TX Nefario - шаблон joomla Форекс
logoanc nanord  
 

 

 

 
     

     

Gentile Collega,

Ti trasmettiamo il numero 15-2019 della nostra newsletter settimanale, sperando di fare cosa gradita. Ti invitiamo a consultare il nostro portale internet, dove potrai trovare tutti i riferimenti per effettuare o rinnovare l'iscrizione, che ti consentirà di accedere a tutti i nostri servizi associativi. Nel segnalarti che potrai seguire le attività dell’Associazione Napoli Nord anche sul nostro profilo Facebook, ti ricordiamo che le informative precedenti, relative agli anni precedenti ed all’anno in corso, sono consultabili sul sito nell'apposita sezione. Un caro saluto e una buona lettura!

Il Consiglio direttivo

Informativa ANC Napoli Nord n° 15-2019 – 20 aprile 2019

A cura del Consiglio direttivo ANC Napoli Nord

Hanno collaborato a questo numero:

Antonio Carboni, Carlo D’Abbrunzo, Mauro Galluccio, Giovanni Granata, Marco Idolo.

 

pasqua

 

Il Consiglio direttivo di ANC Napoli Nord, unitamente ai Revisori, augura a tutte le Colleghe e a tutti i Colleghi di trascorrere una Pasqua di Pace, tra la serenità dei propri affetti.

La nostra informativa ritornerà sabato 27 aprile.

 

 

In primo piano


Nuove convenzioni per gli Associati.


Si informa che il Consiglio direttivo dell’Associazione ha deliberato l’adesione a nuove convenzioni che mirano ad offrire agli Associati ANC Napoli Nord vantaggi di carattere economico e professionale.

Le convenzioni si aggiungono a quelle già esistenti in materia di privacy, fatturazione elettronica, e newsletters professionali.

Per approfondimenti e informazioni sui vantaggi legati allo status di Associato ANC Napoli Nord è possibile inviare una richiesta a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Offerta Digital Key e SPID Namirial

È pervenuta alla nostra Associazione proposta per consentire agli Associati di poter acquisire la qualifica di RAO, frequentando apposito corso di formazione abilitante, già fissato per il 4 maggio 2019. Il corso prevede un costo di 30 euro, che potranno essere anche scalati dal prezzo di acquisto dei dispositivi eventualmente ordinati. Gli interessati potranno inviare una richiesta di informazioni alla casella Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Convenzione APPC per attestazioni contratti locazione a canone concordato.

Durante il convegno tenutosi il 04 aprile presso la sala convegni dell’ODCEC di Napoli Nord sulle agevolazioni fiscali per gli immobili è stata presentata la convenzione tra ANC Napoli Nord e le APPC (Associazione Piccoli Proprietari Case) di Napoli Metropolitana e Casagiove, per il calcolo e la corretta compilazione dei contratti a canone concordato. Per ulteriori informazioni inviare una mail a: info@ancnapolinord.it

Convenzione programma garanzia giovani

ANC Napoli Nord e Inversione di Marcia APS hanno sottoscritto un protocollo d’intesa volto a valorizzare il ruolo del Commercialista in tutte le attività di promozione delle politiche attive del lavoro sul territorio di riferimento.

Grazie a tale intesa gli Associati ANC Napoli Nord, che per vocazione sono il naturale punto di riferimento di imprese e lavoratori, potranno ricevere un servizio informativo sulle misure agevolative esistenti a livello nazionale e territoriale finalizzate all’occupazione giovanile ed all’inclusione sociale.

Con tale accordo, in particolare, Inversione di Marcia APS ed ANC Napoli Nord convengono di avviare un rapporto di collaborazione per la promozione del Programma Garanzia Giovani e delle misure di volta in volta attivate dalla Regione Campania al fine di favorire l’incontro della richiesta e dell’offerta di lavoro.

Tale collaborazione prevede incentivi economici per aziende e professionisti legati ad una serie di parametri, preventivamente di volta in volta individuati con l’Associato.

Le due Associazioni, per dare immediato avvio alle attività, hanno creato un servizio di prima consulenza grazie al quale l’Associato potrà fornire alle aziende clienti una rapida informativa circa le agevolazioni esistenti per il tipo di assunzione e/o risorsa individuata o da individuare.

Dalla consulenza ricevuta scaturirà la possibilità di diventare successivamente parte integrante del Programma di promozione, anche dal punto di vista economico.

Per ulteriori informazioni inviare una mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Banca Dati FISCOPIU’

La nostra Associazione ha sottoscritto con la casa editoriale Ipsoa-Giuffrè-Lefebvre condizioni di particolare favore nell’acquisto della banca dati FISCOPIU’.

Grazie all’accordo commerciale abbiamo la possibilità di concedere al singolo associato l’uso dell’intera collana (Fiscopiù, Tributariopiù, Societapiù, Bilanciopiù, Lavoropiù, Fallimentarepiù) attraverso accessi personalizzati al costo di 120,00 euro (il valore della banca data descritta supera il costo di 1.500,00 euro).

L’adesione consente la consultazione illimitata dei contenuti del portale; l’accesso integrale ai link contenuti nei contributi pubblicati; l’aggiornamento quotidiano via newsletter; la consultazione di Fonti normative, Prassi, Giurisprudenza, Dottrina, Formulari, Modulistica.

Si può contare sul valido supporto delle circolari per i clienti: uno strumento fondamentale nel rapporto con la clientela, oltre su un puntuale servizio di risposta ai quesiti, perun confronto operativo sulle problematiche della vita professionale.

L’adesione è soggetta a limitazioni per quanto concerne il numero massimo delle adesioni ed è riservata ai soli associati in regola con le quote di iscrizione.

È necessario inviare una richiesta di preiscrizione segnalando la propria disponibilità all’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., ed indicando un indirizzo di posta elettronica al quale si riceveranno le istruzioni per l’attivazione. Per approfondimenti sulla banca dati: www.fiscopiu.it

Convergence 4.0: la soluzione di ANC per la gestione della Fatturazione Elettronica


Convergence Studio 4.0, è una piattaforma multiutenza con diversificazione degli accessi tramite “profili” che l’Associato ANC ha facoltà di assegnare ai propri clienti.

La piattaforma, integrabile con il software gestionale di studio, può gestire: l’emissione del documento informatico; l’invio in conservazione sostitutiva; l’invio tramite il Sistema di Interscambio delle fatture elettroniche ai clienti, comprese le Pubbliche Amministrazioni; l’invio telematico delle fatture in copia cortesia ai destinatari, oltre ulteriori funzionalità per la fidelizzazione del cliente, come invio di messaggistica e newsletter. Ciascun profilo potrà emettere e trasmettere documenti contabili in numero illimitato (fattura, note di credito e di debito ecc. personalizzabili con il logo aziendale). I servizi documentali della piattaforma permettono dunque di archiviare digitalmente, classificare, ordinare, indicizzare, contabilizzare, esportare dati contabili ai gestionali e conservare a norma di legge, ricercare, consultare e stampare documenti (anche xml) in formato pdf (ad un costo omnicomprensivo).

Convergence è fruibile a costi estremamente contenuti ed in modalità “pay per use”. Gli Associati possono consultare in area riservata le videoguide ed i tutorial.

Presentazione video di Convergence 4.0

La presentazione di Convergence - Giugno 2018

GDPR: la soluzione sviluppata da ANC Napoli Nord per la gestione della Privacy


ANC Napoli Nord ha sottoscritto un accordo con una primaria software-house e con uno studio legale specializzato in consulenza privacy, per la gestione degli adempimenti introdotti dal nuovo regolamento europeo GDPR

Gli Associati ANC potranno, inoltre, avvalersi - con un minimo costo aggiuntivo - del consulente privacy per un assessment legale finalizzato alla redazione del piano oppure, a tariffe agevolate preconcordate tra il consulente privacy e ANC, gli iscritti ANC potranno offrire, altresì, a quei clienti con un'organizzazione e problematiche complesse, una consulenza “ad hoc”.

Per ogni informazioni è possibile contattare il Collega Carlo D’Abbrunzo (cell: 3394806841) o inviare una mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Guarda il video dimostrativo su YouTube

Fattura elettronica. Imposta di bollo ed esportazione file xml, i documenti vanno ricontrollati manualmente.


Entro il prossimo 23 aprile occorre effettuare il pagamento dell’imposta di bollo sulle fatture elettroniche emesse nel primo trimestre 2019; per ogni contribuente gli importi dovuti sono resi noti dall’Agenzia delle Entrate all’interno del portale Fatture e Corrispettivi.

Tutto semplice, quindi? Con il sistema di fatturazione elettronica, che si pone l’obiettivo di automatizzare e velocizzare i processi, si potrebbe pensare che sia questo un adempimento al quale poter dare seguito senza problemi, si potrebbe dire con un “semplice click”.

Le cose non stanno proprio così, e pensando alla fattura elettronica, che dal suo debutto ad oggi ha fatto registrare più di qualche criticità, purtroppo manca anche la sorpresa da parte di imprese e professionisti.

Sulla base delle segnalazioni di software house e di colleghi, molti degli importi caricati dall’Agenzia delle Entrate non sono corretti e di conseguenza i Modelli F24 per il pagamento dell’imposta di bollo hanno somme che non corrispondono a quanto dovuto.

Come uscire dall’impasse? Ai colleghi non resta che controllare una per una tutte le fatture emesse dai propri clienti, per ricalcolare manualmente l’importo dovuto, e farlo anche rapidamente se vogliono riuscire ad effettuare il pagamento nel rispetto della scadenza prevista.

Dunque, l’elenco delle criticità del sistema fattura elettronica si allunga e, come se non bastasse, oltre al problema del bollo, numerose segnalazioni da parte dei professionisti economici denunciano il verificarsi di disservizi e anomalie nell’acquisizione dei file xml dal portale Fatture e Corrispettivi per l’importazione massiva nei gestionali di studio. Praticamente non tutte le fatture vengono importate, costringendo così i professionisti a dover controllare, ancora una volta, tutte le fatture e a caricare manualmente quelle mancanti poiché, stando alle segnalazioni pervenuteci, anche ripetendo più volte l’operazione, il totale delle fatture importate cambia e non raggiunge mai la totalità dei documenti.

Non sappiamo quale altro problema doverci attendere dal sistema Fatture e Corrispettivi, certo è che una procedura che avrebbe dovuto semplificare la macchina fiscale, sta generando gravi e molteplici disservizi, rispetto ai quali sarebbe opportuno che ci fosse una presa d’atto da parte dell’Agenzia e la conseguente immediata assunzione di misure adeguate.

Comunicato Stampa ADC-ANC 17.04.2019 FE e Imp di bollo

Bonus R&S, la verifica delle spese non va effettuata a campione.


Un paragrafo della circolare 8/E/2019 è dedicato alle novità in tema di credito d’imposta per le attività di ricerca e sviluppo introdotte dalla legge di Bilancio 2019. Il documento interviene sulla certificazione della documentazione contabile delle spese e sulla redazione della relazione tecnica anche nei casi di ricerca extra-muros. Chiarimenti significativi interessano la reintroduzione, a partire dal 2019, della doppia aliquota e sulla norma interpretativa dell’articolo 3, comma 1-bis, del Dl 145/2013 (soggetto non residente che incarica della ricerca e sviluppo un commissionario residente). Per i soggetti solari la decorrenza delle novità inizia con il periodo d’imposta 2019 per quanto concerne le modifiche di carattere sostanziale, mentre il periodo d’imposta 2018 per quelle di natura procedimentale. Via libera ad un nuovo criterio di calcolo del beneficio spettante che tiene conto della differenziazione delle aliquote applicabili dal 2019 sulle diverse tipologie di spese ammesse. Opera direttamente sull’eccedenza agevolabile.

È reato presentare la dichiarazione dei redditi spacciandosi per commercialista.


Lo ha sancito la Cassazione che, con la sentenza 16366 del 15 aprile 2019, ha respinto il ricorso di una donna che aveva presentato la dichiarazione dei redditi, in virtù di un accordo con il Caf poi decaduto e in relazione alle sue competenze e conoscenze fiscali ma senza essere iscritta all'albo unico.

In un passaggio chiave di questa articolata decisione gli Ermellini chiariscono che la specifica inclusione delle attività di tenuta e redazione dei libri contabili, fiscali e del lavoro, e di elaborazione e predisposizione delle dichiarazioni tributarie e cura degli ulteriori adempimenti tributari, nell'elenco di quelle riconosciute di competenza tecnica degli iscritti alla sezione B consente però ora senz'altro di ritenere, alla stregua delle conclusioni sopra assunte, che lo svolgimento di esse, se effettuato da soggetto non abilitato con modalità tali da creare, in assenza di chiare indicazioni diverse dallo stesso provenienti, le apparenze dell'attività professionale svolta da esperto contabile regolarmente abilitato, è punibile a norma dell'art. 348 cod. pen.

Per la Suprema corte, che ha confermato e reso definitiva la sentenza di condanna, bene ha fatto la Corte d'appello di Milano a rilevare l'illiceità della condotta della signora che aveva svolto attività di consulenza tributaria, redatto dichiarazioni fiscali ed effettuato i relativi pagamenti, occupandosi della ricezione delle cartelle esattoriali.

Ma non è ancora tutto. La consulente è stata condannata tanto per il reato di esercizio abusivo della professione tanto per quello di truffa in quanto aveva ingannato i clienti, ricavandone ingiustamente un profitto, sulla possibilità per lei di redigere e presentare la dichiarazione dei redditi.

Sul punto è stato del tutto inutile il ricorso con il quale la difesa ha tentato di smontare l'impianto accusatorio, sostenendo la mancanza della prova dei raggiri e quella del danno. Per gli Ermellini, infatti, il reato di truffa contrattuale si configura per l'ingiusto profitto ricavato dalla consulente. Ciò non è infatti escluso dalla circostanza per cui il raggirato ha corrisposto un prezzo per un servizio realmente fornito.

Per il saldo e stralcio basta un erede.


In presenza di più eredi del debitore, è sufficiente che uno solo di essi presenti il requisito del valore Isee non superiore a 20mila euro perché la definizione derivante dal saldo e stralcio estingua l’obbligazione di tutti gli altri. Il debito tributario delle società di persone per imposte non versate non può invece essere oggetto di stralcio da parte del socio, poiché quest’ultimo riveste la posizione di coobbligato in via sussidiaria rispetto alla società. Al contrario, i debiti per Irpef derivanti anche da quote di partecipazione in società di persone possono senz’altro essere definiti con i benefici di legge. La circolare 8/E/2019 delle Entrate fa il punto sulla super rottamazione degli affidamenti, prevista nell’articolo i, commi da 184 a 198 della legge n. 145/2018, in scadenza alla fine del mese.

Va innanzitutto ricordato che della procedura in esame possono beneficiare unicamente le persone fisiche, limitatamente ai debiti derivanti da imposte dichiarate e non versate, liquidate ai sensi degli articoli 36-bis del Dpr 600/1973, e 54-bis del Dpr 633/1972.

A questi si aggiungono i contributi non versati alle gestioni Inps dei lavoratori autonomi, non derivanti da attività di accertamento.

Deve inoltre trattarsi di carichi affidati all’agente della riscossione al 31 dicembre 2017.

Ready to Start: agevolazioni e incentivi per il rilancio del territorio


Con questa sezione ANC intende avviare un nuovo percorso di crescita e specializzazione degli Associati nell’ambito delle agevolazioni utili al rilancio e allo sviluppo economico del territorio.

NEET 2018-2019: prorogati i termini per usufruire dell’incentivo.


L’incentivo occupazione Neet, attivo dal 1° gennaio 2018 per l’intero anno, e in sostanziale continuità con l’Incentivo occupazione giovani del 2017, riguarda i giovani iscritti al programma Garanzia Giovani.

Con decreto del 28 dicembre 2018, Anpal ha prorogato i termini per usufruire dell'Incentivo Occupazione NEET: l'incentivo è infatti riconosciuto per le assunzioni effettuate dal 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2019, e riguarda i giovani iscritti al programma Garanzia Giovani.

L'incentivo, la cui attuazione è demandata all'Inps, prevede sgravi dei contributi a carico dei datori di lavoro privati, da fruire mediante conguaglio sui contributi Inps.

Leggi qui le indicazioni operative dell'INPS.

L’incentivo è cumulabile con l’incentivo strutturale all’occupazione giovanile stabile (art. 1 comma 100, della legge 27 dicembre 2017, n. 205). Consulta le FAQ

     Altre notizie e documenti di interesse professionale


Fondazione Nazionale dei Commercialisti

La fatturazione elettronica nel settore dei subappalti

Pubblicato il documento che illustra le novità relative all’obbligo di fatturazione elettronica nei subappalti pubblici, introdotto a far data dal 1 luglio 2018.

Consulta il documento

Le novità della V Direttiva antiriciclaggio

Pubblicato il documento che analizza le novità della V Direttiva antiriciclaggio con particolare attenzione agli aspetti di interesse per i professionisti coinvolti nell’attuazione della specifica normativa.

Consulta il documento

Sul sito della FNC sono pubblicati i seguenti strumenti operativi di controllo a supporto dell’attività svolta dai collaboratori negli studi professionali:

CNDCEC: Ultime pubblicazioni


Diramata dal Consiglio Nazionale una circolare recante prime riflessioni e indicazioni sul D.lgs n. 14/2019 recante il “Codice della crisi e dell’insolvenza”. In particolare sono analizzate le norme relative all’istituzione dell’albo dei soggetti incaricati dall’autorità giudiziaria delle funzioni di gestione e di controllo nelle procedure di cui al codice della crisi.

Pronto Ordini


Si segnalano le seguenti risposte fornite dal Consiglio Nazionale ai quesiti formulati dagli Ordini in merito allo svolgimento della professione.

Trasmissione crediti formativi in caso di trasferimento di un iscritto (PO 20/2019)

Visualizza il documento


Reiscrizione di un professionista cancellato per morosità dall’albo (PO 199/2018)

Visualizza il documento


STP unipersonale (PO 14/2019)

Visualizza il documento


Trattamento ai fini IVA del contributo dovuto dai Soggetti Autorizzati agli ODCEC per l’organizzazione di attività FPC (PO 117/2017)

Visualizza il documento

Non solo tasse…


Questa sezione è stata attivata per fornire informazioni su attività culturali, ludiche e ricreative in programma nell’ambito del circondario.

Per segnalazioni:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Canova e l'Antico.


Fino al 30 giugno 2019, presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN), sarà visitabile una mostra dedicata al celebre scultore neoclassico Antonio Canova.

110 opere, tra cui alcuni capolavori attualmente custoditi nella collezione artistica dell'Ermitage di San Pietroburgo, saranno esposte presso le sale del Museo napoletano. Si tratta di 12 grandi marmi e più di 110 opere tra grandi modelli, bassorilievi, calchi in gesso, modellini e disegni. Per info

Ingressi serali alla Cappella Sansevero.


Fino al 14 giugno 2019, nella Cappella Sansevero si terranno visite guidate teatralizzate e percorsi esoterici per scoprire tutti i segreti della Cappella. Le visite si svolgeranno inoltre in orario serale rendendo l’esperienza ancora più suggestiva.

Per ora le proposte di visita sono tre e comprendono il percorso esoterico “Simboli e segreti della Cappella Sansevero”, la visita guidata teatralizzata “Il Testamento di Pietra” e la visita a cura del direttore del Museo Cappella Sansevero “Raimondo di Sangro: una vita all’opera”.

Le date proposte sono per ora sei e ricordiamo che per partecipare è indispensabile la prenotazione sulla piattaforma online dedicata che potrete trovare qui.

Osservatorio professionale


Focus tributario


Agenzia Entrate Riscossione non può affidarsi ad avvocato del libero foro. Non applicabilità art. 182 cpc.


Non può applicarsi l'art. 182 cpc poiché l'art. 12 comma 10 DLGS 546/1992 ne limita l'applicabilità alle sole parti che possono avvalersi dell'assistenza tecnica, facoltà esclusa, nei giudizi di merito, all' ADER. Così ha statuito la CTP Reggio Emilia, con la sentenza 91 del 9/4/2019.

Anche la Commissione Tributaria Napoli, con la sentenza 1958-2019, depositata il 19 febbraio 2019 ritiene nulla la costituzione dell'Agenzia Entrate. In primis viene esaminata la questione relativa alla costituzione in giudizio dell'A.E. Riscossione che trova la sua soluzione anche tenuto conto delle sentenze della S.C. di Cassazione n. 28684 e n.28741 entrambe del novembre 2018.

Nel caso in esame, il giudizio è sorto nella piena vigenza della la normativa che ha portato all'estinzione dell'Equitalia Servizi Riscossione spa e la nascita dell'Agenzia delle Entrate Riscossione che è subentrata alla prima in tutti rapporti attivi e passivi.

Tale realtà porta a ritenere che l'A.E. Riscossione è subentrata anche nel R.T.I., tuttavia per quanto concerne la rappresentanza in giudizio non si può ritenere che continui quella fatta dall'Equitalia; infatti bisogna tener conto non solo di quanto previsto nel D.L.193/2006 ma anche di quanto statuito dal Regolamento di Amministrazione da cui si evince che la rappresentanza a mezzo avvocato del libero foro sia un'ipotesi residuale che, per altro, prevede una specifica motivazione e , anche , l'approvazione dell'organo di Vigilanza.

Nemmeno si ritiene che la rappresentanza dell'Avvocatura dello Stato sia necessaria, in quanto l'A.E. Riscossione è un Ente Pubblico Economico che potrà vedere la Rappresentanza dell'Avvocatura previ accordi tra le Amm.ni Pubbliche interessate ossia il Ministero delle Finanze ed il Ministero di Grazia e Giustizia. In effetti occorre 1' autorizzazione.

Allo stato non essendo intervenuto alcun provvedimento che possa giustificare il ricorso ad Avvocati del libero foro e non risultando alcuna autorizzazione per ritenere esistente la rappresentanza dell'Avvocatura di Stato, l'unica certa rappresentanza appare essere il conferimento a funzionari dell'Amm.ne Finanziaria.

Considerato che nel presente giudizio non risulta essere stata fatta alcuna costituzione regolare in giudizio, si deve ritenere nulla la costituzione.

Prescrizione quinquennale del credito successivo alla formazione del titolo.


Se nell' arco dei 5 anni dalla notifica della cartella non si procede alla riscossione coattiva o non viene notificato un atto interruttivo della prescrizione il credito si prescrive.

È strumento idoneo a far valere l'intervenuta prescrizione anche l'opposizione all' esecuzione ex articolo 615 Cpc.

Infatti, come noto, uno dei vizi che giustificano il ricorso all' articolo 615 Cpc è proprio l'intervenuta prescrizione del credito successiva alla formazione del titolo. Cosi ha statuito la sentenza della Corte Suprema n. 10.336 del 12/04/2019.

Focus societario


Compravendita di partecipazioni: opponibilità al venditore dell’accordo tra acquirente e contraente nominato.


L’accordo interno tra il promissario acquirente di partecipazioni sociali e il soggetto dallo stesso nominato ex art. 1401 c.c. quale parte che deve acquistare i diritti nascenti dal contratto non è opponibile al promissario venditore. Pertanto se in un simile accordo è stabilito che il promissario acquirente, anche a seguito della nomina del contraente, conservi la facoltà di richiedere al promissario venditore la corresponsione della penale contrattualmente prevista in caso di risoluzione per il mancato avverarsi di una condizione posta dalle parti, tale clausola non avrà efficacia verso il promissario venditore. Tuttavia, qualora il contraente nominato ex art. 1401 c.c. intervenga nel processo tra il promissario acquirente e il promissario venditore avente ad oggetto la corresponsione della predetta penale, confermando l’accordo dedotto dal promissario acquirente ed aderendo alla sua domanda, allora l’accordo interno avrà efficacia verso il promissario venditore con decorrenza a partire dal momento dell’intervento.

La mala gestio nell’azione di responsabilità promossa dalla curatela fallimentare: ancora sulla quantificazione del danno.


Le azioni di responsabilità nei confronti degli amministratori di una società di capitali previste dagli artt. 2393 e 2394 cod. civ., pur essendo tra loro distinte, in caso di fallimento dell’ente confluiscono nell’unica azione di responsabilità, esercitabile da parte del curatore ai sensi dell’art. 146 legge fall., la quale, assumendo contenuto inscindibile e connotazione autonoma rispetto alle prime – attesa la “ratio” ad essa sottostante, identificabile nella destinazione, impressa all’azione, di strumento di reintegrazione del patrimonio sociale, unitariamente considerato a garanzia sia degli stessi soci che dei creditori sociali – implica una modifica della legittimazione attiva di quelle azioni, ma non ne immuta i presupposti. Ne consegue che i fatti addotti a fondamento della domanda identificano l’azione in concreto esercitata dal curatore, ed, in particolare, la disciplina in materia di prova e di prescrizione, quest’ultima in ogni caso quinquennale, ma, se fondata sulle circostanze idonee ad attivare l’azione sociale, con decorrenza non dal momento in cui l’insufficienza patrimoniale si è manifestata come rilevante per l’azione esperibile dai creditori, bensì dalla data del fatto dannoso e con applicazione della sospensione prevista dall’art. 2941, n. 7, cod. civ., in ragione del rapporto fiduciario intercorrente tra l’ente ed il suo organo gestorio.

Solo in ipotesi di violazioni del dovere di diligenza nella gestione dell’impresa così generalizzate da fare pensare che proprio a cagione di esse l’intero patrimonio sia stato eroso e si siano determinate le perdite registrate dal curatore è possibile ipotizzare che l’intero deficit patrimoniale venga automaticamente posto a carico dell’amministratore. Il mancato rinvenimento delle scritture contabili, pur non consentendo al curatore del fallimento di ricostruire le vicende societarie e aggravando i suoi compiti, non consente di ritenere che l’intero deficit patrimoniale della società sia allo stesso riconducibile per la considerazione che la contabilità registra gli accadimenti economici che interessano l’attività dell’impresa e non li determina e dunque se palesemente condivisibile è il principio per cui l’omessa tenuta della contabilità integra la violazione di specifici comportamenti dell’amministratore, ciò non elimina la necessità che il curatore individui altri eventuali inadempimenti ascrivibili all’amministratore potenzialmente idonei a porsi come causa del deficit patrimoniale fatto registrare dalla società, operando solo a tali condizioni il suo esonero dalla dimostrazione del nesso di causalità tra inadempimento e danno. In tal caso la possibilità di ricorrere al criterio della differenza tra attivo e passivo permane al fine di quantificare il danno in via equitativa ai sensi dell’art. 1226 c.c., tutte le volte in cui la mancanza delle scritture contabili renda di fatto impossibile accertare quale sia il danno derivante dagli inadempimenti contestati, ma il detto criterio non può operare automaticamente per tutte le ipotesi in cui l’azione di responsabilità sia fondata sulla mera violazione da parte dell’amministratore dell’obbligo di regolare tenuta della contabilità posto che l’azione di responsabilità avrebbe in tal caso funzione sanzionatoria allo stato non consentita dall’ordinamento.

Focus Enti Locali


Contributo dei revisori dei conti degli enti locali, anno 2019".


Si ricorda che entro il 30 aprile 2019, i soggetti iscritti all’elenco dei revisori degli Enti locali sono tenuti a versare il contributo annuo di 25 euro come previsto dal art. 4 bis, comma2, del D.L. 20 giugno 2012, n. 79 a copertura delle spese sostenute dal Ministero dell’Interno per la tenuta, raccolta ed elaborazione dei dati.

Il versamento di euro 25,00 può essere sul conto corrente postale 1013096209 (anche con bonifico bancario - IBAN: IT60 C076 0114 5000 0101 3096 209) intestato a: “TESORERIA VITERBO - MINISTERO INTERNO - ART. 4BIS DL. 79/2012” indicando la seguente causale: “CONTRIBUTO DEI REVISORI DEI CONTI DEGLI ENTI LOCALI ANNO 2019 – C. F. (codice fiscale dell’iscritto)”.

Successivamente all'effettuazione del pagamento ed entro la data di scadenza dello stesso, ciascun iscritto dovrà accedere con le proprie credenziali alla pagina dedicata del Ministero www.finanzalocale.interno.it/apps/revisori.phpm) per l'inserimento delle coordinate del proprio versamento che saranno differenti a seconda lo stesso abbia versato detto contributo mediante conto corrente postale, bonifico bancario oppure tesoreria provinciale.

Sarà poi cura del Ministero verificare la corrispondenza dei dati inseriti con la documentazione contabile inoltrata dal competente Centro di Poste al fine dei conseguenti eventuali provvedimenti. Occorre precisare che il contributo di cui trattasi è dovuto a prescindere dalla circostanza che il revisore svolga effettivamente il ruolo di revisore presso un ente locale.

Mancato rispetto "Pareggio di bilancio 2017": emanato il Decreto sull'applicazione della seconda rata delle sanzioni per i Comuni.


Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale della Finanza locale, con il Comunicato 15 aprile 2019, ha reso noto il testo delDm. Interno 11 aprile 2019 relativo all’applicazione della seconda rata della sanzione che grava in capo ai Comuni non rispettosi del “Pareggio di bilancio 2017”, di cui all’art. 1, comma 475, lett. a) della Legge n. 232/2016.

Nell’Elenco allegato al Dm sono indicate le sanzioni fissate per ognuno dei 26 Comuni interessati dal Provvedimento. Tali importi sono stati determinati in misura pari alla quota-parte della differenza tra saldo tra entrate e spese finali valide ai fini del saldo di finanza pubblica e saldo obiettivo “Pareggio” rideterminato finale 2017.

La sanzione comporta la riduzione delle risorse a titolo di “Fondo di solidarietà comunale 2019”.

In caso di insufficienza di risorse per operare la riduzione, la somma residua dovrà essere versata dai Comuni entro il 31 dicembre 2019, tramite la locale Sezione di Tesoreria provinciale dello Stato, all’entrata del bilancio dello Stato, Capo X, capitolo 3509, art. 2. In caso di mancato versamento al bilancio dello Stato della predetta somma residua, il recupero sarà operato secondo le procedure previste ai commi 128 e 129, dell’art. 1, della Legge n. 228/2012 (“Legge di stabilità 2013”).

Estrazione revisori Enti Locali


Si ricorda che è operativo sul portale del Dipartimento per la funzione pubblica una funzione di ricerca che agevolmente consente di visualizzare le ultime estrazioni effettuate presso le prefetture delle province della Regione per l’esercizio della funzione di revisore dell’Ente locale.

Consulta le estrazioni più recenti

Collegati al sito

Economia del territorio


Si riporta l’elenco provvisorio delle ultime procedure concorsuali la cui pubblicazione è disponibile sui portali di servizio a curatori e creditori che operano in collaborazione con il Tribunale di Napoli Nord. L’elenco è relativo alle ultime procedure dichiarate, disponibili sino alla n°25/2019.

In netta diminuzione le procedure fallimentari. Nel 2018 le procedure sono state 116, mentre nel 2017 sono state 190. Si ricorda che complessivamente nel 2016 si sono registrate 168 sentenze dichiarative di fallimento; nel 2015 sono state 218 le sentenze emesse, contro le 140 procedure dichiarate nel corso del 2014. Nel 2015 si è registrata l’apertura di 8 concordati e di 3 procedure di composizione di crisi da sovraindebitamento. Nel 2016 i concordati sono stati 12, mentre nel 2017 sono stati 16 e 7 nel 2018. Nel dettaglio si riportano i dati riscontrabili sui siti di servizio:

Procedure fallimentari

Procedura Tipo Num. Data aper. Curatore Titolo Giudice Delegato
n.d. Fall 33 18.04.19 Griffo Elisabetta Dott. NN De Vivo Maria
n.d. n.d. 32 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. Fall 31 18.04.19 Griffo Elisabetta Dott. NN De Vivo Maria
n.d. Fall 30 05/04/19 Formicuzzi Luca Dott. Na Satta Cristiana
n.d. Fall 29 04/04/19 Sibilio Valentino Dott. NN Di Giorgio Giovanni
n.d. Fall 28 04/04/19 Formicuzzi Luca Dott. Na Satta Cristiana
n.d. Fall 27 04/04/19 Morrone PAtrizia Dott CE La Monica Maria G.
n.d. Fall 26 04/04/19 Morrone PAtrizia Dott CE La Monica Maria G.
n.d. Fall 25 28/03/19 Sansone Giorgio Dott. NN Di Giorgio Giovanni

Altre procedure

Procedura Tipo Num. Data aper. Commiss. Titolo Giudice Delegato
n.d. C.P. 11 25/10/18 Petruzzelli Pietro Dott. SMCV Lamonica M.G.
n.d. n.d. 10 07/11/18 Grimaldi Paolo Dott. NA Di Giorgio Giovanni
n.d. n.d. 9 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 8 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. C.P. 7 23/08/18 Orabona Francescopaolo

Dott.

NN

Lamonica M.G.
n.d. n.d. 6 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. C.P. 5 04/07/18

Corbello Francesco

Trombetta Gabriele

Dott.

NN

Avv

SMCV

De Vivo Maria
n.d. C.P. 4 08/06/18

Capone Angelo

Barone Mario

Dott. NN

Avv Na.

Satta Cristiana
n.d. C.P. 3 08/06/18

Cantone Michele

Cesàro Vincenzo Maria

Dott.

NN

Avv.

Na

Rabuano Arminio Salvatore
n.d. C.P. 2 19/09/18

Pannella Paolo

Sorvillo Giuseppe

Avv.

Na

Dott.

NN

Satta Cristiana
n.d. C.P. 1 n.d. Grimaldi Paolo

Dott.

NA

Lamonica M.G.
n.d. C.P. 16 06/12/17 Megale Massimiliano

Dott.

NN

Di Giorgio Giovanni
n.d. n.d. 15 n.d. n.d. n.d. n.d.
Bollicine Marotta s.a.s. di Mallardo Francesco & C. C.P. 14 14/09/17

Rossi

Guido

Villano

Enrico

Dott.

NN

Dott.

NN

Di Giorgio Giovanni
PERILLO COSTRUZIONI GENERALI SRL C.P. 13 07/09/17


D'Alò Ferdinando

Dott.

NA

Caria Enrico
WATTSUD L.E.P. SPA C.P. 12 04/10/17

Giordano Francesco

Nappi

Severino

Dott.

NA

Avv Na

Rabuano Arminio Salvatore
MACE Srl C.P. 11 06.07.17

Soprano

Luigi

Dott.

NA

Satta Cristiana
Diversificazioni Bonifiche Fabbricazioni Industriali s.r.l. C.P. 10 05.07.17

Macchioni Riccardo

Caruso Giuseppe

Prof.

Na

Avv Na

Di Giorgio Giovanni
COCCOFRESCO s.a.s. di Crispino Pasquale & C. C.P. 9 30.05.17

Volpe

Sergio

Dott.

NA

Caria Enrico
n.d. n.d. 8 n.d. n.d. n.d. n.d.

Tribunale Napoli Nord: sezione sovra indebitamento.

Il tribunale di Napoli Nord ha attivato una sezione dove sono pubblicati i piani omologati con tutta la documentazione inerente. Per consultare la sezione è possibile raggiungere il seguente link:

http://www.tribunale.napolinord.giustizia.it/sovraindebitamenti.aspx

Fonte: Portale dei Fallimenti di Napoli Nord -realizzato da Zucchetti software giuridico srl; “Procedure.it” di Aste Giudiziarie inlinea Spa; sito internet Tribunale Napoli Nord.

L’ANC Napoli Nord declina qualsiasi responsabilità per errori, inesattezze ed omissioni eventualmente presenti negli elenchi, rinviando i lettori alla verifica dei dati pubblicati presso il Tribunale per verificarne la completezza e l'esattezza dei dati riportati.

Circolari di altri Enti di interesse professionale


Si rende noto che sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Banca dati CERDEF integrata di normativa, prassi e giurisprudenza in materia fiscale.

Accedi alla Banca Dati CERDEF

Le ultime circolari dell'A.d.E.

  • Circolare n. 9 del 10/04/2019

Modifiche al regime forfetario - articolo 1, commi da 9 a 11, legge 30 dicembre 2018, n. 145 - pdf

  • Circolare n. 8 del 10/04/2019

Commento alle novità fiscali. Legge 30 dicembre 2018, n. 145 – “Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2019 e bilancio pluriennale per il triennio 2019-2021” (Legge di bilancio 2019). Primi chiarimenti e risposte a quesiti posti in occasione di eventi in videoconferenza organizzati dalla stampa specializzata - pdf

  • Circolare n. 7 del 09/04/2019

Definizione agevolata dei processi verbali di constatazione. Art. 1 del DL n. 119 del 2018. Chiarimenti - pdf

Ultimi Provvedimenti e Risoluzioni A.d.E.

  • Provvedimento del 12/04/2019

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri - (Pubblicato il 12/04/2019)

  • Provvedimento del 11/04/2019

Accertamento cambio valute estere del mese di dicembre 2018 - pdf - (Pubblicato il 11/04/2019)
Sostituisce il provvedimento del 11/01/2019 prot. n. 429/2019

  • Provvedimento del 11/04/2019

Accertamento cambio valute estere del mese di marzo 2019 - pdf - (Pubblicato il 12/04/2019)

  • Provvedimento del 10/04/2019

Modificazioni al modello di dichiarazione “Redditi 2019–PF” e alle relative istruzioni, approvato con provvedimento del 30 gennaio 2019 - pdf - (Pubblicato il 10/04/2019)

  • Risoluzione n. 46 del 18/04/2019

Articolo 16, comma 2-bis del decreto legge 4 giugno 2013, n. 63 - Trasmissione per via telematica all'ENEA delle informazioni sugli interventi di recupero del patrimonio edilizio, per il monitoraggio e la valutazione del risparmio energetico conseguito - pdf

  • Risoluzione n. 43 del 12/04/2019

Istituzione dei codici tributo per il versamento, tramite modello F24, dell’imposta sostitutiva dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e delle addizionali regionali e comunali, sui compensi derivanti dall’attività di lezioni private e ripetizioni, ai sensi dell’articolo 1, commi da 13 a 16, della legge 30 dicembre 2018, n. 145 - pdf

Risposte a interpelli e consulenze giuridiche

Ultime risposte a interpelli

  • Principio di diritto n. 13 del 02/04/2019

Note di variazione in diminuzione in ipotesi di risoluzione di contratti a prestazioni periodiche - pdf

  • Principio di diritto n. 12 del 02/04/2019

Iva - Esenzione su commissioni applicate/ pagate da una Banca agli esercenti convenzionati per pagamenti in moneta elettronica effettuati dai clienti/correntisti e per l’erogazione di denaro contante contestuale - pdf

  • Risposta n. 113 del 19/04/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – definizione ex articolo 6 del decreto-legge 23 ottobre 2018, n. 119 - pdf

  • Risposta n. 112 del 19/04/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n.212 - Definizione agevolata dei processi verbali di constatazione - Articolo 1 del decreto-legge 23 ottobre 2018, n. 119, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2018, n. 136 - pdf

  • Risposta n. 111 del 19/04/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Definizione agevolata articolo 6, del decreto-legge 23 ottobre 2018, n. 119 - pdf

  • Risposta n. 110 del 18/04/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Definizione agevolata articolo 6, del decreto-legge 23 ottobre 2018, n. 119 - pdf

  • Risposta n. 109 del 18/04/2019

Articolo 14, comma 2-quater.1, del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63 - Cedibilità del credito di imposta corrispondente alla detrazione c.d. sisma+ecobonus - pdf

  • Risposta n. 107 del 11/04/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lettera a) legge 27 luglio 2000, n. 212 – Passaggio al regime forfettario - pdf

  • Risposta n. 106 del 11/04/2019

Articolo 10-bis della legge 27 luglio 2000, n. 212, articolo 173 del TUIRdi cui al d.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 e articolo 4 della tariffa, parte prima, allegata al TUR di cui al d.P.R. n. 131 del 1986. Valutazione anti-abuso di un’operazione attuata attraverso una scissione parziale non proporzionale a favore di due società beneficiarie di nuova costituzione - pdf

Risposte a consulenze giuridiche

  • Risposta n. 14 del 08/04/19

Consulenza giuridica - Ente pubblico - Articolo 4, comma 4, D.M. 2 dicembre 2014 - pdf

  • Risposta n. 13 del 20/03/19

Consulenza giuridica - Associazione/Ordine - Articolo 2, c.1, del D.Lgs 5 agosto 2015, n. 127

  • Risposta n. 12 del 18/03/19

Consulenza giuridica - Associazione/Ordine - Articolo 1, c.3, del D.Lgs agosto 2015, n. 127

  • Risposta n. 11 del 18/03/19

Consulenza giuridica - Associazione/Ordine - Articolo 1, c.3, del D.Lgs 5 agosto 2015, n. 127

  • Risposta n. 10 del 18/03/19

Consulenza giuridica - Associazione/Ordine - Articolo 1, c.3, del D.Lgs 5 agosto 2015, n. 127

  • Principio di diritto n. 14 del 09/04/2019

Utilizzo del plafond disponibile da parte dell’esportatore abituale - pdf

Servizi Telematici

  • Modalità di utilizzo del canale di assistenza telematica CIVIS.

Accedi al servizio

  • Come prendere un Appuntamento con l'Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale.

Accedi al servizio

  • Web Ticket - Prenotazione di biglietti elimina-code tramite internet:

Accedi al servizio

Le ultime guide fiscali pubblicate da A.d.E.

Si segnalano le seguenti guide edite dall’Agenzia delle Entrate e recentemente aggiornate

Aggiornamento febbraio 2018

Aggiornamento febbraio 2018

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento settembre 2017

Aggiornamento aprile 2017

Aggiornamento gennaio 2017

Aggiornamento gennaio 2017

INPS: ultimi documenti pubblicati


Si rende noto che sul sito dell’INPS sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Vai alla pagina INPS - circolari

FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA


In questa sezione verrà data segnalazione di eventi formativi accreditati ai fini della formazione professionale continua.

Calendario delle prossime attività formative

Data Titolo evento Sede

Organizzatore

Accreditante

Tipo Crediti fpc
           

Avvisi e informazioni utili


Contributo d'iscrizione 2019 all'Associazione Nazionale Commercialisti Napoli Nord


Il Consiglio direttivo della sezione Napoli Nord dell’Associazione Nazionale Commercialisti ha determinato il contributo d'iscrizione annuale per l’anno 2019 in euro 60,00. Di tale importo si precisa che circa il 40% viene riversato dall’associazione locale all’ANC Nazionale.

Il contributo sarà utilissimo per finanziare tutte le attività sindacali che la nostra associazione sta portando avanti sul territorio e le altre che sono in procinto di partire nel brevissimo periodo. Inoltre, attraverso l’adesione, si avrà diritto ad accedere a convenzioni vantaggiose, a ricevere quotidianamente un’utilissima rassegna stampa, oltre ad essere aggiornati settimanalmente con la newsletter sulle notizie di interesse locale e non e poter avere accesso ai percorsi formativi che l’associazione organizzerà, anche a quelli e-learning.

Il versamento della quota può essere effettuato con bonifico da appoggiare sul c/c bancario UNICREDIT intestato ad “Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord” - IBAN: IT52D0200874791000103632305 – specificando nominativo, ordine di appartenenza e matricola, codice fiscale. Le coordinate per il pagamento della quota d’iscrizione, assieme al modulo di adesione, saranno a breve anche compilabili sul portale internet all’indirizzo: www.ancnapolinord.it. Per segnalare articoli e documenti di interesse comune è possibile inviare un messaggio con i propri riferimenti personali all’indirizzo:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Per chiedere informazioni generali: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cassa Ragionieri: attivo lo sportello previdenza di ANC


Sportello Previdenza è il servizio destinato agli iscritti all’Associazione e curato dall’Associazione Nazionale Commercialisti, il cui obiettivo è di agevolare il rapporto di comunicazione degli iscritti alla Cassa di Previdenza Ragionieri con il proprio ente pensionistico, interessando la figura del Garante dell’Iscritto.

Per informazioni e contatti è possibile contattare la segreteria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cordiali saluti.

Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord

Consiglio direttivo

Presidente

Antonio Carboni

Vicepresidenti

Mauro Galluccio

Enza Pisano

Segretario

Marco Idolo

Tesoriere

Giuliana Di Caprio

Consiglieri

Filippo Cacciapuoti

Carlo D'Abbrunzo

Giovanni Granata

Salvatore Iorio

Nicola Padricelli

Vincenzo Panico

Pasquale Ristorato

Collegio dei revisori

Luigi Apicella

Corrado Civile

Felice Tranchese