TX Nefario - шаблон joomla Форекс
logoanc nanord  
 

 

 

 
     

     

Gentile Collega,

Ti trasmettiamo il numero 6-2021 della nostra newsletter, nata su impulso del Consiglio direttivo, sperando di fare cosa gradita. Nell’augurarti una buona lettura, Ti ricordiamo potrai seguire le nostre attività consultando i nostri canali digitali: il nostro portale internet, dove potrai trovare tutti i riferimenti per effettuare o rinnovare l'iscrizione, che ti consentirà di accedere a tutti i nostri servizi associativi; il nostro profilo Facebook, ed il canale pubblico Telegram, liberamente consultabile e raggiungibile con o senza iscrizione al seguente indirizzo https://t.me/ancnapolinord.

Informativa ANC Napoli Nord n° 6-2021 – 07 febbraio 2021

A cura del Consiglio direttivo ANC Napoli Nord. Hanno collaborato a questo numero:

Antonio Carboni, Mauro Galluccio, Giovanni Granata, Marco Idolo, Pasquale Ristorato.

 

Iniziativa benefica: “Commercialisti a sostegno delle famiglie bisognose”.


Prosegue l’iniziativa benefica per aiutare le famiglie in difficoltà economica.

ANC Napoli Nord, UNICO Napoli Nord ed ADC di Napoli Nord hanno avviato una raccolta fondi rivolgendosi al cuore di tutti i Colleghi! Ad oggi già molte le donazioni ricevute. I fondi raccolti saranno destinati alle Caritas o altri enti benefici del territorio di Napoli Nord, eventualmente segnalati dai Colleghi e notoriamente meritevoli di contributo. Per Aversa è stata individuata la Caritas diocesana molto attiva a sostegno di famiglie bisognose.

Con una piccola donazione potremo regalare un sorriso a chi in questo momento ha più bisogno.

Sono accettate donazioni di qualsiasi importo attraverso bonifico appoggiato sull’IBAN IT52D0200874791000103632305 intestato a A.N.C. Napoli Nord – Causale: “raccolta fondi aiuto alimentare Natale 2020”. Grazie di cuore a chiunque vorrà partecipare.

IN PRIMO PIANO


Agevolazione TARI Comune di Aversa per imprese e professionisti: scadenza al 10 febbraio.


Si informa che il Comune di Aversa ha prorogato la scadenza del bando per l’esenzione o lo sconto relativo alla Tari per l’annualità 2020, con riferimento alle attività chiuse o che abbiano subito un calo del fatturato durante il primo lockdown della scorsa primavera.

La nuova scadenza, decisa con delibera proposta dall’assessore alle finanze Francesca Sagliocco, è fissata al 10 febbraio e saranno considerate valide tutte le domande pervenute dopo il termine fissato originariamente. Destinati a questo avviso tre milioni di euro.

Due le tipologie di contributo previste:

a) contributo sotto forma di esenzione dal pagamento della Tari, per quota fissa e variabile, per l’anno 2020, nella misura del 100 (riservato alle imprese e professionisti esercenti attività sottoposte a sospensione a causa dell’emergenza epidemiologica per Covid-19);

b) contributo sotto forma di riduzione del pagamento della Tari, per quota fissa e variabile, per l’anno 2020, nella misura del 50% dell’importo complessivamente dovuto (riservato alle imprese e professionisti esercenti attività che, seppure non sottoposte a sospensione per Covid-19, dimostrino di aver subito un decremento del fatturato e dei corrispettivi, ai fini IVA, almeno pari al 30%, desumibile dal confronto tra i dati contabili del I semestre 2020 e quelli relativi al I semestre 2019, a mezzo di apposita autocertificazione).

Tra i requisiti occorre autocertificare di essere in regola con il pagamento della TARI dovuta al Comune di Aversa per l’anno 2019 e precedenti. Nell’ipotesi in cui il soggetto richiedente non sia in regola con il pagamento della TARI, dovuta al Comune di Aversa, dovrà regolarizzare il debito o aderire al rateizzo delle somme dovute sottoscrivendo l’Allegato 3 del bando.

Consulta il Bando e scarica la documentazione utile

 

Inammissibili gli emendamenti al milleproroghe proposti dal CNDCEC.


I tre emendamenti al Milleproroghe proposti dal CNDCEC sono stati dichiarati inammissibili per difetto di coerenza rispetto all’oggetto del provvedimento. L’iniziativa, nelle intenzioni dichiarate dal Consiglio Nazionale, mirava a risolvere la situazione di stallo venutasi a creare nella procedura elettorale avviata per rinnovare gli organi locali di categoria. In particolare, gli emendamenti presentati al milleproroghe proponevano una modifica all’ordinamento professionale, introducendo innanzitutto le “quote di genere”, in modo da sanare il vulnus che aveva portato il Consiglio di Stato ad accogliere l’istanza di sospensione cautelare collegata al ricorso presentato da una commercialista pescarese. In questo modo, secondo il CNDCEC, si sarebbero potute sbloccare le elezioni locali senza per forza dover aspettare la conclusione della vicenda giudiziaria.

Stessa sorte è toccata anche agli altri due emendamenti, tesi ad introdurre una proroga delle piene funzioni degli Ordini territoriali e del Consiglio nazionale, fino al loro rinnovo e l’introduzione delle specializzazioni. È stato invece dichiarato ammissibile un altro emendamento che deve ora essere sottoposto al voto del Parlamento. Tale emendamento, senza paternità dichiarata, presentato dall’onorevole Giovanni Currò, dispone una deroga alla legge 444/94 consentendo così agli organi degli Ordini territoriali di restare in carica fino all’elezione del Consiglio nazionale. Ora si aprono diversi scenari in funzione di cosa deciderà il prossimo 14 aprile il TAR Lazio sulla questione delle quote di genere ed in funzione di cosa deciderà il Parlamento in relazione all’unico emendamento che ha superato il vaglio di legittimità.

 

La sorte degli Ordini territoriali tra commissariamento e prorogatio.


È doveroso interrogarsi sulla sorte degli Ordini territoriali all’indomani della dichiarazione di inammissibilità degli emendamenti presentati dal nostro C.N.. A tal proposito appare utile precisare che l’emendamento n° 8.52, che è stato dichiarato per l’appunto inammissibile, prevedeva una proroga di tutte le attribuzioni dei Consigli e dei Collegi dei Revisori degli ordini territoriali fino all’insediamento dei nuovi organi.

È stato invece dichiarato ammissibile l’emendamento n° 8.012, a firma dell’onorevole Giovanni Currò, che deve ora essere sottoposto al voto del Parlamento. Tale emendamento dispone una deroga all’articolo 3, comma 1, del DL n°293 del 16 maggio 1994, convertito nella legge n° 444/94, consentendo di estendere il regime di prorogatio, previsto dalla legge 444/94 in 45 giorni, fino all’elezione del Consiglio nazionale. Pertanto, se l’emendamento sottoposto al voto sarà approvato, si potrà evitare l’imminente Commissariamento, ma solo fino all’elezione del C.N., non dei nuovi organi territoriali. Inoltre l'emendamento ammesso (al voto) riconosce una deroga solo all'articolo 3, comma 1 del Dl 293/94, che prevede una prorogatio di 45 giorni degli organi decaduti, mentre non è stata disposta alcuna deroga all'articolo 3, comma 2 del citato decreto, che consente agli organi in prorogatio esclusivamente il compimento di atti di ordinaria amministrazione, pena la nullità degli atti assunti. In attesa che il parlamento si esprima nel merito, dunque gli organi in prorogatio potranno adottare esclusivamente atti non eccedenti l’ordinaria amministrazione.

 

Giustizia tributaria, eliminato il divieto di esercitare attività difensiva per i CTU. Prorogata la scadenza per la presentazione delle domande al 28 febbraio 2021.


Il Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria ha eliminato il divieto di iscrizione nell’albo dei CTU della Giustizia tributaria per i professionisti che esercitino attività di difesa davanti alle commissioni tributarie. Al riguardo si informa che è già disponibile il nuovo modello di domanda di iscrizione nell’elenco speciale dei CTU e dei commissari ad acta ausiliari della giustizia tributaria, nel quale è stato eliminato il requisito di non esercitare attività difensiva tributaria presso le C.T. Il CPGT proroga dal 31 gennaio al 28 febbraio il termine di presentazione della stessa domanda agli Ordini territoriali di appartenenza (in calce il link al fac simile). Si ricorda che l’interessato deve essere già iscritto all’albo dei C.T.U. del processo civile tenuto presso i Tribunali per potere accedere al nuovo albo istituito presso le Commissioni tributarie. Gli aspiranti dovranno inviare all’ Ordine di appartenenza apposita domanda utilizzando il fac simile disponibile sul sito del C.P.G.T. all’indirizzo nella sezione denominata “Albo CTU: modulistica” entro il 28/02/2021. https://www.giustizia-tributaria.it/documentazione

Scarica il modulo di iscrizione all'albo

 

Tardiva disponibilità dei moduli di controllo per IVA 2021. L’AdE ostacola i rimborsi.


Quest’anno non è stato possibile presentare le dichiarazioni IVA dal 01/02/2021 a causa del mancato rilascio in tempo utile dei moduli di controllo.

L’inspiegabile ritardo dell’Agenzia delle Entrate nel mettere a disposizione i moduli di controllo per la dichiarazione Iva 2021 rischia di compromettere definitivamente il destino di quelle attività che, a causa della situazione pandemica, sono in seria difficoltà finanziaria e che, se non potranno accedere nei tempi che la legge stessa prevede (1° febbraio – 30 aprile) alle procedure di rimborso, non avranno modo di andare avanti. È vero che è di oggi il messaggio dell’Agenzia che annuncia la disponibilità ufficiale della versione aggiornata del modulo Controllo per le applicazioni “Entratel” e “File Internet”, ma è altrettanto vero che tale disponibilità per i commercialisti non si traduce in operatività, in quanto le software house necessitano di tempo per poter modificare i sistemi e mettere i professionisti nelle condizioni di procedere.

È sorprendente come dai contribuenti si pretenda il rispetto di termini e scadenze” dichiara il Presidente ANC Marco Cuchele invece, quando è il cittadino che deve esercitare un legittimo interesse, l’Amministrazione finanziaria si permette di non considerare i tempi di lavoro di coloro che sono preposti a tradurre in operatività le regole che lei stessa detta. La perdurante disparità di trattamento che si viene ancora una volta ad evidenziare è, se possibile, ancora più dannosa alla luce della gravità della situazione, ma di questo sembra se ne accorgano solo i diretti interessati” ancora una volta ad evidenziare è, se possibile, ancora più dannosa alla luce della gravità della situazione, ma di questo sembra se ne accorgano solo i diretti interessati

Il comunicato in PDF

 

Sistema Tessera sanitaria: rinviato al 2022 l’invio mensile. Per il 2021 invio semestrale.


Accolte solo parzialmente e limitatamente al 2021 le richieste di ANC che, per il tramite del proprio Presidente Marco Cuchel aveva chiesto che l’invio delle spese sanitarie tramite il Sistema TS ritornasse come unico adempimento annuale, vista anche l’inutilità di un invio mensile. È di imminente pubblicazione in G.U. il decreto con il quale il MEF dispone, apportando alcune modifiche al Decreto 19/10/2020, la proroga dal 31 gennaio all’8 febbraio 2021 del termine per l’invio dei dati delle spese sanitarie del 2020. Con tale decreto inotlre viene rinviato al 2022 l’obbligo di trasmissione mensile delle spese sanitarie. Per quest’anno è previsto un periodo transitorio, secondo il seguente calendario:

i dati relativi alle spese sanitarie sostenute nel 2020 dovranno essere trasmessi al Sistema Tessera Sanitaria (TST) entro l’8 febbraio 2021; i dati relativi alle spese sanitarie sostenute nel primo semestre 2021 dovranno essere trasmessi al Sistema Tessera Sanitaria entro il 31 luglio 2021; i dati relativi alle spese sanitarie sostenute nel secondo semestre 2021 dovranno essere trasmessi al Sistema Tessera Sanitaria entro il 31 gennaio 2022.

Solo dal 1° gennaio 2022 i dati dovranno essere trasmessi al Sistema Tessera Sanitaria entro la fine del mese successivo. Inoltre sono stati prorogati dal 31 dicembre 2020 al 31 dicembre 2021 i termini per la comunicazione della volontà di avvalersi delle modalità di trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri al Sistema TS che pertanto sarà obbligatoria dal 1° gennaio 2022

 

Informativa per i clienti che inviano i dati a Tessera Sanitaria.


Predisposta dal collega Pasquale Ristorato un’informativa personalizzabile da inviare ai propri clienti obbligati all’invio dei dati a Tessera Sanitaria. Una particolare attenzione nel far sottoscrivere al paziente una dichiarazione sostitutiva di atto notorio in cui comunica la sua volontà di opposizione alla trasmissione dei dati per evitare che in futuro, in caso di sanzioni al contribuente/paziente, gli stessi possano rivalersi nei confronti del medico.

Preleva il documento

 

Pubblicate le liste di controllo sui principi di redazione per i bilanci 2020


Assirevi (Associazione italiana delle società di revisione legale) ha pubblicato le checklist dei principi di redazione del bilancio 2020 per tenere conto della pubblicazione del principio contabile OIC 33 - Passaggio ai principi contabili nazionali. In particolare sono state pubblicate la check-list dei principi di redazione del bilancio d’esercizio e la check-list dei principi di redazione del bilancio consolidato. Le liste di controllo sono presentate in file formato word scaricabili dal sito di Assirevi al fine di consentirne un più agevole utilizzo “sul campo” da parte degli operatori interessati, che potranno compilare digitalmente e stampare, in base alle specifiche necessità, i file in esso contenuti. Download Checklist bilancio di esercizio

Download Checklist bilancio consolidato

 

Aliquote contributive del 2021 per la Gestione separata.


Con circolare n°12 del 05.02.2021, l’INPS ha comunicato i valori aggiornati per il 2021 dei minimali e massimali di contribuzione e delle aliquote contributive dovute dai lavoratori iscritti alla gestione separata. Le aliquote, i minimali e massimali di contribuzione sono sostanzialmente confermati.

Per i lavoratori autonomi, titolari di partita IVA, iscritti alla gestione separata INPS e non iscritti ad altre gestioni di previdenza obbligatoria né pensionati, l'aliquota contributiva è pari al 33%. Per i soggetti già̀ pensionati o assicurati presso altre forme previdenziali obbligatorie l’aliquota è confermata al 24%. Per i professionisti titolari di partita IVA, iscritti alla Gestione separata e non iscritti ad altre gestioni di previdenza obbligatoria né pensionati, l'aliquota contributiva è stabilita in misura pari al 25%. Rimane altresì̀ confermata allo 0,72% per i professionisti e per i soggetti diversi dai co.co.co. e dagli amministratori laliquota contributiva aggiuntiva relativa alla tutela della maternità̀, agli assegni per il nucleo familiare, alla degenza ospedaliera, alla malattia ed al congedo parentale. La ripartizione dell’onere contributivo tra collaboratore e committente è stabilita nella misura rispettivamente di un terzo (1/3) e due terzi (2/3). Per l’anno 2021 il massimale di reddito è pari a 103.055,00 euro, mentre il minimale è pari a 15.953,00 euro.

Consulta la Circolare 12/2021 INPS

 

DDL Malattia Professionisti: prosegue il pressing di ANC per una rapida approvazione.


Riprende in Commissione Giustizia al Senato l’esame del disegno di legge che regolamenta il differimento delle scadenze in caso di malattia o infortunio del professionista e l’Associazione Nazionale Commercialisti intende rivolgere a tutte le forze parlamentari il suo appello affinché questa proposta trasversale diventi presto legge. L’Associazione, al fine di sensibilizzare tutti gli attori su questo argomento, che è ritenuta una vera e propria battaglia di civiltà, sta raccogliendo diverse testimonianze sui territori. Tra le prime segnaliamo quella del nostro Vicepresidente e Consigliere nazionale Mauro Galluccio.Il riconoscimento del diritto alla salute dei professionisti è una battaglia di civiltà che la nostra Associazioneafferma il Presidente Marco Cuchelporta avanti da sempre e la cui urgenza, anche in ragione dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, è sotto gli occhi di tutti. Il tempo per analizzare ed anche per migliorare opportunamente il testo di questa proposta c’è stato, ora chiediamo a tutte le forze politiche di agire con responsabilità e di non disattendere le speranze di tutti i professionisti del nostro Paese, che da troppo tempo attendono questa legge. Ci aspettiamo dunque, conclude Cuchel, che la Commissione Giustizia decida per la procedura deliberante permettendo così di velocizzare l’iter di approvazione definitiva del testo.”.

Leggi il Comunicato Stampa ANC

Guarda la Videotestimonianza di Mauro Galluccio

 

Crediti formativi commercialisti: prorogato al 28 febbraio l'invio dell'autocertificazione.


Con informativa n 9 del 25 gennaio, il CNDCEC informa i Presidenti dei Consigli degli Ordini dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili della proroga al 28 febbraio 2021 per la comunicazione dei crediti formativi conseguiti entro il 31 dicembre 2020. L'indirizzo utile a cui inviare l'autocertificazione è reperibile qui: AUTOCERTIFICAZIONE COMMERCIALISTI

Posticipando la data ultima per l'invio si assicura a tutti gli iscritti nell’albo dei Dottori Commercialisti, la possibilità del riconoscimento dei cfp conseguiti mediante la fruizione dei webinar di formazione per i quali sia stato abilitato il caricamento delle autocertificazioni.

Per quanto riguarda i crediti formativi si ricorda inoltre che con un'informativa del 28 settembre scorso il CNDCEC comunicava che di concerto con il Ministero dell'interno era stato "sospeso" l'obbligo del conseguimento di minimo 20 crediti formativi per l'anno 2020, obbligo recuperabile nelle annualità successive.

 

Alla Cassazione l’ultima parola in tema di terzo mandato.


Lo scorso 28 dicembre è stato presentato ricorso innanzi alla Suprema Corte di Cassazione per riformare la decisione emessa dal CNDCEC in tema di terzo mandato e depositata lo scorso 27 novembre. Il massimo organo di Categoria, infatti, rispondendo al reclamo elettorale presentato dai candidati della Lista Facciamo ORDINE, Antonio Carboni e Francesco Vallefuoco, avverso la delibera dell’ODCEC di Napoli Nord di ammissione della lista “ODCEC 2.0” e del suo candidato Presidente, ha ritenuto d’improvviso non più “attuale” il proprio orientamento, esprimendosi per l’ammissibilità della ricandidatura di chi, avendo interrotto anticipatamente il secondo mandato consecutivo con dimissioni volontarie, si è ripresentato nell’attuale procedura elettorale.

Le motivazioni alla base del ricorso sono state spiegate dai due Professionisti in una lettera aperta indirizzata ai candidati della lista antagonista, alla luce di affermazioni formulate da quest’ultimi in un messaggio agli Iscritti. Per una corretta informativa si riporta il ricorso notificato ai candidati della Lista ODCEC 2.0 e la lettera ai candidati della Lista “Odcec 2.0”.

Leggi il ricorso in Cassazione contro la decisione del CNDCEC

Leggi la Lettera aperta ai candidati della Lista ODCEC 2.0

 

My Solution: circolare monografica gratuita agli associati per quattro mesi.


Si informano i Colleghi che, grazie ad un accordo sottoscritto tra ANC Napoli Nord, ADC Napoli Nord e UNICO Napoli Nord con l’agente di zona di My Solution, viene offerta la possibilità di utilizzare in via sperimentale e gratuitamente, per un periodo di prova di 4 mesi, la Circolare Monografica My Solution, senza alcun vincolo di acquisto successivo.

La circolare monografica è un documento operativo che analizza in maniera approfondita l'argomento principale della giornata e, pertanto, può essere in questo particolare momento di emergenza un ulteriore strumento operativo a disposizione dei professionisti.

Per usufruire di tale iniziativa è necessario compilare il FORM cliccando nel link sottostante.

https://partnerup3438.activehosted.com/f/207

Dopo aver inserito ed inviato i dati si riceverà un messaggio di posta elettronica che confermerà l’adesione al servizio gratuito.

 

Osservatorio professionale


Focus tributario


Finanziamento soci: solo l'accertamento dei ricavi in nero permette l'imputazione ai soci.  


L’ordinanza 29893 del 30.12.2020 della Cassazione stabilisce che la ristretta base societaria rappresenta solo un indizio presuntivo che deve essere supportato da ulteriori elementi, come ad esempio il finanziamento a titolo di mutuo effettuato dai soci alla propria società, disciplinato dal legislatore italiano con coerente semplicità nei suoi più banali aspetti civili e fiscali, per il quale si sottolinea solo la criticità della presunzione di fruttuosità, coerente con il fatto che tale finanziamento sia erogato a titolo di mutuo.

La Legge non ha un atteggiamento pregiudizievole nei confronti di questo strumento, diversamente dalla prassi, che vede in esso un canale di favore per nascondere movimentazioni extra contabili.

La prassi, supportata (forse troppo) spesso dalla giurisprudenza, ha creato invece un vero e proprio regime di sfavore per i versamenti a titolo di prestito effettuati dai soci, nel caso in cui la compagine sociale possa essere definita a ristretta base societaria.

La citata ordinanza della Corte mette un freno alla prassi sul tema, attribuendo alla svantaggiata situazione di ristretta base societaria, almeno per quanto riguarda l’imputazione ai soci del presunto maggior reddito, un carattere indiziario e non presuntivo.

Nel caso in esame (all’interno di una più vasta contestazione dell’Agenzia delle Entrate nei confronti di una società a responsabilità limitata) i finanziamenti effettuati dai soci alla società venivano sottoposti a IRES come ricavi non contabilizzati e, per la parte rimborsata, sottoposti a IRPEF come incasso di dividenti extra bilancio, per il solo fatto che la compagine sociale era composta da un numero esiguo di soci.

La società portava a sua discolpa le schede contabili, da cui si evincevano in buona parte movimentazioni tracciate, una chiara destinazione del finanziamento, e la coerenza con la capacità finanziaria dei soci. La Commissione tributaria regionale, ritenendo che non ci fossero elementi sufficienti per riqualificare questi movimenti finanziari come ricavi in nero, rigettava la contestazione.

L’Agenzia delle Entrate ricorre allora in cassazione ma la corte respinge il ricorso, confermando la mancanza di elementi a supporto della “prova” costituita dalla ristretta base societaria, e precisando che “in assenza di accertamento di redditi non contabilizzati in capo alla società, viene a mancare, di riflesso, la giustificazione per la ripresa a tassazione nei confronti dei soci, retrocedendo la ristretta base azionaria a mero indizio della contestata occulta ripartizione”. La corte, in definita, ritiene esistere un collegamento ideale tra l’accertamento di ricavi in nero in capo alla società e la presunzione di distribuzione di utili extra contabili in favore dei soci, in presenza di ristretta base societaria; e, il venir meno della prima fa venir meno “il presupposto logico imprescindibile su cui poggiare il ragionamento presuntivo” per la seconda.

La facilità con la quale si contestano i finanziamenti effettuati dai soci, per il solo fatto di essere in presenza di una società con una compagine sociale ristretta, basandosi solo su presunzioni, rende, di fatto, l’utilizzo di questo strumento un rischio concreto da soppesare con cautela.

 

Tributi Locali: decadenza e prescrizione.


Tra le tante sentenze, in ultimo la C.T.P. Salerno (120 del 14/01/2021) statuisce che, per quanto concerne i tributi locali, coesiste sia la decadenza che la prescrizione. Pertanto, l’avviso di accertamento, anche se notificato nel termine di legge (31.12 del 5^ anno della annualità’ di riferimento) è illegittimo se lo stesso viene notificato\consegnato al contribuente dopo la scadenza del termine di decadenza. Ciò perché si è, comunque, formato il termine di prescrizione del credito e nulla può, quindi, essere richiesto dall’Ente Civico. In tal senso anche altre decisioni emesse dalla stessa Commissione Provinciale e Regionale, nonché dalla Commissione Provinciale di Caserta.

Focus Enti Locali


Fondo innovazione, le prossime scadenze per i Comuni.


I Comuni che si sono iscritti al Fondo Innovazione hanno di fronte due scadenze importanti: il 28 febbraio e il 31 dicembre. È fissato al prossimo 28 febbraio il termine entro il quale i Comuni di tutto il territorio nazionale che hanno avuto accesso al Fondo Innovazione, messo a disposizione da pagoPA spa, dovranno dar conto degli obiettivi raggiunti grazie al contributo, il cui obiettivo è potenziare l’adozione della piattaforme IO, pagopPA e SPID.

Il Fondo si affianca al Bando piccoli comuni,come supporto alla digitalizzazione dei comuni, sebbene quest’ultimo abbia come fruitori solo i comuni sotto i 5.000 abitanti, mentre il Fondo Innovazione sia più ad ampio spettro. Oltre il 92% del totale dei Comuni hanno chiesto di accedervi e questo è avvenuto grazie al lavoro di pagopa SPA e dei Partner Tecnologici e Intermediari Tecnologici. Per raggiungere questi obiettivi gli enti si possono far aiutare dai Partner Tecnologici PagopA o dagli intermediari tecnologici. Gli enti indicheranno il Partner Tecnologico a supporto delle attività, grazie alla documentazione inviata da pagoPA spa agli aderenti. Entro il 31 dicembre 2021 andranno raggiunti tutti gli obiettivi indicati per il conseguimento del contributo, che non vanno rendicontati ma saranno verificati da PagoPA spa sulle piattaforme associate a IO, SPID e pagoPA.

 

Revisori Enti Locali: scattano le prime modifiche all’Elenco 2021.


L’Elenco dei Revisori degli Enti Locali, approvato con il Decreto del Ministero dell’Interno 23 dicembre 2020 ed entrato in vigore lo scorso 1° gennaio 2021, è già stato oggetto di 2 revisioni.

La Direzione centrale per la Finanza locale del Viminale, con i propri Decreti datati 15 e 22 gennaio 2021, pubblicati sul proprio sito istituzionale, ha infatti complessivamente apportato 168 variazioni inerenti all’iscrizione nelle fasce e 4 cancellazioni.

 

 

Estrazione revisori Enti Locali


Si ricorda che è operativo sul portale del Dipartimento per la funzione pubblica una funzione di ricerca che agevolmente consente di visualizzare le ultime estrazioni effettuate presso le prefetture delle province della Regione per l’esercizio della funzione di revisore dell’Ente locale.

Consulta le estrazioni più recentiCollegati al sito

 

 

SPECIALE CORONAVIRUS


Si informa che l’ODCEC di Milano ha attivato sul proprio sito web una sezione speciale dedicata all'emergenza COVID-19 dove sarà possibile reperire informazioni, ma anche indicazioni operative utili per tutti i colleghi in questo difficile momento.Leggi speciale-coronavirus

 

 

Confprofessioni - Linee guida test sierologici


Pubblicate da Confprofessioni specifiche linee guida sui test sierologici. Leggi le linee guida

 

 

CNPR: le iniziative a sostegno degli Iscritti.


Si riporta di seguito il link alle iniziative intraprese dalla cassa presieduta da Luigi Pagliuca, per venire incontro alle esigenze degli Iscritti.

I servizi attivati da CNPR

 

 

Confprofessioni – Misure a favore degli studi professionali


Trasmettiamo l’informativa di Confprofessioni che descrive le iniziative a supporto degli Iscritti e dei loro dipendenti.

Leggi l’informativa

 

 

Emergenza COVID-19. Raccolta circolari e decreti utili.


Normativa nazionale: provvedimenti emessi dal Governo.


Sul portale del Governo è disponibile l’archivio dei provvedimenti attualmente vigenti, approvati dal Governo in seguito all'emergenza sanitaria internazionale. Si possono consultare direttamente cliccando qui, oppure collegandosi alla sezione specifica sul portale, digitando il seguente link:

http://www.governo.it/it/approfondimento/coronavirus-la-normativa/14252

 

 

Ordinanze emesse dal Presidente della Regione Campania


Sul portale della Regione Campania è riportato l’archivio di tutte le ordinanze emesse dal Presidente De Luca nel periodo emergenziale. È possibile scaricare le ordinanze cliccando qui

 

 

 

NOTIZIE DALL’AGENZIA DELLE ENTRATE


Risposte alle istanze di consulenza giuridica

Consulta la sezione

 

Risposta n. 1 del 14/01/2021

Articolo 17-bis del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241 - Requisito dell'utilizzo di beni strumentali di proprietà del committente - pdf

 

Principi di diritto

Consulta la Sezione

 

Principio di diritto n. 1 del 11/01/2021

Articolo 26 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n.633 - Limiti all'emissione della nota di variazione - pdf

 

Le ultime risposte agli interpelli

Consulta la sezione

 

Risposta n. 85 del 4/02/2021

Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - attività di formazione - esenzione ai fini IVA, articolo 10 n. 20) del d.P.R. n. 633 del 1972 - pdf

 

Risposta n. 84 del 3/02/2021

Trattamento fiscale dei contributi erogati dalla Regione ai liberi professionisti nonché ai titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa per far fronte alla crisi a seguito dell'emergenza epidemiologica da Covid-19 - Art. 10-bis d.l. n. 137 del 2020 (decreto Ristori) - pdf

 

Risposta n. 83 del 3/02/2021

Articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 - Cooperativa mista - pdf

 

Risposta n. 82 del 3/02/2021

Articolo 16, comma 1-septies del decreto legge 4 giugno 2013, n. 63 - Acquisto case antisismiche - pdf

 

Risposta n. 81 del 3/02/2021

Articolo 1, comma 57 della legge 23 dicembre 2014, n. 190 - Cause ostative all'applicazione del regime cd. forfetario

 

Risposta n. 80 del 3/02/2021

Articolo 16, comma 1-septies del decreto-legge n. 63 del 2013 - Acquisto case antisismiche - pdf

 

Risposta n. 79 del 2/02/2021

Articoli 83 e 85 del TUIR di cui al d.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 - Contributi in conto esercizio - pdf

 

Risposta n. 78 del 2/02/2021

Articoli 88, 101 e 173 del TUIR di cui al d.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 - Valutazione anti-abuso complessa - pdf

 

Risposta n. 77 del 2/02/2021

Risoluzione per 'mutuo consenso' di contratto di donazione e agevolazioni 'prima casa' - pdf

 

Risposta n. 76 del 2/02/2021

Articolo 14, comma 2-ter e comma 2-sexies, del decreto legge n. 63 del 2013 - pdf

 

Risposta n. 75 del 2/02/2021

Articolo 1, commi 184-197, della legge 27 dicembre 2019, n. 160 - Credito d'imposta investimenti in beni strumentali

 

Risposta n. 74 del 2/02/2021

Articolo 26 del decreto legge n. 34 del 2020 - Credito d'imposta per il rafforzamento patrimoniale - pdf

 

Risposta n. 73 del 2/02/2021

Articolo 1, commi da 37 a 45, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 - Patent box e software protetto da copyright

Risposta n. 72 del 2/02/2021

Articolo 3 del decreto legge n. 145 del 2013 - Affitto d'azienda con attività di ricerca infragruppo - pdf

 

Risposta n. 71 del 2/02/2021

Articolo 16, comma 1-septies del decreto-legge n. 63 del 2013 - Ricostruzione con diverso sedime - pdf

Risposta n. 70 del 2/02/2021

Articoli 14 e 16, comma 1-septies, del decreto legge n. 63 del 2013 e articolo 119 del decreto legge n. 34 del 2020 - pdf

 

Risposta n. 69 del 1/02/2021

Acquisto autovettura con aliquota ridotta ed esibizione della documentazione attestante la disabilità in un momento successivo all'acquisto - Articolo 26, comma 2 Decreto Presidente Repubblica 26 ottobre 1972 n. 633

 

Risposta n. 68 del 1/02/2021

Superbonus - Ricostruzione muro di contenimento del condominio - Articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio) - pdf

 

Risposta n. 67 del 1/02/2021

Interessi attivi su carte revolving emesse nei confronti di persone fisiche residenti - Applicazione nei confronti di entità non residenti, prive di stabile organizzazione in Italia, dell' imposta sui redditi di capitale e dell' imposta di bollo sugli estratti conto inviati via e-mail - pdf

 

Risposta n. 66 del 1/02/2021

Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Indebita fruizione del tax credit vacanze - Articolo 176 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77 - pdf

Le ultime circolari

Consulta la sezione

Circolare n. 1 del 22/01/2021

Rideterminazione del valore di partecipazioni non negoziate in mercati regolamentati e di terreni edificabili e con destinazione agricola – Art. 1, commi 693 e 694, della L. 27 dicembre 2019, n. 160, Articolo 137 del DL 19/05/2020, n. 34 convertito, con modificazioni, dalla L 17/07/2020, n. 77 e Art. 1, commi 1122 e 1123, della L.178/2020 – Ulteriori chiarimenti e recepimento dell’indirizzo espresso dalle Sezioni Unite della Cassazione con le sentenze nn. 2321 e 2322 del 2020

 

Ultimi Provvedimenti del Direttore

Consulta la sezione

Provvedimento del 04/02/2021

Modalità tecniche per l’effettuazione delle integrazioni da parte dell’Agenzia delle entrate delle fatture inviate tramite il Sistema di Interscambio per le quali è dovuto l’assolvimento dell’imposta di bollo. Modalità telematiche per la messa a disposizione, la consultazione e la variazione dei dati relativi all’imposta di bollo da parte del cedente o prestatore, o dell’intermediario delegato, e per l’invio delle comunicazioni, da parte dell’Agenzia delle entrate, nei casi di ritardato, omesso o insufficiente versamento dell’imposta

 

Provvedimento del 02/02/2021

Accertamento di irregolare funzionamento dell’Ufficio Territoriale di Fermo dal 20 al 21 gennaio 2021 - pdf

 

Provvedimento del 01/02/2021

Direzione Provinciale di Pavia - Accertamento mancato funzionamento dei Servizi di Pubblicità immobiliare di Vigevano - pdf

 

Le ultime risoluzioni

Consulta la sezione

Risoluzione n. 8 del 2/02/2021

Regime applicabile alle prestazioni di trasporto di passeggeri per vie d’acqua - Articolo 10, primo comma, n. 14), del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633; Tabella A, Parte II-bis, n. 1-ter) e Tabella A , Parte III, n. 127-novies) allegate al DPR n. 633 del 1972 - Regime applicabile alle prestazioni cc.dd. “complesse” - pdf

 

Risoluzione n. 7 del 1/02/2021

Accordo Brexit - Applicabilità dell’art. 35-ter, comma 5, DPR 633/72 a soggetti stabiliti nel Regno Unito - pdf

 

 

NOTIZIE DALL’INPS


Circolare n. 9 del 25/1/2021

Importo dei contributi dovuti per l’anno 2021 per i lavoratori domestici

 

Circolare n. 8 del 21/1/2021

Indennità antitubercolari. Importi da corrispondere per l’anno 2021

 

Circolare n. 7 del 21/1/2021

Importi massimi dei trattamenti di integrazione salariale, dell’assegno ordinario e dell’assegno emergenziale per il Fondo di solidarietà del Credito, dell’assegno emergenziale per il Fondo di solidarietà del Credito Cooperativo, dell’indennità di disoccupazione NASpI, dell’indennità di disoccupazione DIS-COLL, dell’indennità di disoccupazione agricola e dell’assegno per le attività socialmente utili relativi all’anno 2021

Gli ulteriori messaggi e circolari INPS sono prelevabili cliccando qui, o collegandosi alla sezione specifica sul portale, digitando il seguente link: https://www.inps.it/Search122/Circolari.aspx

 

 

Altre informazioni utili


ANC: onorari consigliati per l’anno 2020.

 

 

Si ricorda che sul portale ANC è disponibile per la pubblica consultazione il prontuario “onorari consigliati per l’anno 2020”, predisposto da ANC in collaborazione con ANC Livorno. Il prontuario contiene anche un’apposita sezione “Covid 19” dove sono stati valorizzati i compensi legati alle principali pratiche svolte alla clientela nel periodo emergenziale.

Un ringraziamento al collega Carlo Fabri che ha fornito un fattivo contributo alla redazione del documento. Nel merito si segnala altresì l’articolo pubblicato sulla testata Eutekne.info con un intervento del Presidente ANC. Scarica il prontuario "Onorari consigliati 2020"

 

 

Contributo d'iscrizione 2021 all'Associazione Nazionale Commercialisti Napoli Nord

 

 

Il Consiglio direttivo della sezione Napoli Nord dell’Associazione Nazionale Commercialisti ha determinato il contributo d'iscrizione annuale per l’anno 2021 in euro 60,00. Di tale importo si precisa che circa il 40% viene riversato dall’associazione locale all’ANC Nazionale.

Il contributo sarà utilissimo per finanziare tutte le attività sindacali che la nostra associazione sta portando avanti sul territorio e le altre che sono in programmazione, oltre che per accedere a tutte le convenzioni operative, a ricevere la rassegna stampa quotidiana, ad essere aggiornati settimanalmente con la newsletter, e a poter avere accesso ai percorsi formativi che l’associazione organizzerà, anche a quelli e-learning.

Il versamento della quota può essere effettuato con bonifico da appoggiare sul c/c bancario UNICREDIT intestato ad “Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord” - IBAN: IT52D0200874791000103632305 – specificando nominativo, ordine di appartenenza e matricola, codice fiscale. Le coordinate per il pagamento della quota d’iscrizione, assieme al modulo di adesione, saranno a breve anche compilabili sul portale internet all’indirizzo: www.ancnapolinord.it.

Per segnalare articoli e documenti di interesse comune è possibile inviare un messaggio con i propri riferimenti personali all’indirizzo:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per chiedere informazioni generali:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


 

 

 

 

Associazione Nazionale Commercialisti  Napoli Nord

 

Consiglio direttivo

Presidente

Antonio Carboni

Vicepresidenti

Mauro Galluccio

Enza Pisano

Segretario

Marco Idolo

Tesoriere

Giuliana Di Caprio

Consiglieri

Filippo Cacciapuoti

Carlo D'Abbrunzo

Giovanni Granata

Salvatore Iorio

Nicola Padricelli

Vincenzo Panico

Pasquale Ristorato

Collegio dei revisori

Luigi Apicella

Corrado Civile

Felice Tranchese