TX Nefario - шаблон joomla Форекс
logoanc nanord  
 

 

 

 
     

     

Gentile Collega,

Ritenendo di fare cosa gradita, Ti trasmettiamo il numero 12-2018 della newsletter settimanale dell’Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord, che a breve sarà riservata ai soli associati e sostenitori.

Ti invitiamo a consultare il nostro portale internet, dove potrai trovare tutti i riferimenti per effettuare o rinnovare l'iscrizione, che ti consentirà di accedere a tutti i nostri servizi associativi. Nel segnalarti che potrai seguire le attività dell’Associazione Napoli Nord anche sul nostro profilo Facebook, ti ricordiamo che le informative precedenti, relative agli anni precedenti ed all’anno in corso, sono consultabili sul sito nell'apposita sezione. Un caro saluto e una buona lettura!

Il Consiglio direttivo

Informativa ANC Napoli Nord n° 12-2018 – 24 marzo 2018

A cura del Consiglio direttivo ANC Napoli Nord

Hanno collaborato a questo numero:

Antonio Carboni, Mauro Galluccio, Giovanni Granata, Marco Idolo.

In primo piano


Più controlli del Fisco sui professionisti.


I controlli del Fisco sui professionisti per quest’anno saranno 140mila, in linea con il 2017, ma cresceranno al ritmo di 10mila in più nel 2019 e nel 2020. Le strategie di controllo puntano su indizi quali l'agenda degli appuntamenti e i consumi di carta e cancelleria. Fa discutere l'utilizzo dei viaggi autostradali registrati dal Telepass. Sotto la lente del fisco anche le prestazioni gratuite svolte dai professionisti. Pesa sui redditi medi la crisi economica; nel periodo 2010-2016 sono scesi dell'11,3% passando da 38mila a meno di 34mila euro. Solo il 14,5% dei professionisti non rispetta i risultati di Gerico contro il 32% delle altre categorie. Per quanto riguarda i commercialisti e i consulenti fiscali, le metodologie di controllo per verificare la presenza di redditi non dichiarati correttamente, si basano sui seguenti punti:

  • per la tenuta della contabilità semplificata generalmente il compenso è ragguagliato al numero delle fatture attive e passive registrate con la previsione di un onorario minimo mensile;
  • per la tenuta della contabilità ordinaria il compenso è ragguagliato al numero delle registrazioni contabili sul libro-giornale (distinguendo tra semplici e complesse), ovvero al volume d’affari
  • i compensi relativi a prestazioni in occasione di operazioni straordinarie (fusioni, conferimenti, aumenti di capitale, ecc.) sono solitamente determinati proporzionalmente al totale dei valori coinvolti,
  • per quanto concerne l’assistenza e la rappresentanza tributaria, gli onorari sono determinati in funzione del tempo impiegato e del valore della pratica,
  • il compenso relativo alla difesa tecnica dinanzi alle Commissioni Tributarie è solitamente rapportato, oltre che alla complessità della causa, al risparmio d’imposta eventualmente conseguito a seguito della decisione dell’organo giudicante.
  • il controllo delle spese per quel che riguarda acquisti di personal computer; programmi di gestione informatica (contabilità, bilanci, dichiarazioni dei redditi, accertamento con adesione, formulario atti societari e del contenzioso tributario, etc); acquisti di toner; utenze telefoniche, fax, modem, etc., nonché il rapporto tra:
    • potenza dei programmi per l’elaborazione dei bilanci ed i bilanci ufficialmente redatti;
    • quantità di carta, o altra cancelleria, occorrente per la redazione delle dichiarazioni fiscali e le dichiarazioni apparentemente elaborate;
    • ampiezza del rischio professionale coperto con assicurazione ed il volume d’affari dichiarato.

OIC – Informativa di febbraio


L’Organismo Italiano di Contabilità ha pubblicato la Newsletter del mese di febbraio che fornisce informazioni in merito alle novità in materia contabile.

Consulta la Newsletter OIC di febbraio

Approvato il nuovo modello di comunicazione delle liquidazioni periodiche IVA.


Approvato dall’Agenzia delle Entrate un nuovo modello di comunicazione delle liquidazioni periodiche IVA, aggiornando le relative istruzioni e le specifiche tecniche.

Il nuovo modello va utilizzato a decorrere dalle comunicazioni delle liquidazioni periodiche IVA relative al primo trimestre 2018 (che andranno presentate entro il 31 maggio 2018), mentre il vecchio modello potrà essere utilizzato fino al 30 aprile 2018, per correggere eventuali comunicazioni del 2017. Tra le novità si segnalano:

•al rigo VP1 è stata aggiunta la casella 5 "Operazioni straordinarie", che andrà barrata nel caso di partecipazioni ad operazioni straordinarie o altre trasformazioni sostanziali soggettive (fusioni, scissioni, cessioni di azienda, conferimenti, ecc.) che abbiano comportato il trasferimento di un credito IVA dalla società dante causa alla società avente causa;

•al rigo VP13 è stata introdotta la casella 1 "Metodo", nella quale si dovrà indicare il codice relativo al metodo utilizzato per la determinazione dell’acconto IVA (storico, previsionale, analitico, soggetti particolari).

Nuova relazione del collegio sindacale.


Pubblicata sul sito del CNDCEC una versione aggiornata della RELAZIONE UNITARIA DEL COLLEGIO SINDACALE INCARICATO DELLA REVISIONE.

Il documento contiene leultime novità regolamentariin materia. Viene specificato che il lavoro è stato svolto anche considerando il recente documento “Approccio metodologico alla revisione legale dei conti da parte del collegio sindacale nelle imprese di dimensioni minori “, in cui è stata proposta dal Cndcec una nuova versione della metodologia per rispondere, in linea con l’audit risk model, alle esigenze di miglioramento della qualità degli incarichi. Importate è la novità che, in tale sezione, il revisore deve identificare i responsabili della supervisione del processo di predisposizione dell’informativa finanziaria. Risulta arricchita di contenuti la sezione riguardante la responsabilità del revisore per la revisione contabile del bilancio: si segnala la dichiarazione del revisore con cui, nell’ambito della revisione contabile svolta in conformità ai principi di revisione internazionali ISA Italia, afferma di aver esercitato il giudizio professionale e mantenuto lo scetticismo professionale per tutta la durata dell’incarico.

Chiusura tardiva della partita IVA senza sanzioni da parte del Fisco.


Lo scorso 2016, insieme alla legge di Bilancio, è stato approvato il D.L. 193/2016 che ha introdotto un pacchetto di semplificazioni. L'intervento, in particolare, ha toccato il tema delle partite IVA inattive con l'art. 7-quater, cc. 44 e 45, cancellando le sanzioni previste per omessa comunicazione di chiusura attività (di importo pari a 516 euro, ridotta a 172 euro in caso di pagamento entro 30 giorni). Le nuove norme, anzitutto, intervengono sulla procedura di cessazione d'ufficio che adesso è automatica, cioè senza contraddittorio, salvo che il contribuente rilevi errori. La seconda parte dell'intervento cancella la sanzione prevista dall'art. 5, c. 6, primo periodo del D.Lgs. 471/1997. La sanzione, prima prevista nei casi di mancata dichiarazione di inizio, variazione e cessazione di attività, è ora dovuta solo nei casi di mancata comunicazione di inizio e di variazione attività. Spazio, dunque, alle cessazioni tardive senza problemi, sia che l'iniziativa sia del contribuente, sia che la chiusura sia attivata dal Fisco.

Vengono, tuttavia, riportati i casi in cui l'Agenzia ha richiesto la sanzione anche dopo la modifica di cui stiamo parlando. Si tratta, evidentemente, di errori del sistema informativo. A onor del vero l'Agenzia ha tempestivamente provveduto, con la risoluzione 19.01.2017, n. 7/E, non solo a dare istruzioni agli uffici ma anche a cancellare il codice tributo 8120 in precedenza utilizzato per versare la sanzione. Per cui, da febbraio 2017, non è più possibile versare la sanzione, in quanto le banche rifiuterebbero il versamento.

Guida alle ristrutturazioni edilizie.


È online la nuova Guida dell'Agenzia delle Entrate sull'agevolazione per le ristrutturazioni edilizie. La Guida illustra nel dettaglio quali sono gli interventi agevolabili, chi può fruire della detrazione, come richiedere il bonus, in che modo effettuare il pagamento dei lavori e quali documenti conservare. Online anche il nuovo video sul canale YouTube dell'Agenzia con tutte le novità per usufruire dello sconto fiscale. La Guida, condivisa con le associazioni e gli enti che raccolgono gli operatori attivi nel settore immobiliare ed edilizio, tiene conto delle ultime novità introdotte dalla Legge di bilancio 2018 a partire dalla proroga di un altro anno dello sconto elevato al 50% fino alla comunicazione all'Enea riguardo la tipologia degli interventi effettuati.

Il vademecum è completato da apposite tabelle riassuntive dei lavori agevolabili suddivisi in interventi sulle singole unità abitative e interventi sulle parti condominiali. Scarica la guida  

Incentivi assunzioni “Bonus Sud”.


L’INPS, con la Circolare n. 49 del 19 marzo 2018, fornisce le istruzioni operative per la gestione dell’esonero contributivo, introdotto dalla Legge di Bilancio 2018, per l’assunzione di giovani sotto i 35 anni, ovvero over 35 purché privi di impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi, nelle regioni Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna.

Tale agevolazione, gestita dall’INPS, è denominata "Incentivo Occupazione Mezzogiorno" e deve essere fruita, a pena di decadenza, entro e non oltre il termine perentorio del 29 febbraio 2020.

Al link la circolare

Incentivo Occupazione NEET.


L’INPS, con la Circolare n. 48 del 19 marzo 2018, fornisce le istruzioni operative per la gestione dell’esonero contributivo previsto dal Decreto direttoriale n. 3/2018 dell’ANPAL per l’assunzione di giovani iscritti al Programma Garanzia Giovani, nell’ambito del programma operativo nazionale Iniziativa Occupazione Giovani.

Tale agevolazione, gestita dall’INPS, è denominata "Incentivo Occupazione NEET" è fruibile mediante conguaglio nel flusso Uniemens a decorrere dal flusso relativo alle competenze di aprile 2018 e deve essere fruita, a pena di decadenza, entro e non oltre il termine perentorio del 29 febbraio 2020.Al link la circolare

Modello EAS 2018: invio al 3 aprile solo per le variazioni.


Entro il 3 aprile 2018, gli enti che nel 2017 hanno registrato una modifica dei dati indicati nell’ultimo modello EAS inviato sono tenuti a presentare un nuovo modello aggiornato con le variazioni intervenute. In realtà la scadenza sarebbe il 31 marzo, ma considerato che il 31 cade di sabato ed essendo i due giorni successivi anch’essi festivi, si slitta al primo giorno lavorativo successivo. Il modello, reperibile al seguente link, deve essere inviato, in via telematica (direttamente dal contribuente interessato tramite Fisconline o Entratel, oppure tramite intermediari abilitati a Entratel) entro 60 giorni dalla data di costituzione dell’ente. Il modello deve essere, inoltre, nuovamente presentato quando cambiano i dati precedentemente comunicati; la scadenza, in questa ipotesi, è il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui si è verificata la variazione. L’omessa presentazione del modello entro i termini previsti comporta, come conseguenza, l’inapplicabilità del regime fiscale di favore previsto. Ad ogni modo, il legislatore ammette la possibilità di ricorrere all’istituto della “remissione in bonis” che prevede l’invio, del modello omesso, entro il termine di presentazione della prima dichiarazione dei redditi utile. In tal caso occorre, oltre che inviare il modello, versare una sanzione pari a 250 euro. Ne consegue che se l’ente obbligato alla presentazione del modello dovesse ometterne l’invio entro il prossimo 3 aprile, potrà rimediare versando la sanzione di 250 euro e presentando il modello EAS entro il 31 ottobre 2018 (ossia entro il termine di presentazione del Modello Redditi/2018). La sanzione va versata con F24 (codice tributo “8114” ed anno di riferimento “2018”). La sanzione deve essere versata senza possibilità di effettuare compensazione con crediti eventualmente disponibili e non può essere oggetto di ravvedimento.

On line la guida dell’Agenzia delle Entrate sui nuovi residenti.


Pubblicata dall’Agenzia delle Entrate la nuova guida “Gli incentivi fiscali per l’attrazione del capitale umano in Italia”, aggiornata a febbraio 2018, che spiega i presupposti e le modalità per accedere ai diversi benefici fiscali concessi alle persone che trasferiscono la residenza fiscale in Italia. Una opportunità da cogliere al volo per i commercialisti, i quali potrebbero individuare ex cittadini italiani emigrati all’estero che abbiano fatto fortuna, desiderosi di ritornare in Italia e che non conoscono questa vantaggiosissima agevolazione.

Il vademecum, suddiviso in sei capitoli, illustra nel dettaglio come individuare il concetto di residenza, chi sono i lavoratori interessati dai benefici, quali sono i vantaggi fiscali, chi può effettivamente usufruirne, in che modo accedere agli incentivi. In particolare, le informazioni riguardano le persone fisiche che decidono di trasferire la propria residenza fiscale in Italia, che possono usufruire di un’imposta sostitutiva forfettaria dell’IRPEF sui redditi prodotti all’estero, pari a 100 mila euro, in alternativa alla tassazione ordinaria, per una durata massima di 15 anni. Il beneficio è concesso a prescindere dallo svolgimento di un’attività lavorativa in Italia.

Novità per amministratori giudiziari e lavoratori nelle imprese confiscate.


In sede di Consiglio dei ministri è stato approvato, in esame preliminare, un provvedimento relativo alle “Disposizioni in materia di tutela del lavoro nell'ambito delle imprese sequestrate e confiscate, in attuazione dell'articolo 34 della legge 161/2017”, avente la finalità di offrire maggiori tutele per i lavoratori delle imprese sequestrate e confiscate sottoposte ad amministrazione giudiziaria.

Il decreto è diretto a contrastare la presenza delle organizzazioni criminali nel tessuto imprenditoriale, favorendo l’emersione del lavoro irregolare, e a salvaguardare le professionalità dei lavoratori ed evitare il fallimento delle aziende.

Il decreto prevede una serie di misure di sostegno e di incentivo quali:

  • uno specifico trattamento di sostegno al reddito dei lavoratori che non possono fruire degli ammortizzatori sociali ordinari, pari al trattamento straordinario di integrazione salariale, per la durata massima di 12 mesi nel triennio;
  • una indennità mensile per i lavoratori che non possono fruire della NaSpI, per la durata di quattro mesi e pari alla metà dell’importo massimo mensile della indennità di disoccupazione;
  • l’estensione delle misura di agevolazione per le imprese, previste dalla legge n. 208 del 2015.

Per le imprese sequestrate e confiscate, il provvedimento introduce speciali regole in materia di Durc: le irregolarità contributive, riguardanti il periodo precedente la gestione giudiziaria, non avranno conseguenze sul rilascio di tale documento. Novità anche per l’opponibilità dei provvedimenti sanzionatori in materia di lavoro e di legislazione sociale.

E stato inoltre approvato, in esame preliminare un ulteriore decreto che disciplina il regime delle incompatibilità degli amministratori giudiziari, dei loro coadiutori, dei curatori fallimentari e degli altri organi delle procedure concorsuali.

In attuazione dei criteri direttivi fissati dalla legge delega, il testo prevede:

- l’incompatibilità delle citate figure per rapporti di parentela, affinità, convivenza e, comunque, assidua frequentazione con magistrati addetti all’ufficio giudiziario al quale appartiene il magistrato che conferisce l’incarico;

- la vigilanza del Presidente della Corte di Appello sulle nomine ai predetti incarichi, conferite a soggetti che abbiano con i magistrati del distretto giudiziario, in cui ha sede l’ufficio titolare del procedimento, rapporti di parentela, affinità, coniugio o frequentazione assidua.

Finanziamenti per l'internazionalizzazione delle Micro e PMI Campane.


Pubblicato sul BURC 23 del 19/03/2018, il Decreto Dirigenziale 53 del 16.03.2018 “POR CAMPANIA FESR 2014-2020 - Asse III - Obiettivo Specifico 3.4 - Azione 3.4.2. Approvazione Avviso Pubblico per la concessione di contributi finalizzati al finanziamento di Programmi di internazionalizzazione delle Micro, PMI e professionisti campani, sia in forma singola che associata in Reti di impresa con e senza personalità giuridica e consorzi o società consortili”.

La misura è volta a sostenere il processo di internazionalizzazione del sistema produttivo regionale, attraverso la concessione di agevolazioni, sotto forma di contributi in conto capitale, per Programmi di internazionalizzazione realizzati da Micro e PMI, in forma singola o associata.

Sono agevolabili programmi di internazionalizzazione che illustrino la strategia della singola impresa ovvero, nel caso di aggregazioni temporanee, anche la strategia dell’intera Aggregazione, rispetto all’apertura verso uno o più mercati esteri, specificando nel dettaglio le modalità realizzative, finanziarie e gestionali dell’intervento, nonchè prevedendo un programma di utilizzo dei risultati, che garantisca il pieno conseguimento degli obiettivi prefissati.

L’agevolazione è concessa ai sensi del Regolamento de minimis e consiste in una sovvenzione commisurata alle spese ammissibili, secondo quanto di seguito indicato:

• Progetti presentati da MPMI in forma singola: Sovvenzione pari al 70% delle spese ammesse e comunque nella misura massima di Euro 150.000,00;

• Progetti presentati da Aggregazioni Temporanee (Reti-contratto): Sovvenzione pari al 70% delle spese ammesse e comunque nella misura massima di Euro 150.000,00 per singola MPMI aderente e di Euro 500.000,00 per l’intero Programma di Internazionalizzazione.

Dillo al Consiglio di ANC Napoli Nord.


Il Consiglio direttivo di ANC Napoli Nord ha istituito la casella di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. dedicata ad acquisire indicazioni e suggerimenti da parte degli iscritti sull’operatività o su eventuali disservizi degli uffici finanziari, giudiziari, previdenziali ed in generale degli uffici della P.A. d’interesse generale. Si invitano gli iscritti a segnalare anomalie riscontrate negli uffici frequentati al fine di consentire di individuare le principali criticità o problematiche di interesse generale per realizzare interventi mirati, il tutto sempre nell’ottica e con lo spirito di una collaborazione costruttiva a favore della Categoria.

Altre notizie e documenti di interesse professionale


Fondazione Nazionale dei Commercialisti


Si segnala che la Fondazione Nazionale, ha recentemente pubblicato i seguenti documenti:

  • Società di persone: criticità e prospettive di modifica della disciplina alla luce dei dati statistici

Consulta il documento

  • Lo stato di crisi negli Enti locali

Consulta il documento

  • Giustizia tributaria: qualche concreta proposta per migliorare

Consulta il documento

  • Dinamiche del credito alle PMI e riflessioni operative

Consulta il documento

  • Imposta sul reddito Le imposte indirette sui trust: la Cassazione torna sui suoi passi

Consulta il documento

  • Nota variazioni IVA

Consulta il documento

  • Il distacco transnazionale dei lavoratori e la cooperazione amministrativa internazionale alla luce della nuova Direttiva europea

Consulta il documento

  • Gli effetti della crisi sul lavoro dipendente e sul lavoro indipendente: occupazione e redditi

Consulta il documento

  • Crisi d'impresa e insolvenza nella prospettiva aziendale e giuridica alla luce delle riforme in itinere

Consulta il documento

Si informa, infine, che sul sito della FNC sono pubblicati i seguenti strumenti operativi di controllo a supporto dell’attività svolta dai collaboratori negli studi professionali:

FNC: Osservatorio economico.


Pubblicato dalla Fondazione Nazionale dei Commercialisti un documento che passa in rassegna i principali dati economici diffusi dall’Istat nel corso del 2017 riguardanti le famiglie italiane.

Consulta il documento

FNC: Informativa Periodica - Attività Internazionale: Pubblicata la seconda uscita dell’Informativa sulle Attività delle organizzazioni internazionali curata dalla Fondazione Nazionale dei Commercialisti.

Consulta il documento

CNDCEC: Ultime pubblicazioni


Il Consiglio nazionale dei Dottori Commerciali e degli Esperti Contabili ha pubblicato i seguenti documenti:

Pronto Ordini


Si segnalano le seguenti risposte fornite dal Consiglio Nazionale ai quesiti formulati dagli Ordini in merito allo svolgimento della professione.

Non solo tasse…


Questa sezione è stata attivata per fornire informazioni su attività culturali, ludiche e ricreative in programma nell’ambito del circondario.

Per segnalazioni:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Via Crucis, il musical.


L’Associazione Arti e Mestieri, promossa dall’imprenditore Rosario Bianco, patron di Rogiosi editore, e dal magistrato Catello Maresca, Sostituto Procuratore della Repubblica, nasce con lo scopo di avvicinare i giovani provenienti da realtà difficili e disagiate alle arti e ai mestieri della tradizione partenopea. Nell’ambito di queste iniziative, è stato realizzato un MUSICAL che coinvolge una ventina di ragazzi, al Teatro Politeama per i giorni 26 e 27 marzo alle ore 21.

I biglietti si possono acquistare direttamente chiamando il numero 081 5569995 al costo di 18 euro la platea e 12 il palco.

Giornate FAI di Primavera 2018 in Campania.


Il 24 e 25 marzo 2018 tornano le “Giornate FAI di Primavera”. Il bel paese si racconterà tra edifici, giardini, parchi, siti archeologici, luoghi di culto, musei e monumenti ma anche interi borghi che, chiusi al pubblico, per un weekend mostreranno la loro bellezza inusuale. Per ulteriori informazioni sull’accessibilità per i turisti diversamente abili e l’elenco dei siti aperti nel resto della Campania, cliccare sul link. Info e prenotazioni: sito FAI

Il Piccolo Regno Incantato.


Nel Complesso di San Domenico Maggiore continua “Il Piccolo Regno Incantato”, che vedrà 30 attori proporre uno spettacolo suggestivo che trasporterà i bambini nel regno delle favole, quelle tanto amate tra cui Peter Pan, Pinocchio, Biancaneve, Cenerentola e Mary Poppins. In una zona del complesso è stata allestita “Le stanze della fantasia”, un’area dedicata a mostre e laboratori. Fino al 25/03/2018, dalle ore: 09:00 alle ore: 19:00 Info e orari:sito ufficiale

Osservatorio professionale


Focus tributario


Ammesse le dichiarazioni di terzi testimoni nel processo tributario.


La Cassazione, con ordinanza 6.616 del 16/03/2018, ha ritenuto che il divieto di prova testimoniale nel processo tributario, previsto all’articolo 7 del D. Lg 546/92 non impedisca al giudice di valutare nel proprio processo decisionale anche le dichiarazioni rese da terzi all’amministrazione finanziaria nel corso delle verifiche fiscali. In particolare, fermo restando il divieto di prova testimoniale dinanzi alla commissione è ammessa la produzione, in sede di contenzioso, di scritti riportanti le dichiarazioni dei terzi. Pertanto sono sempre ammissibili le dichiarazioni di terze rese nel corso della verifica a militari della GDF e a funzionari dell’Agenzia delle Entrate. Per il principio di parità tra le parti, le dichiarazioni di terzi possono essere valutate sia a favore che contro il contribuente.

Sia l’ente impositore che il contribuente posso produrre tali prove documentali, sia in caso di accertamento con adesione sia in caso di contenzioso tributario. Nel caso di specie, la CTR della Campania accoglieva l’appello del contribuente basandosi anche sulle dichiarazioni rese da terzi alla Guardia di Finanza nel corso della verifica (nella controversia in oggetto, i terzi erano clienti dell’azienda dell’appellante). In particolare le dichiarazioni dei clienti smentivano i maggiori corrispettivi calcolati dagli accertatori, e tali dichiarazioni erano state valutate dal giudice di merito, che accoglieva il ricorso del contribuente.

Niente sanzioni se si paga il tributo con un giorno di ritardo.


Il pagamento del tributo con un solo giorno di ritardo non va sanzionato. Questo perché è chiara l'assenza della intenzionalità. Ad affermarlo la Ctr della Toscana con la sentenza n. 470/9/18 dell'8 marzo 2018. Il ritardo così contenuto - dicono i giudici - non può riferirsi ad una volontà elusiva, essendo determinato unicamente da mera occasionalità. Appare dunque illogico che sia sanzionata una circostanza non sorretta dall'elemento psicologico doloso e rientrante in una mera colpa lievissima, a cui il contribuente ha posto rimedio nel più breve tempo possibile, senza concreto danno erariale.

Illegittima la notifica effettuata a mani dell’ex amministratore della società.


Con ordinanza 6.522 del 16/03/218, la Cassazione chiarisce che la notifica dell’avviso di accertamento effettuata all’ex amministratore della società è illegittima, con conseguente nullità della successiva cartella. Nel caso in esame, la società contribuente deduceva la violazione degli articoli 143, 145 e 149 codice procedura civile, lamentando che la CTR avesse ritenuto perfezionata la notifica degli avvisi di accertamento nei confronti dell’ex amministratore, malgrado lo stesso, al momento dell’invio della notifica, avesse da tempo perduto, come detto nella sentenza stessa, la propria carica di amministratore e legale rappresentante della società.

Il ricorso è stato ritenuto fondato per la parte in cui la ricorrente lamenta che la CTR aveva violato l’art. 145 codice procedura civile che consente la notifica di un atto alle persone giuridiche mediante consegna a chi le rappresenta mentre nel caso di specie la norma era stata applicata in modo da ritenere la notifica degli avvisi di accertamento eseguita alla ricorrente tramite consegna degli avvisi stessi a chi aveva al momento della ricezione della notifica perduto il potere di rappresentare la società.

Focus societario


Cessione di partecipazioni non sempre alle sezioni specializzate in materia d’impresa.


Con l’ordinanza n. 6882 depositata in data 20 marzo, la Cassazione ha precisato che, ai fini della configurabilità della competenza della sezione specializzata in materia di impresa, anche quando la vicenda tragga titolo da un negozio traslativo di partecipazioni societarie, la controversia deve essere direttamente inerente alla questione societaria e all’esercizio dei diritti scaturenti dalla titolarità di partecipazioni sociali. Vale a dire che deve rendere trasparente il suo fondamento “endosocietario”, nel senso che la pretesa, ma a maggior ragione la fonte di essa, deve trarre titolo dal rapporto di società e dalla conseguente acquisizione dello status socii, guardando concretamente alle modalità di estrinsecazione di esso.

Dunque, ai fini della configurabilità della competenza della sezione specializzata in materia di impresa non basta che la controversia abbia ad oggetto il negozio traslativo di partecipazioni sociali – giacché, ragionando in questa logica, si sovvertirebbero intuitivamente le finalità perseguite dal legislatore con l’istituzione delle sezioni specializzate stesse – ma occorre che essa sia “causalmente” connotata dall’inerenza al rapporto di società.

Obbligo di accantonamento nel progetto di bilancio di esercizio di un fondo rischi in capo agli amministratori di società debitrice per crediti vantati da terzi.


Il debito per il quale si deve provvedere all’accantonamento a fondo per rischi o oneri deve essere certo o probabile nella sua esistenza. Non si può pertanto ritenere che la sola pendenza di un procedimento civile avente ad oggetto l’accertamento del credito altrui e quindi l’esistenza di un credito “litigioso” possa far sorgere il dovere di appostare un fondo a garanzia del rischio del pagamento.

Non è ravvisabile un obbligo per gli amministratori della società debitrice, secondo un comportamento in osservanza dei canoni di prudenza, perizia e diligenza, di accantonare nel progetto di bilancio di esercizio un fondo rischi a copertura della passività potenziale rappresentata dal credito vantato dalla società creditrice e tuttora non soddisfatto. Sentenza 3113/2017 pubblicata il 13/06/2017 dalla Sezione specializzata in materia di imprese del Tribunale di Torino.

Focus Enti Locali


In GU le linee guida ANAC aggiornate per gli appalti sottosoglia.


Pubblicate linee guida dell’ANACredatte ai sensi dell'art.  36, comma 7, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n.  50 e successive modificazioni ed integrazioni (codice dei contratti pubblici») che affida all'ANAC la definizione delle modalità di dettaglio per supportare le stazioni appaltanti nelle attività relative ai contratti di importo inferiore alla soglia di rilevanza europea e migliorare la qualità delle procedure, delle indagini di mercato nonchè la formazione e gestione degli elenchi   degli operatori economici. A seguito della modifica introdotta con il decreto legislativo 19 aprile 2017, n. 56 (decreto correttivo), l'ANAC e' altresì chiamata ad indicare specifiche modalità di rotazione degli inviti e degli affidamenti e di attuazione delle verifiche   sull'affidatario   scelto   senza   gara, nonchè    di effettuazione degli inviti in caso di esclusione automatica delle offerte anormalmente basse.

Revisori Enti Locali: pubblicata la seconda integrazione dell’Elenco 2018.


La Direzione centrale per la Finanza locale del Viminale, con Decreto 15 marzo 2018, pubblicato sul proprio sito istituzionale, ha aggiunto 6 revisori e ne ha cancellati 35.

Le modifiche, con i relativi nominativi, sono contenute nell’Allegato “A” del Provvedimento.

Estrazione revisori Enti Locali.


Si ricorda che è operativo sul portale del Dipartimento per la funzione pubblica una funzione di ricerca che agevolmente consente di visualizzare le ultime estrazioni effettuate presso le prefetture delle cinque province della Regione per l’esercizio della funzione di revisore dell’Ente locale.

Si segnala, altresì, che è stata resa disponibile una nuova funzione che permette la visualizzazione di alcuni dati statistici significativi relativi al numero di iscritti articolati per fascia e territorio, ai sorteggi effettuati e a quelli da effettuare.

Consulta le estrazioni più recenti

Collegati al sito

Economia del territorio


Si riporta l’elenco provvisorio delle ultime procedure concorsuali la cui pubblicazione è disponibile sui portali di servizio a curatori e creditori che operano in collaborazione con il Tribunale di Napoli Nord. L’elenco è relativo alle ultime procedure dichiarate.

Dall’inizio dell’anno alla data odierna le procedure pubblicate sui portali di servizio sono 35.

Nel 2017 sono state 190 le procedure fallimentari e 14 i concordati.

Si ricorda che complessivamente nel 2016 si sono registrate 168 sentenze dichiarative di fallimento; nel 2015 sono state 218 le sentenze emesse, contro le 140 procedure dichiarate nel corso del 2014. Nel 2015 si è registrata l’apertura di 8 concordati edi 3 procedure di composizione di crisi da sovraindebitamento. Nel 2016 i concordati sono stati 12.

Nel dettaglio si riportano i dati riscontrabili sui siti di servizio:

Procedure fallimentari

Procedura Tipo Num. Data aper. Curatore Titolo Giudice Delegato
    38   Sorbo Chiara Avv NN Satta Cristiana
    37        
    36   Sorbo Chiara Avv NN De Vivo Maria
n.d. Fall. 35 08/03/18 D'Andria Gennaro Avv SMCV Rabuano Arminio Salvatore
n.d. Fall. 34 08/03/18 Atonna Giampiero Dott. Na Caria Enrico
n.d. n.d. 33 08/03/18 Bartolo Sara Avv Na Di Giorgio Giovanni
n.d. n.d. 32 08/03/18 Montella Sabato Dott. Na De Vivo Maria
n.d. n.d. 31 08/03/18 Avino Manuela Avv Na Satta Cristiana
n.d. Fall. 30 23/02/18 Aruta Fabio  Dott. Na Di Giorgio Giovanni
n.d. Fall. 29 23/02/18 Macchione Maria  Dott. NN Rabuano Arminio Salvatore
n.d. Fall. 28 23/02/18 Aruta Fabio  Dott. Na Di Giorgio Giovanni
n.d. Fall. 27 23/02/18 Approvato Giuseppe  Dott. NN De Vivo Maria
n.d. n.d. 26 23/02/18 Capozzi Paola Avv Na Satta Cristiana
n.d. n.d. 25 23/02/18 Coppola Adolfo Avv SMCV Lamonica Maria Grazia
G.R. Srl n.d. 24 21/02/18 Palma Felicia. Dott. Na Caria Enrico
n.d. n.d. 23 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 22 23/02/18 Fabozzi Tommaso Dott. NN Lamonica Maria Grazia
n.d. n.d. 21 23/02/18 Salzano Marco Dott. Na Di Giorgio Giovanni

Composizione crisi da sovraindebitamento

Debitore Tipo Num. Data dich. Professionista Titolo Giudice Delegato
n.d. CCS 4604 31/10/17 Leccia Francesca Dott. NN Caria Enrico
Brillante/Borriello CCS 1641 n.d. Maddaluno Lucia

Dott.

NN

Caria Enrico

Calvanese Antonio e

Buono Immacolata

CCS 1086 05/04/2017

Aversano

Angelo

Dott.

NN

Caria Enrico

Paone Antonio e

Mari Nunzia

CCS 431 28/02/2017

Conte

Antonio

Dott.

NN

Caria Enrico

Altre procedure

Procedura Tipo Num. Data aper. Commiss. Titolo Giudice Delegato
n.d. C.P. 1 n.d. Grimaldi Paolo

Dott.

NA

Lamonica M.G.
n.d C.P. 16 06/12/17 Megale Massimiliano

Dott.

NN

Di Giorgio Giovanni
n.d n.d 15 n.d n.d n.d n.d
Bollicine Marotta s.a.s. di Mallardo Francesco & C. C.P. 14 14/09/17

Rossi

Guido

Villano

Enrico

Dott.

NN

Dott.

NN

Di Giorgio Giovanni
PERILLO COSTRUZIONI GENERALI SRL C.P. 13 07/09/17


D'Alò Ferdinando

Dott.

NA

Caria Enrico
WATTSUD L.E.P. SPA C.P. 12 04/10/17

Giordano Francesco

Nappi

Severino

Dott.

NA

Avv Na

Rabuano Arminio Salvatore
MACE Srl C.P. 11 06.07.17

Soprano

Luigi

Dott.

NA

Satta Cristiana
Diversificazioni Bonifiche Fabbricazioni Industriali s.r.l. C.P. 10 05.07.17

Macchioni Riccardo

Caruso Giuseppe

Prof.

Na

Avv Na

Di Giorgio Giovanni
COCCOFRESCO s.a.s. di Crispino Pasquale & C. C.P. 9 30.05.17

Volpe

Sergio

Dott.

NA

Caria Enrico
n.d. n.d. 8 n.d. n.d. n.d. n.d.
Bagatelle s.r.l. C.P. 7 21.04.17 Molino Domenico

Dott.

NA

Satta Cristiana
Wattsud Lavorazioni Elettromeccaniche di Precisione S.p.A. C.P. 6 21.04.17

Giordano Francesco

Nappi

Severino

Dott.

NA

Avv.

Na

Di Giorgio Giovanni

Fonte: Portale dei Fallimenti di Napoli Nord -realizzato da Zucchetti software giuridico srl; “Procedure.it” di Aste Giudiziarie inlinea Spa; sito internet Tribunale Napoli Nord.

L’ANC Napoli Nord declina qualsiasi responsabilità per errori, inesattezze ed omissioni eventualmente presenti negli elenchi rinviandosi ai dati pubblicati presso il Tribunale per verificare la completezza e l'esattezza dei dati riportati.

Circolari di altri Enti di interesse professionale


Si rende noto che sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Banca dati CERDEF integrata di normativa, prassi e giurisprudenza in materia fiscale.

Accedi alla Banca Dati CERDEF

Le ultime circolari dell'A.d.E.

  • Circolare n. 4 del 12/03/18

Assistenza fiscale prestata da Caf/professionisti e sostituti d’imposta – Dichiarazione presentata direttamente – Flusso 730-4 – Conguagli - pdf

  • Circolare n. 3 del 26/02/18

Legge 11 dicembre 2016, n. 232 (legge di bilancio 2017), articolo 1, commi da 100 a 114. Applicazione delle disposizioni concernenti i piani di risparmio a lungo termine (PIR) - pdf

  • Circolare n. 2 del 26/01/18

Regime di consolidato nazionale e utilizzo delle perdite – Casi particolari - pdf

  • Circolare n. 1 del 17/01/18

La disciplina della detrazione dell’imposta sul valore aggiunto dopo le modifiche introdotte dal decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito con modificazioni dalla legge n. 96 del 21 giugno 2017 - pdf

Ultimi Provvedimenti e Risoluzioni A.d.E.

  • Provvedimento del 21/03/2018

Modifica delle informazioni da trasmettere per la comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche IVA di cui all’articolo 21-bis del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, e successive modificazioni - (Pubblicato il 21/03/2018)

  • Provvedimento del 19/03/2018

Proroga per il 2018 del contributo per l’acquisto di strumenti musicali nuovi e del correlato credito d’imposta a favore del produttore o del rivenditore, di cui all’art. 1, comma 626, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, e aggiornamento dell’elenco degli istituti musicali di cui all’allegato 1 del Provvedimento n. 50771 del 14 marzo 2017, sostituito da ultimo dall’allegato 1 del Provvedimento n. 93483 del 15 maggio 2017 - pdf - (Pubblicato il 19/03/2018)

  • Risoluzione n. 23 del 15/03/18

Versamento tramite il modello F24 delle somme dovute a titolo di imposte e interessi concernenti i piani di risparmio a lungo termine (P.I.R.), ai sensi dell’articolo 1, comma 106, della legge 11 dicembre 2016, n. 232 - pdf

  • Risoluzione n. 22 del 12/03/18

Interpello - Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n.212 - Detrazione per lavori antisismici ai sensi dell’art. 16, comma 1-bis, del DL n. 63 del 2013, eseguiti su immobili destinati alla locazione - pdf

Le ultime guide fiscali pubblicate da A.d.E.

Si segnalano le seguenti guide edite dall’Agenzia delle Entrate e recentemente aggiornate

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento settembre 2017

Aggiornamento giugno 2017

Aggiornamento giugno 2017

Aggiornamento aprile 2017

Aggiornamento Gennaio 2017

Aggiornamento gennaio 2017

Aggiornamento gennaio 2017

Aggiornamento marzo 2016

Servizi Telematici

  • Modalità di utilizzo del canale di assistenza telematica: Il canale CIVIS può essere utilizzato sia dai contribuenti che dagli intermediari.

Accedi al servizio

  • Come prendere un Appuntamento con l'Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale.

Accedi al servizio

  • Web Ticket - Prenotazione di biglietti elimina-code tramite internet:

Accedi al servizio

INPS: ultimi documenti pubblicati


Si rende noto che sul sito dell’INPS sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Vai alla pagina INPS - circolari

FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA


In questa sezione verrà data segnalazione di eventi formativi organizzati sul territorio delle province di Napoli e Caserta ed accreditati ai fini della formazione professionale continua.

Calendario delle prossime attività formative


Data Titolo evento Sede

Organizzatore

Accreditante

Tipo Crediti fpc

27/03/2018

Novità e linee guida sul bilancio di esercizio 2017

Sala Convegni Mediterranea Hotel – Via Gen. Clark 54, Salerno

ANC Salerno ODCECSalerno Aula gratuito 4

Avvisi e informazioni utili


Contributo d'iscrizione 2018 all'Associazione Nazionale Commercialisti Napoli Nord


Il Consiglio direttivo della sezione Napoli Nord dell’Associazione Nazionale Commercialisti ha determinato il contributo d'iscrizione annuale per l’anno 2018 in euro 60,00. La quota sarà utilissima per finanziare tutte le attività sindacali che la nostra associazione sta portando avanti sul territorio e le altre che sono in procinto di partire nel brevissimo periodo. Inoltre, attraverso l’adesione si avrà diritto ad accedere a convenzioni vantaggiose, a ricevere quotidianamente un’utilissima rassegna stampa, una rassegna dei principali strumenti finanziari a supporto delle aziende, oltre ad essere aggiornati settimanalmente con la newsletter sulle notizie di interesse locale e sovraterritoriale e poter avere accesso ai percorsi formativi che l’associazione organizzerà.

Il versamento della quota può essere effettuato con bonifico da appoggiare sul c/c bancario UNICREDIT intestato ad “Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord” - IBAN: IT52D0200874791000103632305 – specificando nominativo, ordine di appartenenza e matricola, codice fiscale. Le coordinate per il pagamento della quota d’iscrizione, assieme al modulo di adesione, saranno a breve anche compilabili sul portale internet all’indirizzo: www.ancnapolinord.it. Per segnalare articoli e documenti di interesse comune è possibile inviare un messaggio con i propri riferimenti personali all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Per chiedere informazioni generali: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cassa Ragionieri: attivo lo sportello previdenza di ANC


Sportello Previdenza è il servizio destinato agli iscritti all’Associazione e curato dall’Associazione Nazionale Commercialisti, il cui obiettivo è di agevolare il rapporto di comunicazione degli iscritti alla Cassa di Previdenza Ragionieri con il proprio ente pensionistico, interessando la figura del Garante dell’Iscritto.

Per informazioni e contatti è possibile contattare la segreteria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cordiali saluti.

Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord

Consiglio direttivo

Presidente

Antonio Carboni

Vicepresidenti

Mauro Galluccio

Enza Pisano

Segretario

Marco Idolo

Tesoriere

Marianna D'Orta

Consiglieri

Filippo Cacciapuoti

Carlo D'Abbrunzo

Giuliana Di Caprio

Giovanni Granata

Salvatore Iorio

Nicola Padricelli

Vincenzo Panico

Pasquale Ristorato

Collegio dei revisori

Luigi Apicella

Corrado Civile

Felice Tranchese