TX Nefario - шаблон joomla Форекс
logoanc nanord  
 

 

 

 
     

     

Gentile Collega,

Dopo la breve pausa estiva, riprende il nostro servizio di newsletter settimanale, con la trasmissione del numero 31-2018, sperando di farti cosa gradita. Nell’augurarti un sereno riavvio delle attività professionali, Ti invitiamo a consultare il nostro portale internet, dove potrai trovare tutti i riferimenti per effettuare o rinnovare l'iscrizione, che ti consentirà di accedere a tutti i nostri servizi associativi. Nel segnalarti che potrai seguire le attività dell’Associazione Napoli Nord anche sul nostro profilo Facebook, ti ricordiamo che le informative precedenti, relative agli anni precedenti ed all’anno in corso, sono consultabili sul sito nell'apposita sezione. Un caro saluto e una buona lettura!

Il Consiglio direttivo

Informativa ANC Napoli Nord n° 31-2018 - 22 settembre 2018

A cura del Consiglio direttivo ANC Napoli Nord

Hanno collaborato a questo numero:

Antonio Carboni, Mauro Galluccio, Giovanni Granata, Marco Idolo, Carlo D’Abbrunzo.

In primo piano


“La Fatturazione elettronica obbligatoria: aspetti organizzativi e fiscali”.

In aula il 26.09.18 alle ore 15:00 ad Aversa all’Hotel del Sole.


Il prossimo 26 settembre 2018, a partire dalle ore 15:00, presso la sala convegni dell’Hotel del Sole in Piazza Mazzini 27 ad Aversa (pressi Stazione FFSS), ANC Napoli Nord, UN.I.CO Napoli Nord e Unoformat - CAF CGN SpA, hanno promosso ed organizzato il seminario “La Fatturazione elettronica obbligatoria: aspetti organizzativi e fiscali”, sulle novità riguardanti la fatturazione elettronica, di grande interesse per professionisti ed aziende.

Con la Legge di Bilancio 2018, infatti, è stato generalizzato l’obbligo della Fatturazione Elettronica, che dal 1° gennaio 2019 interesserà tutte le cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuati tra soggetti residenti o stabiliti nello Stato italiano. Si tratta di un’innovazione che inciderà fortemente sui modelli organizzativi di imprese e studi professionali, che dovranno attuare necessariamente una riorganizzazione dei propri processi gestionali e amministrativi. Il convegno si pone quindi l’obiettivo di analizzare le modalità operative, le criticità ed i percorsi da intraprendere per affrontare le ormai imminenti innovazioni. Il seminario, per il quale è stato concesso il patrocinio da parte dell’ODCEC di Napoli Nord, è valido ai fini della formazione professionale continua di Commercialisti ed Esperti contabili dando il diritto di maturare fino a 4 crediti formativi in materie speciali per ogni ora di effettiva presenza. Dopo i saluti istituzionali, formulati dal Presidente dell’ODCEC di Napoli Nord, Antonio Tuccillo, dal Presidente di ANC Napoli Nord, Antonio Carboni e dal Presidente di UNICO Napoli Nord, Francesco Vallefuoco e del portavoce del partner tecnico CAF CGN SpA, i lavori verranno condotti dal collega Nicolò Cipriani, Commercialista in Trani, che li affronterà con taglio estremamente pratico. Il materiale didattico potrà essere prelevato in formato elettronico nell'Area Personale del sito www.unoformat.it all'interno del Piano Studi di ciascun partecipante, previa prenotazione e registrazione che si può effettuare cliccando al link riportato in calce.

Prenotazione al convegno "Fatturazione elettronica"

Pranzo benefico HEAL ONLUS – 29 SETTEMBRE 2018 ore 13:30 – “Locanda Dodici” Aversa.


La nostra Associazione ha aderito alla richiesta di patrocinio all’iniziativa benefica che si terrà il prossimo 29 settembre alle ore 13:30, presso la Locanda “Dodici” ad Aversa, organizzata dall’Associazione Heal Onlus, fondata da famiglie di bambini colpiti da tumori cerebrali e da medici, infermieri e biologi che quotidianamente operano a favore della cura e della ricerca nell’ambito della Neuro-Oncologia Pediatrica.

L’iniziativa, che prevede un pranzo di beneficenza a favore del reparto di neuro-oncologia del Bambino Gesù. La raccolta aiuterà a finanziare la ricerca e non avrà costi, in quanto anche la struttura ospitante è sponsor dell’evento. La totalità dei fondi raccolti, dunque, verrà destinata interamente alla ricerca sui tumori cerebrali infantili, attraverso un processo di selezione e supervisione da parte del Comitato Scientifico, il cui staff è costituito da personale medico dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma di primo piano nella neuro-oncologia italiana. L’iniziativa ha già raccolto il patrocinio di diversi enti presenti sul territorio, tra cui quello concesso dal Comune di Aversa e da ANC Napoli Nord.

Rivolgiamo al generoso cuore dei Colleghi un invito a partecipare all’iniziativa perché certe battaglie si possono vincere solo con l’aiuto di tutti. Per qualsiasi informazione è possibile contattare il presidente del comitato #insiemecelapossiamofare, che ci ha segnalato l’iniziativa, dott. Cannolicchio al n. 3478179570.

Iniziativa benefica HEAL Onlus

Detrazione IVA: la circolare 1/E salva l’italia dal rischio d’infrazione – COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ANC – CONFIMI INDUSTRIA


Di seguito pubblichiamo la nota congiunta ANC e Confimi Industria in merito allo stato di avanzamento presso la Commissione Europea dell’analisi sulla denuncia presentata lo scorso anno dalle due Associazioni. I principi della direttiva Iva prevalgono sulle modifiche alla norma nazionale introdotte in materia di detrazione Iva dall’articolo 2 del D.L. 50/2017 e il coordinamento interpretativo fornito dall’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 1/E del 17/01/2018 si fonda sulla “pertinente giurisprudenza della Corte di Giustizia”. Questa, in sintesi, la risposta che la Commissione Europea (TAXUD C3 D(2018) 5007306) ha inviato ad  ANC e Confimi Industria proponendo, salva la segnalazione di nuovi elementi, l’archiviazione del caso.

ANC e Confimi Industria condividono il fatto che l’interpretazione fornita con la suddetta circolare assorba i numerosi profili di contrasto evidenziati nella denuncia giacché conformi proprio agli insegnamenti giurisprudenziali evidenziati nella denuncia stessa. Insegnamenti basati appunto sull’esigenza che, ai fini della detrazione, sussistano sia il requisito sostanziale dell’esigibilità (effettuazione dell’operazione) che quello formale del possesso (arrivo) della fattura. Interpretazione grazie alla quale, di fatto, il “dies ad quem” (termine finale) per la detrazione torna a essere congruo (questo era lo scopo della denuncia) anche per le fatture emesse a fine anno e “arrivate” nei primi giorni del nuovo anno.

ANC e Confimi hanno tuttavia risposto alla Commissione proponendo di valutare l’opportunità di fornire proprie osservazioni anche circa la compatibilità con la direttiva delle disposizioni nazionali del DPR n.100/98 in materia di liquidazione dell’Iva. Si tratta in sostanza di capire se è sufficiente che il possesso della fattura si concretizzi entro il 16 del mese come dice il DPR 100 oppure debba concretizzarsi necessariamente entro il 31 del mese precedente. Si tratta di una questione tutt’ora fonte di forte imbarazzo fra gli operatori. Imbarazzo destinato ad amplificarsi a seguito dell’introduzione della disciplina della fatturazione elettronica di cui al Provvedimento AdE del 30/4/2018 basato, per definizione, sul funzionamento asincrono fra emissione e trasmissione della FE e recapito, da parte del SdI, al destinatario. Recapito che, in base alle specifiche tecniche, può avvenire da pochi minuti fino a 5 giorni. Situazione questa che, nel caso di un’interpretazione restrittiva sull’applicabilità del DPR 100, generebbe una disparità di trattamento fra funzionamento della detrazione in regime di fatturazione analogica rispetto a quello in fatturazione elettronica con il rischio di veder compromesso(come evidenziato in alcune nuove esemplificazioni inoltrate alla Commissione) il rispetto del principio di neutralità.

comunicato stampa congiunto ANC-CONFIMI INDUSTRIA

Incongruenze tra Spesometro, Dichiarazione Iva ed invii di dichiarativi: lettere di compliance in arrivo (anche agli intermediari).


A partire da settembre 2018 saranno inviate le comunicazioni relative ad anomalie riscontrate sulla dichiarazione IVA presentata sulla base dei dati dello spesometro (per l’anno di imposta 2016) e dei dati delle fatture comunicati ai sensi del d.l. n. 193 del 2016 (per l’anno d’imposta 2017).

Le lettere nascono dall’incrocio dei dati che confluiscono nel sistema dell’Anagrafe tributaria, con l’obiettivo di favorire l’emersione dell’effettiva capacità contributiva già al momento dell’adempimento tributario e non a seguito dell’attività ordinaria di controllo, consentendo al contribuente di porre rimedio a errori od omissioni mediante il ravvedimento operoso con sanzioni ridotte, e generalmente con effetti positivi in termini di gettito fiscale, riducendo l’invasività dei controlli nei confronti dei soggetti a basso rischio e incentivando l’adempimento spontaneo.

Nei confronti delle persone fisiche è iniziato l’invio in tre tranche di circa 380.000 lettere destinate a coloro che per l’anno d’imposta 2014, sulla base dei dati in possesso dell’Agenzia, non hanno dichiarato, totalmente o parzialmente, redditi relativi a una o più categorie.

A tal riguardo si segnala che l’Agenzia delle Entrate - D.P. di Caserta - ha inoltrato numerose lettere a quegli intermediari (Commercialisti) per i quali l’Agenzia ha riscontrato una incongruenza nell’incrocio del dato rappresentato dal numero delle dichiarazioni inviate (per singolo codice fiscale) e gli spesometri dei soggetti per i quali sono state inviate le dichiarazioni, riportando anche il valore del maggior reddito presuntivamente non dichiarato, laddove non sia stata riscontrata la fattura per le prestazioni rese. Sul punto ANC Napoli Nord relazionerà in maniera più dettagliata nelle prossime settimane, dopo aver acquisito segnalazioni particolareggiate da parte dei Colleghi.

GDPR: la soluzione sviluppata da ANC Napoli Nord per la gestione della Privacy.


Si ricorda che ANC Napoli Nord ha sottoscritto un accordo con una primaria software-house e con uno studio legale specializzato in consulenza privacy, per la gestione degli adempimenti introdotti dal nuovo regolamento europeo GDPR. Grazie alla convenzione i Professionisti associati, per il proprio studio e per i propri clienti, a costi estremamente convenienti rispetto a quelli di mercato, potranno gestire tramite piattaforma cloud tutti gli adempimenti prescritti dalla nuova normativa europea in materia di privacy, arrivando a produrre tutta la documentazione prescritta dalla normativa interamente personalizzabile. La soluzione, spiega il Presidente ANC Napoli Nord, Antonio Carboni, è pensata dai Commercialisti per i Commercialisti al fine di gestire quest'importante opportunità che può vederci protagonisti in un importante area di servizi da proporre alle aziende clienti. L'intesa sottoscritta prevede costi decrescenti in base al numero di licenze attivate per i clienti di studio (fino a 10, da 11 a 20, da 21 a 30 ed oltre 30), nei cui confronti il Commercialista potrà gestire autonomamente il proprio rapporto di consulenza.

Gli Associati ANC potranno, altresì, avvalersi - con un minimo costo aggiuntivo - del consulente privacy per un assessment legale finalizzato alla redazione del piano oppure, a tariffe agevolate preconcordate tra il consulente privacy e ANC, gli iscritti ANC potranno offrire, altresì, a quei clienti con un'organizzazione e problematiche complesse, una consulenza “ad hoc”.

Per Carlo D'Abbrunzo, Consigliere ANC Napoli Nord, delegato alla privacy, attraverso lo strumento informatico messo a disposizione e con l'ausilio dell'esperto legale, ciascun Associato ANC Napoli Nord potrà gestire il processo privacy per i propri clienti, evitando così di dover delegare completamente a terzi questo importante ambito di consulenza.

Per ogni informazioni è possibile contattare il Collega Carlo D’Abbrunzo (cell: 3394806841) o inviare una mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con oggetto “richiesta informazioni convenzione GDPR”.

Guarda il video dimostrativo su YouTube

Revisione Legale: corsi e-learning CNDCEC e MEF.


Si ricorda che è possibile assolvere l’obbligo formativo di cui all'art. 5 del D.Lgs. 29 gennaio 2010, n. 39 per il mantenimento dell’iscrizione nel registro dei Revisori Legali attraverso la fruizione “on-line” dei moduli formativi resi disponibili gratuitamente dal CNDCEC e dal MEF. A tal riguardo si informa che il CNDCEC ha predisposto 20 moduli didattici della durata di un'ora per acquisire la totalità dei 20 crediti formativi richiesti per l'anno 2018, previo superamento del questionario al termine di ciascun modulo. Per accedere al Corso è necessario collegarsi al sito www.commercialisti.it e cliccare sul banner "E-learning Revisione Legale".

Anche il MEF, dallo scorso 24 luglio, ha pianificato il rilascio di 8 nuovi moduli formativi validi ai fini del completamento dell’obbligo formativo per gli anni 2017 e 2018. I contenuti formativi sono fruibili sulla piattaforma per la formazione a distanza, accessibile tramite l’Area riservata del portale

Consulta l'informativa del CNDCEC - Accedi al Corso 

Come accedere ai corsi MEF

Chiarimenti sulla validità dei crediti e i tempi di accreditamento


L’ODCEC di Roma ha pubblicato un utile schema riepilogativo che fornisce chiarimenti sull’attribuzione dei crediti formativi acquisiti in relazione sia all’attività formativa seguita sia al soggetto che lo eroga. Al fine di consentire una migliore comprensione da parte degli Iscritti delle modalità di trasmissione dei crediti tra il MEF e gli Ordini locali, lo schema fornisce anche indicazioni sulle tempistiche di caricamento dei crediti sui report personali (con riferimento al solo Ordine di Roma).

Consulta lo schema di riepilogo

Dillo al Consiglio di ANC Napoli Nord.


Il Consiglio direttivo di ANC Napoli Nord ha istituito la casella di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. dedicata ad acquisire indicazioni e suggerimenti da parte degli iscritti sull’operatività o su eventuali disservizi degli uffici finanziari, giudiziari, previdenziali ed in generale degli uffici della P.A. d’interesse generale. Si invitano gli iscritti a segnalare anomalie riscontrate negli uffici frequentati al fine di consentire di individuare le principali criticità o problematiche di interesse generale per realizzare interventi mirati, il tutto sempre nell’ottica e con lo spirito di una collaborazione costruttiva a favore della Categoria.

Altre notizie e documenti di interesse professionale


Fondazione Nazionale dei Commercialisti

Informativa diritto societario

Pubblicato il terzo numero dell’informativa "Diritto Societario" che contiene un aggiornamento sull’attività istituzionale e ai documenti pubblicati negli ultimi mesi dal CNDCEC e dalla FNC. Nella sezione "Giurisprudenza e Prassi" è presente una rassegna delle pronunce giurisprudenziali e delle prassi in uso relativamente ad ambiti del diritto societario e del diritto di impresa più in generale, in cui il dibattito della dottrina e della giurisprudenza è particolarmente vivace.

Consulta l’informativa

L'ambito applicativo della "nuova" transazione fiscale.

Il documento approfondisce l’ambito di applicazione della “nuova transazione fiscale” a seguito delle modifiche intervenute con la legge di stabilità 2017 (art. 1, comma 81 L. n. 232/2016). Consulta il documento

Si informa, infine, che sul sito della FNC sono pubblicati i seguenti strumenti operativi di controllo a supporto dell’attività svolta dai collaboratori negli studi professionali:

CNDCEC: Ultime pubblicazioni


Il Consiglio nazionale dei Dottori Commerciali e degli Esperti Contabili ha pubblicato i seguenti documenti:

Pronto Ordini


Si segnalano le seguenti risposte fornite dal Consiglio Nazionale ai quesiti formulati dagli Ordini in merito allo svolgimento della professione.

Non solo tasse…


Questa sezione è stata attivata per fornire informazioni su attività culturali, ludiche e ricreative in programma nell’ambito del circondario.

Per segnalazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Visite gratuite alla nave Vespucci al porto di Napoli.


In occasione della Naples Shipping Week 2018 il Vespucci ormeggerà al porto di Napoli con visite gratuite. Da venerdì 28 a sabato 29 settembre 2018 sarà visitabile gratuitamente al porto di Napoli la nave Amerigo Vespucci, costruita nel Regio Cantiere Navale di Castellammare di Stabia nel 1930 e oggi utilizzata per l’addestramento degli allievi ufficiali dei ruoli normali dell’Accademia Navale. Programma delle visite Venerdì 28 settembre dalle 16:00 alle 19:00. Sabato 29 settembre dalle 9:00 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 19:00. Molo Beverello, Napoli. Ingresso gratuito. Non è necessaria la prenotazione. Info: Evento Facebook

Fiabe d’autunno all’Orto Botanico di Napoli.


Dal 15 settembre al 18 novembre 2018, si terrà la ventitreesima edizione di Fiabe d’Autunno nella suggestiva cornice dell’Orto Botanico di via Foria, nel cuore di Napoli.

Ogni sabato e domenica, a partire dalle ore 11, verranno proposti ben otto spettacoli tratti da alcune delle fiabe più conosciute da grandi e piccini.

Sabato 15 settembre sarà il giorno dell’inizio della manifestazione con Nello specchio di Biancaneve, ispirato agli storici racconti dei fratelli Grimm. Tra gli altri protagonisti, sarà dato ampio spazio al Mago di Oz, Peter Pan, Pinocchio, al Brutto Anatroccolo e all’Albero del Sole, al Pifferaio Magico e al Popolo del Bosco.

Programma di Fiabe d’Autunno 2018 16 settembre “Nello specchio di Biancaneve”, 22 e 23 settembre “Nel Regno di Oz”, 29 e 30 settembre “Con le ali di Peter”, 6 e 7 ottobre “Gli alberi di Pinocchio”, 13 e 14 ottobre “Un Brutto Anatroccolo”, 20 e 21 ottobre “L’albero del sole”, 27 e 28 ottobre “Nello specchio di Biancaneve”, 3 e 4 novembre Il Magico Pifferaio, 10 e 11 novembre Il Magico Pifferaio, 17 e 18 novembre Il popolo del bosco,

Real Orto Botanico, via Foria 223, sabato e domenica dalle ore 11, biglietto di ingresso da 8 euro, fino ad un massimo di 80 spettatori. Informazioni: Sito I Teatrini | Pagina Facebook | tel. 081 033 06 19 (dalle 9.30 alle 17.00) | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Osservatorio professionale


Focus tributario


Infedele dichiarazione: socio accomandante sanzionabile.


È legittima la sanzione irrogata per il maggior reddito derivante dall'accertamento sulla società.

È in colpa il socio, ancorché non amministratore, che viola l'obbligo di vigilanza delle attività sociali. Questo è il principio affermato dalla Cassazione con la sentenza 20.099 del 30/07/2018.

Il giudizio nasce dall'impugnazione di avvisi di accertamento che recuperavano a tassazione, per gli anni d'imposta dal 2000 al 2004, ai fini Irap e Iva, maggiori redditi non dichiarati nei confronti una S.a.s., esercente l'attività di vendita al dettaglio di carburanti e servizi accessori, e maggiori redditi, ai fini Irpef, imputati "per trasparenza" ai soci (art. 5, c. 1 Tuir), con contestuale irrogazione delle sanzioni amministrative.

La socia accomandante, in particolare, con ricorso presentato davanti il giudice tributario, eccepisce la non debenza delle sanzioni amministrative per difetto dell'elemento soggettivo.

Il giudice d'appello, in riforma della sentenza di primo grado, ritiene illegittima l'irrogazione alla contribuente della sanzione amministrativa per infedele dichiarazione dell'ente commerciale, per la sua estraneità alla gestione sociale, in quanto socia accomandante e, quindi, per l'insussistenza dei requisiti soggettivi (dolo o colpa) dell'illecito.

Ricorre in Cassazione l'Agenzia delle Entrate eccependo, per quanto di interesse, il vizio di violazione di legge, laddove la C.T.R. ha illegittimamente escluso, nei confronti della socia accomandante, l'applicazione della sanzione amministrativa per l'infedele dichiarazione dei redditi della società, per difetto dell'elemento psicologico.

La Suprema Corte accoglie il ricorso del Fisco, aderendo al consolidato orientamento di legittimità, in base al quale il maggior reddito risultante dalla rettifica compiuta nei confronti della società di persone, imputato al socio ai fini dell'Irpef, proporzionalmente alla sua quota di partecipazione agli utili, comporta altresì l'applicazione, al socio, della sanzione per infedele dichiarazione, in quanto ai soci delle società di persone è consentito il controllo della gestione sociale.

La Cassazione, chiamata a pronunciarsi sulla debenza della sanzione per infedele dichiarazione della società di persone, da parte del socio non amministratore, aderisce all'orientamento di legittimità, consolidatosi sul punto.

Il maggior reddito risultante dalla rettifica operata nei confronti di una società di persone e imputato al socio per trasparenza ai fini dell'Irpef (ai sensi dell'art. 5 del Tuir), in proporzione alla relativa quota di partecipazione, comporta anche l'applicazione allo stesso socio della sanzione per infedele dichiarazione prevista dall'art. 46 D.P.R. 600/1973.

Tra i requisiti soggettivi di colpevolezza, invero, il D.Lgs. 472/1997 richiede non solo il dolo, ma altresì la colpa. Nelle violazioni punite con sanzioni amministrative, recita testualmente la norma, ciascuno risponde della propria azione od omissione, cosciente e volontaria, sia essa dolosa o colposa. Non è necessaria, pertanto, la volontarietà della violazione sanzionata, essendo sufficiente un comportamento colposo.

Nella specie, la colpa del socio non amministratore consiste nell'omesso o insufficiente esercizio del potere di controllo sullo svolgimento degli affari sociali e di consultazione dei documenti contabili nonché del diritto a ottenere il rendiconto dell'attività sociale. Mentre il socio amministratore è in colpa nell'ipotesi di omesso o insufficiente esercizio dei poteri di gestione, direzione e controllo dell'attività sociale.

La socia accomandante, pertanto, risponde per colpa delle violazioni sanzionate, per non aver vigilato sulle attività.

Focus societario


Sulla genericità delle informazioni fornite in nota integrativa: termine per impugnare e riflessi sul bilancio.


Le contestazioni sulla genericità delle informazioni fornite in nota integrativa in ordine alla svalutazione di un credito e sulla mancata chiarezza dell’iscrizione di una voce di credito pongono in rilievo questioni di violazione di norme imperative dettate a tutela della generalità dei terzi, come tale soggetta al termine triennale di cui all’art 2379 cc. e non a quello di 90 giorni di cui all’art. 2377 c.c.

Nel caso in esame, il Tribunale di Milano, sezione specializzata in materia di imprese, sentenza 12786/2017 del 19/12/2017, pur confermando i termini di cui sopra, ha ritenuto esauriente in ordine alla svalutazione di un credito il mero riferimento in nota integrativa a non meglio precisate “vicende giudiziarie”, fermo restando che laddove il socio impugnante avesse avuto concreto e specifico interesse ad informazioni ulteriori rispetto a quelle nella specie fornite bene avrebbe potuto avanzare una relativa richiesta nella sede assembleare deputata.

Azione individuale di responsabilità di soci di s.r.l. e necessaria sussistenza del danno diretto al patrimonio di questi ultimi.


Nella s.r.l. l’azione sociale di responsabilità nei confronti degli amministratori (volta ad ottenere il risarcimento del danno patito dal patrimonio sociale a causa dell’inosservanza dei doveri ad essi imposti dalla legge o dall’atto costitutivo) può essere esercitata sia dalla società (titolare del diritto al risarcimento del danno) sia dal socio (ciò indipendentemente dalla consistenza della partecipazione sociale). Tuttavia, il socio – non essendo titolare del diritto al risarcimento del danno – fa valere in nome proprio il diritto spettante alla persona giuridica. Ne consegue, dunque, che la società – quale soggetto titolare del diritto in favore del quale è stata esercitata l’azione – deve necessariamente partecipare (ex art. 102 c.p.c.) sia al processo relativo all’azione sociale, sia ad eventuali procedimenti cautelari. Qualora, poi, al momento dell’esercizio dell’azione sociale, il soggetto asseritamente responsabile dei danni al patrimonio sociale sia ancora titolare dei poteri di rappresentanza sostanziale della società, si rende necessaria la nomina di un curatore speciale (ai sensi dell’art. 78, co. 2 c.p.c.), atteso l’evidente ed attuale conflitto di interessi fra rappresentante (l’amministratore che sia anche dotato del potere di rappresentanza della società) e rappresentato (la società).

Il singolo socio può promuovere non solo l’azione volta ad ottenere il risarcimento del danno arrecato al patrimonio della società (agendo in vece di quest’ultima) ma anche l’azione volta ad ottenere il risarcimento del danno patito direttamente dal suo patrimonio (nelle s.r.l. ex art. 2476 sesto comma c.c., cui si applica il disposto di cui all’art. 2395 c.c., in quanto compatibile, previsto per la disciplina in tema di s.p.a.). Tale azione è volta a tutelare gli interessi individuali dei titolari di diritti non protetti dagli artt. 2393 e 2394 c.c. Infatti, il novero dei soggetti tutelati dalla disciplina sulla responsabilità degli amministratori non si esaurisce nella società e nei creditori, dal momento che l’offensività delle condotte può colpire direttamente i soci ed anche soggetti estranei alla compagine societaria: presupposto necessario per tale azione è il riscontro dell’incidenza diretta del danno – di cui all’avverbio “direttamente” ex art. 2395 c.c. – sul patrimonio del socio o del terzo medesimi.

I soci di una società di capitali non hanno titolo al risarcimento dei danni che costituiscano mero riflesso del pregiudizio arrecato da terzi alla società, in quanto siano una mera porzione di quello stesso danno subito dalla (e risarcibile in favore della) stessa, con conseguente reintegrazione indiretta a favore del socio.

L’azione promossa ai sensi dell’art. 2395 c.c., che si basi sulla contestazione all’amministratore unico di aver sostenuto spese non adeguate alla struttura sociale, costringendo quindi i soci a rinunciare al rimborso di finanziamenti erogati in favore della società al fine di coprire le perdite accumulate, fuoriesce dal perimetro della norma in oggetto: il danno subito dai soci, infatti, non può dirsi “diretto” ma risulta, al contrario, il riflesso della perdita patrimoniale subita dalla società per effetto della condotta posta in essere dall’amministratore medesimo. Tribunale di Roma, sezione imprese, sentenza 18494/2017 del 02/10/2017.

Focus Enti Locali


Asseverazione dei crediti e debiti delle partecipate di enti locali.


Assirevi ha emanato, nel mese di luglio 2018, il nuovo documento di ricerca (n.223) in materia di asseverazione dell’organo di controllo sui rapporti debitori e creditori tra l’ente locale e le sue partecipate.

Tale documento aggiorna il n. 202 (emanato nel luglio 2016) al fine di recepire le novità introdotte dall’IFAC con il progetto di revisione del principio di revisione internazionale ISA805.

Occorre, innanzitutto, premettere che il D.Lgs. 22 gennaio 2016, n. 10 ha abrogato il disposto dell’art. 6, c. 4, D.L. 6 luglio 2012, n. 95, il quale prevedeva che, a decorrere dall’esercizio finanziario 2012, i Comuni e le Province (nel seguito anche “Enti locali”) allegassero al rendiconto della gestione una nota informativa contenente la verifica dei crediti e debiti reciproci tra l’ente partecipante e le società partecipate. Tale informativa doveva essere asseverata dai rispettivi organi di revisione.

L’obbligo di allegare la nota informativa asseverata, tuttavia, rimane in vigore in quanto previsto dall’art. 11, c. 6, lett. j), D.Lgs. 23 gennaio 2011, n. 118 che la colloca all’interno della relazione sulla gestione da allegare al rendiconto, prevedendo che questa contenga “[…] j) gli esiti della verifica dei crediti e debiti reciproci con i propri enti strumentali e le società controllate e partecipate. La predetta informativa, asseverata dai rispettivi organi di revisione, evidenzia analiticamente eventuali discordanze e ne fornisce la motivazione; in tal caso l’ente assume senza indugio, e comunque non oltre il termine dell’esercizio finanziario in corso, i provvedimenti necessari ai fini della riconciliazione delle partite debitorie e creditorie; […]”.

In materia afferma Assirevi, nel recente documento di ricerca n. 223 del luglio 2018, che l’attività di asseverazione deve consistere nello svolgimento di una revisione contabile.

Pertanto, non ritiene sufficiente che l’organo di revisione si limiti alla sottoscrizione del prospetto contabile riportante i crediti e i debiti reciproci fra la Regione o l’Ente locale e la società partecipata o a sottoscrivere altre forme di attestazione con modalità non previste dai principi professionali di riferimento.

Nelle specifiche circostanze, l’oggetto della revisione è rappresentato dal prospetto contabile che evidenzia i crediti e i debiti reciproci. Il prospetto contabile sarà predisposto dalla partecipata accompagnato da una nota esplicativa che indichi le finalità della redazione dello stesso e i criteri contabili adottati.

Nei casi in cui la società che chiede il rilascio della relazione di revisione sia partecipata e abbia rapporti con più enti è ipotizzabile che la partecipata destinataria della relazione di revisione riepiloghi i rapporti reciproci in un singolo prospetto. Questo sarà oggetto di un’unica relazione di revisione.

Mutui Enti Locali: determinato il tasso annuale massimo.


E’ stato pubblicato sulla G.U. 214 del 14 settembre 2018, il Decreto 6 settembre 2018 del Ministero dell’Economia e delle Finanze, riguardante la “Determinazione del costo globale annuo massimo per le operazioni di mutuo effettuate dagli Enti Locali”. Il Mef ha ritenuto opportuno modificare le precedenti condizioni stabilite con Dm. 16 giugno 2015, fissando nuovi livelli massimi che siano – a detta del Legislatore – “più rappresentativi dei livelli di mercato”. Nelle premesse del Decreto in commento, come già nel precedente, si richiama il Dl. n. 66/89, convertito nella Legge n. 144/89 che, all’art. 22, comma 2, dispone che, periodicamente, il Ministro del Tesoro determini, con proprio Decreto, le condizioni massime da applicare ai mutui da concedere agli Enti Locali anche per uniformare il trattamento di erogazione.

Estrazione revisori Enti Locali.


Si ricorda che è operativo sul portale del Dipartimento per la funzione pubblica una funzione di ricerca che agevolmente consente di visualizzare le ultime estrazioni effettuate presso le prefetture delle cinque province della Regione per l’esercizio della funzione di revisore dell’Ente locale.

Si segnala, altresì, che è stata resa disponibile una nuova funzione che permette la visualizzazione di alcuni dati statistici significativi relativi al numero di iscritti articolati per fascia e territorio, ai sorteggi effettuati e a quelli da effettuare.

Consulta le estrazioni più recenti

Collegati al sito

Economia del territorio


Si riporta l’elenco provvisorio delle ultime procedure concorsuali la cui pubblicazione è disponibile sui portali di servizio a curatori e creditori che operano in collaborazione con il Tribunale di Napoli Nord. L’elenco è relativo alle ultime procedure dichiarate.

Dall’inizio dell’anno alla data odierna le procedure pubblicate sui portali di servizio sono 94 e 7 i concordati. Nel 2017 sono state 190 le procedure fallimentari e 14 i concordati.

Si ricorda che complessivamente nel 2016 si sono registrate 168 sentenze dichiarative di fallimento; nel 2015 sono state 218 le sentenze emesse, contro le 140 procedure dichiarate nel corso del 2014. Nel 2015 si è registrata l’apertura di 8 concordati e di 3 procedure di composizione di crisi da sovraindebitamento. Nel 2016 i concordati sono stati 12, mentre nel 2017 sono stati 16 e 4 nel 2018. Nel dettaglio si riportano i dati riscontrabili sui siti di servizio:

Procedure fallimentari

Procedura Tipo Num. Data aper. Curatore Titolo Giudice Delegato
n.d. Fall 94 20/09/18 Leccia Francesca Dott. NN Di Giorgio Giovanni
n.d. Fall 93 20/09/18 Leccia Francesca Dott. NN Di Giorgio Giovanni
n.d. n.d. 92 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. Fall 91 20/09/18 Capone Ersilio Luca Avv. Na De Vivo Maria
n.d. n.d. 89 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 88 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 87 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 86 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. Fall 85 07/08/18 Suriano Nicola Dott. CE Satta Cristiana

Altre procedure

Procedura Tipo Num. Data aper. Commiss. Titolo Giudice Delegato
n.d. C.P. 7 23/08/18 Orabona Francescopaolo

Dott.

NN

Lamonica M.G.
n.d. n.d. 6 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. C.P. 5 04/07/18

Corbello Francesco

Trombetta Gabriele

Dott.

NN

Avv

SMCV

De Vivo Maria
n.d. C.P. 4 08/06/18

Capone Angelo

Barone Mario

Dott. NN

Avv Na.

Satta Cristiana
n.d.   3 08/06/18

Cantone Michele

Cesàro Vincenzo Maria

Dott.

NN

Avv.

Na

Rabuano Arminio Salvatore
n.d.   2 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. C.P. 1 n.d. Grimaldi Paolo

Dott.

NA

Lamonica M.G.
n.d. C.P. 16 06/12/17 Megale Massimiliano

Dott.

NN

Di Giorgio Giovanni
n.d. n.d. 15 n.d. n.d. n.d. n.d.
Bollicine Marotta s.a.s. di Mallardo Francesco & C. C.P. 14 14/09/17

Rossi

Guido

Villano

Enrico

Dott.

NN

Dott.

NN

Di Giorgio Giovanni
PERILLO COSTRUZIONI GENERALI SRL C.P. 13 07/09/17


D'Alò Ferdinando

Dott.

NA

Caria Enrico
WATTSUD L.E.P. SPA C.P. 12 04/10/17

Giordano Francesco

Nappi

Severino

Dott.

NA

Avv Na

Rabuano Arminio Salvatore
MACE Srl C.P. 11 06.07.17

Soprano

Luigi

Dott.

NA

Satta Cristiana
Diversificazioni Bonifiche Fabbricazioni Industriali s.r.l. C.P. 10 05.07.17

Macchioni Riccardo

Caruso Giuseppe

Prof.

Na

Avv Na

Di Giorgio Giovanni
COCCOFRESCO s.a.s. di Crispino Pasquale & C. C.P. 9 30.05.17

Volpe

Sergio

Dott.

NA

Caria Enrico
n.d. n.d. 8 n.d. n.d. n.d. n.d.

Tribunale Napoli Nord: sezione sovra indebitamento.

Il tribunale di Napoli Nord ha attivato una sezione dove sono pubblicati i piani omologati con tutta la documentazione inerente. Per consultare la sezione è possibile raggiungere il seguente link:

http://www.tribunale.napolinord.giustizia.it/sovraindebitamenti.aspx

Fonte: Portale dei Fallimenti di Napoli Nord -realizzato da Zucchetti software giuridico srl; “Procedure.it” di Aste Giudiziarie inlinea Spa; sito internet Tribunale Napoli Nord.

L’ANC Napoli Nord declina qualsiasi responsabilità per errori, inesattezze ed omissioni eventualmente presenti negli elenchi, rinviando i lettori alla verifica dei dati pubblicati presso il Tribunale per verificarne la completezza e l'esattezza dei dati riportati.

Circolari di altri Enti di interesse professionale


Si rende noto che sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Banca dati CERDEF integrata di normativa, prassi e giurisprudenza in materia fiscale.

Accedi alla Banca Dati CERDEF

Le ultime circolari dell'A.d.E.

  • Circolare n. 18 del 01/08/18

Questioni fiscali di interesse delle associazioni e delle società sportive dilettantistiche di cui all’articolo 90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, emerse nell’ambito del Tavolo tecnico tra l’Agenzia delle entrate ed il Comitato Olimpico Nazionale Italiano - pdf

  • Circolare n. 17 del 23/07/18

Cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per gli interventi di efficienza energetica nonché per gli interventi relativi all'adozione di misure antisismiche – articoli 14 e 16 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63 – ulteriori chiarimenti - pdf

  • Circolare n. 16 del 23/07/18

Trattamento dei crediti tributari e contributivi - Articolo 182-ter del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, come modificato dall’articolo 1, comma 81, della legge 11 dicembre 2016, n. 232 - pdf

  • Circolare n. 15 del 12/07/18

La disciplina dei beni significativi alla luce della norma di interpretazione autentica dell’articolo 7, comma 1, lettera b), della legge 23 dicembre 1999, n. 488, introdotta dall’articolo 1, comma 19, della legge 27 dicembre 2017, n. 205 - pdf

  • Circolare n. 14 del 06/07/18

Studi di settore e parametri – periodo di imposta 2017 - pdf

Ultimi Provvedimenti e Risoluzioni A.d.E.

Pubblicità delle risposte fornite in relazione alle istanze di interpello e consulenza giuridica - pdf

  • Risoluzione n. 68 del 21/09/18

Interpello - Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212. Comunicazione dei dati e delle fatture emesse – Articolo 21 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 - pdf

  • Risoluzione n. 67 del 20/09/18

Esonero dalla compilazione della sezione III del quadro AC del modello Redditi e del quadro K del modello 730 per interventi di recupero del patrimonio edilizio su parti comuni di edifici condominiali nel caso di bonifici soggetti a ritenuta alla fonte - pdf

  • Risoluzione n. 66 del 19/09/18

Espropriazione di beni a favore del demanio dello Stato - applicabilità del regime di esenzione dalle imposte indirette - pdf

  • Risoluzione n. 65 del 18/09/18

Istituzione del codice tributo, per l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d’imposta denominato “SPORT BONUS” - art. 1, comma 363, della legge 27 dicembre 2017, n. 205 e DPCM del 23 aprile 2018 - pdf

Le ultime guide fiscali pubblicate da A.d.E.

Si segnalano le seguenti guide edite dall’Agenzia delle Entrate e recentemente aggiornate

Aggiornamento febbraio 2018

Aggiornamento febbraio 2018

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento settembre 2017

Aggiornamento aprile 2017

Aggiornamento gennaio 2017

Aggiornamento gennaio 2017

Servizi Telematici

  • Modalità di utilizzo del canale di assistenza telematica: Il canale CIVIS può essere utilizzato sia dai contribuenti che dagli intermediari.

Accedi al servizio

  • Come prendere un Appuntamento con l'Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale.

Accedi al servizio

  • Web Ticket - Prenotazione di biglietti elimina-code tramite internet:

Accedi al servizio

INPS: ultimi documenti pubblicati


Si rende noto che sul sito dell’INPS sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Vai alla pagina INPS - circolari

FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA


In questa sezione verrà data segnalazione di eventi formativi accreditati ai fini della formazione professionale continua.

Calendario delle prossime attività formative

Data Titolo evento Sede

Organizzatore

Accreditante

Tipo Crediti fpc

26.09.2018

14:30-19:00

La Fatturazione Elettronica obbligatoria: aspetti organizzativi e fiscali.

Hotel del Sole

P.zza Mazzini, 27 81031 Aversa

ANC Napoli Nord

UN.I.CO. Napoli Nord

CAF CGN SpA

ODCEC

Napoli Nord

Gratuito aula 4 fpc

27.09.2018

09:00-19:30

IL SISTEMA DI BILANCIO DEGLI ENTI LOCALI, IL BILANCIO CONSOLIDATO Sala convegni ODCEC Napoli Sede - Piazza dei Martiri, 30 - 80121 Napoli

Ancrel Campania

ODCEC Napoli

Gratuito aula

8 fpc

8 EE.LL.

25.10.2018          

Avvisi e informazioni utili


Contributo d'iscrizione 2018 all'Associazione Nazionale Commercialisti Napoli Nord


Il Consiglio direttivo della sezione Napoli Nord dell’Associazione Nazionale Commercialisti ha determinato il contributo d'iscrizione annuale per l’anno 2018 in euro 60,00. Di tale importo si precisa che circa il 40% viene riversato dall’associazione locale all’ANC Nazionale.

Il contributo sarà utilissimo per finanziare tutte le attività sindacali che la nostra associazione sta portando avanti sul territorio e le altre che sono in procinto di partire nel brevissimo periodo. Inoltre, attraverso l’adesione, si avrà diritto ad accedere a convenzioni vantaggiose, a ricevere quotidianamente un’utilissima rassegna stampa, oltre ad essere aggiornati settimanalmente con la newsletter sulle notizie di interesse locale e non e poter avere accesso ai percorsi formativi che l’associazione organizzerà, anche a quelli e-learning.

Il versamento della quota può essere effettuato con bonifico da appoggiare sul c/c bancario UNICREDIT intestato ad “Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord” - IBAN: IT52D0200874791000103632305 – specificando nominativo, ordine di appartenenza e matricola, codice fiscale. Le coordinate per il pagamento della quota d’iscrizione, assieme al modulo di adesione, saranno a breve anche compilabili sul portale internet all’indirizzo: www.ancnapolinord.it. Per segnalare articoli e documenti di interesse comune è possibile inviare un messaggio con i propri riferimenti personali all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Per chiedere informazioni generali: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cassa Ragionieri: attivo lo sportello previdenza di ANC


Sportello Previdenza è il servizio destinato agli iscritti all’Associazione e curato dall’Associazione Nazionale Commercialisti, il cui obiettivo è di agevolare il rapporto di comunicazione degli iscritti alla Cassa di Previdenza Ragionieri con il proprio ente pensionistico, interessando la figura del Garante dell’Iscritto.

Per informazioni e contatti è possibile contattare la segreteria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cordiali saluti.

Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord

Consiglio direttivo

Presidente

Antonio Carboni

Vicepresidenti

Mauro Galluccio

Enza Pisano

Segretario

Marco Idolo

Tesoriere

Marianna D'Orta

Consiglieri

Filippo Cacciapuoti

Carlo D'Abbrunzo

Giuliana Di Caprio

Giovanni Granata

Salvatore Iorio

Nicola Padricelli

Vincenzo Panico

Pasquale Ristorato

Collegio dei revisori

Luigi Apicella

Corrado Civile

Felice Tranchese