TX Nefario - шаблон joomla Форекс
logoanc nanord  
 

 

 

 
     

     

Gentile Collega,

Ti trasmettiamo il numero 2-2019 della nostra newsletter settimanale, sperando di fare cosa gradita. Ti invitiamo a consultare il nostro portale internet, dove potrai trovare tutti i riferimenti per effettuare o rinnovare l'iscrizione, che ti consentirà di accedere a tutti i nostri servizi associativi. Nel segnalarti che potrai seguire le attività dell’Associazione Napoli Nord anche sul nostro profilo Facebook, ti ricordiamo che le informative precedenti, relative agli anni precedenti ed all’anno in corso, sono consultabili sul sito nell'apposita sezione. Un caro saluto e una buona lettura!

Il Consiglio direttivo

Informativa ANC Napoli Nord n° 2-2019 – 19 gennaio 2019

A cura del Consiglio direttivo ANC Napoli Nord

Hanno collaborato a questo numero:

Antonio Carboni, Mauro Galluccio, Giovanni Granata, Marco Idolo, Carlo D’Abbrunzo

In primo piano


Convegno “RE-START - Le misure e gli incentivi per l’occupazione e la creazione di impresa.  Il ruolo centrale dei Professionisti”


Si è tenuto ieri in Aversa presso la Sala convegni del centro polifunzionale “V. Caianiello” il convegno RE-START organizzato da ANC Napoli Nord, in collaborazione con l’A.P.S. Inversione di Marcia e con il patrocinio morale del Comune di Aversa, un interessante seminario informativo su tematiche riguardanti gli strumenti e le agevolazioni per favorire l’occupazione, l’autoimpiego, lo sviluppo di competenze e la creazione di imprese.

Il convegno, indirizzato a Commercialisti, Consulenti del Lavoro, imprenditori e privati cittadini, ha concesso numerosi spunti di riflessione e fornito le conoscenze necessarie per valutare gli strumenti finanziari esistenti per sostenere l’avvio di impresa, promuovere e favorire l’occupazione giovanile e la formazione di imprenditori, professionisti e loro collaboratori.

Dopo i saluti di benvenuto di Antonio Carboni, Presidente ANC Napoli Nord, di Antonio Coppola, Presidente APS Inversione di Marcia, del Sindaco della Città di Aversa, Domenico De Cristofaro e dell’Assessore alle politiche giovanili del Comune di Aversa, Agostino Armando Carratù. hanno avuto inizio i lavori illustrando gli strumenti dedicati alla nascita e allo sviluppo d’impresa (self-emplymentt, resto al sud, microcredito) e del rapporto banca-impresa.

Sono state presentate le recenti novità introdotte a sostegno dell’occupazione, con particolare riferimento a Garanzia Giovani e Apprendistato e per finire sono stati esaminati i vantaggi e le opportunità offerte ad aziende e studi professionali dai fondi interprofessionali ed in particolare al Fondo FonARCom, Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la Formazione Continua già scelto da oltre 170.000 aziende e più di 1.150.000 lavoratori, che finanzia Piani Formativi “su misura” per le esigenze dei lavoratori e delle imprese italiane, attraverso strumenti finanziari adeguati ad ogni contesto Aziendale, Interaziendale e di Rete.

Gli argomenti sono stati trattati da Gianluca BologniniINVITALIA SpA; Eugenio FicheraBanca INTESA San Paolo; Marco Paoluzi Responsabile Area Credito Ente Nazionale per il Microcredito; Stefano TestaseccaE-DOTTO srl – FonARCom.

Gli intereventi sono stati moderati da Marco IdoloSegretario ANC Napoli Nord; Nicola PadricelliConsigliere ANC Napoli Nord; Luigi SchiavoneCommercialista ODCEC Napoli Nord.

Nel corso del convegno si sono tenute sessioni individuali con funzionari INVITALIA SpA per avere notizie utili alla prevalutazione delle idee progettuali.

L’evento è stato accreditato all’ODCEC di Napoli Nord ed ha conferito ai partecipanti 4 crediti per la formazione obbligatoria.

Caos fattura elettronica. Continua la raccolta ANC delle segnalazioni di malfunzionamento del sistema da parte dei colleghi


Prosegue l'attività dell’Associazione Nazionale Commercialisti volta a denunciare i gravi disservizi del sistema della fatturazione elettronica, rispetto ai quali l'Associazione continua a invocare interventi urgenti del legislatore e delle istituzioni coinvolte.

L'ANC ricorda ai commercialisti l'invito a voler segnalare, scrivendo all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e allegando anche immagini delle schermate con i messaggi di errore, ogni anomalia riscontrata nell'utilizzo sia della piattaforma dell'Agenzia delle Entrate sia delle numerose piattaforme private delle software house dedicate alla fatturazione elettronica.

"In questa fase - spiega il Presidente ANC Marco Cuchel - il contributo dei colleghi è prezioso per dimostrare e far comprendere che, diversamente da quanto si voglia far credere - la fattura elettronica non sta funzionando come dovrebbe e che purtroppo molteplici sono i disagi cui sono costretti milioni di contribuenti.".  

L'ANC ringrazia i colleghi che stanno facendo e che faranno pervenire le loro segnalazioni.    

Deduzione forfetaria “retroattiva” per gli autotrasportatori


Sempre peggio. Pensavamo di averle viste tutte, ma al caos non c’è limite.

Con comunicato del Ministero dell'Economia e delle Finanze n. 7 del 14 gennaio 2019 cui ha fatto seguito il comunicato stampa di Agenzia delle Entrate, gli autotrasportatori possono fruire delle nuove misure per l’anno di imposta 2017, presentando una dichiarazione dei redditi integrativa “a favore”, al fine di evidenziare un minor debito o un maggior credito derivante dall’aumento delle deduzioni forfetarie.

In particolare, l’art. 23 del D.L. 119/2018, convertito, con modificazioni, dalla Legge 136/2018, ha incrementato la dotazione finanziaria relativamente alle misure agevolative a favore degli autotrasportatori per il 2018.

Gli importi delle deduzioni forfetarie, per i trasporti effettuati personalmente dall’imprenditore oltre il Comune in cui ha sede l’impresa (autotrasporto merci per conto di terzi), per il periodo d’imposta 2017, passa dai 38,00 euro, precedentemente previsti, a 51,00 euro.

La deduzione spetta anche per i trasporti effettuati personalmente dall’imprenditore all’interno del Comune in cui ha sede l’impresa, per un importo pari al 35 per cento di quello riconosciuto per i medesimi trasporti oltre il territorio comunale.

Tale integrativa “a favore” può essere presentata senza il pagamento delle sanzioni, entro 120 giorni dalla scadenza del termine ordinario di presentazione; va quindi inoltrata entro il 28 febbraio 2019.

Errore CIC S all'apertura del cassetto fiscale allarma i commercialisti


Avvio di settimana con ansia a causa del disservizio causato dall’errore CIC S all’apertura del cassetto fiscale. Disservizi nel cassetto fiscale dei propri clienti stanno complicando le giornate dei commercialisti già impegnati dall’inizio dell’anno sul fronte fattura elettronica.

L’errore sembra aver allarmato molte persone e probabilmente questo è il risultato della poca fiducia nei mezzi dell’Agenzia delle Entrate che è stata implementata con l’avvento della fatturazione elettronica e dei mezzi che sono stati messi a disposizione per la sua gestione.

Non è affatto semplice conoscere la natura dell’errore segnalato, tuttavia dovrebbe essere un errore temporaneo e di conseguenza dovrebbe essere risolto nel giro di poco tempo.

 

 

fe cassetto errore

 

 

Disponibile sul sito dell’Agid la nuova versione della tassonomia PCI 2018-11-04


Pubblicato sulla G.U. .6 del 08/01/2019 il decreto del MISE in merito alla nuova tassonomia XBRL denominata PCI_2018-11-04. La nuova versione della tassonomia è dedicata alla codifica dei bilanci d’esercizio e consolidati redatti secondo le norme del codice civile e secondo le disposizioni del d.lgs. n. 127 del 9 aprile 1991; pertanto il nuovo tracciato non si applica a coloro che redigono i propri conti annuali e consolidati secondo i principi contabili internazionali.

Disponibile alla pagina http://www.agid.gov.it/dati/formati-aperti/xbrl-standard-formato-elettronico-editabile, la nuova tassonomia PCI 2018-11-04 si applicherà obbligatoriamente a partire dal 1.3.2019 per i conti annuali e consolidati riferiti ad esercizi chiusi il 31.12.2018 o in data successiva. La previgente Tassonomia Principi Contabili Italiani 2017-07-06 potrà essere utilizzata fino al 28.2.2019per esercizi chiusi in data 31.12.2018 o in data successiva.

Potrà essere usata successivamente anche dopo il 28.2.2019 ma non oltre il 31.12.2019 e solo per conti annuali e consolidati redatti secondo le regole civilistiche post D.Lgs n.139/2015 riferiti ad esercizi chiusi prima del 31.12.2018.

Revisori legali: il 31 gennaio scade il contributo 2019


Entro il prossimo 31 gennaio, i revisori legali e le società di revisione legale che risultano iscritti nel Registro dei revisori legali al 1° gennaio 2019, devono versare il contributo annuale al Registro dei revisori.

L'importo da versare è uguale a quello dell'anno scorso, 26,85 Euro, e si ricorda che deve essere versato in un'unica soluzione.

Il versamento potrà essere effettuato tramite il servizio on line PagoPA, accedendo all'Area riservata del sito internet della Ragioneria Generale dello Stato, oppure tramite bonifico bancario o bollettino postale PA bianco, secondo quanto indicato nelle PEC che sono state inviate agli iscritti nei primi giorni di Gennaio.

Si ricorda che il mancato versamento del contributo può comportare la sospensione dal Registro dei revisori, come è avvenuto negli anni precedenti per 14.408 persone fisiche e 48 società (si vedano i decreti di sospensione pubblicati sul sito della Revisione legale), e in mancanza di regolarizzazione addirittura la cancellazione definitiva dal Registro.

Pace fiscale: saldo e stralcio per i contribuenti in difficoltà


Nell’ambito delle diverse opzioni che la pace fiscale offre ai debitori di definire, appunto, i propri debiti con il Fisco, vi sono due misure che sono rivolte in modo particolare alla sanatoria o “pulizia” dei debiti anche di piccoli importi nei confronti dell’Agente della riscossione.

È stato, in particolare, previsto nel collegato fiscale alla Legge di Bilancio 2019 (D.L. 119 del 23 ottobre 2018 convertito nella Legge n. 136 del 17 dicembre 2018) l’annullamento automatico dei debiti tributari fino a mille euro (comprensivo di capitale, interessi e sanzioni) risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010.

Successivamente, vi è stata come ultimo tassello della pace fiscale, l’introduzione a cura della Legge di Bilancio 2019 (Legge n. 145 del 30 dicembre 2018), della tanto annunciata misura del “saldo e stralcio” dei debiti iscritti a ruolo per i soggetti in difficoltà economica.

I debiti fino a mille euro che ormai sono stati cancellati al 31 dicembre 2018, erano quelli risultanti dai singoli carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017, derivanti dall’omesso versamento di imposte indicate nelle dichiarazioni annuali.

Il debito doveva già essere iscritto a ruolo e, pertanto, pur non essendo necessaria la notifica della relativa cartella, non era sufficiente il solo avviso bonario recapitato al contribuente.

La misura prevista dalla Legge di Bilancio 2019 permetterà, invece, l’estinzione dei debiti per i soggetti che versano in una grave e comprovata situazione di difficoltà economica certificata con il modello ISEE. Beneficeranno di questa tipologia di definizione agevolata anche coloro che si trovano in uno stato di sovraindebitamento e che hanno presentato la domanda per la liquidazione di tutti i propri beni (prevista dall’articolo 14-ter della Legge 3/2012).

Per le perdite 2017 in semplificata scomputo anche post 2020


Novità per le perdite dei soggetti IRPEF d’impresa: la legge di Bilancio 2019 equipara il trattamento fiscale delle perdite d’impresa in contabilità semplificata a quelle in contabilità ordinaria, introducendo, per entrambe le fattispecie, il limite quantitativo già operante per i soggetti IRES. Un regime transitorio riguarda le perdite dei periodi d’imposta 2017-2019, per le sole imprese in contabilità semplificata. In particolare, le perdite 2017, per la parte non compensata, sono computate in diminuzione dei redditi conseguiti nei periodi d'imposta 2018 e 2019 (in misura non superiore al 40%) e 2020 (in misura non superiore al 60%). Sarà, inoltre, possibile riportare le perdite 2017, non ancora completamente assorbite, anche in diminuzione dei redditi d’impresa da dichiarare oltre il 2020.

Rivalutare terreni e partecipazioni costerà di più


Sarà più oneroso fruire della nuova procedura agevolata per rideterminare il costo o il valore d’acquisto dei terreni (edificabili o agricoli) e delle partecipazioni detenuti fuori dal regime d’impresa alla data del 1° gennaio 2019. Per effetto della legge di Bilancio 2019, non trova più applicazione l’aliquota unica pari all’8%: le nuove aliquote sono fissate nella misura del 10% per i terreni agricoli e per le aree fabbricabili, dell’11% per le partecipazioni qualificate e del 10% per le partecipazioni non qualificate. Per perfezionare l’opzione, il versamento dell’imposta deve essere effettuato entro il 30 giugno 2019.

Convergence 4.0: la soluzione di ANC per la gestione della Fatturazione Elettronica


Convergence Studio 4.0, è una piattaforma multiutenza con diversificazione degli accessi tramite “profili” che l’Associato ANC ha facoltà di assegnare ai propri clienti.

La piattaforma, integrabile con il software gestionale di studio, può gestire: l’emissione del documento informatico; l’invio in conservazione sostitutiva; l’invio tramite il Sistema di Interscambio delle fatture elettroniche ai clienti, comprese le Pubbliche Amministrazioni; l’invio telematico delle fatture in copia cortesia ai destinatari, oltre ulteriori funzionalità per la fidelizzazione del cliente, come invio di messaggistica e newsletter. Ciascun profilo potrà emettere e trasmettere documenti contabili in numero illimitato (fattura, note di credito e di debito ecc. personalizzabili con il logo aziendale).

I servizi documentali della piattaforma permettono dunque di archiviare digitalmente, classificare, ordinare, indicizzare, contabilizzare, esportare dati contabili ai gestionali e conservare a norma di legge, ricercare, consultare e stampare documenti (anche xml) in formato pdf (ad un costo omnicomprensivo).

Convergence è disponibile in versione piena gratuitamente agli associati ANC sino al 31.01.2019, per poi essere fruibile a costi estremamente contenuti ed in modalità “pay per use”. Gli Associati possono consultare in area riservata le videoguide ed i tutorial.

Presentazione video di Convergence 4.0

La presentazione di Convergence - Giugno 2018

GDPR: la soluzione sviluppata da ANC Napoli Nord per la gestione della Privacy


ANC Napoli Nord ha sottoscritto un accordo con una primaria software-house e con uno studio legale specializzato in consulenza privacy, per la gestione degli adempimenti introdotti dal nuovo regolamento europeo GDPR

Gli Associati ANC potranno, inoltre, avvalersi - con un minimo costo aggiuntivo - del consulente privacy per un assessment legale finalizzato alla redazione del piano oppure, a tariffe agevolate preconcordate tra il consulente privacy e ANC, gli iscritti ANC potranno offrire, altresì, a quei clienti con un'organizzazione e problematiche complesse, una consulenza “ad hoc”.

Per ogni informazioni è possibile contattare il Collega Carlo D’Abbrunzo (cell: 3394806841) o inviare una mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con oggetto “richiesta informazioni convenzione GDPR”.

Guarda il video dimostrativo su YouTube

    

     Altre notizie e documenti di interesse professionale


Fondazione Nazionale dei Commercialisti

La fatturazione elettronica nel settore dei subappalti

Pubblicato il documento che illustra le novità relative all’obbligo di fatturazione elettronica nei subappalti pubblici, introdotto a far data dal 1 luglio 2018.

Consulta il documento

Le novità della V Direttiva antiriciclaggio

Pubblicato il documento che analizza le novità della V Direttiva antiriciclaggio con particolare attenzione agli aspetti di interesse per i professionisti coinvolti nell’attuazione della specifica normativa.

Consulta il documento

Indagine statistica 2018 sui dottori commercialisti ed esperti contabili. Anteprima dei risultati

Pubblicate le elaborazioni parziali (al 13/09/2018) dei risultati dell’Indagine statistica 2018. Al momento dell'elaborazione i questionari raccolti on line (attraverso il metodo CAWI) sono 7.318, con un tasso di completamento delle risposte pari al 69%. Si tratta del campione più "robusto" se confrontato con le indagini degli anni precedenti.

Consulta i risultati parziali

Si informa, infine, che sul sito della FNC sono pubblicati i seguenti strumenti operativi di controllo a supporto dell’attività svolta dai collaboratori negli studi professionali:

CNDCEC: Ultime pubblicazioni


Il Consiglio nazionale dei Dottori Commerciali e degli Esperti Contabili ha pubblicato i seguenti documenti:

Pronto Ordini


Si segnalano le seguenti risposte fornite dal Consiglio Nazionale ai quesiti formulati dagli Ordini in merito allo svolgimento della professione.

Non solo tasse…


Questa sezione è stata attivata per fornire informazioni su attività culturali, ludiche e ricreative in programma nell’ambito del circondario.

Per segnalazioni:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Escher in mostra al PAN di Napoli


Il PAN, Palazzo delle Arti a Via dei Mille 60 a Napoli fino 22 aprile 2019 ospiterà la mostra su Escher. Il genio olandese sarà il protagonista principale di oltre cinque mesi all’insegna di numerose opere d’arte dalla forte impronta geometrica e matematica.

Mauritz Escher è stato fonte di ispirazione per numerosi artisti considerati suoi eredi, oltre che un esempio per la produzione di dischi, fumetti, spot pubblicitari, lavori cinematografici. Gli appassionati potranno ammirare oltre 200 opere allestite in un chiaro ordine temporale, fino ad arrivare alla nostra epoca contemporanea.

Tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30. Contatti: Tel. 0811865991. Sito Mostra Escher

Leonardo da Vinci a Napoli


Fino al 30 giugno 2019 è possibile ammirare la mostra interattiva “Leonardo da Vinci – il Genio del Bene”, allestita nella suggestiva cornice della cripta del Complesso Monumentale Vincenziano, nel quartiere storico di Napoli Vergini Sanità. Nel corso della vista si possono ammirare le macchine e le opere che raccontano la storia del grande genio del Rinascimento.

La mostra celebra, a cinquecento anni dalla morte di Leonardo, il suo genio attraverso l’esposizione di macchine fedelmente riprodotte sia in scala che a grandezza naturale e funzionanti, basate sui disegni fatti dall’artista. A fare da guide d’eccezione all’opera leonardesca, ci saranno attori professionisti in costume d’epoca, che accompagneranno i visitatori nella mostra. Cripta del Complesso Monumentale Vincenziano, Via Vergini 51, dalle 10.00 alle 17.00 Sito Ufficiale Tel. 0818631581 – 3391888611

Osservatorio professionale


Focus tributario


Le risultanze penali nel processo tributario


L'omessa valutazione delle risultanze della sentenza penale nel contesto del processo tributario costituisce lo specifico oggetto di un'ulteriore pronuncia della Cassazione, confermativa di un indirizzo interpretativo oramai pienamente consolidato.

Si tratta nello specifico dell'ordinanza 33.641 del 28.12.2018 della Cassazione Civile, con cui si ribadisce che nel contesto processuale che connota il contenzioso tributario, non può essere conferita alcuna automatica autorità e vigenza di giudicato a una sentenza emessa parallelamente, ancorché per i medesimi fatti, nel contesto di un procedimento penale.
A prescindere dal fatto che si tratti di sentenza “irrevocabile”, di assoluzione o di condanna, che abbia comunque trattato i medesimi elementi fattuali (nello specifico, violazioni di carattere tributario) che hanno connotato sia il processo penale che il contenzioso tributario, tali elementi non possono trovare ingresso in termini di fondamento decisionale nel contesto del processo tributario.
La preclusione non è frutto di una mera elaborazione giurisprudenziale, ma aderisce a un inequivocabile dettato normativo in base al quale vengono sanciti precisi limiti in tema di prova ai sensi dell'art. 7 D.Lgs. 564/1992. Inoltre, si rileva come in tale contesto, nonostante vi sia stata una parte della dottrina che abbia addirittura parlato di “discutibile sterilizzazione della sentenza penale agli effetti tributari”, si deve prendere atto che con l'abrogazione dell'art. 12 D.L. 429/1982 ad opera dell'art 25 D.Lgs. 74/2000 è venuto definitivamente e normativamente meno il principio in base al quale la sentenza irrevocabile di condanna o di proscioglimento, pronunciata in materia di imposte sui redditi e di imposta sul valore aggiunto, assume (assumeva) autorità di cosa giudicata nel processo tributario per quanto concerne i fatti materiali che sono stati oggetto del giudizio penale.
La preclusione, tuttavia, come osservato dalla medesima giurisprudenza di legittimità, non è di carattere assoluto, permanendo comunque la validità d'ingresso delle prove presuntive (nella forma delle presunzioni semplici) di per sé inidonee a supportare una pronuncia penale di condanna.
In ogni caso, quindi, al giudice tributario non è consentito il ricorso e il richiamo a una sentenza ancorché definitiva emessa nel simmetrico procedimento penale in ordine a reati fiscali, di cui ne venga integralmente recepito il contenuto decisionale. Il medesimo giudice (tributario) può solamente operare un'attenta valutazione della condotta tenuta dalle parti e del materiale probatorio complessivamente agli atti e procedendo in tal senso a un complessivo apprezzamento del contenuto della decisione eventualmente disponibile, ponendola a confronto con elementi di prova acquisiti al giudizio.

Tutto ciò risponde al disegno operativo conferito al processo tributario da parte del legislatore che ha inteso essenzialmente ricondurre l'accertamento dei fatti su base preminentemente documentale e che ha connotato il giudizio tributario come un “processo di carte” destinato ad essere immediatamente condotto su tali basi a una decisione senza che vi sia spazio per una autonoma assunzione dei mezzi idonei all'ordinaria istruzione probatoria che connota altri ambiti processuali.

Dubbi in merito alla definizione agevolata dei PVC


Per i contribuenti che abbiano ricevuto un processo verbale di constatazione entro il 24.10.2018, l'art. 1 D.L. 119/2018, convertito con la legge 136/2018, prevede che possano definirlo in via agevolata, pagando esclusivamente le imposte contestate, senza sanzioni nè interessi. Ciò in estrema sintesi. La declinazione pratica della norma, tuttavia, pone non pochi problemi. Nel silenzio dell'Agenzie delle Entrate, vediamo di fare il punto almeno sulle questioni di maggiore rilevanza.
Un caso interessante è certamente quello del PVC avente a oggetto più anni di imposta.

Ipotizziamo che i rilievi abbiano ad oggetto gli anni 2013, 2014 e 2015. Se entro la data sopra indicata risulta notificato l'avviso di accertamento, al contribuente è preclusa la sanatoria dell'art. 1, ma non quella dell'art. 2 (atti del procedimento di accertamento). Ma se l'atto impositivo fosse affetto da insanabile vizio di notifica? E ancora: se questo fosse stato notificato soltanto in relazione al 2013 e 2014, il PVC resterebbe definibile per il 2015?

La risposta corretta dovrebbe essere affermativa, poiché in difetto, lo stesso contribuente rimarrebbe sguarnito di ulteriori tutele in relazione al D.L. 119/2018. Ciò non sarebbe coerente con lo spirito della norma e genererebbe una grave disparità sotto il profilo soggettivo.

E qualora il contribuente avesse inteso definire, con ravvedimento operoso, uno o piò rilievi prima del 24.10.2018, fermi gli altri presupposti, il PVC potrebbe essere definito in via agevolata per le restanti contestazioni?

Anche in tal caso, non parrebbero esservi preclusioni.

In ultimo, nel caso di società tassate per trasparenza, la norma prevede la possibilità, per i soci, di definire la pendenza in via autonoma, per i tributi loro riferibili. Ma nel caso in cui soltanto la società dovesse essere stata destinataria dell'avviso di accertamento ai fini IRAP/IVA entro la predetta data, ciò costituirebbe causa ostativa alla definizione anche in capo a essi? Non per irrimediabile ottimismo, ma per le medesime ragioni sopra ripercorse, si auspica una conferma dell'Amministrazione Finanziaria anche sotto tale profilo.

Difficile, invece, ipotizzare l'estensione del principio contenuto nel c. 4 alle società a responsabilità limitata (non in trasparenza), a ristretta base partecipativa.

Si consideri, infine, che l'istituto in argomento soffre di un limite non irrilevante: la definizione deve essere integrale, sicché risulta quantomeno opportuno, in presenza congiunta di rilevi fondati e infondati, valutare l'alternativa del ravvedimento operoso parziale che, in via ordinaria, consente sempre la riduzione delle sanzioni a 1/5 del loro ammontare (con cumulo materiale). Di contraltare, la misura in argomento consente però di beneficare del pagamento rateale fino a 20 rate trimestrali: non essendo ammesso lo scomputo di perdite e la compensazione, l'aspetto finanziario deve essere ulteriore elemento di valutazione.

Focus societario


Cessione di partecipazioni sociali e assenza di specifiche garanzie


Nei contratti di compravendita di partecipazioni sociali, in mancanza di specifiche garanzie, non trova applicazione la garanzia di cui all’art. 1490 c.c. in riferimento al valore reale del patrimonio sociale

Poiché nella vendita di quote o azioni l’oggetto immediato del contratto è la partecipazione sociale, qualora le parti non abbiano espressamente previsto specifiche clausole di garanzia, non possono trovare applicazione le garanzie dovute dal venditore ex art. 1490 c.c. in riferimento al valore del patrimonio sociale in quanto, da un lato, non esiste alcuna norma che preveda il riferimento al dato dell’esattezza e veridicità del bilancio quale necessario parametro del valore reale delle azioni/quote, e, d’altro lato, il corrispettivo di vendita è rimesso alla libera volontà delle parti, con conseguente irrilevanza dell’errore in ordine al valore reale delle azioni/quote.

Focus Enti Locali


Aggiornamento dei compensi dei Revisori degli enti locali


Pubblicato nella G.U. del 4 gennaio 2019 il decreto con l'aggiornamento per il 2019 dei limiti massimi del compenso base spettante ai revisori dei conti degli enti locali.  Gli adeguamenti sono definiti in relazione alla classe demografica e alle spese di funzionamento e di investimento registrate nell'ultimo bilancio degli enti interessati e sono riportati in dettaglio nelle tabelle allegate al decreto.

In generale si prevede che il limite massimo del compenso base   annuo lordo spettante ad ogni componente degli organi di revisione economico-finanziaria dei comuni, delle province e delle città metropolitane sia maggiorato:

  • sino a un massimo del 10% per gli enti locali la cui spesa corrente annuale pro capite desumibile dall'ultimo bilancio preventivo approvato, sia superiore alla media nazionale per fascia demografica di cui alla tabella B;
  • sino ad un massimo del 10 per cento per gli enti locali la cui spesa per investimenti annuale pro-capite, desumibile dall'ultimo bilancio preventivo approvato, sia superiore alla media nazionale per fascia demografica di cui alla  tabella  C

L' adeguamento del compenso deliberato dal consiglio dell'ente non ha effetto retroattivo e, quindi, per l’applicazione dell’aumento è necessaria la delibera del Consiglio.

Monitoraggio e certificazione del “Pareggio di bilancio 2018”


Pubblicato sulla G.U. n. 2 del 2 gennaio 2019 il DM Economia e delle Finanze 17 dicembre 2018, concernente il monitoraggio e la certificazione del “Pareggio di bilancio” per il 2018 per le Regioni a Statuto ordinario (art. 1, commi 469 e 470, della Legge n. 232/2016).

Le Regioni a Statuto ordinario devono infatti trasmettere entro il 30 gennaio 2019, tramite il Modello “1SF/18”, le informazioni relative al monitoraggio del rispetto del saldo di competenza finanziaria tra le entrate e le spese finali utilizzando l’apposita applicazione web utilizzando il sito http://pareggiobilancio.mef.gov.it/Patto

Estrazione revisori Enti Locali


Si ricorda che è operativo sul portale del Dipartimento per la funzione pubblica una funzione di ricerca che agevolmente consente di visualizzare le ultime estrazioni effettuate presso le prefetture delle province della Regione per l’esercizio della funzione di revisore dell’Ente locale.

Consulta le estrazioni più recenti

Collegati al sito

Economia del territorio


Si riporta l’elenco provvisorio delle ultime procedure concorsuali la cui pubblicazione è disponibile sui portali di servizio a curatori e creditori che operano in collaborazione con il Tribunale di Napoli Nord. L’elenco è relativo alle ultime procedure dichiarate.

In netta diminuzione le procedure fallimentari. Nel 2018 le procedure sono state 116, mentre nel 2017 sono state 190.

Si ricorda che complessivamente nel 2016 si sono registrate 168 sentenze dichiarative di fallimento; nel 2015 sono state 218 le sentenze emesse, contro le 140 procedure dichiarate nel corso del 2014. Nel 2015 si è registrata l’apertura di 8 concordati e di 3 procedure di composizione di crisi da sovraindebitamento. Nel 2016 i concordati sono stati 12, mentre nel 2017 sono stati 16 e 7 nel 2018. Nel dettaglio si riportano i dati riscontrabili sui siti di servizio:

Procedure fallimentari

Procedura Tipo Num. Data aper. Curatore Titolo Giudice Delegato
n.d. Fall. 4/2019 17/01/2019
  Flagiello Domenico

Dott.

NN

Di Giorgio Giovanni
n.d. Fall. 3/2019 17/01/2019
  D'Anna Luigi  

Avv.

LT

De Vivo Maria
n.d. Fall. 2/2019 17/01/2019
  D'Anna Luigi  

Avv.

LT

De Vivo Maria
n.d. n.d. 1/2019 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. Fall. 116 20/12/18 Casanova Marco Avv. SMCV Lamonica M.G.
n.d. n.d. 115 20/12/18 Sorvillo Giuseppe. Dott. NN Satta Cristiana
n.d. Fall. 114 20/12/18 Capone Angelo Dott. NN Satta Cristiana
n.d. Fall. 113 20/12/18 Martucci Anna Dott. Ce Di Giorgio Giovanni
Novac S.r.l. Fall. 112 20/12/18 Iacone Mario Avv. Ce Rabuano Arminio Salvatore
n.d. Fall. 111 20/12/18 Casanova Marco Avv. SMCV Lamonica M.G.
n.d. n.d. 110 07/12/18 Di Palma Angelo Avv. NA Satta Cristiana
n.d. Fall. 109 06/12/18 Martucci Anna Dott. Ce Di Giorgio Giovanni
n.d. Fall. 108 06/12/18 Taralbo Adele Dott. Na De Vivo Maria
n.d. Fall. 107 06/12/18 Taralbo Adele Dott. Na De Vivo Maria
n.d. Fall. 106 06/12/18

Cantone Michele

Cesàro Vincenzo Maria

Dott. NN

Avv. Na.

Rabuano Arminio Salvatore
Mace Srl Fall. 105 05/12/18

Casillo Gianluca

Pirro Ferdinando

Dott

CE

n.d.

Rabuano Arminio Salvatore
n.d. Fall 104 22/11/18 Ciaramella Gennaro Dott. NN Satta Cristiana
n.d. Fall 103 22/11/18 Perna Felice Dott. Nola Lamonica M.G.
n.d. Fall 102 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. Fall 101 07/11/18 Perna Felice Dott. Nola Lamonica M.G.
n.d. Fall 100 18/10/18 Chiusolo Errico Eduardo Avv. Na De Vivo Maria
n.d. Fall 99 18/10/18 Galluccio Raffaele Avv. SMCV Di Giorgio Giovanni

Altre procedure

Procedura Tipo Num. Data aper. Commiss. Titolo Giudice Delegato
n.d. C.P. 11 25/10/18 Petruzzelli Pietro Dott. SMCV Lamonica M.G.
n.d. n.d. 10 07/11/18 Grimaldi Paolo Dott.Na Di Giorgio Giovanni
n.d. n.d. 9 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 8 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. C.P. 7 23/08/18 Orabona Francescopaolo

Dott.

NN

Lamonica M.G.
n.d. n.d. 6 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. C.P. 5 04/07/18

Corbello Francesco

Trombetta Gabriele

Dott.

NN

Avv

SMCV

De Vivo Maria
n.d. C.P. 4 08/06/18

Capone Angelo

Barone Mario

Dott. NN

Avv Na.

Satta Cristiana
n.d. C.P. 3 08/06/18

Cantone Michele

Cesàro Vincenzo Maria

Dott.

NN

Avv.

Na

Rabuano Arminio Salvatore
n.d. C.P. 2 19/09/18

Pannella Paolo

Sorvillo Giuseppe

Avv.

Na

Dott.

NN

Satta Cristiana
n.d. C.P. 1 n.d. Grimaldi Paolo

Dott.

NA

Lamonica M.G.
n.d. C.P. 16 06/12/17 Megale Massimiliano

Dott.

NN

Di Giorgio Giovanni
n.d. n.d. 15 n.d. n.d. n.d. n.d.
Bollicine Marotta s.a.s. di Mallardo Francesco & C. C.P. 14 14/09/17

Rossi

Guido

Villano

Enrico

Dott.

NN

Dott.

NN

Di Giorgio Giovanni
PERILLO COSTRUZIONI GENERALI SRL C.P. 13 07/09/17


D'Alò Ferdinando

Dott.

NA

Caria Enrico
WATTSUD L.E.P. SPA C.P. 12 04/10/17

Giordano Francesco

Nappi

Severino

Dott.

NA

Avv Na

Rabuano Arminio Salvatore
MACE Srl C.P. 11 06.07.17

Soprano

Luigi

Dott.

NA

Satta Cristiana
Diversificazioni Bonifiche Fabbricazioni Industriali s.r.l. C.P. 10 05.07.17

Macchioni Riccardo

Caruso Giuseppe

Prof.

Na

Avv Na

Di Giorgio Giovanni
COCCOFRESCO s.a.s. di Crispino Pasquale & C. C.P. 9 30.05.17

Volpe

Sergio

Dott.

NA

Caria Enrico
n.d. n.d. 8 n.d. n.d. n.d. n.d.

Tribunale Napoli Nord: sezione sovra indebitamento.

Il tribunale di Napoli Nord ha attivato una sezione dove sono pubblicati i piani omologati con tutta la documentazione inerente. Per consultare la sezione è possibile raggiungere il seguente link:

http://www.tribunale.napolinord.giustizia.it/sovraindebitamenti.aspx

Fonte: Portale dei Fallimenti di Napoli Nord -realizzato da Zucchetti software giuridico srl; “Procedure.it” di Aste Giudiziarie inlinea Spa; sito internet Tribunale Napoli Nord.

L’ANC Napoli Nord declina qualsiasi responsabilità per errori, inesattezze ed omissioni eventualmente presenti negli elenchi, rinviando i lettori alla verifica dei dati pubblicati presso il Tribunale per verificarne la completezza e l'esattezza dei dati riportati.

Circolari di altri Enti di interesse professionale


Si rende noto che sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Banca dati CERDEF integrata di normativa, prassi e giurisprudenza in materia fiscale

Accedi alla Banca Dati CERDEF

Le ultime circolari dell'A.d.E.

  • Circolare n. 19 del 31/10/2018

IVA – Chiarimenti sulla disciplina del Gruppo IVA contenuta nel Titolo V-bis del D.P.R. 633/1972 e nel D.M. 6 aprile 2018 del Ministro dell’Economia e delle Finanze.

Ultimi Provvedimenti e Risoluzioni A.d.E.

  • Risposte a interpelli

Ultime risposte a interpelli

  • Risposta a consulenza giuridica n. 2 del 22/11/18

Tassazione sentenze aventi ad oggetto reclami ex art. 630 c.p.c.

  • Risposta n. 1 del 04/10/18

Individuazione del dies a quo da cui far decorrere il termine di decadenza per la presentazione delle istanze di rimborso - Articolo 38 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602 - pdf

Cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante per interventi di riqualificazione energetica degli edifici nonché per quelli finalizzati alla riduzione del rischio sismico

  • Risoluzione n. 82 del 14/11/2018

Consulenza giuridica – Integrazione modello IVA TR

Servizi Telematici

  • Modalità di utilizzo del canale di assistenza telematica CIVIS.

Accedi al servizio

  • Come prendere un Appuntamento con l'Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale.

Accedi al servizio

  • Web Ticket - Prenotazione di biglietti elimina-code tramite internet:

Accedi al servizio

Le ultime guide fiscali pubblicate da A.d.E.

Si segnalano le seguenti guide edite dall’Agenzia delle Entrate e recentemente aggiornate

Aggiornamento febbraio 2018

Aggiornamento febbraio 2018

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento settembre 2017

Aggiornamento aprile 2017

Aggiornamento gennaio 2017

Aggiornamento gennaio 2017

INPS: ultimi documenti pubblicati


Si rende noto che sul sito dell’INPS sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Vai alla pagina INPS - circolari

FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA


In questa sezione verrà data segnalazione di eventi formativi accreditati ai fini della formazione professionale continua.

Calendario delle prossime attività formative

Data Titolo evento Sede

Organizzatore

Accreditante

Tipo Crediti fpc

28/01/2019

Ore 17,30

Le novità della finanza agevolata per l’occupazione a favore del sud, anche a fondo perduto. Biblioteca comunale di Afragola

MCC

Consulting

** **

Avvisi e informazioni utili


Contributo d'iscrizione 2019 all'Associazione Nazionale Commercialisti Napoli Nord


Il Consiglio direttivo della sezione Napoli Nord dell’Associazione Nazionale Commercialisti ha determinato il contributo d'iscrizione annuale per l’anno 2019 in euro 60,00. Di tale importo si precisa che circa il 40% viene riversato dall’associazione locale all’ANC Nazionale.

Il contributo sarà utilissimo per finanziare tutte le attività sindacali che la nostra associazione sta portando avanti sul territorio e le altre che sono in procinto di partire nel brevissimo periodo. Inoltre, attraverso l’adesione, si avrà diritto ad accedere a convenzioni vantaggiose, a ricevere quotidianamente un’utilissima rassegna stampa, oltre ad essere aggiornati settimanalmente con la newsletter sulle notizie di interesse locale e non e poter avere accesso ai percorsi formativi che l’associazione organizzerà, anche a quelli e-learning.

Il versamento della quota può essere effettuato con bonifico da appoggiare sul c/c bancario UNICREDIT intestato ad “Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord” - IBAN: IT52D0200874791000103632305 – specificando nominativo, ordine di appartenenza e matricola, codice fiscale. Le coordinate per il pagamento della quota d’iscrizione, assieme al modulo di adesione, saranno a breve anche compilabili sul portale internet all’indirizzo: www.ancnapolinord.it. Per segnalare articoli e documenti di interesse comune è possibile inviare un messaggio con i propri riferimenti personali all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Per chiedere informazioni generali: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cassa Ragionieri: attivo lo sportello previdenza di ANC


Sportello Previdenza è il servizio destinato agli iscritti all’Associazione e curato dall’Associazione Nazionale Commercialisti, il cui obiettivo è di agevolare il rapporto di comunicazione degli iscritti alla Cassa di Previdenza Ragionieri con il proprio ente pensionistico, interessando la figura del Garante dell’Iscritto.

Per informazioni e contatti è possibile contattare la segreteria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cordiali saluti.

Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord

Consiglio direttivo

Presidente

Antonio Carboni

Vicepresidenti

Mauro Galluccio

Enza Pisano

Segretario

Marco Idolo

Tesoriere

Giuliana Di Caprio

Consiglieri

Filippo Cacciapuoti

Carlo D'Abbrunzo

Giovanni Granata

Salvatore Iorio

Nicola Padricelli

Vincenzo Panico

Pasquale Ristorato

Collegio dei revisori

Luigi Apicella

Corrado Civile

Felice Tranchese