TX Nefario - шаблон joomla Форекс
logoanc nanord  
 

 

 

 
     

     

Gentile Collega,

Ti trasmettiamo il numero 33-2018 della nostra newsletter settimanale, sperando di fare cosa gradita. Ti invitiamo a consultare il nostro portale internet, dove potrai trovare tutti i riferimenti per effettuare o rinnovare l'iscrizione, che ti consentirà di accedere a tutti i nostri servizi associativi. Nel segnalarti che potrai seguire le attività dell’Associazione Napoli Nord anche sul nostro profilo Facebook, ti ricordiamo che le informative precedenti, relative agli anni precedenti ed all’anno in corso, sono consultabili sul sito nell'apposita sezione. Un caro saluto e una buona lettura!

Il Consiglio direttivo

Informativa ANC Napoli Nord n° 33-2018 - 6 ottobre 2018

A cura del Consiglio direttivo ANC Napoli Nord

Hanno collaborato a questo numero:

Antonio Carboni, Mauro Galluccio, Giovanni Granata, Marco Idolo, Carlo D’Abbrunzo.

In primo piano


"Fattura elettronica: lo strumento per rendere efficiente lo Studio e proteggere il proprio business" - Aversa 25 ottobre 2018.


La nostra Associazione ha organizzato un secondo incontro sul tema della fatturazione elettronica, che tratterà in maniera più approfondita le problematiche organizzative di studio, valutando le possibili soluzioni procedurali studiate dalla nostra Associazione.

L’incontro, che è stato riconosciuto dall’Ordine di Napoli Nord ai fini della FPC di Commercialisti ed Esperti contabili, si terrà presso la sala convegni dell’ODCEC di Napoli Nord, in Aversa alla via Diaz 89, il prossimo 25 ottobre, dalle ore 15:30, ed attribuirà ai partecipanti fino ad un massimo di tre crediti in materie speciali per ogni ora di effettiva partecipazione. Dopo i saluti istituzionali del Presidente dell'ODCEC di Napoli Nord, Antonio Tuccillo, e del Presidente di ANC Napoli Nord, Antonio Carboni, prenderanno avvio i lavori che vedranno la partecipazione di Riccardo Cappannelli, Consigliere nazionale ANC e Domenico Navarra, CEO Studio Boost, partner tecnologico di ANC sul tema della fatturazione elettronica. L'appuntamento sarà un momento prezioso per approfondire le problematiche legate all'introduzione della fatturazione elettronica ed alla riorganizzazione dei processi dello studio professionale anche nei rapporti con la propria clientela, con l'illustrazione delle soluzioni studiate da ANC e StudioBoost.

Clicca per info e prenotazioni

Assemblea generale degli Associati ANC Napoli Nord: approvazione rendiconti e sostituzione organi.


Si informa che il prossimo 25 ottobre è stata convocata l'assemblea degli associati per l'approvazione dei bilanci consuntivo e previsionale e per rinnovare le cariche sociali a seguito delle dimissioni del Tesoriere. Agli associati sarà trasmesso l'avviso di convocazione assembleare e tutta la documentazione relativa.

Equo compenso: l'Ordine degli Avvocati di Napoli Nord boccia il bando del comune di Marano di Napoli.


Il grido di allarme lanciato dalla nostra Associazione a marzo del 2015 è stato ascoltato dall'Ordine degli Avvocati di Napoli Nord, che, su sollecitazione delle sigle sindacali presenti sul territorio, ha deciso di impugnare presso il TAR Campania il bando (con il quale si va a rinnovare l'elenco dei difensori dopo un triennio) in difesa dell'Equo compenso dei propri Iscritti. L'ODCEC di Napoli Nord, al quale la nostra Associazione ha segnalato il problema già tre anni fa, ha dato pubblicità al bando sul proprio sito istituzionale.

Il Consiglio – spiega il presidente del neonato Ordine forense di Napoli Nord in un comunicato stampa – all’unanimità ha deciso di conferire incarico per la proposizione di ricorso innanzi al TAR, nell’interesse degli avvocati iscritti all’Albo avverso tale avviso pubblico che lede la professionalità di tutti i colleghi. Si cerca in questo modo – continua il Presidente – di svilire la professionalità di tanti colleghi, riducendoli in alcuni casi alla stregua di meri passacarte. Già i livelli dei pagamenti – conclude il numero uno degli Avvocati – erano scesi oltremodo e sotto i livelli dei minimi, ma arrivare alla gratuità degli incarichi è impensabile ed appare improponibile. No alla gratuità dell’incarico, non si lavora gratis. Non possiamo permetterlo”. Non possiamo che plaudire alla capacità di ascolto degli Avvocati!

Iniziativa ANC Napoli Nord del 2015

Il video reportage COA Napoli Nord

GDPR: la soluzione sviluppata da ANC Napoli Nord per la gestione della Privacy.


Si ricorda che ANC Napoli Nord ha sottoscritto un accordo con una primaria software-house e con uno studio legale specializzato in consulenza privacy, per la gestione degli adempimenti introdotti dal nuovo regolamento europeo GDPR. Grazie alla convenzione i Professionisti associati, per il proprio studio e per i propri clienti, a costi estremamente convenienti rispetto a quelli di mercato, potranno gestire tramite piattaforma cloud tutti gli adempimenti prescritti dalla nuova normativa europea in materia di privacy, arrivando a produrre tutta la documentazione prescritta dalla normativa interamente personalizzabile.

La soluzione, spiega il Presidente ANC Napoli Nord, Antonio Carboni, è pensata dai Commercialisti per i Commercialisti al fine di gestire quest'importante opportunità che può vederci protagonisti in un importante area di servizi da proporre alle aziende clienti. L'intesa sottoscritta prevede costi decrescenti in base al numero di licenze attivate per i clienti di studio (fino a 10, da 11 a 20, da 21 a 30 ed oltre 30), nei cui confronti il Commercialista potrà gestire autonomamente il proprio rapporto di consulenza.

Gli Associati ANC potranno, altresì, avvalersi - con un minimo costo aggiuntivo - del consulente privacy per un assessment legale finalizzato alla redazione del piano oppure, a tariffe agevolate preconcordate tra il consulente privacy e ANC, gli iscritti ANC potranno offrire, altresì, a quei clienti con un'organizzazione e problematiche complesse, una consulenza “ad hoc”.

Per Carlo D'Abbrunzo, Consigliere ANC Napoli Nord, delegato alla privacy, attraverso lo strumento informatico messo a disposizione e con l'ausilio dell'esperto legale, ciascun Associato ANC Napoli Nord potrà gestire il processo privacy per i propri clienti, evitando così di dover delegare completamente a terzi questo importante ambito di consulenza.

Per ogni informazioni è possibile contattare il Collega Carlo D’Abbrunzo (cell: 3394806841) o inviare una mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con oggetto “richiesta informazioni convenzione GDPR”.

Guarda il video dimostrativo su YouTube

Comunicazione dati fatture corretta entro 15 giorni con sanzione dimezzata.


Decorso il termine del 1° ottobre 2018 per l’invio della comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute nel secondo trimestre o nel primo semestre 2018, nella ipotesi di mancato, tardivo o erroneo invio, si richiamano le modalità previste per regolarizzare eventuali violazioni.

Nel caso di comunicazione formalmente corretta e quindi non scartata, che tuttavia riporta dati errati con riferimento ad alcune fatture, può eseguire la correzione annullando i dati trasmessi e inviando successivamente una nuova comunicazione con i dati corretti, oppure rettificando la comunicazione originariamente inviata con la modifica dei soli dati errati.

In caso di annullamento, i dati inviati con la comunicazione originaria si considerano non trasmessi. In caso di rettifica, invece, i dati originari sono sostituiti da quelli corretti (si precisa, a tal proposito, che anche nell’ipotesi di più rettifiche, la comunicazione da modificare è quella originaria). Non sembra consigliabile l’invio di una nuova comunicazione senza annullamento o rettifica dei dati originari. Nell’ambito delle FAQ pubblicate sul sito Fatture e Corrispettivi, infatti, l’Agenzia delle Entrate invita a non replicare gli invii, precisando che i dati di una fattura trasmessi più volte in comunicazioni distinte, pur essendo accettati, sono memorizzati come se si trattasse di dati di fatture differenti, e soltanto in un secondo momento sono sottoposti al controllo che esclude le duplicazioni. Diversa è l’ipotesi in cui la comunicazione risulti incompleta, ossia priva dei dati di alcune delle fatture del periodo di riferimento.

In tal caso, l’Agenzia ammette l’invio di una nuova comunicazione senza annullamento o rettifica della precedente. Tuttavia, il nuovo file deve contenere i soli dati delle fatture non ancora trasmessi (proprio al fine di evitare duplicazioni).

Se l’invio successivo all’annullamento, la rettifica o l’integrazione della comunicazione avvengono entro i termini previsti per l’adempimento non si configura alcuna violazione.

Qualora invece il termine sia già decorso e la comunicazione risulti omessa o errata, si applica la sanzione prevista dall’art. 11 comma 2-bis del DLgs. 471/97, pari a 2 euro per ciascuna fattura omessa o errata, con un massimo di 1.000 euro per trimestre. La sanzione è ridotta alla metà (un euro per ciascuna fattura con un massimo di 500 euro per trimestre) nel caso in cui l’invio della comunicazione correttiva avvenga entro 15 giorni dalla scadenza. Per quanto riguarda la comunicazione del secondo trimestre o primo semestre 2018, dunque, la sanzione “ridotta” si applica se l’invio correttivo è effettuato entro il 16 ottobre 2018.

Al fine di regolarizzare la comunicazione omessa o errata è inoltre possibile avvalersi del ravvedimento operoso, fruendo dunque di un’ulteriore riduzione delle sanzioni applicabili.
In base a quanto indicato nella ris. Agenzia delle Entrate n. 104/2017, il ravvedimento si applica sulla sanzione “ridotta” se la regolarizzazione della comunicazione avviene entro 15 giorni dalla scadenza esulla sanzione “piena” se la regolarizzazione avviene a partire dal 16° giorno.

Dopodiché, la riduzione della sanzione si determina in base al momento in cui viene perfezionato il ravvedimento mediante il versamento della sanzione stessa.

Modelli organizzativi 231 obbligatori, il disegno di legge.


Presentato da un gruppo di Senatori un disegno di legge modificativo del D.Lgs. n. 231/2001 che prevede l'obbligatoria adozione del modello 231 per determinate categorie di enti collettivi.

Le società di capitali (srl, spa, sapa, cooperative) e quelle consortili, che anche solo in uno degli ultimi 3 esercizi hanno conseguito un attivo dello stato patrimoniale non inferiore a € 4.400.000, o ricavi di vendite e prestazioni pari o superiori a € 8.800.000, nonché le società controllanti ai sensi dell'art. 2359 C.C. di una o più srl, spa, sapa, cooperative che hanno raggiunto o superato i detti limiti dimensionali, devono approvare con delibera dell'organo amministrativo o dell'assemblea dei soci l'adozione del modello organizzativo 231 e nominare l'organismo di vigilanza. Entro 10 giorni tale delibera deve essere depositata presso la Camera di commercio di riferimento, e l'inosservanza di questo obbligo comporta una sanzione amministrativa di € 200.000, applicata anche nel caso di mancata nomina dell'organismo di vigilanza.

La sanzione è altresì applicata per ciascun anno solare in cui permane l'inosservanza di entrambi i detti obblighi: mancato deposito e mancata nomina dell'organismo di vigilanza.

Qualora il deposito della delibera avvenga tardivamente, la sanzione amministrativa è di € 50.000.

Tra le argomentazioni poste a fondamento della proposta legislativa, secondo i proponenti è necessario che nel nostro ordinamento siano poste basi maggiormente solide “perché si sviluppi una cultura della legalità d'impresa e della prevenzione di ogni stortura e abuso dell'iniziativa economica privata e pubblica”. Sarà interessante seguire l'iter legislativo di questa proposta di legge, soprattutto per quanto riguarda sia l'asprezza dell'apparato sanzionatorio, sia la possibile violazione del principio di autonomia dell'imprenditore nella gestione della sua azienda.

Perché, è bene ricordarlo, paradigmi del D.Lgs. n. 231/2001 sono l'autocontrollo di cui l'impresa si dota in piena autonomia e la sua eticità nella conduzione degli affari, due aspetti che è ben difficile imporre per legge. Prova ne sia che il legislatore del 2001 non ha prescritto nessun obbligo in merito all'adozione del modello organizzativo 231.

Dillo al Consiglio di ANC Napoli Nord.


Il Consiglio direttivo di ANC Napoli Nord ha istituito la casella di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. dedicata ad acquisire indicazioni e suggerimenti da parte degli iscritti sull’operatività o su eventuali disservizi degli uffici finanziari, giudiziari, previdenziali ed in generale degli uffici della P.A. d’interesse generale. Si invitano gli iscritti a segnalare anomalie riscontrate negli uffici frequentati al fine di consentire di individuare le principali criticità o problematiche di interesse generale per realizzare interventi mirati, il tutto sempre nell’ottica e con lo spirito di una collaborazione costruttiva a favore della Categoria.

Altre notizie e documenti di interesse professionale


Fondazione Nazionale dei Commercialisti

La fatturazione elettronica nel settore dei subappalti

Pubblicato il documento che illustra le novità relative all’obbligo di fatturazione elettronica nei subappalti pubblici, introdotto a far data dal 1 luglio 2018.

Consulta il documento

Le novità della V Direttiva antiriciclaggio

Pubblicato il documento che analizza le novità della V Direttiva antiriciclaggio con particolare attenzione agli aspetti di interesse per i professionisti coinvolti nell’attuazione della specifica normativa.

Consulta il documento

Indagine statistica 2018 sui dottori commercialisti ed esperti contabili. Anteprima dei risultati

Pubblicate le elaborazioni parziali (al 13/09/2018) dei risultati dell’Indagine statistica 2018. Al momento dell'elaborazione i questionari raccolti on line (attraverso il metodo CAWI) sono 7.318, con un tasso di completamento delle risposte pari al 69%. Si tratta del campione più "robusto" se confrontato con le indagini degli anni precedenti.

Consulta i risultati parziali

Si informa, infine, che sul sito della FNC sono pubblicati i seguenti strumenti operativi di controllo a supporto dell’attività svolta dai collaboratori negli studi professionali:

CNDCEC: Ultime pubblicazioni


Il Consiglio nazionale dei Dottori Commerciali e degli Esperti Contabili ha pubblicato i seguenti documenti:

Pronto Ordini


Si segnalano le seguenti risposte fornite dal Consiglio Nazionale ai quesiti formulati dagli Ordini in merito allo svolgimento della professione.

Non solo tasse…


Questa sezione è stata attivata per fornire informazioni su attività culturali, ludiche e ricreative in programma nell’ambito del circondario.

Per segnalazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leonardo da Vinci in mostra a Sorrento con le opere e le invenzioni funzionanti.


Fino al 5 novembre 2018 la mostra intitolata “Leonardo Da Vinci, l’orgoglio italiano” allestita nella suggestiva cornice del Convento di San Francesco a Sorrento in piazza Gargiulo.

In mostra ci sono le riproduzioni dei capolavori di Leonardo e i suoi codici, oltre alle macchine in scala e a grandezza naturale create per questo evento che onora uno dei più grandi geni dell’umanità. Fra le invenzioni esposte si trovano le macchine per il volo, come il predecessore del paracadute, una bicicletta, una sega idraulica e altro ancora. A suscitare grande interesse è anche la riproduzione del primo e unico dipinto autografo di Leonardo realizzato all’età di 19 anni, ossia la “mattonella di Leonardo” rappresentante il viso dell’arcangelo Gabriele e forse anche autoritratto del da Vinci stesso. Informazioni: 0818631581 3391888611 Sito ufficiale

Fiabe d’autunno all’Orto Botanico di Napoli.


Dal 15 settembre al 18 novembre 2018, si terrà la ventitreesima edizione di Fiabe d’Autunno nella suggestiva cornice dell’Orto Botanico di via Foria, nel cuore di Napoli.

Ogni sabato e domenica, a partire dalle ore 11, verranno proposti ben otto spettacoli tratti da alcune delle fiabe più conosciute da grandi e piccini. Programma di Fiabe d’Autunno 2018 29 e 30 settembre “Con le ali di Peter”, 6 e 7 ottobre “Gli alberi di Pinocchio”, 13 e 14 ottobre “Un Brutto Anatroccolo”, 20 e 21 ottobre “L’albero del sole”, 27 e 28 ottobre “Nello specchio di Biancaneve”, 3 e 4 novembre Il Magico Pifferaio, 10 e 11 novembre Il Magico Pifferaio, 17 e 18 novembre Il popolo del bosco. Real Orto Botanico, via Foria 223, sabato e domenica dalle ore 11, biglietto di ingresso da 8 euro, fino ad un massimo di 80 spettatori. Informazioni: Sito I Teatrini | Pagina Facebook | tel. 081 033 06 19 (dalle 9.30 alle 17.00) | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Musei gratis a Napoli domenica 7 ottobre 2018.


Domenica 7 ottobre 2018 ci saranno i musei gratis in città e anche nel resto della Campania e chiunque potrà visitare la struttura che ancora non conosce e ammirarne le collezioni

Osservatorio professionale


Focus tributario


Utili del socio subentrante, lo spartiacque è il rendiconto.


Nelle società di persone il diritto agli utili matura solo con l’approvazione del rendiconto. Per questo motivo, anche il maggior reddito eventualmente accertato alla società non può essere contestato “per trasparenza” in capo a un socio receduto nel corso dell’anno. Principio peraltro valido anche in caso di società di capitali a ristretta base partecipativa.

Nel caso specifico, la vicenda riguarda un avviso di accertamento notificato a una persona fisica per il fatto di aver assunto la qualifica di socio in una Srl, anch’essa accertata per la stessa annualità. L’atto contestava un maggior reddito da partecipazione in ragione della percentuale di capitale detenuta dall’ex socio.

Nella ordinanza 20.126/2018, i giudici di legittimità hanno fondato la decisione sul principio tributario (consolidato, a parere della Suprema Corte) secondo cui “qualora nel corso di un esercizio sociale di una società di persone si sia verificato il mutamento della composizione della compagine sociale, con il subentro di un socio nella posizione giuridica di un altro, i redditi della società devono essere imputati, ai sensi e per gli effetti dell’articolo 5 del D.P.R. 917/1986, esclusivamente al contribuente che sia socio al momento della approvazione del rendiconto (e, quindi, al socio subentrante) proporzionalmente alla sua quota di partecipazione agli utili, e non già al socio uscente e a quello subentrante attraverso una ripartizione in funzione della rispettiva durata del periodo di partecipazione alla società nel corso dell’esercizio”.

Focus societario


Mancanza di interesse ad agire in caso di impugnativa di bilancio.


Nel caso in cui in bilancio siano recepite poste per sanzioni e penalità o risarcimenti danni comminate ai soci attraverso una delibera del c.d.a., non sussiste l’interesse, in capo ai medesimi soci, all’impugnativa di tale bilancio qualora sia già stata impugnata la delibera del c.d.a. dalla cui efficacia dette poste dipendono.

L’interesse ad agire previsto dall’art.100 c.p.c. integra una condizione della azione, la cui carenza è rilevabile anche di ufficio, e presuppone la esigenza di ottenere, attraverso la domanda giudiziale, un risultato utile, una tutela rispetto alla prospettata situazione antigiuridica, che non si potrebbe altrimenti conseguire senza l’intervento del giudice; la pronuncia deve quindi essere indispensabile, per ottenere il risultato. L’art.2388 c.c. che riguarda l’impugnazione delle delibere del c.d.a.  richiama le disposizioni di cui ai commi 7° e 8° dell’art.2377 c.c., cosicché anche degli esiti di tali impugnative gli amministratori e gli organi di controllo sono tenuti a prendere atto, rettificando gli atti sociali in coerenza, predisponendo di conseguenza nuove delibere, se del caso, e nuovi bilanci da sottoporre alla assemblea per una nuova approvazione, così conformando la organizzazione e la vita sociale ai principi statuiti in sede giurisdizionale, ovvero nella alternativa sede dell’arbitrato, ove questa sia stata la scelta statutaria. L’adozione di tali provvedimenti, costituente l’oggetto di un preciso obbligo normativo posto a carico degli amministratori, è idonea a soddisfare in modo pieno ed esaustivo gli interessi, anche di tipo informativo, della parte che invoca il medesimo vizio in relazione al bilancio successivo all’impugnazione di tale delibera.

Responsabilità della società conferitaria per i debiti dell’azienda ceduta è l’annotazione di tali debiti nei libri contabili obbligatori.


Le domande di manleva o di garanzia avanzate nei confronti di una società successivamente dichiarata fallita, in mancanza di contestazione da parte del convenuto autorizzato alla chiamata della propria legittimazione sostanziale rispetto alla domanda proposta dall’attore, sono improcedibili e devono essere coltivate esclusivamente mediante l’insinuazione al passivo nella procedura concorsuale aperta nei confronti di tale società nel rispetto della par condicio creditorum. Al contrario, la domanda di manleva proposta nei confronti degli altri condebitori e garanti in bonis, trattandosi di una ipotesi di litisconsorzio facoltativo, non sono attratte al foro fallimentare (conf. Cass. 27856/2008).

A differenza di quanto prevede l’art. 2558 c.c. in materia di contratti, l’effetto traslativo che si realizza nel caso di conferimento di un’azienda ad una società non si estende ai debiti inerenti all’esercizio dell’azienda ceduta anteriori al trasferimento, se non risulta che i creditori vi abbiano consentito. Secondo la regola generale prevista dall’art. 2560 c.c., l’acquirente dell’azienda (nel caso di specie la società conferitaria) risponde di tali debiti nei confronti dei creditori aziendali soltanto se essi risultano dai libri contabili obbligatori. L’intervenuta annotazione dei debiti inerenti all’esercizio dell’azienda ceduta nei libri contabili obbligatori è dunque l’elemento costitutivo della responsabilità dell’acquirente dell’azienda e, data la natura eccezionale della norma che prevede tale responsabilità, non può essere surrogata dalla prova che l’esistenza dei debiti che incombono sull’azienda ceduta era comunque effettivamente conosciuta da parte dell’acquirente (conf. Cass. 22831/2010; Cass. 4726/2002).

L’onere di provare la sussistenza dell’annotazione del debito in questione nelle scritture contabili obbligatorie spetta al creditore, non potendosi in alcun modo integrare un’annotazione generica delle operazioni mediante ricorso ad elementi esterni di riscontro, né essendo tanto meno sufficiente l’allegazione dei bilanci delle società (nel caso di specie, peraltro, l’unico bilancio che evidenziava il debito contestato era relativo all’esercizio successivo a quello del conferimento e il curatore fallimentare aveva dichiarato di non aver rinvenuto le scritture contabili della società conferente poi dichiarata fallita).

Focus Enti Locali


Appalti: dal 18 ottobre documenti di gara elettronici.


Dal 18/10/2018 vi saranno semplificazioni per l'accesso ai bandi di gara pubblici Ue e sarà possibile presentare le offerte elettronicamente a tutte le amministrazioni aggiudicatrici dell'Ue attraverso il Documento di gara unico europeo (DGUE). Questo DGUE dovrà essere predisposto in conformità alle regole tecniche che saranno emanate da AgID (Agenzia per l'Italia digitale).

A ricordare l'entrata a regime degli appalti elettronici è la stessa Commissione Europea, divulgando una nota tecnica sul tema. Si rammenta che tale obbligo è stato previsto dal codice appalti (art. 85, c. 1, D.Lgs. n. 50/2016) e dal regolamento Ue n. 7/2016, che ha adottato il modello DGUE per tutti i Paesi membri.

Il documento di gara unico europeo elettronico è un'autodichiarazione dell'impresa sulla propria situazione finanziaria, sulle proprie capacità e sulla propria idoneità per una procedura di appalto pubblico. Soltanto l'aggiudicatario è tenuto a fornire prove documentali complete.

In futuro, potrebbe essere eliminato anche questo obbligo qualora tali prove possano essere collegate elettronicamente alle banche dati nazionali. L'adozione del DGUE elettronico mira pertanto a ridurre gli oneri documentali ed economici a carico dei soggetti partecipanti alle procedure di gara e a semplificare le procedure di verifica delle stazioni appaltanti. Dal 18.10.2018, un operatore economico potrebbe evitare di fornire documenti amministrativi complementari nel caso in cui l'amministrazione aggiudicatrice possieda già tali documenti. Il ricorso agli appalti elettronici rende la procedura più trasparente, riduce l'interazione sleale tra i funzionari responsabili degli appalti e gli operatori economici e facilita l'individuazione di irregolarità e corruzione.

Contributi dovuti all’Aran dagli Enti Locali.


Il Ministero dell’Interno e l’Aran, con il Comunicato congiunto datato 27 settembre 2018, hanno fornito indicazioni relative al pagamento del contributo annuo destinato all’Agenzia. Si ricorda che, in applicazione del Decreto interministeriale 27/11/2013, le somme dovute all’Aran dagli Enti Locali per l’attività di contrattazione ed assistenza sono state decurtate nel corso del 2018, oltre che da risorse relative a trasferimenti erariali a qualunque titolo assegnati agli Enti Locali, da:

  • il “Fondo di solidarietà comunale” con riferimento ai Comuni;
  • il “Fondo sperimentale di riequilibrio provinciale” per quanto riguarda le Province.

Il Ministero dell’Interno ha comunicato all’Aran la lista degli Enti per i quali non è stato possibile provvedere al recupero dell’importo del contributo in questione e che dovranno pertanto procedere al pagamento diretto delle somme dovute.

Si tratta, rispettivamente, di 527 Comuni, 67 Comunità montane, 300 Unioni di Comuni, 8 Città metropolitane e 33 Province. Tali Enti riceveranno per posta una comunicazione ufficiale corredata da bollettino precompilato (C/C postale n. 1007942384 – Codice Iban: IT24 U076 0103 2000 0100 7942 384). Eventuali richieste di chiarimento relative all’importo del contributo dovuto dovranno essere rivolte all’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Estrazione revisori Enti Locali.


Si ricorda che è operativo sul portale del Dipartimento per la funzione pubblica una funzione di ricerca che agevolmente consente di visualizzare le ultime estrazioni effettuate presso le prefetture delle cinque province della Regione per l’esercizio della funzione di revisore dell’Ente locale.

Si segnala, altresì, che è stata resa disponibile una nuova funzione che permette la visualizzazione di alcuni dati statistici significativi relativi al numero di iscritti articolati per fascia e territorio, ai sorteggi effettuati e a quelli da effettuare.

Consulta le estrazioni più recenti

Collegati al sito

Economia del territorio


Si riporta l’elenco provvisorio delle ultime procedure concorsuali la cui pubblicazione è disponibile sui portali di servizio a curatori e creditori che operano in collaborazione con il Tribunale di Napoli Nord. L’elenco è relativo alle ultime procedure dichiarate.

Dall’inizio dell’anno alla data odierna le procedure pubblicate sui portali di servizio sono 96 e 7 i concordati. Nel 2017 sono state 190 le procedure fallimentari e 14 i concordati.

Si ricorda che complessivamente nel 2016 si sono registrate 168 sentenze dichiarative di fallimento; nel 2015 sono state 218 le sentenze emesse, contro le 140 procedure dichiarate nel corso del 2014. Nel 2015 si è registrata l’apertura di 8 concordati e di 3 procedure di composizione di crisi da sovraindebitamento. Nel 2016 i concordati sono stati 12, mentre nel 2017 sono stati 16 e 7 nel 2018. Nel dettaglio si riportano i dati riscontrabili sui siti di servizio:

Procedure fallimentari

Procedura Tipo Num. Data aper. Curatore Titolo Giudice Delegato
n.d. Fall 96 21/09/18 Capone Ersilio Luca Avv. Na De Vivo Maria
n.d. n.d. 95 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. Fall 94 20/09/18 Leccia Francesca Dott. NN Di Giorgio Giovanni
n.d. Fall 93 20/09/18 Leccia Francesca Dott. NN Di Giorgio Giovanni
n.d. n.d. 92 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. Fall 91 20/09/18 Capone Ersilio Luca Avv. Na De Vivo Maria
n.d. n.d. 89 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 88 20/09/18 Sagliocco Francesca Dott. CE Satta Cristiana
n.d. n.d. 87 06/09/18 Elia Tammaro n.d. Rabuano Arminio Salvatore
n.d. n.d. 86 06/09/18 Elia Tammaro n.d. Rabuano Arminio Salvatore
n.d. Fall 85 07/08/18 Suriano Nicola Dott. CE Satta Cristiana

Altre procedure

Procedura Tipo Num. Data aper. Commiss. Titolo Giudice Delegato
n.d. C.P. 7 23/08/18 Orabona Francescopaolo

Dott.

NN

Lamonica M.G.
n.d. n.d. 6 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. C.P. 5 04/07/18

Corbello Francesco

Trombetta Gabriele

Dott.

NN

Avv

SMCV

De Vivo Maria
n.d. C.P. 4 08/06/18

Capone Angelo

Barone Mario

Dott. NN

Avv Na.

Satta Cristiana
n.d.   3 08/06/18

Cantone Michele

Cesàro Vincenzo Maria

Dott.

NN

Avv.

Na

Rabuano Arminio Salvatore
n.d.   2 19/09/18

Pannella Paolo

Sorvillo Giuseppe

Avv.

Na

Dott.

NN

Satta Cristiana
n.d. C.P. 1 n.d. Grimaldi Paolo

Dott.

NA

Lamonica M.G.
n.d. C.P. 16 06/12/17 Megale Massimiliano

Dott.

NN

Di Giorgio Giovanni
n.d. n.d. 15 n.d. n.d. n.d. n.d.
Bollicine Marotta s.a.s. di Mallardo Francesco & C. C.P. 14 14/09/17

Rossi

Guido

Villano

Enrico

Dott.

NN

Dott.

NN

Di Giorgio Giovanni
PERILLO COSTRUZIONI GENERALI SRL C.P. 13 07/09/17


D'Alò Ferdinando

Dott.

NA

Caria Enrico
WATTSUD L.E.P. SPA C.P. 12 04/10/17

Giordano Francesco

Nappi

Severino

Dott.

NA

Avv Na

Rabuano Arminio Salvatore
MACE Srl C.P. 11 06.07.17

Soprano

Luigi

Dott.

NA

Satta Cristiana
Diversificazioni Bonifiche Fabbricazioni Industriali s.r.l. C.P. 10 05.07.17

Macchioni Riccardo

Caruso Giuseppe

Prof.

Na

Avv Na

Di Giorgio Giovanni
COCCOFRESCO s.a.s. di Crispino Pasquale & C. C.P. 9 30.05.17

Volpe

Sergio

Dott.

NA

Caria Enrico
n.d. n.d. 8 n.d. n.d. n.d. n.d.

Tribunale Napoli Nord: sezione sovra indebitamento.

Il tribunale di Napoli Nord ha attivato una sezione dove sono pubblicati i piani omologati con tutta la documentazione inerente. Per consultare la sezione è possibile raggiungere il seguente link:

http://www.tribunale.napolinord.giustizia.it/sovraindebitamenti.aspx

Fonte: Portale dei Fallimenti di Napoli Nord -realizzato da Zucchetti software giuridico srl; “Procedure.it” di Aste Giudiziarie inlinea Spa; sito internet Tribunale Napoli Nord.

L’ANC Napoli Nord declina qualsiasi responsabilità per errori, inesattezze ed omissioni eventualmente presenti negli elenchi, rinviando i lettori alla verifica dei dati pubblicati presso il Tribunale per verificarne la completezza e l'esattezza dei dati riportati.

Circolari di altri Enti di interesse professionale


Si rende noto che sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Banca dati CERDEF integrata di normativa, prassi e giurisprudenza in materia fiscale.

Accedi alla Banca Dati CERDEF

Le ultime circolari dell'A.d.E.

  • Circolare n. 18 del 01/08/18

Questioni fiscali di interesse delle associazioni e delle società sportive dilettantistiche di cui all’articolo 90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, emerse nell’ambito del Tavolo tecnico tra l’Agenzia delle entrate ed il Comitato Olimpico Nazionale Italiano - pdf

  • Circolare n. 17 del 23/07/18

Cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per gli interventi di efficienza energetica nonché per gli interventi relativi all'adozione di misure antisismiche – articoli 14 e 16 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63 – ulteriori chiarimenti - pdf

  • Circolare n. 16 del 23/07/18

Trattamento dei crediti tributari e contributivi - Articolo 182-ter del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, come modificato dall’articolo 1, comma 81, della legge 11 dicembre 2016, n. 232 - pdf

  • Circolare n. 15 del 12/07/18

La disciplina dei beni significativi alla luce della norma di interpretazione autentica dell’articolo 7, comma 1, lettera b), della legge 23 dicembre 1999, n. 488, introdotta dall’articolo 1, comma 19, della legge 27 dicembre 2017, n. 205 - pdf

  • Circolare n. 14 del 06/07/18

Studi di settore e parametri – periodo di imposta 2017 - pdf

Ultimi Provvedimenti e Risoluzioni A.d.E.

Pubblicità delle risposte fornite in relazione alle istanze di interpello e consulenza giuridica - pdf

  • Risoluzione n. 76 del 05/10/18

Interpello articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Impatrio dei soggetti di cui all’articolo 16 del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 147 – Attività lavorativa prestata all’estero in posizione di distacco - Attribuzione di un nuovo ruolo aziendale - pdf

  • Risoluzione n. 75 del 05/10/18

Istituzione del codice ente “ SGP ”, da utilizzare nel modello di versamento F23 - pdf

  • Risoluzione n. 74 del 28/09/18

Interpello articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212. Esenzione IVA. Articolo 10, comma 1, n. 21, del DPR 26 ottobre 1972, n. 633. Servizi di accoglienza ai migranti - pdf

Le ultime guide fiscali pubblicate da A.d.E.

Si segnalano le seguenti guide edite dall’Agenzia delle Entrate e recentemente aggiornate

Aggiornamento febbraio 2018

Aggiornamento febbraio 2018

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento settembre 2017

Aggiornamento aprile 2017

Aggiornamento gennaio 2017

Aggiornamento gennaio 2017

Servizi Telematici

  • Modalità di utilizzo del canale di assistenza telematica: Il canale CIVIS può essere utilizzato sia dai contribuenti che dagli intermediari.

Accedi al servizio

  • Come prendere un Appuntamento con l'Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale.

Accedi al servizio

  • Web Ticket - Prenotazione di biglietti elimina-code tramite internet:

Accedi al servizio

INPS: ultimi documenti pubblicati


Si rende noto che sul sito dell’INPS sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Vai alla pagina INPS - circolari

FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA


In questa sezione verrà data segnalazione di eventi formativi accreditati ai fini della formazione professionale continua.

Calendario delle prossime attività formative

Data Titolo evento Sede

Organizzatore

Accreditante

Tipo Crediti fpc

12.10.18

15:00-19:00

Il governo del processo produttivo nella Professione

Sala San Tommaso

Atrio Cattedrale di Salerno

ANC Salerno

ODCEC Salerno

Gratuito aula 4

25.10.18

15:30-18:30

Fattura elettronica: lo strumento per rendere efficiente lo Studio e

proteggere il proprio business

Sala convegni ODCEC

Napoli Nord

Via Diaz 89

Aversa

ANC Napoli Nord

ODCEC

Napoli Nord

Gratuito aula

3 fpc

Mat.spec.

Avvisi e informazioni utili


Contributo d'iscrizione 2018 all'Associazione Nazionale Commercialisti Napoli Nord


Il Consiglio direttivo della sezione Napoli Nord dell’Associazione Nazionale Commercialisti ha determinato il contributo d'iscrizione annuale per l’anno 2018 in euro 60,00. Di tale importo si precisa che circa il 40% viene riversato dall’associazione locale all’ANC Nazionale.

Il contributo sarà utilissimo per finanziare tutte le attività sindacali che la nostra associazione sta portando avanti sul territorio e le altre che sono in procinto di partire nel brevissimo periodo. Inoltre, attraverso l’adesione, si avrà diritto ad accedere a convenzioni vantaggiose, a ricevere quotidianamente un’utilissima rassegna stampa, oltre ad essere aggiornati settimanalmente con la newsletter sulle notizie di interesse locale e non e poter avere accesso ai percorsi formativi che l’associazione organizzerà, anche a quelli e-learning.

Il versamento della quota può essere effettuato con bonifico da appoggiare sul c/c bancario UNICREDIT intestato ad “Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord” - IBAN: IT52D0200874791000103632305 – specificando nominativo, ordine di appartenenza e matricola, codice fiscale. Le coordinate per il pagamento della quota d’iscrizione, assieme al modulo di adesione, saranno a breve anche compilabili sul portale internet all’indirizzo: www.ancnapolinord.it. Per segnalare articoli e documenti di interesse comune è possibile inviare un messaggio con i propri riferimenti personali all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Per chiedere informazioni generali: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cassa Ragionieri: attivo lo sportello previdenza di ANC


Sportello Previdenza è il servizio destinato agli iscritti all’Associazione e curato dall’Associazione Nazionale Commercialisti, il cui obiettivo è di agevolare il rapporto di comunicazione degli iscritti alla Cassa di Previdenza Ragionieri con il proprio ente pensionistico, interessando la figura del Garante dell’Iscritto.

Per informazioni e contatti è possibile contattare la segreteria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cordiali saluti.

Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord

Consiglio direttivo

Presidente

Antonio Carboni

Vicepresidenti

Mauro Galluccio

Enza Pisano

Segretario

Marco Idolo

Tesoriere

Marianna D'Orta

Consiglieri

Filippo Cacciapuoti

Carlo D'Abbrunzo

Giuliana Di Caprio

Giovanni Granata

Salvatore Iorio

Nicola Padricelli

Vincenzo Panico

Pasquale Ristorato

Collegio dei revisori

Luigi Apicella

Corrado Civile

        Felice Tranchese