TX Nefario - шаблон joomla Форекс
logoanc nanord  
 

 

 

 
     

     

     

Gentile Collega,

Ti trasmettiamo il numero 28-2019 della nostra newsletter settimanale, sperando di fare cosa gradita. Ti invitiamo a consultare il nostro portale internet, dove potrai trovare tutti i riferimenti per effettuare o rinnovare l'iscrizione, che ti consentirà di accedere a tutti i nostri servizi associativi. Nel segnalarti che potrai seguire le attività dell’Associazione Napoli Nord anche sul nostro profilo Facebook, ti ricordiamo che le informative precedenti, relative agli anni precedenti ed all’anno in corso, sono consultabili sul sito nell'apposita sezione. Un caro saluto e una buona lettura!

Un caro saluto e una buona lettura! Arrivederci a settembre.

Il Consiglio direttivo di ANC Napoli Nord coglie l’occasione per augurare a tutti gli Associati e Colleghi una serena (e di sicuro meritata) pausa estiva.

Il Consiglio direttivo

Informativa ANC Napoli Nord n° 28-2019 – 20 luglio 2019

A cura del Consiglio direttivo ANC Napoli Nord

Hanno collaborato a questo numero:

Antonio Carboni, Carlo D’Abbrunzo, Mauro Galluccio, Giovanni Granata, Marco Idolo.

In primo piano


ANC-Confimi. Retrodatazione delle fatture elettroniche differite e reverse charge interno


Con la circolare n. 14 del 17/6/2019 dell’Agenzia delle Entrate gli operatori possono tirare un sospiro di sollievo per l’ufficializzazione della possibilità di poter continuare, anche dal 1/7/2019, ad emettere/trasmettere le fatture elettroniche con data retro imputata.

Qualche imbarazzo è stato avvertito in merito all’esemplificazione in cui la circolare (§ 3.1), pur richiamando espressamente la possibilità che la fattura riepilogativa differita possa essere inviata (anche) in uno qualsiasi dei giorni intercorrenti dal 1° al 15° giorno del mese successivo, precisa che la valorizzazione del campo “data” va eseguita riportando quella dell’ultima operazione.

A tal riguardo ci sentiamo di osservare che si tratta di una delle soluzioni possibili e che, per le fatture differite, non si intravedono (alle condizioni sotto citate) motivi ostativi alla possibilità di indicare come data anche quella dell’ultimo giorno del mese di effettuazione delle operazioni.

Come spiegato anche in altro punto della circolare (§ 3.2) la nuova gestione della “data di emissione” richiede, infatti, una lettura coerente del nuovo impianto tecnico normativo in cui l’AdE ha (opportunamente) scelto di non introdurre nuovi campi al fine di gestire la possibile dicotomia (situazione diffusissima) fra data della (o delle) operazione e data di emissione (intesa come trasmissione) della fattura elettronica. L’impostazione che si può desumere dall’analisi del nuovo impianto è molto semplice: il campo data 2.1.1.3 assume il compito di individuare il momento di effettuazione dell’operazione (più genericamente potremmo parlare di “competenza” Iva) mentre di tener traccia della data di vera e propria emissione (rectius trasmissione), e quindi anche del termine ultimo oltre il quale la fattura sarebbe tardiva/omessa, se ne occupa (nell’interesse di tutti) il Sistema di Interscambio (SdI); tutto ciò senza travolgere l’operatività quotidiana nemmeno ai fini dell’annotazione nel registro vendite (si vedano le esemplificazioni nella nota che segue). In sostanza, fermo restando il rispetto delle tempistiche di emissione (trasmissione) previste dall’articolo 21 comma 4 del d.P.R. n. 633/72, dall’analisi complessiva emerge che nulla osta, laddove sia ritenuto più agevole, alla possibilità di indicare nel campo data 2.1.1.3 una data anche diversa da quella di effettuazione dell’operazione o dell’ultimo d.d.t. (purché compresa fra il giorno di effettuazione ed il termine ultimo di emissione) e a condizione che le informazioni sul giorno di effettuazione (o il riporto degli estremi dei d.d.t. o equipollenti) siano comunque fornite nella fattura (ad esempio nella parte descrittiva o nella causale) ai fini del puntuale rispetto della nuova lettera g-bis del comma 2 dell’articolo 21 che è in vigore dal 1/7/2019.

Via libera quindi alla retrodatazione nel (precedente) mese di effettuazione (inteso secondo le regole Iva) che non solo è possibile ma, a giudizio di ANC e Confimi, è raccomandabile per evitare disallineamenti fra i dati correttamente gestiti dai contribuenti ai fini delle “Li.Pe.” e quelli che potrebbero diversamente essere interpretati dall’A.d.E. se la fattura venisse datata (pur in perfetto rispetto dei termini e del dettato normativo) nei primi giorni del mese successivo.

Tale retrodatazione non va comunque operata laddove per l’operazione siano previsti termini speciali di emissione accompagnati anche dallo slittamento dell’esigibilità della relativa imposta (si pensi, ad esempio, alla fattura triangolare “super differita” oppure alle fatture emesse dalla sede centrale per le operazioni effettuate dalle filiali).

Chiarimenti si ritiene siano invece necessari (la circolare 14 non ha affrontato questo tema) per il funzionamento del principio dell’effetto sostitutivo della fattura in regime di Registratori Telematici; salvo eccezioni il nuovo regime, com’è noto, è obbligatorio dal 1/7/2019 per commercianti ed assimilati con volume d’affari 2018 superiore a € 400.000 e lo diverrà dal 1/1/2020 per i rimanenti.

Fra i vari temi affrontati nella circolare 14 in senso distensivo ci pare possano essere interpretate anche le precisazioni relative alla casistica del reverse charge interno da cui pare trovare implicita conferma la possibilità di continuare con una gestione anche alla “vecchia maniera” ossia senza che il cessionario/committente debba necessariamente trasmettere i dati dell’integrazione al SdI (in tal senso si è espressa lo scorso 28 giugno anche Assosoftware di cui si condividono le osservazioni).

Comunicato ANC-CONFIMI 18.07.219_data-fattura-e-circolare-14AdE-interpretazioni

Ordine professionale mal gestito: competente la Corte dei Conti


Le risorse gestite dall’Ordine dei Dottori Commercialisti rientrano nella nozione di patrimonio della P.A., a prescindere dalla provenienza, con la conseguenza che il danno subito dall'ente per la cattiva gestione rappresenta a ogni effetto un danno erariale, il cui accertamento è sottoposto alla giurisdizione della Corte dei conti. Questo il principio sancito dalla Cassazione con la sentenza n. 17118/2019, che ha rigettato il ricorso di alcuni presidenti e consiglieri pro tempore dell'ordine professionale avverso 3 distinte sentenze della sezione Corte dei conti d'Appello (n. 366/2016, n. 32/2017 e n. 39/2017), le quali, in accoglimento del ricorso proposto dalla procura regionale, avevano capovolto le decisioni di primo grado riconoscendo la giurisdizione della magistratura contabile. I giudici della Cassazione hanno confermato la fattispecie del danno erariale, ma più in generale hanno messo in luce la delicatezza dell'incarico amministrativo connesso alla gestione degli ordini professionali, il cui operato è soggetto non solo (e non tanto) al resoconto verso gli iscritti, ma anche al rigoroso vaglio della magistratura contabile. Il giudizio ha riguardato le scelte assunte dal Consiglio di un Ordine per l'impiego delle risorse in dotazione. Le condotte finite nel mirino dei giudici sono state consulenze legali esterne in violazione di legge per attività estranee ai fini istituzionali dell'ordine; il conferimento reiterato di incarichi e contratti di collaborazione coordinata e continuativa per lo svolgimento di compiti rientranti nell'ordinaria amministrazione; nonché il rimborso di spese non dovute, oltre a diverse altre fattispecie di cattiva gestione. I giudici si sono espressi sul principale motivo di ricorso sollevato dagli amministratori coinvolti, ossia l'asserito difetto di giurisdizione contabile in rapporto all'operato dell'ordine professionale (tema che nel corso degli anni ha registrato pronunce discordanti, tant'è che la stessa Suprema corte con la pronuncia n. 21226/2011 aveva escluso il controllo di gestione da parte della magistratura contabile sugli ordini professionali, là dove non fosse stata dimostrata la provenienza pubblica delle risorse finanziarie amministrate).

Facendo leva sull'incertezza giurisprudenziale, nella decisione in esame i ricorrenti hanno sostenuto che “il parametro di riferimento della responsabilità erariale (e, quindi, della giurisdizione contabile) è rappresentato dalla provenienza dal bilancio pubblico dei fondi erogati e dal dovere facente capo a tutti i soggetti che amministrano questi fondi di assicurarne l'utilizzo per fini cui gli stessi sono destinati”. Il collegio si è nettamente discostato da questo assunto evocando, in primo luogo, la sentenza n. 5393/1995 con cui le sezioni unite avevano sancito la natura pubblica degli ordini professionali e la qualificazione pubblica del loro patrimonio. Questo assunto è corroborato, ad avviso dei giudici, dalla natura tributaria delle tasse o contributi di iscrizione agli albi relativi all'esercizio della professione di dottore commercialista, in linea con quanto sancito dalle sezioni unite con la decisione n. 7666/2017.

Il collegio ha poi annesso rilievo dirimente alla destinazione pubblica delle risorse gestite dall'ordine professionale, trattandosi di sostanze che “lungi dall'avere una mera ed esclusiva finalità privata di autofinanziamento, hanno una prevalente finalità pubblica, in quanto dirette a finanziare il miglior esercizio di funzioni pubbliche assegnate dalla legge”.

Slitta al 1/01/2020 il termine entro il quale adeguarsi alle regole tecniche sull’antiriciclaggio


Il CNDCEC con l’informativa 68/2019 ha prorogato dal 23 luglio 2019 al 1° gennaio 2020 il termine entro il quale i Dottori Commercialisti devono adeguarsi alle nuove Regole Tecniche emanate in materia di antiriciclaggio.

Si ricorda che le regole tecniche, rivolte agli iscritti all’Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, hanno ad oggetto i seguenti obblighi:

• valutazione del rischio (artt. 15-16, D.Lgs. n. 231/2007);

• adeguata verifica della clientela (artt. 17-30, D.Lgs. n. 231/2007);

• conservazione dei documenti, dei dati e delle informazioni (artt. 31, 32 e 34, D.Lgs. n. 231/2007).

Il Consiglio Nazionale, infatti, ha ritenuto non più congrua la scadenza originariamente fissata al 23 luglio, precisando che "tale termine era stato individuato al fine di prevedere un adeguato periodo transitorio di sei mesi che agevolasse gli iscritti, anche attraverso la diffusione di strumenti operativi di ausilio, in particolare le Linee Guida in materia, nonché specifica formazione in modalità e-learning, nell’apprendimento e nella corretta applicazione delle suddette Regole tecniche".

Affida i tuoi affari solo a Commercialisti iscritti all’Ordine: campagna comunicazione ANC


Un anno fa è stata realizzata la prima campagna di comunicazione targata ANC Napoli Nord con l’obiettivo di informare aziende, lavoratori autonomi e privati cittadini circa i vantaggi derivanti dall’affidare i propri affari ed interessi esclusivamente a Professionisti iscritti all’Ordine.

La campagna, autofinanziata interamente ed esclusivamente dagli Associati ANC Napoli Nord, ha utilizzato cartellonistica stradale, quotidiani a tiratura provinciale, portali internet e social media per diffondere messaggi sulla qualità dei servizi offerti dai Commercialisti, sull’esclusività del titolo di Commercialista (e sul reato commesso da chiunque ne faccia indebitamente uso), sull’assoggettamento dei Commercialisti ad obblighi assicurativi e formativi a garanzia delle prestazioni rese a tutela dei committenti.

L’iniziativa ha raccolto molti favori, ma anche alcune voci dichiaratesi contrarie per incomprensibili motivi. Ebbene, ad oggi, trascorso un anno, tale iniziativa resta l’unica sul territorio di riferimento volta ad informare il grande pubblico sul ruolo e sulla funzione del “Commercialista”, e ciò nonostante le cospicue somme accantonate nei bilanci degli Ordini a tale scopo (e spese…).

Condividi la Campagna informativa #affidatiaduncommercialistaiscrittoallordine

Nuove convenzioni per gli Associati


Si informa che il Consiglio direttivo dell’Associazione ha deliberato l’adesione a nuove convenzioni che mirano ad offrire agli Associati ANC Napoli Nord vantaggi di carattere economico e professionale, che si aggiungono a quelle già esistenti in materia di privacy, fatturazione elettronica, e newsletters professionali. Le convenzioni si aggiungono altresì

Per approfondimenti e informazioni sui vantaggi legati allo status di Associato ANC Napoli Nord è possibile inviare una richiesta a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Offerta Digital Key e SPID Namirial

È pervenuta alla nostra Associazione proposta per consentire agli Associati di poter acquisire la qualifica di RAO, frequentando apposito corso di formazione abilitante ad un costo che potrà essere scalato dal prezzo di acquisto dei dispositivi eventualmente ordinati. Gli interessati potranno inviare una richiesta di informazioni alla casella Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. 

Convenzione APPC per attestazioni contratti locazione a canone concordato

Durante il convegno tenutosi il 04 aprile presso la sala convegni dell’ODCEC di Napoli Nord sulle agevolazioni fiscali per gli immobili è stata presentata la convenzione tra ANC Napoli Nord e le APPC (Associazione Piccoli Proprietari Case) di Napoli Metropolitana, per il calcolo e la corretta compilazione dei contratti a canone concordato. Per ulteriori informazioni inviare una mail a: info@ancnapolinord.it

Convenzione programma garanzia giovani

ANC Napoli Nord e Inversione di Marcia APS hanno sottoscritto un protocollo d’intesa volto a valorizzare il ruolo del Commercialista in tutte le attività di promozione delle politiche attive del lavoro sul territorio di riferimento.

Grazie a tale intesa gli Associati ANC Napoli Nord, che per vocazione sono il naturale punto di riferimento di imprese e lavoratori, potranno ricevere un servizio informativo sulle misure agevolative esistenti a livello nazionale e territoriale finalizzate all’occupazione giovanile ed all’inclusione sociale.

Con tale accordo, in particolare, Inversione di Marcia APS ed ANC Napoli Nord convengono di avviare un rapporto di collaborazione per la promozione del Programma Garanzia Giovani e delle misure di volta in volta attivate dalla Regione Campania al fine di favorire l’incontro della richiesta e dell’offerta di lavoro.

Tale collaborazione prevede incentivi economici per aziende e professionisti legati ad una serie di parametri, preventivamente di volta in volta individuati con l’Associato.

Le due Associazioni, per dare immediato avvio alle attività, hanno creato un servizio di prima consulenza grazie al quale l’Associato potrà fornire alle aziende clienti una rapida informativa circa le agevolazioni esistenti per il tipo di assunzione e/o risorsa individuata o da individuare.

Dalla consulenza ricevuta scaturirà la possibilità di diventare successivamente parte integrante del Programma di promozione, anche dal punto di vista economico.

Per ulteriori informazioni inviare una mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Banca Dati FISCOPIU’

La nostra Associazione ha sottoscritto con la casa editoriale Ipsoa-Giuffrè-Lefebvre condizioni di particolare favore nell’acquisto della banca dati FISCOPIU’.

Grazie all’accordo commerciale abbiamo la possibilità di concedere al singolo associato l’uso dell’intera collana (Fiscopiù, Tributariopiù, Societapiù, Bilanciopiù, Lavoropiù, Fallimentarepiù) attraverso accessi personalizzati al costo di 120,00 euro (il valore della banca data descritta supera il costo di 1.500,00 euro).

L’adesione consente la consultazione illimitata dei contenuti del portale; l’accesso integrale ai link contenuti nei contributi pubblicati; l’aggiornamento quotidiano via newsletter; la consultazione di Fonti normative, Prassi, Giurisprudenza, Dottrina, Formulari, Modulistica.

Si può contare sul valido supporto delle circolari per i clienti: uno strumento fondamentale nel rapporto con la clientela, oltre su un puntuale servizio di risposta ai quesiti, perun confronto operativo sulle problematiche della vita professionale.

L’adesione è soggetta a limitazioni per quanto concerne il numero massimo delle adesioni ed è riservata ai soli associati in regola con le quote di iscrizione.

È necessario inviare una richiesta di preiscrizione segnalando la propria disponibilità all’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., ed indicando un indirizzo di posta elettronica al quale si riceveranno le istruzioni per l’attivazione. Per approfondimenti sulla banca dati: www.fiscopiu.it

Convergence 4.0: la soluzione di ANC per la gestione della Fatturazione Elettronica


Convergence Studio 4.0, è una piattaforma multiutenza con diversificazione degli accessi tramite “profili” che l’Associato ANC ha facoltà di assegnare ai propri clienti.

La piattaforma, integrabile con il software gestionale di studio, può gestire: l’emissione del documento informatico; l’invio in conservazione sostitutiva; l’invio tramite il Sistema di Interscambio delle fatture elettroniche ai clienti, comprese le Pubbliche Amministrazioni; l’invio telematico delle fatture in copia cortesia ai destinatari, oltre ulteriori funzionalità per la fidelizzazione del cliente, come invio di messaggistica e newsletter. Ciascun profilo potrà emettere e trasmettere documenti contabili in numero illimitato (fattura, note di credito e di debito ecc. personalizzabili con il logo aziendale). I servizi documentali della piattaforma permettono dunque di archiviare digitalmente, classificare, ordinare, indicizzare, contabilizzare, esportare dati contabili ai gestionali e conservare a norma di legge, ricercare, consultare e stampare documenti (anche xml) in formato pdf (ad un costo omnicomprensivo).

Convergence è fruibile a costi estremamente contenuti ed in modalità “pay per use”. Gli Associati possono consultare in area riservata le videoguide ed i tutorial.

Presentazione video di Convergence 4.0

La presentazione di Convergence - Giugno 2018

GDPR: la soluzione sviluppata da ANC Napoli Nord per la gestione della Privacy


ANC Napoli Nord ha sottoscritto un accordo con una primaria software-house e con uno studio legale specializzato in consulenza privacy, per la gestione degli adempimenti introdotti dal nuovo regolamento europeo GDPR

Gli Associati ANC potranno, inoltre, avvalersi - con un minimo costo aggiuntivo - del consulente privacy per un assessment legale finalizzato alla redazione del piano oppure, a tariffe agevolate preconcordate tra il consulente privacy e ANC, gli iscritti ANC potranno offrire, altresì, a quei clienti con un'organizzazione e problematiche complesse, una consulenza “ad hoc”. 

Per ogni informazioni è possibile contattare il Collega Carlo D’Abbrunzo (cell: 3394806841) o inviare una mail al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Guarda il video dimostrativo su YouTube

Ready to Start: agevolazioni e incentivi per il rilancio del territorio


Con questa sezione ANC intende avviare un nuovo percorso di crescita e specializzazione degli Associati nell’ambito delle agevolazioni utili al rilancio e allo sviluppo economico del territorio.

NEET 2018-2019: prorogati i termini per usufruire dell’incentivo


L’incentivo occupazione Neet, attivo dal 1° gennaio 2018 per l’intero anno, e in sostanziale continuità con l’Incentivo occupazione giovani del 2017, riguarda i giovani iscritti al programma Garanzia Giovani.

Con decreto del 28 dicembre 2018, Anpal ha prorogato i termini per usufruire dell'Incentivo Occupazione NEET: l'incentivo è infatti riconosciuto per le assunzioni effettuate dal 1 gennaio 2019 al 31 dicembre 2019, e riguarda i giovani iscritti al programma Garanzia Giovani.

L'incentivo, la cui attuazione è demandata all'Inps, prevede sgravi dei contributi a carico dei datori di lavoro privati, da fruire mediante conguaglio sui contributi Inps.

Leggi qui le indicazioni operative dell'INPS.

L’incentivo è cumulabile con l’incentivo strutturale all’occupazione giovanile stabile (art. 1 comma 100, della legge 27 dicembre 2017, n. 205). Consulta le FAQ

     Altre notizie e documenti di interesse professionale


Fondazione Nazionale dei Commercialisti

La fatturazione elettronica nel settore dei subappalti

Pubblicato il documento che illustra le novità relative all’obbligo di fatturazione elettronica nei subappalti pubblici, introdotto a far data dal 1 luglio 2018.

Consulta il documento

Le novità della V Direttiva antiriciclaggio

Pubblicato il documento che analizza le novità della V Direttiva antiriciclaggio con particolare attenzione agli aspetti di interesse per i professionisti coinvolti nell’attuazione della specifica normativa.

Consulta il documento

Sul sito della FNC sono pubblicati i seguenti strumenti operativi di controllo a supporto dell’attività svolta dai collaboratori negli studi professionali:

CNDCEC: Ultime pubblicazioni


Diramata dal Consiglio Nazionale una circolare recante prime riflessioni e indicazioni sul D.lgs n. 14/2019 recante il “Codice della crisi e dell’insolvenza”. In particolare sono analizzate le norme relative all’istituzione dell’albo dei soggetti incaricati dall’autorità giudiziaria delle funzioni di gestione e di controllo nelle procedure di cui al codice della crisi.

Pronto Ordini


Si segnalano le seguenti risposte fornite dal Consiglio Nazionale ai quesiti formulati dagli Ordini in merito allo svolgimento della professione.

Trasmissione crediti formativi in caso di trasferimento di un iscritto (PO 20/2019)

Visualizza il documento


Reiscrizione di un professionista cancellato per morosità dall’albo (PO 199/2018)

Visualizza il documento


STP unipersonale (PO 14/2019)

Visualizza il documento


Trattamento ai fini IVA del contributo dovuto dai Soggetti Autorizzati agli ODCEC per l’organizzazione di attività FPC (PO 117/2017)

Visualizza il documento

Non solo tasse…


Questa sezione è stata attivata per fornire informazioni su attività culturali, ludiche e ricreative in programma nell’ambito del circondario.

Per segnalazioni:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Visite guidate al parco archeologico di Ercolano, tra realtà virtuale e tableaux vivants


Ciclo di evocative visite serali fino al 20 settembre dalle 20 alle 24 al parco archeologico di Ercolano e alla mostra SplendORI. Lungo il percorso i visitatori potranno assistere alla proiezione di immagini degli affreschi che appartenevano a Ercolano e che dopo essere stati staccati sono ora conservati al Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN): ciò sarà possibile attraverso la tecnica del videomapping.

Inoltre gli spettatori potranno godere della ricreazione degli stessi affreschi con persone in carne e ossa che metteranno in scena degli emozionanti tableaux vivants che ricostruiscono le scene sotto gli occhi del pubblico.

I biglietti si possono acquistare online a questo indirizzo;oppure presso i rivenditori Ticketone in Campania; o ancora presso la biglietteria del Parco Archeologico di Ercolano; la prevendita obbligatoria anche per i bambini e ragazzi che usufruiscono del biglietto gratuito.

Per info consultare la pagina Facebook dell’iniziativa.

Il percorso viene accompagnato in lingua italiana; prevede molti gradini, quindi non adatto a chi ha problemi di mobilità; L’appuntamento è alla biglietteria del Parco, almeno 20 minuti prima dell’inizio del turno di visita; indossare scarpe comode e applicare una protezione contro le zanzare; in caso di cattivo tempo il percorso si svolgerà al chiuso in Antiquarium e al Padiglione della Barca.

Estate 2019 a Napoli.


La rassegna Estate a Napoli, che durerà fino ad ottobre, quest’anno giunge alla sua quarantesima edizione. Il programma prevede tantissimi eventi in numerosi luoghi di Napoli tra cui il Convento di San Domenico Maggiore, lo spazio Foqus ai Quartieri Spagnoli, l’Orto Botanico, la Basilica della Pietrasanta, il Parco del Poggio e molti altri. Clicca per il programma completo sul sito del Comune di Napoli

Osservatorio professionale


Focus tributario


Ricorso inammissibile per esposizione dei fatti non sommaria


La Cassazione ha dichiarato inammissibile un ricorso che conteneva un’esposizione dei fatti "eccedentaria" rispetto all’esigenza di sommarietà indicata dall’articolo 366, primo comma, n. 3) del Codice di procedura civile.

In quest'ultima norma, l'esposizione dei fatti della causa che deve essere contenuta, a pena di inammissibilità, nel ricorso per cassazione, è indicata come sommaria.

Nel caso sottoposto all’esame della Suprema corte, invece, l’esposizione del fatto contenuta nell’atto introduttivo si sviluppava per ben 22 pagine, riproducendo, sostanzialmente, il contenuto di tutti gli atti dei precedenti gradi del giudizio.

Gli Ermellini, con ordinanza 19294 del 18 luglio 2019, hanno ritenuto che il modo del ricorrente di assolvere il requisito di cui all’articolo 366 c.p.c. fosse inidoneo al raggiungimento dello scopo.

Difatti, anziché consistere in una sommaria informazione sul fatto sostanziale e processuale, attraverso l’indicazione dei vari passaggi in cui questo si era articolato, supponeva che la Cassazione dovesse, per percepirlo, leggere tutta la serie di atti ivi riportata.

Si trattava - secondo la Sesta sezione civile di Cassazione - di una modalità affatto diversa dalla mera indicazione alla Corte degli atti stessi e dall’invito a leggerli aliunde rispetto al ricorso, equivalente “all’assenza del requisito come parte del ricorso e dunque come oggetto di un’attività espositiva, conforme alla funzione narrativa del ricorso stesso sul punto, individuata dal legislatore con la parola esposizione”.

Una modalità di esposizione del fatto, ossia, che per consolidata giurisprudenza di legittimità è inidonea al raggiungimento dello scopo.

Focus societario


Recesso del socio esercitabile anche senza motivazione


Secondo il Tribunale di Bologna (sentenza 3279/2018) il diritto di recesso esercitato da un socio non consenziente in corrispondenza dell’adozione di una serie di delibere potenzialmente legittimanti, rimane fermo anche senza l'indicazione precisa delle motivazioni fondanti.

La valutazione della circostanza vede nel recesso un atto unilaterale recettizio: in presenza dei presupposti, la dichiarazione di esercizio del diritto dovrebbe produrre effetti giuridici validi e sostanziali a prescindere dall’avvenuta accettazione.

Secondo la sentenza, inoltre, la norma (art. 2437 C.C.) non contiene alcun riferimento a una necessaria indicazione né in ordine alla delibera, né in relazione alla motivazione specifica, risultando l’obiettivo di legge la legittimazione stessa dell’esercizio in presenza dei presupposti.

Secondo il Tribunale di Bologna, nemmeno il potere concesso alla società di revocare la delibera che ha originato il recesso sarebbe precluso dalla circostanza esaminata: il procedimento di revoca inizia necessariamente da una valutazione degli interessi della società, che attraverso l’azione dell’organo amministrativo può ritenere prevalente l’interesse alla conservazione della compagine sociale, senza tuttavia godere legalmente del diritto di conoscere a priori quale delibera specifica abbia originato la scelta del socio.

La volontà legislativa, secondo l’interpretazione fornita, sarebbe quella di intendere il recesso come una fase procedimentale endo-societaria, che può trovare la sua attuazione anche in assemblea.

Focus Enti Locali


Società controllate: determinazione del limite di spesa per l'Organo amministrativo


Nella Delibera n. 34 del 3 luglio 2019 della Corte dei conti Sardegna, viene chiesto un parere riguardante la determinazione del limite al trattamento economico degli Amministratori di Società a controllo pubblico, con particolare riferimento alla componente previdenziale del trattamento medesimo. In particolare, viene chiesto se l’importo cui fare riferimento, ai fini del rispetto della norma che impone che il costo annuale sostenuto per i compensi degli Amministratori delle Società a controllo pubblico non sia superiore all’80% del costo complessivamente sostenuto nell’anno 2013, deve essere il compenso erogato agli Amministratori della stessa Società nel 2013 al lordo dei contributi previdenziali e assistenziali e degli oneri fiscali a carico dei beneficiari, oppure deve essere la spesa totale sostenuta dalla Società per gli Amministratori nel 2013 comprensiva anche dei contributi previdenziali e assistenziali e degli oneri fiscali a carico della Società.

La Sezione osserva che il limite di spesa cui fare riferimento è ancora rappresentato da quello previsto dall’art. 4, comma 4 del Dl. n. 95/2012, che ruota attorno al concetto di “costo complessivamente sostenuto nell’anno 2013”; infatti, tale articolo statuisce che “il costo annuale sostenuto per i compensi degli Amministratori di tali Società [controllate] non può superare l’80% del costo complessivamente sostenuto nell’anno 2013”.

Secondo la Sezione, il concetto di “costo complessivamente sostenuto nell’anno 2013” deve essere interpretato nel senso che, sia il limite di spesa storica di riferimento, sia il costo da sostenere annualmente per l’Organo amministrativo, devono essere considerati in modo complessivo, come un unico saldo composto da diverse sotto voci di costo (retributive, fiscali, previdenziali, assistenziali, ecc.). Inoltre, la Sezione pone in evidenza che nella determinazione ex ante del trattamento economico onnicomprensivo erogabile annualmente in favore dell’Organo amministrativo di Società controllata, lo stesso debba essere adeguato tenendosi prudentemente al di sotto del limite di legge, che potrà essere raggiunto, e mai superato, solo in situazioni peculiari, come nel caso di legittimo riconoscimento della parte variabile della retribuzione o di sopravvenute modifiche legislative alle sotto voci di costo che, nel loro insieme, concorrono a determinare il costo complessivo a carico del bilancio della Società pubblica. Analoghe considerazioni, in termini di onnicomprensività del trattamento economico complessivamente erogabile dalla Società controllata, possono essere svolte quindi anche in prospettiva, per il periodo in cui il nuovo limite di spesa dovesse essere quello previsto dall’emanando Decreto ministeriale di cui all’art. 11, comma 6, del D.lgs. n. 175/2016. Anche in tal caso infatti il tetto di spesa, di natura onnicomprensiva, rappresenterà una grandezza inderogabile e tutte le voci di spesa (fisse, variabili ed eventuali) che concorrono a determinare il trattamento economico complessivo, comprese quelle di natura previdenziale, dovranno essere oculatamente “calibrate” in modo da evitare qualsiasi superamento del limite fissato dal Legislatore, inteso come costo a carico del bilancio della Società partecipata.

Estrazione revisori Enti Locali


Si ricorda che è operativo sul portale del Dipartimento per la funzione pubblica una funzione di ricerca che agevolmente consente di visualizzare le ultime estrazioni effettuate presso le prefetture delle province della Regione per l’esercizio della funzione di revisore dell’Ente locale.

Consulta le estrazioni più recenti

Collegati al sito

Economia del territorio


Si riporta l’elenco provvisorio delle ultime procedure concorsuali la cui pubblicazione è disponibile sui portali di servizio a curatori e creditori che operano in collaborazione con il Tribunale di Napoli Nord. L’elenco è relativo alle ultime procedure dichiarate, disponibili sino alla n°58/2019.

In netta diminuzione le procedure fallimentari. Nel 2018 le procedure sono state 116, mentre nel 2017 sono state 190. Si ricorda che complessivamente nel 2016 si sono registrate 168 sentenze dichiarative di fallimento; nel 2015 sono state 218 le sentenze emesse, contro le 140 procedure dichiarate nel corso del 2014. Nel 2015 si è registrata l’apertura di 8 concordati e di 3 procedure di composizione di crisi da sovraindebitamento. Nel 2016 i concordati sono stati 12, mentre nel 2017 sono stati 16 e 11 nel 2018. Nel 2019 si registra sui siti di servizio il progressivo procedura n° 4. Nel dettaglio si riportano i dati riscontrabili sui siti di servizio:

Procedure fallimentari

Procedura Tipo Num. Data aper. Curatore Titolo Giudice Delegato
n.d. Fall. 58 18/07/19 Sorbo Chiara Avv. NN Satta Cristiana
n.d. n.d. 57 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. Fall. 56 18/07/19 Sorbo Chiara Avv. NN Satta Cristiana
n.d. n.d. 55 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 54 n.d. n.d. n.d. n.d.
G.m.a. Generale Meccatronica Applicata Srl Fall. 53 04/07/19 Iaccarino Angela Dott. CE Di Giorgio Giovanni
n.d. Fall. 52 20/06/19 Rumboldt Carolina Dott. NA Rabuano Arminio Salvatore
n.d. n.d. 51 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 50 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. Fall. 49 07/06/19 Bertolino Marialuisa Avv. CE De Vivo Maria
n.d. Fall. 48 07/06/19 Di Micco Domenico Avv. NA Lamonica M.G.
n.d. Fall. 47 07/06/19 Russo Daniela Avv. NA Satta Cristiana
n.d. Fall. 46 07/06/19 Bertolino Marialuisa Avv. CE De Vivo Maria
n.d. Fall. 45 07/06/19 Russo Daniela Avv. NA Satta Cristiana
n.d. Fall. 44 07/06/19 Di Micco Domenico Avv. NA Lamonica M.G.
n.d. Fall. 43 06/06/19 Rumboldt Carolina Dott. NA Rabuano Arminio Salvatore
n.d. Fall. 42 28.05.19 Sansone Giorgio Dott. NN Rabuano Arminio Salvatore
n.d. Fall. 41 23.05.19 Rumboldt Carolina Dott. NA Rabuano Arminio Salvatore
n.d. Fall. 40 16.05.19 Cesàro Vincenzo M. Avv. Na Di Giorgio Giovanni
n.d. Fall. 39 16.05.19 Gogliettino G. Dott. CE Lamonica M.G.
n.d. Fall. 38 16.05.19 Gogliettino G. Dott. CE Lamonica M.G.
n.d. n.d. 37 n.d. Santonastaso Antonio Avv. CE Satta Cristiana.
n.d. Fall. 36 n.d. Santonastaso Antonio Avv. CE Satta Cristiana.
n.d. n.d. 35 n.d. n.d. n.d. n.d.

Altre procedure

Procedura Tipo Num. Data aper. Commiss. Titolo Giudice Delegato
n.d. C.P. 6 17/07/19 Marrone Luigi Dott. NN Rabuano Arminio Salvatore
n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. C.P. 4 18/04/19 Cesiano Davide

Avv.

Na

Lamonica M.G.
Farmacia Manna Giuseppe S.a.s. Del Dott. Manna Mario E C.   CR 3 17/04/19 Coppola Domenico Dott. SA Di Giorgio Giovanni
G.r.a. S.r.l. In Liquidazione   CR 2 17/04/19

Scutiero Francesco 

Sibilio Valentino 

Avv. SA

Dott. NN

De Vivo Maria
n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. C.P. 11 25/10/18 Petruzzelli Pietro Dott. SMCV Lamonica M.G.
n.d. n.d. 10 07/11/18 Grimaldi Paolo Dott. NA Di Giorgio Giovanni
n.d. n.d. 9 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. n.d. 8 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. C.P. 7 23/08/18 Orabona Francescopaolo

Dott.

NN

Lamonica M.G.
n.d. n.d. 6 n.d. n.d. n.d. n.d.
n.d. C.P. 5 04/07/18

Corbello Francesco

Trombetta Gabriele

Dott.

NN

Avv

SMCV

De Vivo Maria
n.d. C.P. 4 08/06/18

Capone Angelo

Barone Mario

Dott. NN

Avv Na.

Satta Cristiana
n.d. C.P. 3 08/06/18

Cantone Michele

Cesàro Vincenzo Maria

Dott.

NN

Avv.

Na

Rabuano Arminio Salvatore
n.d. C.P. 2 19/09/18

Pannella Paolo

Sorvillo Giuseppe

Avv.

Na

Dott.

NN

Satta Cristiana
n.d. C.P. 1 n.d. Grimaldi Paolo

Dott.

NA

Lamonica M.G.

Tribunale Napoli Nord: sezione sovra indebitamento.

Il tribunale di Napoli Nord ha attivato una sezione dove sono pubblicati i piani omologati con tutta la documentazione inerente. Per consultare la sezione è possibile raggiungere il seguente link:

http://www.tribunale.napolinord.giustizia.it/sovraindebitamenti.aspx

Fonte: Portale dei Fallimenti di Napoli Nord -realizzato da Zucchetti software giuridico srl; “Procedure.it” di Aste Giudiziarie inlinea Spa; sito internet Tribunale Napoli Nord.

L’ANC Napoli Nord declina qualsiasi responsabilità per errori, inesattezze ed omissioni eventualmente presenti negli elenchi, rinviando i lettori alla verifica dei dati pubblicati presso il Tribunale per verificarne la completezza e l'esattezza dei dati riportati.

Circolari di altri Enti di interesse professionale


Si rende noto che sul sito dell’Agenzia delle Entrate sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Banca dati CERDEF integrata di normativa, prassi e giurisprudenza in materia fiscale

Accedi alla Banca Dati CERDEF

Le ultime circolari dell'A.d.E.

  • Circolare n. 16 del 01/07/2019

Nuovi criteri di classamento di taluni beni immobili ubicati nell’ambito dei porti di rilevanza economica nazionale e internazionale di competenza delle Autorità di sistema portuale di cui all’allegato A alla legge 28 gennaio 1994, n. 84 - pdf

Allegato - pdf

  • Circolare n. 15 del 29/06/2019

Memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi - pdf

Ultimi Provvedimenti e Risoluzioni A.d.E.

Modello F24 - soppressione dei codici tributo “6746” e “6765” - pdf

  • Risoluzione n. 67 del 11/07/2019

Trasferimento delle eccedenze di interessi passivi al consolidato in presenza di perdite pregresse all’ingresso nel consolidato - pdf

Risposte a interpelli e consulenze giuridiche

Ultime risposte a interpelli

  • Principio di diritto n. 19 del 18/06/2019

Applicabilità del regime del margine alla rivendita di opere d’arte - pdf

  • Principio di diritto n. 18 del 29/05/2019

Trattamento degli utili provenienti da una stabile organizzazione di una società partecipata non residente

  • Principio di diritto n. 17 del 29/05/2019

Corretta applicazione dell’articolo 89, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica n. 917 del 22 dicembre 1986, alla luce delle modifiche normative in materia di tassazione di utili di fonte estera - pdf

  • Risposta n. 287 del 19/07/2019

Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 – Detrazione delle spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio.- Titoli abilitativi – Art. 16-bis del TUIR - pdf

  • Risposta n. 286 del 19/07/2019

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dalla LPP svizzera ad un soggetto fiscalmente residente in Italia – Articolo 76, comma 1-bis, della legge della legge 30 dicembre 1991, n. 413 - pdf

  • Risposta n. 285 del 19/07/2019

Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 – Spese mediche rimborsate dal datore di lavoro – Art. 51, comma 1, del TUIR - pdf

  • Risposta n. 284 del 19/07/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Trattamento fiscale applicabile ai contributi facoltativi versati ad un ente previdenziale lussemburghese da parte di un contribuente fiscalmente residente in Italia – Articolo 10, comma 1, lett. e) del TUIR - pdf

  • Risposta n. 283 del 19/07/2019

Articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Regime impatriati e nuovo regime forfetario – Cumulabilità – Esclusione – Articolo 1, comma 54, della legge n. 190 del 2014 - pdf

  • Risposta n. 282 del 19/07/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Fruizione dell’agevolazione per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici in relazione ad un immobile acquisito per successione ereditaria – Articolo16-bis TUIR - pdf

  • Risposta n. 281 del 19/07/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Trattamento fiscale applicabile al reddito di lavoro subordinato prodotto in Italia alle dipendenze della Provincia Autonome di Bolzano da un lavoratore frontaliero fiscalmente residente in Austria – Articolo 19 della Convenzione stipulata tra Italia e Austria per evitare le doppie imposizioni e prevenire le evasioni fiscali in materia di imposte sul reddito e sul patrimonio, ratificata dalla legge 18 ottobre 1984, n. 762 - pdf

  • Risposta n. 280 del 19/07/2019

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Spese sostenute per l'acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale – Art. 15, comma 1, lettera i- decies), del DPR 22 dicembre 1986, n. 917 (TUIR) - pdf

  • Risposta n. 279 del 19/07/2019

Articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 –Detrazione per acquisto di immobili da imprese di costruzione/ristrutturazione – Articolo 16-bis, comma 3, del TUIR - pdf

  • Risposta n. 278 del 19/07/2019

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Detrazione contributi INPS – Addetti all’assistenza personale – Articolo 10, comma 2, ultimo periodo, del TUIR - pdf

  • Risposta n. 277 del 19/07/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Articolo 14 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 - pdf

  • Risposta n. 276 del 19/07/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Articolo 14 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 - pdf

  • Risposta n. 275 del 18/07/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lett. a) legge 27 luglio 2000, n. 212 – Fattura elettronica – provvista fondi per l’esecuzione del mandato – esenzione imposta di bollo - pdf

  • Risposta n. 274 del 18/07/2019

Interpello art.11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n.212 – Cessione gratuita di beni a fini di solidarietà sociale – Articolo 16 della legge 19 agosto 2016, n. 166 (c.d. “legge anti spreco”) - pdf

  • Risposta n. 273 del 18/07/2019

Reddito di lavoro dipendente - art. 51, commi 2, lett. d-bis), f), f-bis), h), e 3 – Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - pdf

  • Risposta n. 272 del 18/07/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Regime speciale per lavoratori impatriati – Continuità dell’attività lavorativa all’estero – Articolo 16, comma 2, decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 147 - pdf

  • Risposta n. 271 del 18/07/2019

Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente percepiti da un soggetto non residente - artt. 23, comma 2, lett. b), e 50, comma 1, lett. c-bis), del TUIR - Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - pdf

  • Risposta n. 270 del 18/07/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Adempimenti fiscali ai fini delle II.DD. e IVIE da parte di un soggetto trasferitosi in Gran Bretagna nel 2018 - pdf

  • Risposta n. 269 del 18/07/2019

Regime fiscale applicabile ai rimborsi parziali di fondi mobiliari chiusi - Articolo 26-quinquies del d.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 - Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - pdf

  • Risposta n. 268 del 18/07/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Soggetti che possono accedere, previa opzione, al regime della cedolare secca su canoni di affitto di immobili commerciali – Contratto di locazione stipulato nel 2019 con nuovo soggetto – Articolo 1, comma 59, della legge 30 dicembre 2018, n. 145 - pdf

  • Risposta n. 267 del 18/07/2019

Articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Contributi previdenziali del de cuius – Versamento effettuato dagli eredi – Deducibilità – Chiarimenti - pdf

  • Risposta n. 266 del 18/07/2019

Determinazione plusvalenza - Artt. 67, comma 1, lettera b) e 68, comma 2, TUIR - Articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - pdf

  • Risposta n. 265 del 18/07/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Articolo 16-bis del TUIR – agevolazioni per recupero del patrimonio edilizio e per “bonus mobili” in caso di demolizione e ricostruzione dell’immobile con volumetria inferiore rispetto a quella preesistente - pdf

  • Risposta n. 264 del 18/07/2019

Articolo 1, comma 2, lettera a), n. 3), della legge 27 dicembre 2006 n. 296 (legge di Bilancio 2007)- Cessione del credito corrispondente alla detrazione per lavori di riqualificazione energetica - pdf

  • Risposta n. 263 del 18/07/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - note di variazione ex articolo 26 del d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 - pdf

  • Risposta n. 262 del 17/07/2019

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Fruizione dell’Art-bonus per erogazioni liberali - Articolo 1, comma 1, del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83 - pdf

  • Risposta n. 261 del 17/07/2019

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Pratiche catastali regime di esenzione dal pagamento dell’imposta di bollo - Articolo 16 Tabella allegato B del d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 - pdf

  • Risposta n. 260 del 17/07/2019

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Applicabilità dell’aliquota IVA al 10% ai contratti di appalto stipulati per la costruzione di fabbricati “Tupini” n. 127-quaterdecies) della Tabella A, parte III, del d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 - pdf

  • Risposta n. 259 del 17/07/2019

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Rideterminazione del costo o valore di acquisto di terreni - Articoli 5 e 7 della legge 28 dicembre 2001, n. 448 - pdf

  • Risposta n. 258 del 17/07/2019

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Fruizione dell’Art-bonus per erogazioni liberali - Articolo 1, comma 1, del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83 - pdf

  • Risposta n. 257 del 17/07/2019

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Esenzione dall’imposta di donazione per gli atti di donazione, contestuali, di quote societarie - Articolo 3, comma 4-ter, del Decreto legislativo 31 ottobre 1990, n. 346 - pdf

  • Risposta n. 256 del 17/07/2019

Operazioni non imponibili ai fini dell’IVA ai sensi dell’articolo 72, comma 1, della lettera f) DPR 26 ottobre 1972, n. 633 - Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - pdf

  • Risposta n. 255 del 17/07/2019

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n.212 - Trattamento IRES/IPEF apporti soci di fondazione commerciale - Articolo 88, comma 4, D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (TUIR) - pdf

  • Risposta n. 254 del 17/07/2019

Interpello ex articolo 11, c. 1, let. b), legge 27 luglio 2000, n.212 - Applicazione disciplina CFC - Articoli 167, comma 5, lett b) e 47, comma 4 del T.U.I.R. - pdf

  • Risposta n. 253 del 17/07/2019

Interpello Articolo 11, comma 1, lett.a), legge 27 luglio 2000, n.212 - Articolo 16 della Tariffa allegata al DPR del 26 ottobre 1972, n. 642 - pdf

  • Risposta n. 252 del 16/07/2019

Trasferimenti gratuiti a favore di ONLUS - Articolo 82, comma 2 del d.lgs. n.117 del 2017 - Articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n.212 - pdf

  • Risposta n. 251 del 16/07/2019

Servizi di gestione convitto - Regime IVA - Articolo 10, comma 1, n. 20) del DPR 26/10/1972, n. 633 - Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n.212 - pdf

  • Risposta n. 250 del 16/07/2019

Fruizione dell’Art-bonus per erogazioni liberali - Articolo 1, comma 1, del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83 - Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - pdf

  • Risposta n. 249 del 16/07/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Cessione credito imposta – Eco bonus e sisma bonus – Chiarimenti - pdf

  • Risposta n. 248 del 16/07/2019

Impresa agricola familiare - Deduzione IRPEF dei contributi previdenziali versati dal titolare dell’impresa familiare in favore dei propri coadiuvanti e coadiutori - Interpello articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - pdf

  • Risposta n. 247 del 16/07/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Chiarimenti in merito alla cessione del credito corrispondente alla detrazione per interventi di riqualificazione energetica (art. 14 del decreto legge 4 giugno 2013, n. 63) - pdf

  • Risposta n. 246 del 16/07/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Pensionato privato trasferitosi all’estero – Recupero imposte versate in Italia – Chiarimenti - pdf

  • Risposta n. 245 del 16/07/2019

Interpello articolo 11, comma 1, lettera a), legge 27 luglio 2000, n. 212 – Acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici – Lavasciuga (art. 16, comma 2, DL n. 63 del 2013 - pdf

  • Risposta n. 244 del 16/07/2019

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Applicazione dell’imposta sulle riserve matematiche - Articolo 1, comma 2, del decreto legge 24 settembre 2002, n. 209 - pdf

  • Risposta n. 243 del 16/07/2019

Articolo 1, comma 629, lettera b), legge 23 dicembre 2014, n. 190 - Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n.212 - pdf

  • Risposta n. 242 del 15/07/2019

Interpello Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n.212 - Canone Rai - Articolo 1, comma 132, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 - pdf

  • Risposta n. 241 del 15/07/2019

Interpello articolo 11, lett. a) legge 27 luglio 2000, n. 212 - Agevolazione ‘prima casa’ - pdf

  • Risposta n. 240 del 15/07/2019

Articolo 11, co. 1, lett. a) legge 27 luglio 2000, n. 212 - Trattamento IVA delle prestazioni socio-sanitarie rese dalle cooperative sociali - Articolo 1, commi 960 e 962 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 - pdf

  • Risposta n. 239 del 15/07/2019

Articolo 11, c. 1, lett. a) legge 27 luglio 2000, n. 212 - Obblighi di monitoraggio fiscale relativi ad un ente non commerciale residente a Campione d’Italia - Art. 4 decreto legge 28 giugno 1990, n. 167 - pdf

  • Risposta n. 238 del 15/07/2019

Contributi in conto esercizio - Articolo 85, lettera g) e h) d.P.R.22 dicembre 1986, n. 917 - Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n.212 - pdf

  • Risposta n. 237 del 15/07/2019

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n.212 - Trattamento IVA servizi di formazione professionale rese gratuitamente - Articolo 3 del d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 - pdf

  • Risposta n. 236 del 15/07/2019

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Ritenuta sui proventi derivanti da FIA esteri - Articolo 10 ter, comma 2, legge 23 marzo 1983, n. 77 - pdf

  • Risposta n. 235 del 15/07/2019

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Regime fiscal Sicaf - Articolo 73, comma 5-quinquies, Tuir - pdf

  • Risposta n. 234 del 15/07/2019

Articolo 11, co. 1, lett. a) legge 27 luglio 2000, n. 212 - Trattamento IVA dei contributi pubblici corrisposti ad azienda speciale consortile. DPR 26 ottobre 1972, n. 633 - pdf

  • Risposta n. 233 del 15/07/2019

Articolo 11, co. 1, lett. a) legge 27 luglio 2000, n. 212; Piani individuali a lungo termine - Articolo 1, commi da 100 a 114, della 11 dicembre 2016, n. 232 - pdf

Risposte a consulenze giuridiche

  • Risposta n. 17 del 20/06/19

Consulenza giuridica. Chiarimenti in materia di soggettività passiva IVA e di detrazione d’imposta nell’ambito delle operazioni di Merger Levereged Buy Out - pdf

  • Risposta n. 16 del 15/05/19

Consulenza giuridica. Aliquota IVA dei prodotti vegetali surgelati - pdf

  • Risposta n. 15 del 30/04/19

Consulenza giuridica – Associazione/Ordine – Prestazioni professionali dei medici veterinari

Servizi Telematici

  • Modalità di utilizzo del canale di assistenza telematica CIVIS.

Accedi al servizio

  • Come prendere un Appuntamento con l'Agenzia delle Entrate Direzione Provinciale.

Accedi al servizio

  • Web Ticket - Prenotazione di biglietti elimina-code tramite internet:

Accedi al servizio

Le ultime guide fiscali pubblicate da A.d.E.

Si segnalano le seguenti guide edite dall’Agenzia delle Entrate e recentemente aggiornate

Aggiornamento luglio 2019

Aggiornamento giugno 2019

Aggiornamento giugno 2019

Aggiornamento maggio 2019

Aggiornamento marzo 2019

Aggiornamento febbraio 2018

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento ottobre 2017

Aggiornamento settembre 2017

Aggiornamento aprile 2017

Aggiornamento gennaio 2017

INPS: ultimi documenti pubblicati


Si rende noto che sul sito dell’INPS sono stati pubblicati i seguenti documenti:

Vai alla pagina INPS - circolari

FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA


In questa sezione verrà data segnalazione di eventi formativi accreditati ai fini della formazione professionale continua.

Calendario delle prossime attività formative

Data Titolo evento Sede

Organizzatore

Accreditante

Tipo Crediti fpc
           

Avvisi e informazioni utili


Contributo d'iscrizione 2019 all'Associazione Nazionale Commercialisti Napoli Nord


Il Consiglio direttivo della sezione Napoli Nord dell’Associazione Nazionale Commercialisti ha determinato il contributo d'iscrizione annuale per l’anno 2019 in euro 60,00. Di tale importo si precisa che circa il 40% viene riversato dall’associazione locale all’ANC Nazionale.

Il contributo sarà utilissimo per finanziare tutte le attività sindacali che la nostra associazione sta portando avanti sul territorio e le altre che sono in procinto di partire nel brevissimo periodo. Inoltre, attraverso l’adesione, si avrà diritto ad accedere a convenzioni vantaggiose, a ricevere quotidianamente un’utilissima rassegna stampa, oltre ad essere aggiornati settimanalmente con la newsletter sulle notizie di interesse locale e non e poter avere accesso ai percorsi formativi che l’associazione organizzerà, anche a quelli e-learning.

Il versamento della quota può essere effettuato con bonifico da appoggiare sul c/c bancario UNICREDIT intestato ad “Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord” - IBAN: IT52D0200874791000103632305 – specificando nominativo, ordine di appartenenza e matricola, codice fiscale. Le coordinate per il pagamento della quota d’iscrizione, assieme al modulo di adesione, saranno a breve anche compilabili sul portale internet all’indirizzo: www.ancnapolinord.it. Per segnalare articoli e documenti di interesse comune è possibile inviare un messaggio con i propri riferimenti personali all’indirizzo:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Per chiedere informazioni generali: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cassa Ragionieri: attivo lo sportello previdenza di ANC


Sportello Previdenza è il servizio destinato agli iscritti all’Associazione e curato dall’Associazione Nazionale Commercialisti, il cui obiettivo è di agevolare il rapporto di comunicazione degli iscritti alla Cassa di Previdenza Ragionieri con il proprio ente pensionistico, interessando la figura del Garante dell’Iscritto.

Per informazioni e contatti è possibile contattare la segreteria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cordiali saluti.

Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord

Consiglio direttivo

Presidente

Antonio Carboni

Vicepresidenti

Mauro Galluccio

Enza Pisano

Segretario

Marco Idolo

Tesoriere

Giuliana Di Caprio

Consiglieri

Filippo Cacciapuoti

Carlo D'Abbrunzo

Giovanni Granata

Salvatore Iorio

Nicola Padricelli

Vincenzo Panico

Pasquale Ristorato

Collegio dei revisori

Luigi Apicella

Corrado Civile

Felice Tranchese