TX Nefario - шаблон joomla Форекс
logoanc nanord  
 

 

 

 
     

     

Gentile Collega,

Ti trasmettiamo il numero 34-2018 della nostra newsletter settimanale, sperando di fare cosa gradita. Ti invitiamo a consultare il nostro portale internet, dove potrai trovare tutti i riferimenti per effettuare o rinnovare l'iscrizione, che ti consentirà di accedere a tutti i nostri servizi associativi. Nel segnalarti che potrai seguire le attività dell’Associazione Napoli Nord anche sul nostro profilo Facebook, ti ricordiamo che le informative precedenti, relative agli anni precedenti ed all’anno in corso, sono consultabili sul sito nell'apposita sezione. Un caro saluto e una buona lettura!

Il Consiglio direttivo

Informativa ANC Napoli Nord n° 34-2018 - 13 ottobre 2018

A cura del Consiglio direttivo ANC Napoli Nord

Hanno collaborato a questo numero:

Antonio Carboni, Mauro Galluccio, Giovanni Granata, Marco Idolo, Carlo D’Abbrunzo.

In primo piano


Convegno ANC: “Fattura elettronica: lo strumento per rendere efficiente lo Studio e proteggere il proprio business” - Aversa 25 ottobre 2018.


ANC Napoli Nord, in collaborazione con ANC Nazionale e Studio Boost, ha organizzato un nuovo incontro sul tema della Fatturazione Elettronica, che tratterà in maniera approfondita le problematiche organizzative di studio, valutando le possibili soluzioni procedurali studiate dalla nostra Associazione.

L’incontro, che è stato riconosciuto dall’Ordine di Napoli Nord ai fini della FPC di Commercialisti ed Esperti contabili, si terrà presso la sala convegni dell’ODCEC di Napoli Nord, in Aversa alla via Diaz 89, il prossimo 25 ottobre, dalle ore 15:30, ed attribuirà ai partecipanti fino ad un massimo di tre crediti in materie speciali per ogni ora di effettiva partecipazione. Dopo i saluti istituzionali del Presidente dell'ODCEC di Napoli Nord, Antonio Tuccillo, e del Presidente di ANC Napoli Nord, Antonio Carboni, prenderanno avvio i lavori che vedranno la partecipazione di Riccardo Cappannelli, Consigliere nazionale ANC e Domenico Navarra, CEO Studio Boost, partner tecnologico di ANC. L'appuntamento sarà un momento prezioso per affrontare in maniera concreta, con esemplificazioni e casi pratici, le problematiche legate alla riorganizzazione dei processi dello studio professionale, anche nei rapporti con la propria clientela, con l'illustrazione delle soluzioni studiate da ANC e Studio Boost.

Clicca per info e prenotazioni

Assemblea generale degli Associati ANC Napoli Nord: approvazione rendiconti e sostituzione organi.


Si informa che il prossimo 25 ottobre è stata convocata l'assemblea degli associati per l'approvazione dei bilanci consuntivo e previsionale e per rinnovare le cariche sociali a seguito delle dimissioni della Tesoriera, Maria Carmina D'Orta, che per motivi di carattere professionale ha rimesso il proprio mandato. Il Presidente, unitamente all'intero Consiglio Direttivo ed ai Revisori, rivolge alla Collega Marianna i migliori auspici per il nuovo incarico ed i sentiti ringraziamenti per quanto svolto, per la nostra Associazione e per l'Ufficio di Tesoreria in particolare, che ha condotto con grande passione e perizia, nel pieno spirito associazionistico.

Si invitano gli Associati, ai quali verrà inviata con apposita comunicazione la convocazione corredata del materiale necessario, ad intervenire all'Assemblea.

GDPR: la soluzione sviluppata da ANC Napoli Nord per la gestione della Privacy.


Si ricorda che ANC Napoli Nord ha sottoscritto un accordo con una primaria software-house e con uno studio legale specializzato in consulenza privacy, per la gestione degli adempimenti introdotti dal nuovo regolamento europeo GDPR

Numerosi i Colleghi che hanno già sottoscritto l'adesione, che ancora per breve è in offerta promozionale ad euro 50 oltre IVA, e per essi si sta studiando anche un mini corso con la partecipazione di uno specialista, finalizzato anche all'utilizzo del software.

Grazie alla convenzione i Professionisti associati, per il proprio studio e per i propri clienti, a costi estremamente convenienti rispetto a quelli di mercato, potranno gestire tutti gli adempimenti prescritti dalla nuova normativa europea in materia di privacy, arrivando a produrre tutta la documentazione prescritta dalla normativa interamente personalizzabile. La soluzione, spiega il Presidente ANC Napoli Nord, Antonio Carboni, è pensata dai Commercialisti per i Commercialisti al fine di gestire quest'importante opportunità che può vederci protagonisti in un importante area di servizi da proporre alle aziende clienti. Gli Associati ANC potranno, altresì, avvalersi - con un minimo costo aggiuntivo - del consulente privacy per un assessment legale finalizzato alla redazione del piano oppure, a tariffe agevolate preconcordate tra il consulente privacy e ANC, gli iscritti ANC potranno offrire, altresì, a quei clienti con un'organizzazione e problematiche complesse, una consulenza “ad hoc”.

Per Carlo D'Abbrunzo, Consigliere ANC Napoli Nord, delegato alla privacy, attraverso lo strumento informatico messo a disposizione e con l'ausilio dell'esperto legale, ciascun Associato ANC Napoli Nord potrà gestire il processo privacy per i propri clienti, evitando così di dover delegare completamente a terzi questo importante ambito di consulenza. Per ogni informazione è possibile contattare il Collega Carlo D’Abbrunzo (cell: 3394806841) o inviare una mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con oggetto “richiesta informazioni convenzione GDPR”.

Guarda il video dimostrativo su YouTube

Fattura elettronica: commercialisti in allarme per l’occupazione.


La fatturazione elettronica insieme ad altri cambiamenti normativi stanno portando l’amministrazione finanziaria ad avocare le competenze fiscali dei commercialisti. E i professionisti temono una forte riduzione di attività e introiti, con ricadute negative non solo sulla categoria, ma anche sul sistema economico. E’ l’allarme lanciato nel corso del congresso dell’Anc, l’Associazione nazionale commercialisti che si è svolto a Pesaro.I commercialisti italiani da Pesaro lanciano un allarme forte: con l’inizio degli obblighi della fatturazione elettronica dei prossimi mesi, e di tutti gli adempimenti connessi, i professionisti subiranno un danno pesante e un disagio notevole – ha detto Vittoria Tonelli, presidente Anc di Pesaro-Urbino, e consigliere di amministrazione della Cassa nazionale dei ragionieri – La normativa procurerà una riduzione fortissima degli introiti degli studi professionali che per forza di cosa porterà ad una riduzione dei posti di lavoro, con grave danno anche alle imprese che questi assistono”.

Le dimensioni delle ricadute negative della fatturazione elettronica sulla categoria sono state calcolate con una serie di indagini condotte dall’Associazione, come spiega Marco Cuchel, presidente nazionale Anc. “Si tratta di una statistica che abbiamo fatto sulle contabilità e sui dichiarativi, che è il core business di molti commercialisti – spiega Marco Cuchel, presidente ANC – Circa 103mila commercialisti si troveranno in grossa difficoltà se queste attività verranno estromesse dalla categoria a favore di altri soggetti, in primis Agenzie dell’entrate, ma anche banche e altre figure. La preoccupazione è di vedere in difficoltà 103mila professionisti che dovranno essere ricollocati, e anche 160mila lavoratori degli studi professionali”.

I commercialisti chiedono che la nuova normativa sia accompagnata da strumenti che rinforzino, anziché indebolire, il ruolo di garanzia che i commercialisti hanno nei confronti degli apparati pubblici. Strumenti da affiancare subito, come nel caso dell’equo compenso.

Per Luigi Pagliuca, Presidente della Cassa nazionale dei ragionieri: “I commercialisti italiani chiedono che venga riconosciuto loro il ruolo che da sempre svolgono, ovvero di garante nei confronti della Pubblica amministrazione riguardo il lavoro svolto dai propri clienti. E’ evidente che nel momento in cui si avvicina la fatturazione elettronica, riconoscere questa funzione è una garanzia sia per i propri clienti, sia, e soprattutto, per lo Stato”. Nessuna demonizzazione, quindi, della fattura elettronica in sé, ma forte richiesta di una armonizzazione complessiva che salvaguardi occupazione e tutela del cittadino.

Tribunale Napoli Nord: sezione sovraindebitamento


Si informa che sono consultabili gli atti omologati presso il Tribunale di Napoli Nord relativi a ricorsi ec L.3/2012. Il link sottostante riporta agli ultimi atti pubblicati.

Consulta la sezione Sovraindebitamento

Modello di "registro semplificato" delle attività di trattamento per PMI.


Con Comunicato stampa 8 ottobre 2018, il Garante della privacy ha reso disponibile sul proprio sito internet, un modello di "registro semplificato" delle attività di trattamento del titolare/responsabile per PMI (scaricabile nei formati .pdf ed .xls) ed una serie di FAQ, nelle quali sono forniti chiarimenti in merito all’obbligo e alle modalità di tenuta del registro dei trattamenti.

Il Garante, nel citato Comunicato evidenzia che "sono tenuti a redigere il Registro le imprese o le organizzazioni con almeno 250 dipendenti e - al di sotto dei 250 dipendenti - qualunque titolare o responsabile che effettui trattamenti che possano presentare rischi, anche non elevati, per i diritti e le libertà delle persone o che effettui trattamenti non occasionali di dati oppure trattamenti di particolari categorie di dati (come i dati biometrici, dati genetici, quelli sulla salute, sulle convinzioni religiose, sull’origine etnica etc.), o anche di dati relativi a condanne penali e a reati".

Bando per l’erogazione di voucher per la realizzazione o il potenziamento di sistemi di conservazione a garanzia dell’igiene degli alimenti e per la tutela dei consumatori.


La C.C.I.A.A. di Napoli intende sostenere gli investimenti delle MPMI della filiera alimentare che intendano migliorare il proprio posizionamento competitivo garantendo altresì la salute dei consumatori. E’ possibile presentare le domande dalle ore 9.00 del giorno 3/9/2018 alle ore 19.00 del giorno 2/11/2018 per il Bando finalizzato per l’erogazione di voucher per la realizzazione o il potenziamento di sistemi di conservazione a garanzia dell’igiene degli alimenti e per la tutela dei consumatori. L’agevolazione prevista dal bando consiste in un contributo a fondo perduto fino alla concorrenza del 50% delle spese documentate, fino ad un importo massimo di € 5.000, per le spese sostenute per la realizzazione o il potenziamento di abbattitori di temperatura per alimenti e/o sistemi per abbattere la temperatura dei macchinari e delle attrezzature in uso alle imprese dei settori alimentare, limitatamente al commercio ed artigianato ed alla ristorazione e alla somministrazione al pubblico di alimenti e bevande. Le domande dovranno essere inviate esclusivamente mediante l'utilizzo della procedura telematica, collegandosi al sito http://webtelemaco.infocamere.it,dalle ore 9.00 del giorno 10/11/2017 alle ore 9.00 del giorno 10/12/2017, mediante la compilazione di un modulo generato dal sistema, allegando la documentazione indicata nel bando. Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Tel.: 0817607114 dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 12,00 Info su: Bando Avviso Domanda voucher abbattitori.

Dillo al Consiglio di ANC Napoli Nord.


Il Consiglio direttivo di ANC Napoli Nord ha istituito la casella di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. dedicata ad acquisire indicazioni e suggerimenti da parte degli iscritti sull’operatività o su eventuali disservizi degli uffici finanziari, giudiziari, previdenziali ed in generale degli uffici della P.A. d’interesse generale. Si invitano gli iscritti a segnalare anomalie riscontrate negli uffici frequentati al fine di consentire di individuare le principali criticità o problematiche di interesse generale per realizzare interventi mirati, il tutto sempre nell’ottica e con lo spirito di una collaborazione costruttiva a favore della Categoria.

Altre notizie e documenti di interesse professionale


Fondazione Nazionale dei Commercialisti

La fatturazione elettronica nel settore dei subappalti

Pubblicato il documento che illustra le novità relative all’obbligo di fatturazione elettronica nei subappalti pubblici, introdotto a far data dal 1 luglio 2018.

Consulta il documento

Le novità della V Direttiva antiriciclaggio

Pubblicato il documento che analizza le novità della V Direttiva antiriciclaggio con particolare attenzione agli aspetti di interesse per i professionisti coinvolti nell’attuazione della specifica normativa.

Consulta il documento

Indagine statistica 2018 sui dottori commercialisti ed esperti contabili. Anteprima dei risultati

Pubblicate le elaborazioni parziali (al 13/09/2018) dei risultati dell’Indagine statistica 2018. Al momento dell'elaborazione i questionari raccolti on line (attraverso il metodo CAWI) sono 7.318, con un tasso di completamento delle risposte pari al 69%. Si tratta del campione più "robusto" se confrontato con le indagini degli anni precedenti.

Consulta i risultati parziali

Si informa, infine, che sul sito della FNC sono pubblicati i seguenti strumenti operativi di controllo a supporto dell’attività svolta dai collaboratori negli studi professionali:

CNDCEC: Ultime pubblicazioni


Il Consiglio nazionale dei Dottori Commerciali e degli Esperti Contabili ha pubblicato i seguenti documenti:

Pronto Ordini


Si segnalano le seguenti risposte fornite dal Consiglio Nazionale ai quesiti formulati dagli Ordini in merito allo svolgimento della professione.

Non solo tasse…


Questa sezione è stata attivata per fornire informazioni su attività culturali, ludiche e ricreative in programma nell’ambito del circondario.

Per segnalazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Le giornate FAI d’autunno 2018.


Ritornano le Giornate FAI d’autunno, che si terranno il 13 e il 14 ottobre in numerosi siti situati a Napoli e nell’intera Campania. Due giornate all’insegna della storia, dell’arte e della cultura, con la chance di visitare numerosi luoghi che nel resto dell’anno sono di solito chiusi al pubblico. Dai musei ai giardini, dai palazzi storici ai parchi, numerose realtà hanno scelto di aderire ad un’iniziativa ben radicata a livello nazionale. La Fondazione FAI si è occupata dell’evento e garantisce l’opportunità di scoprire autentiche meraviglie nascoste e dall’alto pregio, in un fine settimana artistico davvero tutto da vivere. Inoltre, in occasione delle due giornate ci sarà una raccolta fondi per sostenere la Fondazione, con la possibilità di iscriversi al FAI e ottenere un accesso prioritario in tutti i luoghi ad esso collegati. Inoltre, gli iscritti potranno entrare nei beni FAI per un anno a titolo gratuito, oltre a sostenere il patrimonio artistico e culturale della Campania e di tutta Italia. L’elenco completo dei siti aperti. Info: Sito ufficiale FAI

Fiabe d’autunno all’Orto Botanico di Napoli.


Fino al 18 novembre 2018, si terrà la ventitreesima edizione di Fiabe d’Autunno nella suggestiva cornice dell’Orto Botanico di via Foria, nel cuore di Napoli.

Ogni sabato e domenica, a partire dalle ore 11, verranno proposti ben otto spettacoli tratti da alcune delle fiabe più conosciute da grandi e piccini. Programma di Fiabe d’Autunno 2018, il 13 e 14 ottobre “Un Brutto Anatroccolo”, 20 e 21 ottobre “L’albero del sole”, 27 e 28 ottobre “Nello specchio di Biancaneve”, 3,4, 10 e 11 novembre “Il Magico Pifferaio”, 17 e 18 novembre “Il popolo del bosco”. Real Orto Botanico, via Foria 223, sabato e domenica dalle ore 11, biglietto di ingresso da 8 euro, fino ad un massimo di 80 spettatori. Informazioni: Sito I Teatrini | Pagina Facebook | tel. 081 033 06 19 (dalle 9.30 alle 17.00) | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Visite guidate gratuite alle Terme Romane di via Terracina a Napoli.


Nuove visite guidate gratuite alle Terme Romane di via Terracina a Napoli per ammirare affascinanti mosaici e antichi ambienti che si svolgeranno sabato 13 ottobre e domenica 14 ottobre 2018.

Informazioni su Visite guidate gratuite alle Terme Romane di via Terracina a Napoli tra antichi ambienti e mosaici. Terme Romane via Terracina.Sabato 13 ottobre 2018 Ore: 16:00 / 17:00. Domenica 14 ottobre 2018 Ore: 10:00 / 12:00. Ingresso GRATUITO

Osservatorio professionale


Focus tributario


Illegittimi gli interessi su sanzioni.


La Cassazione con la sentenza 16.553 del 22 giugno 2018 ha dichiarato l'illegittimità degli interessi calcolati dall'Agente della riscossione sulle sanzioni a seguito della presentazione da parte del debitore iscritto a ruolo dell'istanza di rateizzazione prevista dall'art 19 - d.p.r. n. 602/1973.

Nella prassi l'Agente della riscossione, a fronte della concessione del pagamento rateale del debito iscritto a ruolo, ha provveduto a calcolare anche gli interessi di dilazione anche sugli importi debitori relativi alle sanzioni irrogate, prassi assolutamente illegittima, in base a quanto stabilito nella sentenza in commento nella quale i giudici hanno valorizzato il contenuto dell'art. 2, comma 3 - D.lgs. n. 472/1997, norma speciale, ove è statuito testualmente che "La somma irrogata a titolo di sanzioni non produce interessi".

I giudici di legittimità analizzando la natura della suddetta norma "eccezionale", in applicazione del principio di specialità in base al quale la norma speciale prevale sulla norma generale (lex speciali derogat generali), ha rigettato il ricorso proposto dall'Agente della riscossione sul punto statuendo in maniera chiara ed univoca che sulle sanzioni non sono dovuti gli interessi di mora in quanto in tale ipotesi i c.d. "interessi di dilazione" perseguono le medesime finalità proprie degli interessi comuni.

Una considerazione conclusiva è doverosa se ci si sofferma sul contenuto della sentenza in commento, ovvero, se è vero che i giudici hanno chiaramente statuito l'illegittimità degli interessi sulle sanzioni irrogate in forza del D.Lgs. n. 472/1997 e dilazionate con l'agente della riscossione, altrettanto vero è che anche gli uffici finanziari a conclusione della procedura di accertamento con adesione prevista dal D.Lgs. n. 218/1997 possono concedere il pagamento dilazionato al contribuente e nella misura in cui si riscontrasse l'applicazione degli interessi sulle sanzioni dilazionate questi non sarebbero dovuti.

Inammissibile l’appello se il concessionario non produce prova della notifica della cartella.


E’ inammissibile l’appello qualora il concessionario della riscossione non abbia compulsato neppure in parte il contenuto della sentenza di primo grado e non abbia preso posizione su un punto fondamentale, da cui è scaturita la decisione di primo grado, rappresentato dalla produzione del solo estratto di ruolo. E’ quanto ha deciso la CTR della Calabria con la sentenza n. 117.3.2018 del 05/02/2018. Una contribuente aveva proposto ricorso avverso un’intimazione di pagamento sostenendo di non aver ricevuto le prodromiche cartelle esattoriali. Si costituiva Equitalia che eccependo la regolarità del proprio operato si limitava a depositare il solo estratto di ruolo.

La commissione, ritenendo insufficiente la documentazione prodotta ai fini della prova, ha accolto le doglianze della contribuente.

Ha proposto, dunque, appello Equitalia sostenendo che in primo grado si era riservata di produrre l’avviso di ricevimento della cartella di pagamento, atto presupposto all’emissione dell’intimazione impugnata, non riuscendo a produrlo in primo grado, a causa del trasferimento della propria sede. Completato il trasferimento, ha rinvenuto la documentazione attestante la notifica della cartella di pagamento, avvenuta regolarmente, nei confronti della società Contribuente.

Ma diversamente da quanto sostenuto da Equitalia, la notifica non si riferiva alla prodromica cartella di pagamento, ma alla intimazione di pagamento impugnata. Sulla base di queste motivazioni e non avendo fornito il concessionario la notifica della cartella di pagamento, la Ctr della Calabria ha pronunciato la sentenza di inammissibilità dell’appello proposto dal concessionario.

Focus societario


Nuova disciplina dividendi e delibere di distribuzione degli utili.


La Legge di Bilancio 2018 è intervenuta, con l’articolo 1, commi 1003 e 1004, abrogando integralmente l’articolo 47, comma 1, Tuir e modificando l’articolo 27 D.P.R. 600/1973, prevedendo, in capo alle persone fisiche, una tassazione universale sui dividendi qualificati e non, mediante una ritenuta a titolo di imposta del 26%.

Secondo quanto previsto dalla citata disposizione normativa ante-riforma, i dividendi percepiti da persone fisiche, al di fuori dell’esercizio dell’impresa, in relazione a partecipazioni qualificate, concorrevano alla formazione del reddito complessivo del percettore nella misura del 40%, poi aumentata al 49,72% (utili prodotti dall’esercizio successivo a quello in corso al 31.12.2017 fino all’esercizio in corso al 31.12.2016) e poi portata al 58,14% (utili prodotti a decorrere dall’esercizio successivo a quello in corso al 31.12.2016).

Accanto alla citata novità normativa, ossia l’applicazione di una ritenuta del 26% anche sugli utili destinati ai soci persone fisiche titolari di una partecipazione qualificata, il Legislatore ha stabilito una disciplina transitoria, volta a garantire una sorta di continuità delle precedenti regole, ma con delle limitazioni oggettive e subordinata al realizzo di precisi aspetti procedurali.

In particolare, continua a trovare applicazione la previgente disciplina (imponibilità del 40% – 49,72% e 58,14%) alle sole riserve di utili formatisi fino al 31.12.2017a condizione che si realizzi la distribuzione delle medesime riserve mediante delibere assembleari adottare tra il 1° gennaio 2018 e il 31 dicembre 2022.

Tale ultima condizione rappresenta, di fatto, l’elemento più delicato della disciplina transitoria; la richiesta di delibera entro il 31 dicembre 2022 può infatti costituire un elemento di dimenticanza, pregiudicando la possibilità di applicare le regole sopra indicate, con un evidente incremento della tassazione sugli utili distribuiti.

Per ovviare tale rischio, potrebbe essere adottata una scelta “all-inclusive”, ossia la stesura di una delibera assembleare in cui i soci della società di capitali decidono la totale distribuzione delle riserve di utili formatesi al 31 dicembre 2017.

Una scelta che, sotto il profilo procedurale, elimina alla fonte il rischio di “dimenticanza” ma, se non ponderata e calibrata, potrebbe creare un’erosione del patrimonio netto della società, anche in modo consistente.

Tale riflessione nasce dal fatto che sotto il profilo contabile, nel momento in cui si assume una delibera di distribuzione delle riserve di utili, ciò che si crea è una riduzione del Patrimonio Netto e la creazione di una posizione debitoria della società nei confronti dei soci.

Il problema a cui si è fatto riferimento – erosione del patrimonio a seguito di distribuzione integrale delle riserve di utili e successivo conseguimento di perdite – non è evitabile nemmeno nell’ipotesi in cui, in un momento successivo alla delibera, l’assemblea dei soci o il singolo socio decidano di rinunciare al credito nei confronti della società, al fine di ripristinare una sorta di consistenza patrimoniale, in quanto si realizzerebbe la fattispecie (problema) del c.d. “incasso giuridico”.

Come chiarito dal Ministero delle Finanze con la Circolare n.73 del 1994, “tutti i crediti ai quali il socio rinuncia vanno portati ad aumento del costo della partecipazione, ai sensi dell’articolo 61, comma 5, del TUIR, i quali, per la società̀ non costituiscono sopravvenienze attive, così come dispone l’articolo 55, comma 4, del TUIR. Naturalmente la rinuncia ai crediti correlati a redditi che vanno acquisiti a tassazione per cassa (quali, ad esempio, i compensi spettanti agli amministratori e gli interessi relativi a finanziamenti dei soci) presuppone l’avvenuto incasso giuridico del credito e quindi l’obbligo di sottoporre a tassazione il loro ammontare, anche mediante applicazione della ritenuta d’imposta.”

Da valutare, pertanto, caso per caso la opportunità di delibare la distribuzione di utili pregressi.

Prescrizione dell'azione di responsabilità degli amministratori.


Ai sensi dell'art. 2394, c. 2 C.C. l'azione di responsabilità contro amministratori e sindaci può essere proposta dai creditori quando il patrimonio sociale “risulta insufficiente al soddisfacimento dei loro crediti”: la nozione si ricollega alla garanzia patrimoniale generica di cui all'art. 2740 C.C., costituita dal patrimonio della società. L'insufficienza patrimoniale rappresenta un fatto contabileche si verifica quando il patrimonio della società presenti un'eccedenza delle passività sulle attività, situazione in cui l'attivo sociale, raffrontato ai debiti della società, risulti insufficiente al loro soddisfacimento.
È principio consolidato in giurisprudenza quello secondo cui la prescrizione dell'azione, pur quando esercitata dalla procedura, decorra dal momento in cui l'attivo si sia palesato in modo oggettivamente percepibile dai creditori come inidoneo a soddisfarli. Tale momento coincide, in via di presunzione semplice, fondata sull'id quod plerumque accidit, con la dichiarazione di fallimento e il conseguente spossessamento del debitore e presa in consegna delle attività da parte dell'organo della procedura; ma questa presunzione non esclude tuttavia che il deficit possa manifestarsi in un momento anteriore; il relativo onere probatorio rimarrebbe però, in tal caso, a carico di chi allegasse la circostanza e fondasse su di essa un più favorevole inizio del decorso della prescrizione (Cass. 29.12.2017, n. 31204). Facendo corretta applicazione dei principi di cui sopra, la Suprema Corte, con sentenza 5.09.2018, n. 21662, ha confermato la pronuncia della Corte di merito che, chiamata a decidere sulla decorrenza del termine prescrizionale indicato dai convenuti nei bilanci di esercizio alterati da rivalutazioni e capitalizzazioni non veritiere, l'ha invece individuato nel momento in cui queste poste si sono rilevate, anche a terzi, non corrette e reali,evidenziando le perdite in precedenza celate e non rilevabili nei precedenti bilanci.

Tanto più che l'analisi del bilancio societario, pure in una scrupolosa lettura e persino quando presenti perdite, non necessariamente conduce i creditori alla conoscibilità dell'insufficienza patrimoniale: ciò per la stessa disciplina di redazione del documento contabile, secondo cui, ai sensi dell'art. 2426 C.C. i valori espressi nelle voci di bilancio ben possono non coincidere con quelli di mercato, essendo a volte superiori (rimanenze) o nettamente inferiori (come per gli immobili).

Né si potrebbe pretendere dal terzo la rielaborazione del bilancio con una rivalutazione delle poste divergente da quanto indicato nel documento contabile, per pervenire ai risultati rettificati di esercizio corrispondenti a quelli reali.

Focus Enti Locali


Emanato il settimo Decreto che modifica l’Elenco 2018 Revisori Enti Locali.


Con il Dm. 5 ottobre 2018, pubblicato sul sito istituzionale del Viminale, il Ministero dell’Interno-Dipartimento per gli Affari interni e territoriali, Direzione centrale della Finanza locale, ha disposto la settima integrazione dell’Elenco dei Revisori degli Enti Locali attualmente vigente.

Ai nomi originariamente inclusi nell’Elenco approvato con Decreto del Ministero dell’Interno 21 dicembre 2017 e in vigore dal 1° gennaio scorso, sono stati aggiunti un totale di 8 nomi.

Con il medesimo Provvedimento è stata inoltre disposta la cancellazione di un totale di 17 Revisori.

Si evidenzia che in 10 casi le cancellazioni sono conseguenza dell’avvenuta sospensione dal Registro dei Revisori legali. Le rettifiche, con i relativi nominativi, sono contenute nell’Allegato “A” del Decreto Interno 5 ottobre 2018.

Si evidenzia che in 10 casi su 17, la causa della cancellazione è stata il venire meno di una delle condizioni necessarie per la permanenza nell’Elenco dei Revisori degli Enti Locali: far parte del Registro dei Revisori legali di cui al D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 39 (o essere iscritti all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti contabili).

In caso di sospensione dal Registro dei Revisori legali, a cascata decade automaticamente anche il diritto di poter far parte dell’Elenco dal quale vengono estratti i Revisori dei conti degli Enti territoriali ed è precisamente quello avvenuto per i professionisti in questione.

Alla luce di ciò, si coglie l’occasione per rammentare che, anche nell’ottica della permanenza nell’Elenco dei Revisori degli Enti Locali, è importante non perdere di vista, non solo i doveri che discendono dal far parte di questo specifico Elenco (come l’onere di acquisire 10 crediti formativi annui nell’ambito di corsi validati dal Ministero dell’Interno), ma anche gli obblighi connessi all’appartenenza al Registro “di origine”, vale a dire quello dei Revisori legali che fa invece capo al Mef.

Per evitare sospensioni da quest’ultimo, è fondamentale adempiere all’obbligo di versare il contributo annuale di iscrizione al Registro e acquisire, in applicazione del D.Lgs. n. 13/16, un totale di 20 crediti formativi specifici annui, attraverso corsi validati dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Linee guida per le relazioni annuali dei Sindaco dei Comuni superiori ai 15.000 abitanti.


Emanate nuove linee guida per le relazioni annuali dei Sindaco dei Comuni superiori ai 15.000 abitanti Delibera corteconti /controllo/sez_autonomie/2018/delibera_14_2018_pub.pdf

Linee guida per il Questionario al rendiconto della gestione 2017.


La Corte dei conti – Sezione delle Autonomie, con la Deliberazione n. 16/SezAut/2017/Inpr, ha deliberato le “Linee guida e relativo Questionari per gli Organi di revisione economico-finanziaria degli Enti Locali, per l’attuazione dell’art. 1, commi 166-168, della Legge n. 266/05. Rendiconto della gestione 2017”.

Estrazione revisori Enti Locali.


Si ricorda che è operativo sul portale del Dipartimento per la funzione pubblica una funzione di ricerca che agevolmente consente di visualizzare le ultime estrazioni effettuate presso le prefetture delle cinque province della Regione per l’esercizio della funzione di revisore dell’Ente locale.

Si segnala, altresì, che è stata resa disponibile una nuova funzione che permette la visualizzazione di alcuni dati statistici significativi relativi al numero di iscritti articolati per fascia e territorio, ai sorteggi effettuati e a quelli da effettuare.

Consulta le estrazioni più recenti

Collegati al sito

Economia del territorio


Si riporta l’elenco provvisorio delle ultime procedure concorsuali la cui pubblicazione è disponibile sui portali di servizio a curatori e creditori che operano in collaborazione con il Tribunale di Napoli Nord. L’elenco è relativo alle ultime procedure dichiarate.

Dall’inizio dell’anno alla data odierna le procedure pubblicate sui portali di servizio sono 97 e 7 i concordati. Nel 2017 sono state 190 le procedure fallimentari e 14 i concordati.

Si ricorda che complessivamente nel 2016 si sono registrate 168 sentenze dichiarative di fallimento; nel 2015 sono state 218 le sentenze emesse, contro le 140 procedure dichiarate nel corso del 2014. Nel 2015 si è registrata l’apertura di 8 concordati e di 3 procedure di composizione di crisi da sovraindebitamento. Nel 2016 i concordati sono stati 12, mentre nel 2017 sono stati 16 e 7 nel 2018. Nel dettaglio si riportano i dati riscontrabili sui siti di servizio:

Procedure fallimentari

Procedura Tipo Num. Data aper. Curatore Titolo Giudice Delegato
n.d. Fall 97 21/09/18 Siciliano Giovanni Avv. Na De Vivo Maria
n.d. Fall 96 21/09/18 Capone Ersilio Luca Avv. Na De Vivo Maria
n.d. n.d. 95 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. Fall 94 20/09/18 Leccia Francesca Dott. NN Di Giorgio Giovanni
n.d. Fall 93 20/09/18 Leccia Francesca Dott. NN Di Giorgio Giovanni
n.d. n.d. 92 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. Fall 91 20/09/18 Capone Ersilio Luca Avv. Na De Vivo Maria
n.d. n.d. 90 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 89 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 88 20/09/18 Sagliocco Francesca Dott. CE Satta Cristiana
n.d. n.d. 87 06/09/18 Elia Tammaro n.d. Rabuano Arminio Salvatore
n.d. n.d. 86 06/09/18 Elia Tammaro n.d. Rabuano Arminio Salvatore
n.d. Fall 85 07/08/18 Suriano Nicola Dott. CE Satta Cristiana

Altre procedure

Procedura Tipo Num. Data aper. Commiss. Titolo Giudice Delegato
n.d. C.P. 7 23/08/18 Orabona Francescopaolo

Dott.

NN

Lamonica M.G.
n.d. n.d. 6 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. C.P. 5 04/07/18

Corbello Francesco

Trombetta Gabriele

Dott.

NN

Avv

SMCV

De Vivo Maria
n.d. C.P. 4 08/06/18

Capone Angelo

Barone Mario

Dott. NN

Avv Na.

Satta Cristiana
n.d.   3 08/06/18

Cantone Michele

Cesàro Vincenzo Maria

Dott.

NN

Avv.

Na

Rabuano Arminio Salvatore
n.d.   2 19/09/18

Pannella Paolo

Sorvillo Giuseppe

Avv.

Na

Dott.

NN

Satta Cristiana
n.d. C.P. 1 n.d. Grimaldi Paolo

Dott.

NA

Lamonica M.G.
n.d. C.P. 16 06/12/17 Megale Massimiliano

Dott.

NN

Di Giorgio Giovanni
n.d. n.d. 15 n.d. n.d. n.d. n.d.
Bollicine Marotta s.a.s. di Mallardo Francesco & C. C.P. 14 14/09/17

Rossi

Guido

Villano

Enrico

Dott.

NN

Dott.

NN

Di Giorgio Giovanni
PERILLO COSTRUZIONI GENERALI SRL C.P. 13 07/09/17


D'Alò Ferdinando

Dott.

NA

Caria Enrico
WATTSUD L.E.P. SPA C.P. 12 04/10/17

Giordano Francesco

Nappi

Severino

Dott.

NA

Avv Na

Rabuano Arminio Salvatore
MACE Srl C.P. 11 06.07.17

Soprano

Luigi

Dott.

NA

Satta Cristiana
Diversificazioni Bonifiche Fabbricazioni Industriali s.r.l. C.P. 10 05.07.17

Macchioni Riccardo

Caruso Giuseppe

Prof.

Na

Avv Na

Di Giorgio Giovanni
COCCOFRESCO s.a.s. di Crispino Pasquale & C. C.P. 9 30.05.17

Volpe

Sergio

Dott.

NA

Caria Enrico
n.d. n.d. 8 n.d. n.d. n.d. n.d.

Tribunale Napoli Nord: sezione sovra indebitamento.

Il tribunale di Napoli Nord ha attivato una sezione dove sono pubblicati i piani omologati con tutta la documentazione inerente. Per consultare la sezione è possibile raggiungere il seguente link:

http://www.tribunale.napolinord.giustizia.it/sovraindebitamenti.aspx

Fonte: Portale dei Fallimenti di Napoli Nord -realizzato da Zucchetti software giuridico srl; “Procedure.it” di Aste Giudiziarie inlinea Spa; sito internet Tribunale Napoli Nord.

L’ANC Napoli Nord declina qualsiasi responsabilità per errori, inesattezze ed omissioni eventualmente presenti negli elenchi, rinviando i lettori alla verifica dei dati pubblicati presso il Tribunale per verificarne la completezza e l'esattezza dei dati riportati.

Circolari di altri Enti di interesse professionale


Si rende noto che sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Banca dati CERDEF integrata di normativa, prassi e giurisprudenza in materia fiscale.

Accedi alla Banca Dati CERDEF

Le ultime circolari dell'A.d.E.

  • Circolare n. 18 del 01/08/18

Questioni fiscali di interesse delle associazioni e delle società sportive dilettantistiche di cui all’articolo 90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, emerse nell’ambito del Tavolo tecnico tra l’Agenzia delle entrate ed il Comitato Olimpico Nazionale Italiano - pdf

  • Circolare n. 17 del 23/07/18

Cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per gli interventi di efficienza energetica nonché per gli interventi relativi all'adozione di misure antisismiche – articoli 14 e 16 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63 – ulteriori chiarimenti - pdf

  • Circolare n. 16 del 23/07/18

Trattamento dei crediti tributari e contributivi - Articolo 182-ter del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, come modificato dall’articolo 1, comma 81, della legge 11 dicembre 2016, n. 232 - pdf

  • Circolare n. 15 del 12/07/18

La disciplina dei beni significativi alla luce della norma di interpretazione autentica dell’articolo 7, comma 1, lettera b), della legge 23 dicembre 1999, n. 488, introdotta dall’articolo 1, comma 19, della legge 27 dicembre 2017, n. 205 - pdf

  • Circolare n. 14 del 06/07/18

Studi di settore e parametri – periodo di imposta 2017 - pdf

Ultimi Provvedimenti e Risoluzioni A.d.E.

Interpello articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Impatrio dei soggetti di cui all’articolo 16 del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 147 – Attività lavorativa prestata all’estero in posizione di distacco - Attribuzione di un nuovo ruolo aziendale - pdf

  • Risoluzione n. 75 del 05/10/18

Istituzione del codice ente “ SGP ”, da utilizzare nel modello di versamento F23 - pdf

  • Risoluzione n. 74 del 28/09/18

Interpello articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212. Esenzione IVA. Articolo 10, comma 1, n. 21, del DPR 26 ottobre 1972, n. 633. Servizi di accoglienza ai migranti - pdf

Le ultime guide fiscali pubblicate da A.d.E.

Si segnalano le seguenti guide edite dall’Agenzia delle Entrate e recentemente aggiornate

Aggiornamento febbraio 2018

Aggiornamento febbraio 2018

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento settembre 2017

Aggiornamento aprile 2017

Aggiornamento gennaio 2017

Aggiornamento gennaio 2017

Servizi Telematici

  • Modalità di utilizzo del canale di assistenza telematica: Il canale CIVIS può essere utilizzato sia dai contribuenti che dagli intermediari.

Accedi al servizio

  • Come prendere un Appuntamento con l'Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale.

Accedi al servizio

  • Web Ticket - Prenotazione di biglietti elimina-code tramite internet:

Accedi al servizio

INPS: ultimi documenti pubblicati


Si rende noto che sul sito dell’INPS sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Vai alla pagina INPS - circolari

FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA


In questa sezione verrà data segnalazione di eventi formativi accreditati ai fini della formazione professionale continua.

Calendario delle prossime attività formative

Data Titolo evento Sede

Organizzatore

Accreditante

Tipo Crediti fpc

25.10.18

15:30-18:30

Fattura elettronica: lo strumento per rendere efficiente lo Studio e

proteggere il proprio business

Sala convegni ODCEC

Napoli Nord

Via Diaz 89

Aversa

ANC Napoli Nord

ODCEC

Napoli Nord

Gratuito aula

3 fpc

Mat.spec.

Avvisi e informazioni utili


Contributo d'iscrizione 2018 all'Associazione Nazionale Commercialisti Napoli Nord


Il Consiglio direttivo della sezione Napoli Nord dell’Associazione Nazionale Commercialisti ha determinato il contributo d'iscrizione annuale per l’anno 2018 in euro 60,00. Di tale importo si precisa che circa il 40% viene riversato dall’associazione locale all’ANC Nazionale.

Il contributo sarà utilissimo per finanziare tutte le attività sindacali che la nostra associazione sta portando avanti sul territorio e le altre che sono in procinto di partire nel brevissimo periodo. Inoltre, attraverso l’adesione, si avrà diritto ad accedere a convenzioni vantaggiose, a ricevere quotidianamente un’utilissima rassegna stampa, oltre ad essere aggiornati settimanalmente con la newsletter sulle notizie di interesse locale e non e poter avere accesso ai percorsi formativi che l’associazione organizzerà, anche a quelli e-learning.

Il versamento della quota può essere effettuato con bonifico da appoggiare sul c/c bancario UNICREDIT intestato ad “Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord” - IBAN: IT52D0200874791000103632305 – specificando nominativo, ordine di appartenenza e matricola, codice fiscale. Le coordinate per il pagamento della quota d’iscrizione, assieme al modulo di adesione, saranno a breve anche compilabili sul portale internet all’indirizzo: www.ancnapolinord.it. Per segnalare articoli e documenti di interesse comune è possibile inviare un messaggio con i propri riferimenti personali all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Per chiedere informazioni generali: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cassa Ragionieri: attivo lo sportello previdenza di ANC


Sportello Previdenza è il servizio destinato agli iscritti all’Associazione e curato dall’Associazione Nazionale Commercialisti, il cui obiettivo è di agevolare il rapporto di comunicazione degli iscritti alla Cassa di Previdenza Ragionieri con il proprio ente pensionistico, interessando la figura del Garante dell’Iscritto.

Per informazioni e contatti è possibile contattare la segreteria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cordiali saluti.

Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord

Consiglio direttivo

Presidente

Antonio Carboni

Vicepresidenti

Mauro Galluccio

Enza Pisano

Segretario

Marco Idolo

Tesoriere

Marianna D'Orta

Consiglieri

Filippo Cacciapuoti

Carlo D'Abbrunzo

Giuliana Di Caprio

Giovanni Granata

Salvatore Iorio

Nicola Padricelli

Vincenzo Panico

Pasquale Ristorato

Collegio dei revisori

Luigi Apicella

Corrado Civile

Felice Tranchese