamente inesistenti, ha l’onere di provare, anche avvalendosi di presunzioni semplici, che il contribuente al momento dell’acquisto del bene o del servizio sapeva o avrebbe dovuto sapere, con l’uso dell’ordinaria diligenza, che l’operazione invocata a fondamento del diritto a detrazione si inseriva in una evasione commessa dal fornitore …”.

Continua, la Corte chiarendo che “nelle ipotesi più semplici (operazioni soggettivamente inesistenti di tipo triangolare) detto onere può esaurirsi … nella prova che il soggetto interposto è privo di dotazione personale, mentre in quelle più complesse di “frode carosello” (contraddistinta da una catena di passaggi in cui sono riscontrabili fatturazioni per operazioni sia soggettivamente che oggettivamente inesistenti, con strumentale interposizione anche di società filtro) occorre dimostrare gli elementi di fatto caratterizzanti la frode e la consapevolezza di essi da parte del contribuente.”

Sulla stessa linea di pensiero, la Sentenza n. 29.873 del 13/12/2017 della sezione tributaria della Corte di Cassazione che riafferma in sostanza che qualora l’Amministrazione finanziaria contesti al contribuente che la fatturazione attenga ad operazioni (solo) soggettivamente inesistenti e neghi il diritto del contribuente a portare in detrazione la relativa imposta, deve provare che la prestazione non è stata resa dal fatturante.Ora, chi abbia un minimo di esperienza in questo ambito non di rado si trova dinanzi a un quadro probatorio totalmente presuntivo nel quale si riepilogano gli elementi caratterizzanti la “cartiera”, senza alcun riferimento al grado di conoscibilità della frode da parte dell’acquirente. Ciò non è sufficiente a costruire una prova per presunzioni caratterizzata da gravità presunzione e concordanza. Non basta insomma un ammasso di notizie tratte dalle indagini a costruire una prova.Ciò premesso la Corte ricorda, correttamente che il contribuente potrà poi dimostrare, “di non essersi trovato nella situazione giuridica oggettiva di conoscibilità delle operazioni pregresse intercorse tra il cedente ed il fatturante in ordine al bene ceduto, oppure, nonostante il possesso della capacità cognitiva adeguata all’attività professionale svolta, di non essere stato in grado di superare l’ignoranza del carattere fraudolento delle operazioni degli altri soggetti coinvolti”. Ma solo a seguito di una prova, anche per presunzioni (qualificate) da parte dell’amministrazione.

Nel caso specifico la Corte ritiene corretta quindi la motivazione della CTR che ha ritenuto “nel loro complesso, gravi ed univoci né significativamente concordanti tra loro al fine di fornire la prova presuntiva idonea a far ritenere integrata la fattispecie dell’interposizione soggettiva”. Cioè è stata valutata giusta in punto di motivazione la sentenza che si interroga, prima di esaminare le ragioni del contribuente, sulla corretta costruzione della prova per presunzioni da parte dell’Agenzia.

Inequivocabile sul punto il seguente passaggio motivazionale: “Il compito di valutare le prove e di controllarne l’attendibilità e la concludenza – nonché di individuare le fonti del proprio convincimento scegliendo tra le complessive risultanze del processo quelle ritenute maggiormente idonee a dimostrare la veridicità dei fatti – spetta in via esclusiva al giudice del merito; di conseguenza la deduzione con il ricorso per Cassazione di un vizio di motivazione della sentenza impugnata, per omessa, errata o insufficiente valutazione delle prove, non conferisce al giudice di legittimità il potere di riesaminare il merito dell’intera vicenda processuale sottoposta al suo vaglio, bensì la sola facoltà di controllo, sotto il profilo della correttezza giuridica e della coerenza logico-formale, delle argomentazioni svolte dal giudice di merito”.

E’ quindi corretto sul piano giuridico (oltre che coerente su quello logico-formale) che il giudice di merito abbia posto l’attenzione sulla valenza probatoria presuntiva dei fatti riferiti dall’agenzia delle entrate nell’accertamento. Ciò preliminarmente ad ogni possibile esame delle ragioni di difesa del contribuente, di segno contrario.

Focus societario


Recesso del socio e legittimità della delibera di rigetto.


Il recesso del socio di società cooperativa costituisce negozio unilaterale che lo statuto della società può sottoporre alla condizione dell’approvazione del consiglio di amministrazione, con la conseguenza che, in caso di rifiuto di provvedere o di diniego assoluto ed immotivato, detta condizione si considera avverata, perché il suo mancato avveramento è dipeso da causa imputabile alla parte che aveva interesse contrario.

Pur potendo il consiglio di amministrazione di una società cooperativa accertare i motivi che a norma di legge legittimino il recesso di un socio, lo scopo mutualistico della società cooperativa non può considerarsi idoneo a giustificare – di per sé – la mancata accettazione del recesso legittimamente operato.

Sopravvenuta carenza di legittimazione ad impugnare per perdita della qualità di socio nell’azione di annullamento di delibera assembleare.


Il principio secondo cui non è sufficiente che le condizioni dell’azione, ivi compresa la legittimazione ad agire, siano presenti al momento della proposizione della domanda giudiziale, occorrendo che esse sussistano anche quando il giudice si pronuncia sulla domanda, si applica anche con riguardo alle azioni promosse per fare annullare le deliberazioni assembleari di società di capitali, purché il venir meno della qualità di socio in capo all’impugnante non sia diretta conseguenza proprio della deliberazione la cui legittimità egli contesta.

Focus Enti Locali


On line l’applicativo per l’iscrizione all’Elenco delle amministrazioni aggiudicatrici e degli enti aggiudicatori che effettuano affidamenti diretti nei confronti di propri organismi partecipati.


E’ on line nel sito dell’Autorità nazionale Anticorruzione WWW.ANTICORRUZIONE.IT  il servizio che consente la trasmissione della domanda di iscrizione nell’Elenco delle amministrazioni aggiudicatrici e degli enti aggiudicatori che operano mediante affidamenti diretti nei confronti di proprie ‘società’ in house ai sensi dell’art. 192 del d.lgs. n. 50/2016.

Il servizio è rivolto alle amministrazioni aggiudicatrici (AA) e agli enti aggiudicatori (EA) che, al ricorrere dei presupposti previsti dall’art. 5 del d.lgs. n. 50/2016 ovvero dagli artt. 4 e 16 del d.lgs. n. 175/2016, intendano operare affidamenti diretti in favore di organismi in house in forza di un controllo analogo diretto, invertito, a cascata o orizzontale sugli stessi (punto 3.1 delle Linee Guida).

Con riferimento ai servizi pubblici locali a rete di rilevanza economica, gli enti di governo degli ambiti ottimali istituiti o designati ai sensi dell’art. 3-bis, comma 1, del D.L. 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni dalla L. 14 settembre 2011, n. 148, devono richiedere l’iscrizione nell’Elenco, indicando nella domanda di iscrizione gli enti locali partecipanti ai sensi del comma 1-bis del citato art. 3-bis (punto 3.2 delle Linee Guida).

Nel caso in cui il controllo su un organismo in house sia esercitato congiuntamente da più AA o EA, ai sensi dell’art. 5, commi 4 e 5, del Codice dei contratti pubblici, deve essere presentata una sola domanda riferita a tutti i soggetti interessati all’iscrizione. (punto 4.3 delle Linee Guida).

La domanda di iscrizione è presentata, a pena di inammissibilità, dal Responsabile dell’Anagrafe delle Stazioni Appaltanti (cd. RASA) su delega delle persone fisiche deputate ad esprimere all’esterno la volontà del soggetto richiedente (punto 4.1 delle Linee Guida).

Nella pagina di accesso al servizio sono pubblicati il Manuale operativo e i riferimenti normativi.

Differimento bilancio di previsione.


In corso di pubblicazione il decreto che stabilisce la proroga al 31 marzo del termine per l’approvazione del bilancio di previsione 2018-2020. Il provvedimento è stato adottato d’intesa con il Ministero dell’economia e delle finanze, a seguito del parere favorevole reso dalla Conferenza Stato-Città ed Autonomie locali nella seduta del 7 febbraio 2018, ai sensi dell’art. 151 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 (TUEL), e sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale.

Prima integrazione dell’elenco dei Revisori Legali.


L’Elenco dei Revisori degli Enti Locali entrato in vigore lo scorso 1° gennaio 2018, è stato fatto oggetto di una prima revisione. La Direzione centrale per la Finanza locale del Viminale, con Decreto 16 febbraio 2018, pubblicato sul proprio sito istituzionale, ha infatti apportato le seguenti modifiche:

  • 11 Revisori aggiunti;
  • 2 Revisori cancellati.

Le modifiche, con i relativi nominativi, sono contenute nell’Allegato “A” del Provvedimento.

Estrazione revisori Enti Locali.


Si ricorda che è operativo sul portale del Dipartimento per la funzione pubblica una funzione di ricerca che agevolmente consente di visualizzare le ultime estrazioni effettuate presso le prefetture delle cinque province della Regione per l’esercizio della funzione di revisore dell’Ente locale.

Si segnala, altresì, che è stata resa disponibile una nuova funzione che permette la visualizzazione di alcuni dati statistici significativi relativi al numero di iscritti articolati per fascia e territorio, ai sorteggi effettuati e a quelli da effettuare.

Consulta le estrazioni più recenti

Collegati al sito

Economia del territorio


Si riporta l’elenco provvisorio delle ultime procedure concorsuali la cui pubblicazione è disponibile sui portali di servizio a curatori e creditori che operano in collaborazione con il Tribunale di Napoli Nord. L’elenco è relativo alle ultime procedure dichiarate.

Dall’inizio dell’anno alla data odierna le procedure dichiarate e pubblicate sui portali di servizio sono 30.

Nel 2017 sono state 190 le procedure fallimentari e 14 i concordati.

Si ricorda che complessivamente nel 2016 si sono registrate 168 sentenze dichiarative di fallimento; nel 2015 sono state 218 le sentenze emesse, contro le 140 procedure dichiarate nel corso del 2014. Nel 2015 si è registrata l’apertura di 8 concordati edi 3 procedure di composizione di crisi da sovraindebitamento. Nel 2016 i concordati sono stati 12.

Nel dettaglio si riportano i dati riscontrabili sui siti di servizio:

Procedure fallimentari

Procedura Tipo Num. Data aper. Curatore Titolo Giudice Delegato
n.d. Fall. 30 n.d. Aruta Fabio  Dott. Na Di Giorgio Giovanni
n.d. Fall. 29 n.d. Macchione Maria  Dott. NN Rabuano Arminio Salvatore
n.d. Fall. 28 n.d. Aruta Fabio  Dott. Na Di Giorgio Giovanni
n.d. Fall. 27 n.d. Approvato Giuseppe  Dott. NN De Vivo Maria
n.d. n.d. 26 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 25 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 24 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 23 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 22 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 21 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. Fall. 20 n.d. Macchione Maria  Dott. NN Lamonica Maria Grazia
n.d. Fall. 19 n.d. Palladino Ciro

Avv

NN

Satta Cristiana
n.d. Fall. 18 n.d. Approvato Giuseppe  Dott. NN De Vivo Maria
n.d. Fall. 17 n.d. Penza Renato Dott. Na Rabuano Arminio Salvatore
n.d. Fall. 16 12/02/18 Allocca Giovanna Avv. Na Lamonica Maria Grazia
n.d. Fall. 15 09/02/18 Accurso Giuseppina Dott. Na De Vivo Maria
n.d. n.d. 14 08/02/18 Barone Mario Avv. NN Satta Cristiana
n.d. n.d. 13 08/02/18 Affinito Nicola Dott. NN Di Giorgio Giovanni
n.d. n.d. 12 n.d. Bertolino Marialuisa Avv SMCV Rabuano Arminio Salvatore
n.d. Fall. 11 26/01/18 Casanova Marco Avv SMCV Caria Enrico
n.d. Fall. 10 19/01/18 Natale Vincenzo Dott. NN Rabuano Arminio Salvatore
n.d. Fall. 9 19/01/18 Natale Vincenzo Dott. NN Rabuano Arminio Salvatore
n.d. Fall. 8 19/01/18 Coppola Armando Dott. NN Satta Cristiana
n.d. Fall. 7 19/01/18 Leccia Francesca Dott. NN De Vivo Maria
n.d. Fall. 6 18/01/18 Coppola Armando Dott. NN Lamonica Maria Grazia
n.d. n.d. 5 18/01/18 Spanò Giuseppe Dott. Na Satta Cristiana

Composizione crisi da sovraindebitamento

Debitore Tipo Num. Data dich. Professionista Titolo Giudice Delegato
n.d. CCS 4604 31/10/17 Leccia Francesca Dott. NN Caria Enrico
Brillante/Borriello CCS 1641 n.d. Maddaluno Lucia

Dott.

NN

Caria Enrico

Calvanese Antonio e

Buono Immacolata

CCS 1086 05/04/2017

Aversano

Angelo

Dott.

NN

Caria Enrico

Paone Antonio e

Mari Nunzia

CCS 431 28/02/2017

Conte

Antonio

Dott.

NN

Caria Enrico

Altre procedure

Procedura Tipo Num. Data aper. Commiss. Titolo Giudice Delegato
n.d. C.P. 1 n.d. Grimaldi Paolo

Dott.

NA

Lamonica M.G.
n.d C.P. 16 06/12/17 Megale Massimiliano

Dott.

NN

Di Giorgio Giovanni
n.d n.d 15 n.d n.d n.d n.d
Bollicine Marotta s.a.s. di Mallardo Francesco & C. C.P. 14 14/09/17

Rossi

Guido

Villano

Enrico

Dott.

NN

Dott.

NN

Di Giorgio Giovanni
PERILLO COSTRUZIONI GENERALI SRL C.P. 13 07/09/17


D'Alò Ferdinando

Dott.

NA

Caria Enrico
WATTSUD L.E.P. SPA C.P. 12 04/10/17

Giordano Francesco

Nappi

Severino

Dott.

NA

Avv Na

Rabuano Arminio Salvatore
MACE Srl C.P. 11 06.07.17

Soprano

Luigi

Dott.

NA

Satta Cristiana
Diversificazioni Bonifiche Fabbricazioni Industriali s.r.l. C.P. 10 05.07.17

Macchioni Riccardo

Caruso Giuseppe

Prof.

Na

Avv Na

Di Giorgio Giovanni
COCCOFRESCO s.a.s. di Crispino Pasquale & C. C.P. 9 30.05.17

Volpe

Sergio

Dott.

NA

Caria Enrico
n.d. n.d. 8 n.d. n.d. n.d. n.d.
Bagatelle s.r.l. C.P. 7 21.04.17 Molino Domenico

Dott.

NA

Satta Cristiana
Wattsud Lavorazioni Elettromeccaniche di Precisione S.p.A. C.P. 6 21.04.17

Giordano Francesco

Nappi

Severino

Dott.

NA

Avv.

Na

Di Giorgio Giovanni

Fonte: Portale dei Fallimenti di Napoli Nord -realizzato da Zucchetti software giuridico srl; “Procedure.it” di Aste Giudiziarie inlinea Spa; sito internet Tribunale Napoli Nord.

L’ANC Napoli Nord declina qualsiasi responsabilità per errori, inesattezze ed omissioni eventualmente presenti negli elenchi rinviandosi ai dati pubblicati presso il Tribunale per verificare la completezza e l'esattezza dei dati riportati.

Circolari di altri Enti di interesse professionale


Si rende noto che sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Banca dati CERDEF integrata di normativa, prassi e giurisprudenza in materia fiscale.

Accedi alla Banca Dati CERDEF

Le ultime circolari dell'A.d.E.

  • Circolare n. 2 del 26/01/18

Regime di consolidato nazionale e utilizzo delle perdite – Casi particolari - pdf

  • Circolare n. 1 del 17/01/18

La disciplina della detrazione dell’imposta sul valore aggiunto dopo le modifiche introdotte dal decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito con modificazioni dalla legge n. 96 del 21 giugno 2017 - pdf

Ultimi Provvedimenti e Risoluzioni A.d.E.

Interpello - Articolo 15 del DPR 29 settembre 1973, n. 601 - ambito soggettivo di applicazione dell’imposta sostitutiva - pdf

  • Risoluzione n. 16 del 15/02/18

Reddito di lavoro dipendente - Indennizzo risarcitorio erogato in esecuzione della stipula di contratti di prossimità - art. 8 decreto legge n. 138 del 2011, convertito, e artt. 6, co. 2, e 51, comma 1, del DPR n. 917 del 1986 - pdf

  • Risoluzione n. 15 del 15/02/18

Consulenza Giuridica – Biglietto dinamico per la vendita dei biglietti nel settore dello spettacolo. Imponibilità ai fini IVA. Criteri per la determinazione del prezzo di vendita al quale commisurare i biglietti gratuiti. Art. 3, comma 5, del DPR n. 633 del 1972 - pdf

Le ultime guide fiscali pubblicate da A.d.E.

Si segnalano le seguenti guide edite dall’Agenzia delle Entrate e recentemente aggiornate

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento settembre 2017

Aggiornamento giugno 2017

Aggiornamento giugno 2017

Aggiornamento aprile 2017

Aggiornamento Gennaio 2017

Aggiornamento gennaio 2017

Aggiornamento gennaio 2017

Aggiornamento marzo 2016

Servizi Telematici

  • Modalità di utilizzo del canale di assistenza telematica: Il canale CIVIS può essere utilizzato sia dai contribuenti che dagli intermediari.

Accedi al servizio

  • Come prendere un Appuntamento con l'Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale.

Accedi al servizio

  • Web Ticket - Prenotazione di biglietti elimina-code tramite internet:

Accedi al servizio

INPS: ultimi documenti pubblicati


Si rende noto che sul sito dell’INPS sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Vai alla pagina INPS - circolari

FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA


In questa sezione verrà data segnalazione di eventi formativi organizzati sul territorio delle province di Napoli e Caserta ed accreditati ai fini della formazione professionale continua.

Calendario delle prossime attività formative


Data Titolo evento Sede

Organizzatore

Accreditante

Tipo Crediti fpc
           

Avvisi e informazioni utili


Contributo d'iscrizione 2018 all'Associazione Nazionale Commercialisti Napoli Nord


Il Consiglio direttivo della sezione Napoli Nord dell’Associazione Nazionale Commercialisti ha determinato il contributo d'iscrizione annuale per l’anno 2018 in euro 60,00. La quota sarà utilissima per finanziare tutte le attività sindacali che la nostra associazione sta portando avanti sul territorio e le altre che sono in procinto di partire nel brevissimo periodo. Inoltre, attraverso l’adesione si avrà diritto ad accedere a convenzioni vantaggiose, a ricevere quotidianamente un’utilissima rassegna stampa, una rassegna dei principali strumenti finanziari a supporto delle aziende, oltre ad essere aggiornati settimanalmente con la newsletter sulle notizie di interesse locale e sovraterritoriale e poter avere accesso ai percorsi formativi che l’associazione organizzerà.

Il versamento della quota può essere effettuato con bonifico da appoggiare sul c/c bancario UNICREDIT intestato ad “Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord” - IBAN: IT52D0200874791000103632305 – specificando nominativo, ordine di appartenenza e matricola, codice fiscale. Le coordinate per il pagamento della quota d’iscrizione, assieme al modulo di adesione, saranno a breve anche compilabili sul portale internet all’indirizzo: www.ancnapolinord.it. Per segnalare articoli e documenti di interesse comune è possibile inviare un messaggio con i propri riferimenti personali all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Per chiedere informazioni generali: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cassa Ragionieri: attivo lo sportello previdenza di ANC


Sportello Previdenza è il servizio destinato agli iscritti all’Associazione e curato dall’Associazione Nazionale Commercialisti, il cui obiettivo è di agevolare il rapporto di comunicazione degli iscritti alla Cassa di Previdenza Ragionieri con il proprio ente pensionistico, interessando la figura del Garante dell’Iscritto.

Per informazioni e contatti è possibile contattare la segreteria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cordiali saluti.

Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord

Consiglio direttivo

Presidente

Antonio Carboni

Vicepresidenti

Mauro Galluccio

Enza Pisano

Segretario

Marco Idolo

Tesoriere

Marianna D'Orta

Consiglieri

Filippo Cacciapuoti

Carlo D'Abbrunzo

Giuliana Di Caprio

Giovanni Granata

Salvatore Iorio

Nicola Padricelli

Vincenzo Panico

Pasquale Ristorato

Collegio dei revisori

Luigi Apicella

Corrado Civile

Felice Tranchese