TX Nefario - шаблон joomla Форекс
logoanc nanord  
 

 

 

 
     

     

Gentile Collega,

Ti trasmettiamo il numero 11 -2021 della nostra newsletter, nata su impulso del Consiglio direttivo, sperando di fare cosa gradita. Nell’augurarti una buona lettura, Ti ricordiamo potrai seguire le nostre attività consultando i nostri canali digitali: il nostro portale internet, dove potrai trovare tutti i riferimenti per effettuare o rinnovare l'iscrizione, che ti consentirà di accedere a tutti i nostri servizi associativi; il nostro profilo Facebook, ed il canale pubblico Telegram, liberamente consultabile e raggiungibile con o senza iscrizione al seguente indirizzo https://t.me/ancnapolinord.

Informativa ANC Napoli Nord n° 11-2021 – 13 marzo 2021

A cura del Consiglio direttivo ANC Napoli Nord. Hanno collaborato a questo numero:

Antonio Carboni, Mauro Galluccio, Giovanni Granata, Marco Idolo, Pasquale Ristorato.

 

 

IN PRIMO PIANO


#OTTOMARZOTUTTOLANNO. Il nostro impegno in favore delle Colleghe


La nostra Associazione promuoverà per tutto il 2021 il progetto OTTOMARZO. In un momento in cui nella nostra categoria si dibatte sulle quote di genere esclusivamente in un’ottica elettorale si è ritenuto opportuno tornare ad accendere i riflettori sul tema dell’applicazione della parità di genere nei ruoli apicali delle società. I dati sull’occupazione femminile confermano la necessità di avviare azioni di monitoraggio sul concreto rispetto della Legge sull’equilibrio di genere nel nostro circondario. A tal fine abbiamo predisposto un semplicefac-simile di comunicazioneche chiediamo alle Colleghe ed ai Colleghi di utilizzare per segnalare quei casi in cui la parità di genere nella composizione degli organi di amministrazione e di controllo delle società quotate o delle società partecipate da Enti pubblici appare essere disattesa.

La nostra Associazione si impegna, nel caso esistano i presupposti, a sensibilizzare le società al rispetto della normativa, ovvero ad effettuare la comunicazione agli uffici ministeriali preposti alla verifica delle eventuali irregolarità, così da intimarne la rimozione, se effettivamente esistenti.

Periodicamente riferiremo sugli esiti delle attività svolte.

Leggi la comunicazione alle Colleghe e ai Colleghi

Link al facsimile di segnalazione

 

 

Rinvio del termine per la conservazione sostitutiva fatture elettroniche e per la trasmissione telematica e consegna della Certificazione Unica


Dopo la protesta delle sigle sindacali, emersa con i due comunicati stampa dei giorni 8 e 10 marzo (vedi notizia sotto), il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha reso noto (con il comunicato stampa n°49 del 13/03/2021) che nel decreto ‘Sostegni’ attualmente in corso di redazione verrà prevista la proroga dei termini per la conservazione delle fatture elettroniche relative al 2019 e di quelli per la trasmissione telematica e la consegna della ‘Certificazione Unica’.

Si ricorda infine che l’Agenzia delle Entrate, dopo le prime proteste arrivate da parte dei sindacati,con provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate, ha prorogato il termine per aderire al servizio di "Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici" dal 28 febbraio al 30 giugno 2021.

Comunicato stampa MEF 49 del 13.03.2021

 

 

Comunicato stampa congiunto ANC-SIC-UNAGRACO- UNICO


Con un comunicato stampa dello scorso 10 marzo, le sigle sindacali ANC, SIC, Unagraco ed UNICO, hanno evidenziato l’ennesimo disservizio del portale dell’agenzia delle entrate “Fatture e Corrispettivi” che ha messo in seria difficoltà migliaia di Consulenti impegnati con l’immotivato adempimento della conservazione delle fatture elettroniche dell’anno d’imposta 2019.

Sono state numerosissime le segnalazioni giunte del malfunzionamento del portale soggetto a continui blocchi, che sembrerebbero dovuti ad aggiornamenti in corso, rendendo oltremodo difficoltoso il caricamento in conservazione sostitutiva delle fatture. I sindacati hanno denunciato la farraginosità di una procedura che può dover comportare il caricamento manuale delle fatture con limiti agli invii giornalieri e al numero di documenti, i quali comunque sono già in possesso dell’Agenzia delle Entrate, ed hanno chiesto con urgenza un provvedimento di proroga che spostasse, così come avvenuto per il servizio di consultazione fatture elettroniche, il termine di oggi, senza dover costringere i professionisti e le imprese ad una corsa contro il tempo per riuscire a rispettare la scadenza. Non solo le richieste delle Associazioni di categoria per il rinvio dell’adempimento sono rimaste inascoltate ma l’Amministrazione Finanziaria non si cura neppure di assicurare il regolare funzionamento delle procedure, in mancanza del quale evidentemente i contribuenti non sono messi nella condizione di poter adempiere alla scadenza, ma probabilmente questo aspetto per l’Amministrazione Finanziaria ha poca importanza.

Cs Congiunto 10.03.2021 – Disservizi portale AE

 

 

ACI - Servizi digitali PRA in emergenza COVID


Per i casi previsti, Avvocati, Curatori fallimentari e agli altri soggetti titolati possono richiedere agli Uffici PRA -via PEC -alcune operazioni che rivestono particolare carattere di indifferibilità e urgenza, allegando la relativa documentazione a supporto in formato PDF nonché la ricevuta del pagamento effettuato con PagoPA secondo le modalità di seguito indicate.

Possono essere richieste, esclusivamente mediante PEC inviata all’Ufficio del PRA della propria Provincia, iscrizioni e cancellazioni di pignoramenti, fallimenti/procedure concorsuali e di sequestri su istanza di parte (es. sequestri conservativi), trascrizioni e cancellazioni di domande giudiziali, iscrizioni di ipoteche giudiziali, trascrizione decreto di liquidazione da sovra indebitamento (L. n.3/2012), trascrizione passaggio di proprietà sulla base di provvedimento d’urgenza ex art.700 cpc, trascrizione trasferimento di proprietà a tutela del venditore solo se basato su provvedimento giudiziario, sospensione pignoramento, trascrizione dell’estratto della sentenza di fallimento e delle altre procedure concorsuali.

Gli indirizzi PEC del PRA sono reperibili sul sito ACI, alla pagina http://www.aci.it/laci/altri-contatti/ricerca-uffici-aci/lista-uffici-aci.html?no_cache=1 selezionando l’Ufficio PRA della Provincia di interesse.

Consulta la nota

 

 

Cassetto previdenziale aziende: nuovo Servizio “Evidenze”


L'INPS, con il Messaggio numero 1028 dell’11-03-2021, ha reso noto il rilascio del "Servizio Evidenze per aziende e intermediari", nell'ambito del progetto "Co-partecipazione degli intermediari nella generazione di valore pubblico".

Si tratta di un servizio interattivo, per le aziende e gli intermediari abilitati, per la consultazione e gestione delle evidenze aziendali di propria competenza, sulla base di strumenti di gestione simili a quelli utilizzati dal personale dell'Istituto.

Nello specifico, la funzionalità "Evidenze", inserita all'interno del "Nuovo cassetto previdenziale del contribuente" è stata integrata con il modulo Evidenze 2.0.

 

 

Guida previdenziale CNPADC aggiornata


Si informa che la Cassa Nazionale Previdenza e Assistenza Dottori Commercialisti ha pubblicato la Guida Previdenziale aggiornata a gennaio 2021. Il documento può essere consultato visitando il seguente link: Guida Previdenziale v19 quater (cnpadc.it)

 

 

 

Documento in pubblica consultazione


Il Consiglio Nazionale ha approvato preliminarmente il documento “Linee Guida per la valutazione del rischio, adeguata verifica della clientela, conservazione dei documenti, dei dati e delle informazioni ai sensi del d.lgs. 231/2007 (come modificato dal d.lgs. 4 ottobre 2019, n. 125 e dal d.l. 16 luglio 2020, n. 76)”. Il documentoè in pubblica consultazione. Eventuali osservazioni possono essere inviate entro il 15 aprile 2021 al seguente indirizzo e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo." target="_blank">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

 

Elaborato di servizio dell’ISS sull’impatto sanitario degli smaltimenti controllati ed abusivi di rifiuti nei 38 comuni del circondario di Napoli Nord


Si informa che è stato pubblicato lo scorso 10 febbraio lo studio epidemiologico e sanitario, commissionato dalla Procura della Repubblica di Napoli Nord e realizzato dall’Istituto Superiore di Sanità, finalizzato allo scambio di dati e di informazioni derivanti dalla sorveglianza epidemiologica della popolazione residente nel Circondario di Napoli Nord, con riferimento agli eccessi della mortalità e dell’incidenza tumorale. Il Rapporto è di particolare importanza in quanto in esso si riconosce, per la prima volta, “un possibile ruolo causale e/o concausale dei siti di rifiuti, in particolare quelli incontrollati e illegali di rifiuti pericolosi, nell’insorgenza di queste malattie”. È la conferma, da parte di indiscusse autorità, di quanto sinora percepito dalla popolazione.

Consulta l'elaborato dell'ISS

 

 

Pronti per il RUNTS?


Il 2021 sarà un anno memorabile per le associazioni non profit e fondazioni che dovranno scegliere, se rimanere disciplinate nel libro primo del codice civile o transitare nel Runts. Chi opterà per entrare fra gli Enti del Terzo settore dovrà provvedere alle modifiche statutarie ma ciò porterà anche rilevanti novità in tema di amministrazione ed assemblee. A livello fiscale, la scelta Ets farà si che l’ente sia sottoposto ai nuovi regimi introdotti dal codice del terzo settore. Gli enti del terzo settore, inoltre a partire dal 2021 dovranno redigere rendiconti di cassa o bilanci secondo i nuovi schemi predisposti dal Ministero del lavoro. Ovviamente la scelta fra entrare o meno del Runts sarà condizionata da molteplici fattori, che ogni ente dovrà effettuare in relazione ad una serie di valutazioni di compatibilità civilistica, finanziaria, contabile fiscale. La nostra associazione si sta attivando per fornire indicazioni e strumenti ai Colleghi in questo momento di transizione. Per chi fosse interessato potrà inviare una mail all’indirizzo della segreteria: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Contanti oltre i 10mila euro al mese, entro lunedì 15 marzo la comunicazione dei dati


Scade lunedì 15 marzo il termine entro il quale devono essere trasmessi all’Unità di informazione finanziaria (Uif) da parte di banche, istituti di pagamento e di moneta elettronica e Poste Italiane i dati relativi ai movimenti in contanti pari o superiori ai 10.000 euro al mese effettuati dai propri clienti relativamente al mese di febbraio.

L’obbligo è stato introdotto mediante la modifica del D.Lgs. 21 novembre 2007, n. 231 (“decreto antiriciclaggio”), ed è disciplinato dal Provvedimento dell’Uif del 28 marzo 2019.

Tale provvedimento prevede l’obbligo di inviare mensilmente una comunicazione, entro il quindicesimo giorno del secondo mese successivo a quello di riferimento, contenente i dati relativi a ogni movimentazione di denaro contante di importo pari o superiore a 10.000 euro eseguita nel corso del mese solare a valere su rapporti ovvero mediante operazioni occasionali, anche se realizzata attraverso più operazioni singolarmente pari o superiori a 1.000 euro.

 

 

Al via la vidimazione digitale per i formulari rifiuti


Dal giorno 8 marzo 2021 è possibile la vidimazione digitale del formulario di identificazione dei rifiuti. Accedendo a Vivifir-Scrivania telematica Vidimazione Virtuale Formulariosi potrà procedere ad una vidimazione virtuale del formulario necessario al trasporto rifiuti messo a disposizione da Ecocamere. Sostanzialmente si autoproduce virtualmente il formulario vidimato.  Il formulario sarà conforme al Dm 145/1998.

L’accesso al servizio è effettuato da un utente (persona fisica) che si autentica mediante identità digitale (CNS, SPID, CIE) e indica l’impresa o l’ente per conto della quale intende operare.

Nel caso di impresa il sistema Vi.Vi.Fir verifica mediante interoperabilità con il Registro delle Imprese, che la persona abbia titolo a rappresentare l’impresa; nel caso di ente viene inviata una richiesta di conferma della delega all’indirizzo istituzionale presente in Indice PA.

Con il nuovo ed innovativo sistema si eliminano i costi per l’acquisto dei moduli cartacei e si evitano file e spostamenti presso gli sportelli della Camera di commercio o degli uffici regionali e provinciali competenti per i rifiuti. L’innovazione non riguarda i registri di carico e scarico.

Il Vivifir costituisce la prima digitalizzazione della tracciabilità dei rifiuti. Le imprese potranno comunque continuare ad utilizzare la procedura cartacea.

 

 

Lavoro autonomo e divario di genere: i dati pubblicati dal Sole24Ore


In tema di divario di genere si segnalano i risultati a cui è giunta una recente indagine condotta dal Sole240re sui dati reddituali degli iscritti alle principali Casse professionali. Lo studio, analizzando le entrate dichiarate dalle varie categorie nell’evoluzione tra il 2010 e il 2019, ha rilevato che negli ultimi dieci anni il divario tra i redditi tra i due generi si è attenuato: nel 2010 in media valeva il 40%, ovvero se un uomo poteva contare in media su 43 mila euro di reddito annuo, la sua collega non arrivava a 26mila. Nel 2019 si è registrato un lieve incremento medio del reddito femminile, mentre nello stesso periodo la crisi per gli uomini ha mandato in fumo più di 2.600 euro di reddito medio (-6%). Le donne, dal canto loro, seppure hanno recuperato il 2%, comunque si sono posizionate appena sopra i 26mila euro di reddito medio. Da qui l’“illusione ottica” di un progresso femminile, che a ben guardare è davvero poca cosa. Le prime a fare le spese del maggior divario di reddito sono le avvocate, peraltro diventate maggioranza nella professione, che dopo un decennio continuano a guadagnare meno della metà rispetto ai colleghi uomini. Male anche le cose non vanno meglio per le iscritte agli Albi dei commercialisti e degli ingegneri (entrambe distanti 45 punti percentuali dai redditi dei Colleghi). Da considerare che i dati analizzati sono ante pandemia. La pandemia, i vari lockdown, la didattica a distanza e lo smartworking hanno colpito più duro sulla metà della popolazione: quella che partiva già svantaggiata. Le donne, appunto. Unica categoria che ha capovolto il gap è la categoria delle biologhe, ma questo è soprattutto dovuto alla tumultuosa femminilizzazione (+49%).

 

 

Professionisti disonesti nel mirino Ocse


L’Ocse mette nel mirino i professionisti fiscali disonesti. L’organizzazione parigina ha messo a punto le strategie da utilizzare contro chi usa le proprie competenze per frodare il fisco. Scopo della misura è scoraggiare e perseguire il ristretto gruppo di infedeli, intermediari fiscali che facilitano l’evasione.

Costituiscono una minoranza ma minano il lavoro di un’intera categoria di professionisti.

Per alcuni paesi, il concetto di «facilitatore professionale» può essere ristretto e concentrarsi sulla condotta più intenzionale; mentre altri hanno una visione più ampia e includono coloro che sanno o hanno ragione di sapere che i loro servizi vengono utilizzati in modo improprio. Fondamentale mantenere la differenza tra chi facilita reati o si adopera in una pianificazione fiscale aggressiva. Questo report mira a colpire solo chi concepisce strategie chiaramente illegali e proibite. L’uso delle aree grigie della legge, sebbene suscettibile a critiche, spiega l’Ocse, è legale fintante che non è vietato dal diritto penale. L’Organizzazione parigina infatti affronta il problema della pianificazione fiscale attraverso un altro strumento, il progetto contro l’erosione della base imponibile e il trasferimento dei profitti (Beps). Il nuovo report si intitola Ending abusive financial framework: cracking down the intermediaries who promote tax crimes and white-collar crime. È stato prodotto dalla Task force dell’Ocse sui crimini fiscali utilizzando pratiche ed esperienze raccolte dai paesi membri della Tftc.

Il report offre una guida su cinque aree chiavi che dovrebbero essere considerate nello sviluppo di strategie nazionali: consapevolezza; misure legislative; deterrenza e interruzione; cooperazione; attuazione.

 

 

 

Alla Cassazione l’ultima parola in tema di terzo mandato


Lo scorso 28 dicembre è stato presentato ricorso innanzi alla Suprema Corte di Cassazione per riformare la decisione emessa dal CNDCEC in tema di terzo mandato e depositata lo scorso 27 novembre. Il massimo organo di Categoria, infatti, rispondendo al reclamo elettorale presentato dai candidati della Lista Facciamo ORDINE, Antonio Carboni e Francesco Vallefuoco, avverso la delibera dell’ODCEC di Napoli Nord di ammissione della lista “ODCEC 2.0” e del suo candidato Presidente, ha ritenuto d’improvviso non più “attuale” il proprio orientamento, esprimendosi per l’ammissibilità della ricandidatura di chi, avendo interrotto anticipatamente il secondo mandato consecutivo con dimissioni volontarie, si è ripresentato nell’attuale procedura elettorale.

Le motivazioni alla base del ricorso sono state spiegate dai due Professionisti in una lettera aperta indirizzata ai candidati della lista antagonista, alla luce di affermazioni formulate da quest’ultimi in un messaggio agli Iscritti. Per una corretta informativa si riporta il ricorso notificato ai candidati della Lista ODCEC 2.0 e la lettera ai candidati della Lista “Odcec 2.0”.

Leggi il ricorso in Cassazione contro la decisione del CNDCEC

Leggi la Lettera aperta ai candidati della Lista ODCEC 2.0

 

 

 

Convenzione CAR-NET. Noleggio a lungo termine - Le nuove offerte del mese.


Sul sito ANC, nella pagina riservata della Convenzione Car-Net, sono pubblicate le nuove offerte del mese di febbraio. Si ricorda che la convenzione riserva agli associati sconti esclusivi sul canone mensile dell’auto oltre a promozioni speciali su vetture in pronta consegna.

https://www.ancnazionale.it/convenzioni/car-net-soluzioni-noleggio-a-lungo-termine/

Nell’area riservata del sito ANC sono disponibili le offerte del mese con il codice da utilizzare per fruire delle condizioni della convenzione.

https://www.ancnazionale.it/area-riservata/convenzione-car-net-soluzioni-noleggio-a-lungo-termine/

 

 

 

E-LEARNING CNDCEC

Revisione Legale 2020

20 video lezioni realizzate dal CNDCEC disponibili fino al 31 dicembre 2021.


Dirigenti di categoria

20 video lezioni realizzate dal CNDCEC disponibili fino al 31 dicembre 2021.


Lotta alle frodi comunitarie

12 video lezioni realizzate dal CNDCEC disponibili fino al 31 dicembre 2021.


Antiriciclaggio 2019

7 video lezioni realizzate dal CNDCEC disponibili fino al 31 dicembre 2021.


Privacy 2019

6 video lezioni realizzate dal CNDCEC disponibili fino al 31 dicembre 2021.

 

 

Osservatorio professionale


Focus societario


Giudicato tributario e domanda di pagamento degli utili maturati e non corrisposti


Non è meritoria di accoglimento la richiesta del socio di vedersi attribuiti gli utili maturati e non corrisposti da una società qualora gli stessi utili siano stati determinati in un processo tributario attraverso un accertamento fiscale basato su elementi indiziari che, pur utilizzabili ex lege nel plesso della giurisdizione tributaria, prescindono dai necessari requisiti di gravità, precisione e concordanza richiesti dal Codice civile affinché le presunzioni semplici possano assurgere a strumento di convincimento del giudice. Sentenza n. 6698/2020 pubblicata il 27/10/2020.Tribunale di Milano, sezione xv civile specializzata in materia di impresa.

Focus tributario


Costi inerenti anche se antieconomici


Con l’ordinanza n. 6368/2021 depositata in data 08.03.2021, la Cassazione ha sostenuto che l’inerenza di un costo va verificata rispetto all’oggetto dell’attività di impresa svolta e non con riferimento ai ricavi conseguiti o conseguibili.

L’eventuale antieconomicità rappresenta al più un sintomo della estraneità degli oneri e da sola non basta a impedirne la deducibilità. Tutto ha inizio con l’avviso di un accertamento notificato ad una società con cui venivano recuperati a tassazione costi per spese di sponsorizzazione.

L’oggetto del contendere è rappresentato da alcuni costi (nel caso specifico per sponsorizzazione) portati a tassazione, in sede di accertamento, perché “indebitamente dedotti in quanto non inerenti”.

Per le Entrate si trattava di oneri non inerenti in quanto incongrui rispetto all’attività sponsorizzata ed antieconomici rispetto alle prestazioni ricevute. Il provvedimento veniva impugnato. I giudici tributari di primo e secondo grado confermavano la pretesa.

La Cassazione, sostenendo che l’inerenza debba essere valutata in base alle nozioni che governano il reddito di impresa, stabilisce quindi per l’inerenza un principio di prevalenza della componente qualitativa su quella quantitativa, rappresentata dal legame diretto tra costo e ricavo, che assumerà carattere meramente indiziario e come tale non sufficiente, da sola, a qualificare un costo come indeducibile.

Per questa ragione, il corretto angolo d’osservazione, per determinare la deducibilità di un costo, è quello che mette in primo piano l’attività esercitata e non il ricavo conseguito.

La motivazione è che, per quanto possa essere rigorosa, una norma antielusiva non può prevaricare i principi generali di determinazione del reddito, restando comunque a questi in subordine razionale.

 

 

In aumento i ricorsi giacenti presso le Commissioni Tributarie


Nel corso della cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario tributario 2021, il Presidente del Consiglio di Presidenza del Giustizia tributaria, Antonio Leone, snocciola i numeri fatti registrare dalle Commissioni tributarie per rispondere alle “ingenerose accuse di inerzia” della giurisdizione da lui presieduta. Al 31.12.2020, le controversie pendenti nelle C.T. provinciali e regionali erano in tutto 345 mila, 10 mila in più rispetto alla stessa data del 2019. A fronte di oltre 151 mila ricorsi presentati (108 mila in C.T. Prov., 42 mila in C.T. Reg.), sono state assunte 141.751 decisioni (101 in C.T. Prov., 40 mila in C.T. Reg.), in tempi mediamente inferiori rispetto alle linee guida dettate a livello europeo.

L’emergenza sanitaria e la conseguente impossibilità di celebrare le udienze in presenza hanno inciso, ma, ha ricordato Leone, “ci siamo subito attivati per videoudienze”, seppur in un contesto a macchia di leopardo”. Ad oggi, in quasi nessuna commissione è possibile effettuare più di una videoudienza contemporaneamente, a causa della carenza dei mezzi informatici a disposizione.

Il Consigliere del C.N.D.C.E.C. Maurizio Postal ha chiesto di accelerare il processo di digitalizzazione delle Commissioni tributarie, perché “a quattro mesi dall’approvazione delle norme per l’udienza a distanza, la videoudienza stenta ancora decollare”.

Le diverse modalità di gestione delle udienze nelle 124 Commissioni tributarie – ha affermato – stanno generando livelli di tutela differenziati sul territorio nazionale, il che è francamente insostenibile, anche sotto il profilo della tenuta costituzionale del sistema introdotto che collide fortemente con l’urgenza che venga assicurato un trattamento uniforme delle garanzie di difesa”.

Ennesima stoccata ai commercialisti dal Presidente del Consiglio nazionale forense, Maria Masi per la quale andrà prestata particolare attenzione anche alla figura del difensore: “Tra i soggetti abilitati a patrocinare – ha sottolineato – solo gli avvocati sono tenuti all’applicazione di un vero e proprio codice deontologico, composto da norme giuridiche vincolanti pensate soprattutto in funzione dell’attività giurisdizionale. I codici degli altri professionisti (leggasi i commercialisti, ndr) sono dettati quasi esclusivamente per regolare attività di consulenza e non quella di difesa in giudizio, mentre altri difensori non sono soggetti ad alcun codice deontologico”.

Si rammenta che a fine 2017, i Commercialisti decisero di uscire dal Comitato unico delle professioni (CUP) per costituire insieme agli avvocati ed ai notai un nuovo “sodalizio”.

Troppo distante la visione futura sulle specializzazioni e equo compenso tra il presidente del Cup, Marina Calderone e il segretario del CNDCEC, Achille Coppola, per il quale, incomprensibilmente la vicenda non era così drammatica e l'equo compenso non era considerato una priorità, denotando una visione miope e distorta della professione, continuando ad insistere nel progetto delle SAF.

 

 

Focus Enti Locali


Tari e Tefa, versamenti dal 1 luglio per l’adeguamento a PagoPa


Con un comunicato stampa del 08.03.2021, il Dipartimento delle Finanze, nel ricordare le modalità di versamento unificato tramite la piattaforma PagoPa, concede più tempo per il pagamento di Tari e Tefa al fine di permettere a Comuni, Città metropolitane, Province e prestatori di servizi di pagamento di adeguare le proprie procedure informatiche alle modalità di versamento ‘multi-beneficiario’ individuate da PagoPa Spa.

Il gestore della piattaforma PagoPa Spa ha infatti previsto una nuova modalità di pagamento ‘multi beneficiario’ per il versamento automatico delle somme ai rispettivi enti impositori attraverso un innovativo workflow di pagamento che consente di gestire, con un unico avviso, anche i casi in cui l’importo pagato debba arrivare su conti di diversi beneficiari. Per Tari e Tefa si parte dal prossimo 1°luglio. Il MEF ha altresì precisato che agli Enti che al 30 giugno 2021 non saranno ancora stati in grado di sviluppare una soluzione o di adottarne una fornita da un partner tecnologico, oppure adottare una soluzione “in riuso” messa a disposizione da numerose società “in house” regionali, pagoPA spa metterà a disposizione una soluzione in sussidiarietà, che consentirà:

  • la generazione degli avvisi pagoPA (analogici/digitali);
  • la successiva postalizzazione degli avvisi pagoPA a cura dei singoli Comuni;
  • di generare, a richiesta, un avviso digitale tramite App IO.

Gli avvisi pagoPA generati con questa soluzione, consentiranno ai cittadini di effettuare i pagamenti mediante i canali, resi disponibili dai PSP aderenti alla piattaforma, fisici (uffici postali, tabaccai, filiali bancarie, ecc.), on line e tramite App IO.

 

 

Estrazione revisori Enti Locali


Si ricorda che è operativo sul portale del Dipartimento per la funzione pubblica una funzione di ricerca che agevolmente consente di visualizzare le ultime estrazioni effettuate presso le prefetture delle province della Regione per l’esercizio della funzione di revisore dell’Ente locale.

Consulta le estrazioni più recentiCollegati al sito

 

 

SPECIALE CORONAVIRUS


Si informa che l’ODCEC di Milano ha attivato sul proprio sito web una sezione speciale dedicata all'emergenza COVID-19 dove sarà possibile reperire informazioni, ma anche indicazioni operative utili per tutti i colleghi in questo difficile momento.Leggi speciale-coronavirus

 

 

Confprofessioni - Linee guida test sierologici


Pubblicate da Confprofessioni specifiche linee guida sui test sierologici. Leggi le linee guida

 

 

CNPR: le iniziative a sostegno degli Iscritti.


Si riporta di seguito il link alle iniziative intraprese dalla cassa presieduta da Luigi Pagliuca, per venire incontro alle esigenze degli Iscritti.

I servizi attivati da CNPR

 

 

Confprofessioni – Misure a favore degli studi professionali


Trasmettiamo l’informativa di Confprofessioni che descrive le iniziative a supporto degli Iscritti e dei loro dipendenti.

Leggi l’informativa

 

 

Emergenza COVID-19. Raccolta circolari e decreti utili.


Normativa nazionale: provvedimenti emessi dal Governo.


Sul portale del Governo è disponibile l’archivio dei provvedimenti attualmente vigenti, approvati dal Governo in seguito all'emergenza sanitaria internazionale. Si possono consultare direttamente cliccando qui, oppure collegandosi alla sezione specifica sul portale, digitando il seguente link:

http://www.governo.it/it/approfondimento/coronavirus-la-normativa/14252

 

 

Ordinanze emesse dal Presidente della Regione Campania


Sul portale della Regione Campania è riportato l’archivio di tutte le ordinanze emesse dal Presidente De Luca nel periodo emergenziale. È possibile scaricare le ordinanze cliccando qui

 

 

NOTIZIE DALL’AGENZIA DELLE ENTRATE


Risposte alle istanze di consulenza giuridica Consulta la sezione

 

Risposta n. 2 del 9/02/2021

Art. 1, c. 545-bis, della legge 232/2016. Attività di spettacolo viaggiante e parchi di divertimento

 

 

 

Principi di diritto Consulta la Sezione

 

Principio di diritto n. 4 del 9/02/2021

Concordato preventivo in continuità con assuntore e liberazione del debitore - Successivo fallimento dell'assuntore - Limiti all'emissione delle note di variazione

 

Principio di diritto n. 3 del 9/02/2021

Articolo 124 Decreto Rilancio - Aspiratori ad uso odontoiatrico

 

Principio di diritto n. 2 del 9/02/2021

Articolo 124 Decreto Rilancio - Tomografo computerizzato ad uso odontoiatrico

 

 

Le ultime risposte agli interpelli Consulta la sezione

 

Risposta n. 171 del 10/03/2021

Superbonus - Impianto fotovoltaico con pannelli installati su terreno di pertinenza dell'abitazione - Articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio) - pdf

 

Risposta n. 170 del 10/03/2021

Applicabilità ad un soggetto titolare di pensione erogata dall'INPS dell'imposta sostitutiva sui redditi delle persone fisiche titolari di redditi da pensione di fonte estera che trasferiscono la propria residenza fiscale nel Mezzogiorno - Articolo 24-ter del TUIR - pdf

 

Risposta n. 169 del 10/03/2021

Ambito applicativo del credito di imposta concesso a favore di un ente pubblico nazionale non economico (ente non commerciale) - Articolo 28 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 - pdf

 

Risposta n. 168 del 10/03/2021

Superbonus - Interventi antisismici di ristrutturazione edilizia con parziale demolizione nonché interventi di efficientamento energetico - Presentazione del nuovo modello B, allegato al DM n. 58 del 2017 - Articolo 119 e 121 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34

(decreto rilancio) - pdf

 

Risposta n. 167 del 10/03/2021

Superbonus - Interventi "trainanti" e "trainati" su edificio unifamiliare (composto da unità A/3 e C/6), sprovvisto del certificato di abitabilità/agibilità - Articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio) - pdf

 

Risposta n. 166 del 9/03/2021

Ecotassa vetture acquistate all'estero - pdf

 

Risposta n. 165 del 9/03/2021

Interpello riduzione del canone di locazione per emergenza covid19 e cedolare secca - pdf

 

Risposta n. 164 del 9/03/2021

Articolo 1, comma 1, del decreto legge 31 maggio 2014, n. 83 - Credito di imposta Art-bonus - Società concertistiche e corali - Fattispecie - pdf

 

Risposta n. 163 del 8/03/2021

Articolo 11, comma 1, lett. a), legge 27 luglio 2000, n. 212 - Cessione del credito non ancora fatturato e fallimento del creditore cedente - Momento impositivo e fatturazione - IVA - pdf

 

Risposta n. 162 del 8/03/2021

Superbonus- Interventi realizzati da enti di gestione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica su immobili di proprietà di un consorzio di Comuni - Articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decretoRilancio), convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020 n. 77 - pdf

 

Risposta n. 161 del 8/03/2021

Superbonus - Interventi realizzati su unità collabenti (F2) - Articolo 119 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto Rilancio) - pdf

 

Risposta n. 160 del 8/03/2021

Credito di imposta concesso a favore di un ente non commerciale in relazione al costo sostenuto per i canoni di locazione corrisposti - Articolo 28 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 - pdf

 

Risposta n. 159 del 8/03/2021

Trasferimento titoli da un mandato fiduciario cointestato in caso di decesso di uno dei cointestatari - pdf

 

Risposta n. 158 del 5/03/2021

Articolo 1, commi 679 e 680 della legge di bilancio 2020 - Trasmissione spese sanitarie al Sistema TS

 

Risposta n. 157 del 5/03/2021

Articolo 1, commi 98-108, della legge n. 208 del 2015 (bonus sud) e articolo 1, comma 185, della legge 27 dicembre 2019 , n. 160 (credito d'imposta investimenti 4.0) - Regole di cumulo - pdf

 

Le ultime circolari Consulta la sezione

Circolare n. 2 del 10/02/2021

Primi chiarimenti in tema di meccanismi transfrontalieri soggetti all’obbligo di comunicazione - decreto legislativo del 30 luglio 2020, n. 100 (recepimento Direttiva “DAC 6”)

 

Ultimi Provvedimenti del Direttore Consulta la sezione

Provvedimento del 11/03/2021

Definizione dei termini e delle modalità di presentazione all'Agenzia delle entrate delle istanze per avvalersi dei crediti d'imposta di cui ai commi 4 e 8 dell’articolo 26 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, come modificato dall’articolo 1, comma 263, della legge 30 dicembre 2020, n. 178 - (Pubblicato il 11/03/2021)

 

Provvedimento del 10/03/2021

Accertamento cambio valute estere febbraio 2021 - pdf - (Pubblicato il 10/03/2021)

 

Provvedimento del 09/03/2021

Modificazioni al modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, nei comuni del sisma del Centro-Italia e nelle zone economiche speciali (ZES), approvato con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 14 aprile 2017, come modificato con i provvedimenti del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 29 dicembre 2017 e del 9 agosto 2019 - (Pubblicato il 09/03/2021)

 

 

Le ultime risoluzioni Consulta la sezione

 

Risoluzione n. 17 del 10/03/2021

Istituzione del codice tributo per il versamento, tramite il modello “F24 Versamenti con elementi identificativi”, del contributo per l’adesione al regime agevolato di cui all’articolo 16, comma 5-quater, del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 147

 

 

NOTIZIE DALL’INPS


Circolari

Circolare n. 41 del 5/3/2021

Convenzione fra l’INPS e l’Organizzazione sindacale CONFEDERAZIONE ITALIANA DEL TERZIARIO, DEI SERVIZI, DEL LAVORO AUTONOMO E DELLA PICCOLA IMPRESA INDUSTRIALE, COMMERCIALE, ARTIGIANA, AGRICOLA, DEL LAVORO PROFESSIONALE, DELLE LIBERE PROFESSIONI E DEL LAVORO AUTONOMO IN GENERALE (FEDERTERZIARIO)per la riscossione dei contributi sindacali sulle prestazioni pensionistiche ai sensi della legge 11.08.1972, 485. Istruzioni operative e contabili. Variazioni al piano dei conti

 

Gli ulteriori messaggi e circolari INPS sono prelevabili cliccando qui, o collegandosi alla sezione specifica sul portale, digitando il seguente link: https://www.inps.it/Search122/Circolari.aspx

 

 

Altre informazioni utili


ANC: onorari consigliati per l’anno 2020

 

 

Si ricorda che sul portale ANC è disponibile per la pubblica consultazione il prontuario “onorari consigliati per l’anno 2020”, predisposto da ANC in collaborazione con ANC Livorno. Il prontuario contiene anche un’apposita sezione “Covid 19” dove sono stati valorizzati i compensi legati alle principali pratiche svolte alla clientela nel periodo emergenziale.

Un ringraziamento al collega Carlo Fabri che ha fornito un fattivo contributo alla redazione del documento. Nel merito si segnala altresì l’articolo pubblicato sulla testata Eutekne.info con un intervento del Presidente ANC. Scarica il prontuario "Onorari consigliati 2020"

 

 

Contributo d'iscrizione 2021 all'Associazione Nazionale Commercialisti Napoli Nord

 

 

Il Consiglio direttivo della sezione Napoli Nord dell’Associazione Nazionale Commercialisti ha determinato il contributo d'iscrizione annuale per l’anno 2021 in euro 60,00. Di tale importo si precisa che circa il 40% viene riversato dall’associazione locale all’ANC Nazionale.

Il contributo sarà utilissimo per finanziare tutte le attività sindacali che la nostra associazione sta portando avanti sul territorio e le altre che sono in programmazione, oltre che per accedere a tutte le convenzioni operative, a ricevere la rassegna stampa quotidiana, ad essere aggiornati settimanalmente con la newsletter, e a poter avere accesso ai percorsi formativi che l’associazione organizzerà, anche a quelli e-learning.

Il versamento della quota può essere effettuato con bonifico da appoggiare sul c/c bancario UNICREDIT intestato ad “Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord” - IBAN: IT52D0200874791000103632305 – specificando nominativo, ordine di appartenenza e matricola, codice fiscale. Le coordinate per il pagamento della quota d’iscrizione, assieme al modulo di adesione, saranno a breve anche compilabili sul portale internet all’indirizzo: www.ancnapolinord.it.

 

Per segnalare articoli e documenti di interesse comune è possibile inviare un messaggio con i propri riferimenti personali all’indirizzo:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Per chiedere informazioni generali:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


 

 

 

 

Associazione Nazionale Commercialisti  Napoli Nord

 

Consiglio direttivo

Presidente

Antonio Carboni

Vicepresidenti

Mauro Galluccio

Enza Pisano

Segretario

Marco Idolo

Tesoriere

Giuliana Di Caprio

Consiglieri

Filippo Cacciapuoti

Carlo D'Abbrunzo

Giovanni Granata

Salvatore Iorio

Nicola Padricelli

Vincenzo Panico

Pasquale Ristorato

Collegio dei revisori

Luigi Apicella

Corrado Civile

Felice Tranchese