TX Nefario - шаблон joomla Форекс
logoanc nanord  
 

 

 

 
     

     

Gentile Collega,

Ti trasmettiamo il numero 10 -2021 della nostra newsletter, nata su impulso del Consiglio direttivo, sperando di fare cosa gradita. Nell’augurarti una buona lettura, Ti ricordiamo potrai seguire le nostre attività consultando i nostri canali digitali: il nostro portale internet, dove potrai trovare tutti i riferimenti per effettuare o rinnovare l'iscrizione, che ti consentirà di accedere a tutti i nostri servizi associativi; il nostro profilo Facebook, ed il canale pubblico Telegram, liberamente consultabile e raggiungibile con o senza iscrizione al seguente indirizzo https://t.me/ancnapolinord.

Informativa ANC Napoli Nord n° 10-2021 – 6 marzo 2021

A cura del Consiglio direttivo ANC Napoli Nord. Hanno collaborato a questo numero:

Antonio Carboni, Giuliana Di Caprio, Mauro Galluccio, Giovanni Granata, Marco Idolo, Enza Pisano, Pasquale Ristorato.

 

IN PRIMO PIANO


OTTOMARZO 2021. Il nostro impegno in favore delle Colleghe.


La nostra Associazione intende celebrare la giornata dedicata alla “Festa delle Donne” avviando un’azione concreta di tutela in favore delle Colleghe.

L’Italia è ancora un Paese dove le disuguaglianze di genere sono molto radicate e diffuse, soprattutto in ambito lavorativo. Solo con l’introduzione della riserva di un terzo a favore del genere meno rappresentato, previsto dalla legge n°120/2011 (meglio nota come legge Golfo – Mosca), si è assistito ad un aumento della presenza femminile all’interno di CDA ed organi di controllo di società quotate e delle società partecipate da Enti Pubblici. Nel 2011, ovvero prima dell’applicazione di tale legge, le presenze femminili nei CDA delle società private quotate erano intorno al 6%. Nel 2018 sono diventate del 36% nei Cda e 38% nei collegi sindacali (dati CONSOB). Anche nelle controllate pubbliche la rappresentanza femminile nel 2019 si è attestata al 28,4%. Di contro, la presenza femminile nei board delle aziende non soggette alla norma è stata molto più bassa (17,7%), confermando che la strada verso la parità, in assenza di una spinta legislativa, è ancora tutta in salita.

Sulla scorta di queste considerazioni è nato in seno alla nostra Associazione il progetto OTTOMARZO. In un momento in cui nella nostra categoria si dibatte sulle quote di genere esclusivamente in un’ottica elettorale si è ritenuto opportuno tornare ad accendere i riflettori sul tema dell’applicazione della parità di genere nei ruoli apicali delle società. È necessario effettuare un monitoraggio sul concreto rispetto della Legge sull’equilibrio di genere nel nostro circondario. A tal fine abbiamo predisposto un semplicefac-simile di comunicazioneche chiediamo alle Colleghe ed ai Colleghi di utilizzare per segnalare quei casi in cui la parità di genere nella composizione degli organi di amministrazione e di controllo delle società quotate o delle società partecipate da Enti pubblici appare essere disattesa.

La nostra Associazione si impegna, nel caso esistano i presupposti, a sensibilizzare le società al rispetto della normativa, ovvero ad effettuare la comunicazione agli uffici ministeriali preposti alla verifica delle eventuali irregolarità, così da intimarne la rimozione, se effettivamente esistenti.

Il progetto si è appena avviato con l’inoltro agli organi competenti di una prima segnalazione pervenuta sul presunto mancato rispetto della normativa da parte di una società partecipata da un Comune del circondario di nostra competenza. Quest’attività è stata svolta grazie alle informative raccolte dalla nostra Tesoriera, Giuliana Di Caprio.

Con l’auspicio che il nostro invito possa essere raccolto anche dai Colleghi e dalle Colleghe che rivestono ruoli chiave nelle istituzioni e nelle organizzazioni politiche, vogliamo augurare a tutte le donne, ed in particolare alle Commercialiste, l’inizio di una nuova stagione. Buon 8 marzo.

Leggi la comunicazione alle Colleghe e ai Colleghi

Link al facsimile di segnalazione

 

Certificazioni Uniche 2021: il C.N. dei Consulenti del lavoro chiede il rinvio del termine.


Entro il 16 marzo 2021 devono essere inviate all’Agenzia delle Entrate le Certificazioni Uniche 2021 e i dati relativi alle spese detraibili da riportare nella dichiarazione precompilata; i dati relativi alle spese sanitarie sono stati già trasmessi, entro l’8 febbraio, al Sistema Tessera Sanitaria che li renderà disponibili all’Agenzia delle Entrate entro il 16 marzo.

In considerazione della imminente scadenza ed in considerazione del perdurare dello stato di emergenza, il Presidente dei Consulenti del Lavoro, Marina Calderone ha inviato una richiesta di differimento dell’invio delle CU al Ministro dell’Economia e delle Finanze e al Direttore dell’Agenzia delle Entrate, al pari di quanto già fatto lo scorso anno, al 30 aprile 2021.

La richiesta, si legge nel comunicato stampa, è stata già oggetto di apposito emendamento al “Milleproroghe” è diventata ormai urgente considerata la situazione di oggettiva difficoltà in cui versano le aziende ed i consulenti, oberati di adempimenti amministrativi necessari a garantire l’erogazione dei sostegni e degli ammortizzatori ai lavoratori in difficoltà. Le restrizioni operate dalle ultime disposizioni normative in gran parte del territorio nazionale impattano indirettamente anche sulle attività degli studi costretti ad affrontare le problematiche legate ai contagi ed ai conseguenti isolamenti fiduciari, in assenza di qualsiasi tutela relativa alla malattia del professionista.

Clicca qui per leggere la richiesta

Nuovi termini per la convocazione delle assemblee per approvazione dei bilanci 2020.


Con la pubblicazione in G.U. del cosiddetto “Milleproroghe”, viene previsto il rinvio della approvazione dei bilanci entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio 2020.

Pertanto, le assemblee per l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2020 dovranno essere convocate entro martedì 29/06/2021.

 

Da Cassa dottori un aiuto per i prestiti


La Cassa di previdenza dei Dottori Commercialisti corre in aiuto degli iscritti con lo stanziamento di 1,5 milioni di euro per l’anno 2021 a copertura parziale degli interessi sui contratti di finanziamento sottoscritti nel periodo 01.01.21 – 31.12.21 per far fronte all’emergenza determinata dalla pandemia. Il contributo è riservato agli iscritti che nel 2020 hanno percepito un reddito non superiore a 50 mila euro, di cui la quota eventualmente derivante da lavoro dipendente o pensione non deve superare i 20 mila euro lordi. L’aiuto ha un importo fisso di 500 euro a fronte di un finanziamento da 10 mila euro, a cui si aggiunge un ulteriore 1% sulla quota di prestito eventualmente eccedente i 10 mila euro e fino a 30 mila euro di erogato. Per poter beneficiare del contributo i finanziamenti devono essere di importo superiore a 10.000 euro; di durata superiore a 12 mesi; stipulati per motivi contributo è concesso.

Consulta il Bando

 

ANC risponde al parere della R.G.S. sul DDL Malattia e infortuni dei professionisti.


Il Presidente dell’ANC, Marco Cuchel, ha inviato oggi una nota alla Commissione Giustizia del Senato, replicando a quanto la Ragioneria Generale dello Stato esprime in un parere tecnico sulla copertura finanziaria del disegno di legge che è all’esame di detta Commissione, il DDL malattia e infortuni del professionista. Molte sono le perplessità evidenziate, in particolare sul supposto danno per mancate entrate fiscali. Infatti, dichiara Cuchel “la norma in questione parla chiaramente di differimento di termini e in nessun modo prevede sconti o sgravi per il contribuente, pertanto non si determinerebbe alcun danno erariale, anzi semmai la generazione di interessi. In particolare, sulla base di una relazione tecnica redatta dal Ministero della Giustizia, si prevede un impatto del 3% delle denunce da infortunio, anche alla luce dell’attuale emergenza Covid, pari ad un danno calcolato per 236, 3 milioni di euro. Non ci è dato sapere la base di calcolo di questa percentuale e del conseguente importo stimato, ma soprattutto, ribadiamo che la norma in questione mantiene invariati i saldi. Ci si chiede anche se in questa previsione rientrino tutte le professioni o solo quelle economico-contabili che svolgono attività di intermediazione fiscale”. Inoltre “la RGS chiede una previsione di importi, come se trattasse di un provvedimento atto a rimpinguare le casse dello Stato, anziché a tutelare un diritto costituzionalmente riconosciuto”. Una notazione merita poi il passaggio in cui “la RGS chiede di approfondire il costo che comporterebbe l’utilizzo della pec per l’invio delle necessarie certificazioni per assicurare che dalla proposta non derivino oneri a carico della pubblica amministrazione (!)”. “In sostanza”, fa notare Marco Cuchel, “non solo si sorvola sull’evidenza che un differimento di termini non comporta alcuna variazione dei saldi, ma si chiede anche ad una categoria di lavoratori, di ammalarsi solo se ci sono somme a bilancio, altrimenti di soprassedere”.

CS_Nota_RGS su ddl infortuni_04032021

Leggi la nota inviata alla Commissione Giustizia del Senato 10_Nota ANC Osservazioni RGS

 

Disegno di legge sulla malattia del Professionista: Pressing di ANC alla politica.


L’ANC ha scritto una lettera aperta ai Ministri della Giustizia e del Lavoro, ai Presidenti delle Commissioni Giustizia e Finanze della Camera e del Senato, nonché ai Presidenti dei Gruppi parlamentari coinvolti, per segnalare l’improcrastinabile necessità di addivenire alla conclusione dell’iter legislativo del disegno di legge che regolamenta il differimento delle scadenze in caso di malattia e infortunio del professionista. L’ANC ha chiesto che finalmente sia regolamentata la gestione degli adempimenti in caso di malattia o infortunio grave del professionista. In una situazione nella quale non è stato nemmeno approvato l’emendamento inserito nel decreto milleproroghe, che prevedeva il differimento delle scadenze di trenta giorni causa Covid, è sempre più urgente un provvedimento organico e definitivo, quale quello contenuto nel ddl 1474, da mesi assegnato alla Commissione Giustizia del Senato in sede referente. “È paradossale che, una volta che un progetto di legge trova un consenso ampiamente trasversale da parte dei Gruppi” dichiara il Presidente ANC Marco Cuchele che le legittime speranze dei professionisti hanno buone possibilità di essere realizzate, i tempi si allunghino all’infinito e, per ragioni che ci sfuggono, il traguardo si allontani. Ravvisiamo sia indispensabile, da parte dei soggetti istituzionali coinvolti un fermo impegno a fare il possibile per velocizzare l’iter parlamentare, con l’auspicio che lo stesso possa determinare l’approvazione definitiva del provvedimento”. L’Associazione, al fine di sensibilizzare tutti gli attori su questo argomento, che è una vera e propria battaglia di civiltà, sta raccogliendo diverse testimonianze sui territori. Tra le prime segnaliamo quella del nostro Vicepresidente e Consigliere nazionale Mauro Galluccio.

CS_ddl_malattiaLettera aperta_iter ddl malattia

Guarda la Videotestimonianza di Mauro Galluccio

 

Per l’obbligo formativo triennale valgono anche i crediti conseguiti nel periodo di esenzione.


Ai fini dell’assolvimento dell’obbligo formativo triennale possono essere computati i crediti formativi conseguiti dall’iscritto nell’albo durante il periodo di esenzione dall’obbligo formativo e i crediti formativi conseguiti dall’iscritto durante il primo anno di iscrizione nell’albo. Con l’informativa n. 24 del 3 marzo 2021 il CNDCEC ha reso alcuni chiarimenti sui crediti formativi professionali maturati dagli iscritti in regime di esonero e nel corso del primo anno di iscrizione nell’albo. Nella seduta dell’11 febbraio 2021, il Consiglio Nazionale ha deliberato che possono essere computati ai fini dell’assolvimento dell’obbligo formativo triennale:

  • i crediti formativi conseguiti dall’iscritto nell’albo durante il periodo di esenzione dall’obbligo formativo,
  • i crediti formativi conseguiti dall’iscritto durante il primo anno di iscrizione nell’albo.

Si ricorda che, nella seduta del 15 luglio 2020 il CNDCEC ha assunto una delibera nella quale si evidenzia che per l’anno 2020 viene meno l’obbligo per gli iscritti di conseguire almeno 20 crediti formativi nell’anno, prevedendo la possibilità di recuperare i crediti non assolti nel 2020 negli anni 2021 e 2022. Il Consiglio nazionale ha deliberato anche che, per l’anno 2020, viene meno l’obbligo, per gli iscritti che abbiano compiuto o compiano 65 anni di età nel corso del triennio, di conseguire almeno 7 crediti formativi nell’anno. Anche in tal caso i crediti non conseguiti nel 2020, potranno essere recuperati negli anni 2021 e 2022.

 

Informa Europa: documento dell’ODCEC di Milano


Informa Europa è la nuova informativa dell'Ordine dei Commercialisti e degli Esperti contabili di Milano, nata dalla collaborazione con la Cooperation Bancaire pour l'Europe - GEIE, con l’obiettivo di aggiornare sulle opportunità europee derivanti direttamente dall’Europa e quelle declinate a livello nazionale e regionale.

La newsletter, liberamente consultabile è raggiungibile al link riportato sotto ed è composta da:

-          Una prima parte dedicata alle opportunità di finanziamento per i dottori commercialisti;

-          Una seconda contenente i bandi cui possono accedere, invece, i clienti degli studi.

Consulta l'informativa dell'ODCEC Milano

 

Prova gratuita soluzione CONVERGENCE per 3 mesi.


Massiccia partecipazione dei colleghi al webinar del 18.02.2021 “Dal Credito alla Liquidità”, organizzato dall'Associazione Nazionale Commercialisti con la collaborazione del partner tecnologico StudioBoost. Alla luce dell’interesse dimostrato per l’argomento viene offerta gratuitamente una prova di “Soluzione CONVERGENCE” per 3 mesi, limitatamente a 3 aziende, oltre a un corso di formazione della durata di 2 ore che verrà erogato direttamente da StudioBoost.

Se interessati ad una dimostrazione o al test del prodotto, vi invitiamo a rivolgervi all'ANC scrivendo aQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." target="_blank">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Convergence è uno strumento agile, economico e, soprattutto, indipendente per la gestione della fatturazione elettronica. Nel corso degli anni Convergence si è evoluto seguendo le indicazioni degli utenti e gli spunti innovativi offerti dal mercato. Prima è stata implementata la possibilità di esportare i dati contabili a 12 dei maggiori gestionali fiscali, poi è stato ampliato l'ambito applicativo dando vita a un sistema unico, realmente collaborativo tra Commercialista e Cliente nel quale dati, documenti e informazioni confluiscono direttamente dalla loro fonte, senza necessità di rilavorazioni e dove ogni attore beneficia dell'attività dell'altro. Un sistema che si è evoluto fino ad inglobare un gestionale fiscale e contabile e che oggi è un sistema disponibile per i Commercialisti, l'unico connesso al sistema bancario e a tutti i più moderni sistemi di rating e analisi del credito.

 

Convenzione CAR-NET. Noleggio a lungo termine - Le nuove offerte del mese.


Sul sito ANC, nella pagina riservata della Convenzione Car-Net, sono pubblicate le nuove offerte del mese di febbraio. Si ricorda che la convenzione riserva agli associati sconti esclusivi sul canone mensile dell’auto oltre a promozioni speciali su vetture in pronta consegna.

https://www.ancnazionale.it/convenzioni/car-net-soluzioni-noleggio-a-lungo-termine/

Nell’area riservata del sito ANC sono disponibili le offerte del mese con il codice da utilizzare per fruire delle condizioni della convenzione.

https://www.ancnazionale.it/area-riservata/convenzione-car-net-soluzioni-noleggio-a-lungo-termine/

 

Alla Cassazione l’ultima parola in tema di terzo mandato.


Lo scorso 28 dicembre è stato presentato ricorso innanzi alla Suprema Corte di Cassazione per riformare la decisione emessa dal CNDCEC in tema di terzo mandato e depositata lo scorso 27 novembre. Il massimo organo di Categoria, infatti, rispondendo al reclamo elettorale presentato dai candidati della Lista Facciamo ORDINE, Antonio Carboni e Francesco Vallefuoco, avverso la delibera dell’ODCEC di Napoli Nord di ammissione della lista “ODCEC 2.0” e del suo candidato Presidente, ha ritenuto d’improvviso non più “attuale” il proprio orientamento, esprimendosi per l’ammissibilità della ricandidatura di chi, avendo interrotto anticipatamente il secondo mandato consecutivo con dimissioni volontarie, si è ripresentato nell’attuale procedura elettorale.

Le motivazioni alla base del ricorso sono state spiegate dai due Professionisti in una lettera aperta indirizzata ai candidati della lista antagonista, alla luce di affermazioni formulate da quest’ultimi in un messaggio agli Iscritti. Per una corretta informativa si riporta il ricorso notificato ai candidati della Lista ODCEC 2.0 e la lettera ai candidati della Lista “Odcec 2.0”.

Leggi il ricorso in Cassazione contro la decisione del CNDCEC

Leggi la Lettera aperta ai candidati della Lista ODCEC 2.0

 

My Solution: circolare monografica gratuita agli associati per quattro mesi.


Si informano i Colleghi che, grazie ad un accordo sottoscritto tra ANC Napoli Nord, ADC Napoli Nord e UNICO Napoli Nord con l’agente di zona di My Solution, viene offerta la possibilità di utilizzare in via sperimentale e gratuitamente, per un periodo di prova di 4 mesi, la Circolare Monografica My Solution, senza alcun vincolo di acquisto successivo.

La circolare monografica è un documento operativo che analizza in maniera approfondita l'argomento principale della giornata e, pertanto, può essere in questo particolare momento di emergenza un ulteriore strumento operativo a disposizione dei professionisti.

Per usufruire di tale iniziativa è necessario compilare il FORM cliccando nel link sottostante.

https://partnerup3438.activehosted.com/f/207

Dopo aver inserito ed inviato i dati si riceverà un messaggio di posta elettronica che confermerà l’adesione al servizio gratuito.

 

 

E-LEARNING CNDCEC

 

Revisione Legale 2020

20 video lezioni realizzate dal CNDCEC disponibili fino al 31 dicembre 2021.


Dirigenti di categoria

20 video lezioni realizzate dal CNDCEC disponibili fino al 31 dicembre 2021.


Lotta alle frodi comunitarie

12 video lezioni realizzate dal CNDCEC disponibili fino al 31 dicembre 2021.


Antiriciclaggio 2019

7 video lezioni realizzate dal CNDCEC disponibili fino al 31 dicembre 2021.


Privacy 2019

6 video lezioni realizzate dal CNDCEC disponibili fino al 31 dicembre 2021.

Osservatorio professionale


Focus societario


Inammissibilità della nomina dell’amministratore giudiziario per società di persone.


Pur in presenza di adeguato fumus quanto alla violazione da parte dell’amministratore unico di società semplice degli specifici doveri di trasparenza e rendicontazione connessi alla carica (nella fattispecie, mancata redazione o redazione non conforme dei rendiconti e della relativa nota integrativa ai sensi degli artt. 2261-2262 c.c. e omessa convocazione dei soci in assemblea per l’approvazione dei medesimi) è esclusa l’ammissibilità della nomina dell’amministratore giudiziario per le società di persone, essendo ritenuta incompatibile – dato il diverso e più stringente regime di responsabilità patrimoniale rispetto alle società di capitali – l’individuazione dell’organo amministrativo, agli esiti della cui attività i soci sono patrimonialmente soggetti, da parte del Tribunale con provvedimento atipico non corrispondente ad alcuna pronuncia di merito adottabile in via contenziosa e come tale privo di ogni nesso di strumentalità rispetto all’azione di merito, dovendo dunque assumere la revoca i connotati dell’extrema ratio rispetto a qualsiasi altro provvedimento provvisorio in grado di assicurare il ripristino di una gestione sociale corretta e che tenga conto pienamente dei diritti del socio di minoranza. Tribunale di Milano, sezione specializzata in materia di Impresa sez. b R.G. 9977/2020

 

 

Focus tributario


Integrabile la dichiarazione dei redditi mancante di qualsiasi dato ad eccezione delle generalità del contribuente.  


“L’omessa indicazione dei dati necessari per la determinazione dell’imponibile non preclude la giuridica esistenza della dichiarazione e quindi l’ammissibilità di una dichiarazione integrativa volta a correggere l’omissione (nel caso di specie riguardante esclusivamente l’esistenza di un credito al rimborso)”.

Questo il principio di diritto ribadito con ordinanza 1879 del 28.01.2021 dalla Sezione Tributaria della Cassazione in relazione ad una controversia sorta tra l’Agenzia delle Entrate ed una società di intermediazione finanziaria. Nei fatti la C.T.R. Lombardia, sezione staccata di Brescia, riformando la sentenza della C.T.P. Brescia, accoglieva il ricorso proposto da una società di intermediazione finanziaria, volto ad ottenere un rimborso di un credito Ires, cedutole da una procedura fallimentare e negato dall’Ufficio sul presupposto della mancata presentazione della dichiarazione dei redditi da parte del curatore. Ricorrendo in Cassazione l’Agenzia lamentava come la C.T.R. avesse errato nel ritenere valida la dichiarazione integrativa pur a fronte di una dichiarazione originaria mancante di qualsiasi dato, ad eccezione delle generalità del contribuente; secondo le convinzioni dell’Ufficio infatti la dichiarazione originaria avrebbe dovuto considerarsi del tutto inesistente e non integrabile mediante una dichiarazione successiva.

Come ricordato dai Giudici di Legittimità l’art. 1 d.P.R. n. 600/1973 prescrive che la dichiarazione sul reddito debba contenere l’indicazione degli elementi attivi e passivi necessari per la determinazione degli imponibili e che «i redditi per i quali manca tale indicazione si considerano non dichiarati ai fini dell’accertamento e delle sanzioni», mentre il successivo art. 4 aggiunge che la dichiarazione «deve indicare i dati e gli elementi necessari per l’individuazione del contribuente e di almeno un rappresentante, per la determinazione dei redditi e delle imposte dovute, nonché per l’effettuazione dei controlli e gli altri elementi, esclusi quelli che l’Amministrazione finanziaria è in grado di acquisire direttamente, richiesti nel modello di dichiarazione di cui all’articolo 8, primo comma, primo periodo».

La Corte, respinto il ricorso dell’Ufficio, ha dunque affermato come il suindicato panorama normativo di riferimento non autorizzi a sostenere che una dichiarazione dei redditi, comunque presentata ma contenente solo i dati necessari per l’individuazione del contribuente, senza alcuna indicazione riguardo agli elementi attivi e passivi necessari per la determinazione dell’imponibile, debba essere considerata omessa (potendo tale giudizio essere riservato solo alle ipotesi più radicali, quali l’assoluta inesistenza del documento o la mancata trasmissione). Infatti nelle parole dei Giudici il tenore letterale della norma (art. 1) consente di reputare esistente e di conseguenza integrabile la dichiarazione pur se priva dei dati necessari per la ricostruzione del reddito, laddove contempla che i redditi non indicati si considerano non dichiarati e come, soprattutto, tale evenienza ben possa verificarsi non solo relativamente all’omessa indicazione di alcuni redditi, ma anche in relazione a tutti i redditi percepiti dal soggetto.

 

 

Focus Enti Locali


Sose: on line il nuovo Questionario per i fabbisogni standard di Comuni e Unioni di Comuni.


Disponibile il nuovo Questionario per i fabbisogni standard di Comuni e Unioni di Comuni. Il nuovo Questionario unico “FC60U”, riferito all’anno 2019, è finalizzato all’aggiornamento dei dati rilevanti per la determinazione dei fabbisogni standard, definiti nel D.lgs. 216/2010.

Il Decreto disciplina la determinazione del fabbisogno standard per Comuni e Province, per assicurare il superamento del criterio della spesa storica. Per la compilazione è necessario accedere al Portale OpenCivitas (all’indirizzo http://www.opencivitas.it), entrare nella Sezione “Compila il Questionario” e cliccare su “Compila il Questionario ‘FC60U’ relativo all’annualità 2019 utile alla determinazione dei fabbisogni standard dei Comuni, Unioni dei Comuni e Comunità montane delle Regioni a Statuto ordinario e per i Comuni e Unioni di Comuni della Sicilia”, utilizzando le credenziali di accesso già in possesso degli Enti Locali.

Il Questionario per l’aggiornamento dei fabbisogni standard si divide in 2 Moduli, uno relativo a dati strutturali e uno relativo al personale ed a dati contabili. Il primo Modulo (“Dati strutturali”) raccoglie le informazioni in merito alle caratteristiche dell’Ente e del territorio, nonché alle risorse a disposizione per la produzione dei servizi svolti per le funzioni di “Istruzione pubblica”, “Settore sociale e Asili nido”, “Amministrazione, gestione e controllo” (Ufficio “Tecnico”), “Polizia locale, “Viabilità e Trasporti”, “Gestione del territorio e dell’ambiente”. Il secondo Modulo (“Dati relativi al personale e dati contabili”) raccoglie le informazioni riguardanti le consistenze e le spese del personale addetto a ciascun Servizio e riguardanti le entrate (accertamenti) e le spese (impegni) correnti per ogni Servizio. Il Questionario deve essere compilato in ogni sua parte sia per le informazioni di natura contabile, sia per quelle di tipo strutturale, entro il 30.04.2021, ossia 60 giorni dalla pubblicazione in G.U. del Decreto Mef n. RR33 del 9.02.2021 del Ragioniere generale dello Stato (G.U. n. 51 del 1° marzo 2021).

 

Estrazione revisori Enti Locali


Si ricorda che è operativo sul portale del Dipartimento per la funzione pubblica una funzione di ricerca che agevolmente consente di visualizzare le ultime estrazioni effettuate presso le prefetture delle province della Regione per l’esercizio della funzione di revisore dell’Ente locale.

Consulta le estrazioni più recentiCollegati al sito

 

 

SPECIALE CORONAVIRUS


Si informa che l’ODCEC di Milano ha attivato sul proprio sito web una sezione speciale dedicata all'emergenza COVID-19 dove sarà possibile reperire informazioni, ma anche indicazioni operative utili per tutti i colleghi in questo difficile momento.Leggi speciale-coronavirus

 

Confprofessioni - Linee guida test sierologici


Pubblicate da Confprofessioni specifiche linee guida sui test sierologici. Leggi le linee guida

 

CNPR: le iniziative a sostegno degli Iscritti.


Si riporta di seguito il link alle iniziative intraprese dalla cassa presieduta da Luigi Pagliuca, per venire incontro alle esigenze degli Iscritti.

I servizi attivati da CNPR

 

Confprofessioni – Misure a favore degli studi professionali


Trasmettiamo l’informativa di Confprofessioni che descrive le iniziative a supporto degli Iscritti e dei loro dipendenti.

Leggi l’informativa

 

Emergenza COVID-19. Raccolta circolari e decreti utili.


Normativa nazionale: provvedimenti emessi dal Governo.


Sul portale del Governo è disponibile l’archivio dei provvedimenti attualmente vigenti, approvati dal Governo in seguito all'emergenza sanitaria internazionale. Si possono consultare direttamente cliccando qui, oppure collegandosi alla sezione specifica sul portale, digitando il seguente link:

http://www.governo.it/it/approfondimento/coronavirus-la-normativa/14252

 

 

Ordinanze emesse dal Presidente della Regione Campania


Sul portale della Regione Campania è riportato l’archivio di tutte le ordinanze emesse dal Presidente De Luca nel periodo emergenziale. È possibile scaricare le ordinanze cliccando qui

 

NOTIZIE DALL’AGENZIA DELLE ENTRATE


Risposte alle istanze di consulenza giuridica Consulta la sezione

Risposta n. 2 del 9/02/2021

Art. 1, c. 545-bis, della legge 232/2016. Attività di spettacolo viaggiante e parchi di divertimento

 

Principi di diritto Consulta la Sezione

Principio di diritto n. 4 del 9/02/2021

Concordato preventivo in continuità con assuntore e liberazione del debitore - Successivo fallimento dell'assuntore - Limiti all'emissione delle note di variazione

Principio di diritto n. 3 del 9/02/2021

Articolo 124 Decreto Rilancio - Aspiratori ad uso odontoiatrico

Principio di diritto n. 2 del 9/02/2021

Articolo 124 Decreto Rilancio - Tomografo computerizzato ad uso odontoiatrico

Principio di diritto n. 1 del 11/01/2021

Articolo 26 del d.P.R. 26 ottobre 1972, n.633 - Limiti all'emissione della nota di variazione

 

Le ultime risposte agli interpelli Consulta la sezione

Risposta n. 158 del 5/03/2021

Articolo 1, commi 679 e 680 della legge di bilancio 2020 - Trasmissione delle spese sanitarie al Sistema TS - pdf

Risposta n. 157 del 5/03/2021

Articolo 1, commi 98-108, della legge n. 208 del 2015 (bonus sud) e articolo 1, comma 185, della legge 27 dicembre 2019 , n. 160 (credito d'imposta investimenti 4.0) - Regole di cumulo - pdf

Risposta n. 156 del 5/03/2021

Articolo 83 del TUIR di cui al d.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 - Imputazione temporale del componente reddituale negativo da cd. "differenza da recesso" - pdf

Risposta n. 155 del 5/03/2021

Articolo 173 del TUIR di cui al d.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 - Valutazione anti-abuso scissione parziale non proporzionale - pdf

Risposta n. 154 del 5/03/2021

Articolo 1, commi 219-223, della legge n. 160 del 2019 - Bonus facciate - pdf

Risposta n. 153 del 5/03/2021

Articolo 1, commi da 37 a 45, della Legge 23 dicembre 2014, n. 190 - Patent box - pdf

Risposta n. 152 del 5/03/2021

Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Cessione diritto di superficie - Articolo 2, comma 1 del d.P.R. n. 633 del 1972 - pdf

Risposta n. 151 del 4/03/2021

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Aliquota IVA applicabile alla cessione di gnocchi non farciti, contenenti una minima percentuale di speck - pdf

Risposta n. 150 del 4/03/2021

Detrazione Iva beni donati nell'ambito della gestione del covid-19 (DL "Cura Italia") - pdf

Risposta n. 149 del 4/03/2021

Trattamento fiscale ai fini IVA e ai fini dell'imposta di registro della cessione di elementi patrimoniali - pdf

Risposta n. 148 del 4/03/2021

Utilizzo Plafond Iva da parte di soggetti passivi non stabiliti - pdf

Risposta n. 147 del 3/03/2021

Disciplina IVA dei buoni corrispettivo - pdf

Risposta n. 146 del 3/03/2021

Istanza di interpello articolo 11, comma 1, lett.a), legge 27 luglio 2000,n. 212 - Regime IVA della fornitura di terminali di gioco - pdf

Risposta n. 145 del 3/03/2021

Somme erogate in adempimento degli impegni assunti in forza di sopravvenuto accordo transattivo - IVA - Articolo 3 del d.P.R. 26 ottobre1972, n. 633 - pdf

Risposta n. 144 del 3/03/2021

Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Applicazione dell'aliquota IVA agevolata con riferimento a interventi relativi alla pubblica illuminazione - pdf

Risposta n. 143 del 3/03/2021

Gruppo IVA - Rapporti casa madre e stabile organizzazione - Articolo 70-quinquies, comma 4 quinquies, del d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 - pdf

Risposta n. 142 del 3/03/2021

Aliquota IVA applicabile alla fornitura di energia elettrica per il funzionamento delle parti comuni di condomini composti esclusivamente da unità immobiliari residenziali - pdf

Risposta n. 141 del 3/03/2021

Cessioni dei beni intracomunitarie, prova del trasporto o della spedizione del bene: articolo 45-bis del Regolamento UE di esecuzione n. 282/2011 - pdf

Risposta n. 140 del 3/03/2021

Interpello articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Legge 29 ottobre 1961, n. 1216 - pdf

Risposta n. 139 del 3/03/2021

Regime fiscale applicabile ai compensi relativi alla cessione dei diritti di immagine, connessi alla prestazione artistica svolta in Italia, da parte di artista residente in Spagna - Articolo 54, comma 1-quater, del Tuir e articolo 17 della Convenzione internazionale Italia-Spagna - pdf

Risposta n. 138 del 3/03/2021

E' possibile riconoscere ai dipendenti, in sede di conguaglio, ai sensi dell'articolo 23, comma 3, del d.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, la detrazione d'imposta del 30 per cento prevista per le erogazioni liberali dall'articolo 66 del decreto Cura Italia - pdf

Risposta n. 137 del 2/03/2021

Regime fiscale applicabile alle prestazioni integrative erogate in forma di rendita da un fondo previdenziale tedesco in favore di un soggettoresidente in Italia - Articolo 51 del Tuir - pdf

Risposta n. 136 del 2/03/2021

Disciplina del regime agevolativo previsto dall'articolo 16 del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 147, a favore dei lavoratori che trasferiscono la propria residenza fiscale in Italia - Contribuenti che rientrano a seguito di distacco all'estero - pdf

Risposta n. 135 del 2/03/2021

Applicazione ritenuta su dividendi corrisposti alla controllante Svizzera - pdf

Risposta n. 134 del 2/03/2021

Trattamento ai fini IVA degli accrediti/addebiti tra "ALFA" e le imprese di trasporto interconnesse: fuori campo IVA - Articolo 2 e 3 del decreto Presidente della Repubblica n. 633 del 1972 - pdf

Risposta n. 133 del 2/03/2021

Utilizzo in compensazione di crediti d'imposta originati da cd. "detrazioni Sismabonus" e "Risparmio Energetico", trasferiti al Consolidato Fiscale del Gruppo - Articoli 14 e 16 del Decreto Legge n. 63 del 2013 - pdf

Risposta n. 132 del 2/03/2021

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Legge n. 130 del 1999 - Società di cartolarizzazione dei proventi da gestione immobiliare - IVA - IRES -IRAP - Imposte ipotecaria e catastale - pdf

Risposta n. 131 del 2/03/2021

Trattamento ai fini IVA del trasferimento di quote di emissione nell'ambito di un contratto di tolling relativo alla produzione di energia - pdf

Risposta n. 130 del 2/03/2021

IVA - Articolo 3, comma 1 del d.P.R. n. 633 del 1972 (obbligo di fare o di non fare) o Articolo 10, comma 1, n. 4 del d.P.R. n. 633 del 1972 (operazioni relative ad azioni, obbligazioni o altri titoli non rappresentativi di merci e a quote sociali) - pdf

Risposta n. 129 del 2/03/2021

Riparto delle posizioni soggettive fiscali in caso di scissione societaria - Articolo 173, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 - pdf

Risposta n. 128 del 2/03/2021

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Aliquota IVA ecografo portatile per uso veterinario - pdf

 

Le ultime circolari Consulta la sezione

Circolare n. 2 del 10/02/2021

Primi chiarimenti in tema di meccanismi transfrontalieri soggetti all’obbligo di comunicazione - decreto legislativo del 30 luglio 2020, n. 100 (recepimento Direttiva “DAC 6”)

 

Ultimi Provvedimenti del Direttore Consulta la sezione

Provvedimento del 03/03/2021

Modalità di esercizio dell’opzione ai fini della proroga del regime previsto per i lavoratori impatriati, di cui all’articolo 5, comma 2-bis, del decreto-legge del 30 aprile 2019, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 giugno 2019, n. 58, come modificato dall’articolo 1, comma 50, della legge 30 dicembre 2020, n. 178, da parte dei lavoratori dipendenti e dei lavoratori autonomi - pdf - (Pubblicato il 03/03/2021)

 

Le ultime risoluzioniConsulta la sezione

Risoluzione n. 16 del 3/03/2021

Attribuzione del codice M432, nell’Archivio Comuni e Stati Esteri, per il nuovo Comune di Misiliscemi, in Provincia di Trapani, istituito mediante scorporo dal comune di Trapani delle frazioni Fontanasalsa, Guarrato, Rilievo, Locogrande, Marausa, Palma, Salinagrande e Pietretagliate - pdf

Risoluzione n. 15 del 2/03/2021

Credito di imposta ex articolo. 4 comma 1 del Decreto Legge 30 dicembre 1997, n. 457 – requisito della stabile organizzazione nel territorio dello Stato - pdf

 

 

 

NOTIZIE DALL’INPS


Circolare n. 38 del 24/2/2021

Ambito di applicazione del regime previdenziale di cui alla legge n. 250/1958. Soci di società della pesca non costituite in forma di cooperative. Chiarimenti

Gli ulteriori messaggi e circolari INPS sono prelevabili cliccando qui, o collegandosi alla sezione specifica sul portale, digitando il seguente link: https://www.inps.it/Search122/Circolari.aspx

 

 

 

Altre informazioni utili


ANC: onorari consigliati per l’anno 2020

 

 

Si ricorda che sul portale ANC è disponibile per la pubblica consultazione il prontuario “onorari consigliati per l’anno 2020”, predisposto da ANC in collaborazione con ANC Livorno. Il prontuario contiene anche un’apposita sezione “Covid 19” dove sono stati valorizzati i compensi legati alle principali pratiche svolte alla clientela nel periodo emergenziale.

Un ringraziamento al collega Carlo Fabri che ha fornito un fattivo contributo alla redazione del documento. Nel merito si segnala altresì l’articolo pubblicato sulla testata Eutekne.info con un intervento del Presidente ANC. Scarica il prontuario "Onorari consigliati 2020"

 

 

Contributo d'iscrizione 2021 all'Associazione Nazionale Commercialisti Napoli Nord

 

 

Il Consiglio direttivo della sezione Napoli Nord dell’Associazione Nazionale Commercialisti ha determinato il contributo d'iscrizione annuale per l’anno 2021 in euro 60,00. Di tale importo si precisa che circa il 40% viene riversato dall’associazione locale all’ANC Nazionale.

Il contributo sarà utilissimo per finanziare tutte le attività sindacali che la nostra associazione sta portando avanti sul territorio e le altre che sono in programmazione, oltre che per accedere a tutte le convenzioni operative, a ricevere la rassegna stampa quotidiana, ad essere aggiornati settimanalmente con la newsletter, e a poter avere accesso ai percorsi formativi che l’associazione organizzerà, anche a quelli e-learning.

Il versamento della quota può essere effettuato con bonifico da appoggiare sul c/c bancario UNICREDIT intestato ad “Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord” - IBAN: IT52D0200874791000103632305 – specificando nominativo, ordine di appartenenza e matricola, codice fiscale. Le coordinate per il pagamento della quota d’iscrizione, assieme al modulo di adesione, saranno a breve anche compilabili sul portale internet all’indirizzo: www.ancnapolinord.it.

 

Per segnalare articoli e documenti di interesse comune è possibile inviare un messaggio con i propri riferimenti personali all’indirizzo:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Per chiedere informazioni generali:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


 

 

 

 

Associazione Nazionale Commercialisti  Napoli Nord

 

Consiglio direttivo

Presidente

Antonio Carboni

Vicepresidenti

Mauro Galluccio

Enza Pisano

Segretario

Marco Idolo

Tesoriere

Giuliana Di Caprio

Consiglieri

Filippo Cacciapuoti

Carlo D'Abbrunzo

Giovanni Granata

Salvatore Iorio

Nicola Padricelli

Vincenzo Panico

Pasquale Ristorato

Collegio dei revisori

Luigi Apicella

Corrado Civile

Felice Tranchese