TX Nefario - шаблон joomla Форекс
logoanc nanord  
 

 

 

 
     

     

     

Gentile Collega,

Ti trasmettiamo il numero 2-2021 della nostra newsletter, sperando di fare cosa gradita.

Ti ricordiamo che potrai consultare tutti i nostri canali digitali, attivi da sempre: in primis il nostro portale internet, dove potrai trovare tutti i riferimenti per effettuare o rinnovare l'iscrizione, che ti consentirà di accedere a tutti i nostri servizi associativi; il nostro profilo Facebook, ed il canale pubblico Telegram, liberamente consultabile e raggiungibile con o senza iscrizione al seguente indirizzo https://t.me/ancnapolinord

Ti segnaliamo che, sino alla sospensione del periodo legato all’emergenza da COVID-19, la nostra informativa sarà pubblicata in versione ridotta e senza rispettare la consueta cadenza settimanale, pubblicando di volta in volta le notizie o le informazioni ritenute importanti.

Informativa ANC Napoli Nord n° 2-2021 – 9 gennaio 2021

A cura del Consiglio direttivo ANC Napoli Nord. Hanno collaborato a questo numero:

Antonio Carboni, Mauro Galluccio, Giovanni Granata, Marco Idolo.

 

 

IN PRIMO PIANO


My Solution: circolare monografica gratuita agli associati per quattro mesi.


Si informano i Colleghi che, grazie ad un accordo sottoscritto tra ANC Napoli Nord, ADC Napoli Nord e UNICO Napoli Nord con l’agente di zona di My Solution, viene offerta la possibilità di utilizzare in via sperimentale e gratuitamente, per un periodo di prova di 4 mesi, la Circolare Monografica My Solution, senza alcun vincolo di acquisto successivo.

La circolare monografica è un documento operativo che analizza in maniera approfondita l'argomento principale della giornata e, pertanto, può essere in questo particolare momento di emergenza un ulteriore strumento operativo a disposizione dei professionisti.

Per usufruire di tale iniziativa è necessario compilare il FORM cliccando nel link sottostante.

https://partnerup3438.activehosted.com/f/207

Dopo aver inserito ed inviato i dati si riceverà un messaggio di posta elettronica che confermerà l’adesione al servizio gratuito.

 

 

Approvato il Regolamento per l’esercizio del voto elettronico.


Con l'informativa n°165 dello scorso 31 dicembre il Presidente del CNDCEC, Massimo Miani, ha provveduto a trasmettere il regolamento per il voto elettronico, approvato dal Ministero della Giustizia ai sensi dell’art. 31 del D.L. 137/2020 e consultabile cliccando sul link in calce, che tuttavia si limita a disciplinare in via generale le operazioni elettorali in presenza del voto elettronico, senza alcun riferimento al procedimento elettorale in atto.

Il Presidente Miani, al riguardo, ha convocato un'assemblea straordinaria dei Presidenti degli Ordini Territoriali per condividere con quest'ultimi le possibili soluzioni individuate per poter consentire alla categoria di procedere al rinnovo dei propri organi di governo e per chiarire quali poteri spettano ai Consigli degli Ordini locali che dal 1° gennaio 2021 si trovano ad agire di fatto in regime di prorogatio. Il Presidente del CN ha reso altresì noto che, dopo l'ordinanza di sospensione delle elezioni emessa dal Consiglio di Stato per la questione sulle quote di genere, il TAR Lazio ha fissato udienza per il prossimo 14 aprile 2021 per decidere nel merito.

Leggi il Regolamento approvato dal Ministero

Ordinanza-CdS-9208.2020 sospensione elezioni

 

 

Alla Cassazione l’ultima parola in tema di terzo mandato.


Lo scorso 28 dicembre è stato presentato ricorso innanzi alla Suprema Corte di Cassazione per riformare la decisione emessa dal CNDCEC in tema di terzo mandato e depositata lo scorso 27 novembre.

Il massimo organo di Categoria, infatti, rispondendo al reclamo elettorale presentato dai candidati della Lista Facciamo ORDINE, Antonio Carboni e Francesco Vallefuoco, avverso la delibera dell’ODCEC di Napoli Nord di ammissione della lista “ODCEC 2.0” e del suo candidato Presidente, ha ritenuto d’improvviso non più “attuale” il proprio orientamento, esprimendosi per l’ammissibilità della ricandidatura di chi, avendo interrotto anticipatamente il secondo mandato consecutivo con dimissioni volontarie, si è ripresentato nell’attuale procedura elettorale.

Le motivazioni alla base del ricorso sono state spiegate dai due Professionisti in una lettera aperta indirizzata ai candidati della lista antagonista, alla luce di alcune affermazioni formulate da quest’ultimi in un messaggio di auguri agli Iscritti.

Per una corretta informativa si riporta il ricorso notificato ai candidati della Lista ODCEC 2.0 e la lettera ai candidati della Lista “Odcec 2.0”.

Leggi il ricorso in Cassazione contro la decisione del CNDCEC

Leggi la Lettera aperta ai candidati della Lista ODCEC 2.0

 

 

Iniziativa benefica: “Commercialisti a sostegno delle famiglie bisognose”.


Si informa che ANC Napoli Nord, UNICO Napoli Nord ed ADC di Napoli Nord hanno avviato una raccolta fondi per aiutare le famiglie in difficoltà economica.

Ci rivolgiamo al cuore di tutti i Colleghi! 

I fondi raccolti saranno destinati alle Caritas o altri enti benefici del territorio di Napoli Nord, eventualmente segnalati dai Colleghi e notoriamente meritevoli di contributo.

Per Aversa è stata individuata la Caritas diocesana molto attiva a sostegno di famiglie bisognose.

Attendiamo le vostre segnalazioni e contestualmente daremo avvio alla raccolta.

Con una piccola donazione potremo regalare un sorriso a chi in questo momento ha più bisogno.

Sono accettate donazioni di qualsiasi importo attraverso bonifico appoggiato sull’IBAN IT52D0200874791000103632305 intestato a A.N.C. Napoli Nord – Causale: “raccolta fondi aiuto alimentare Natale 2020”

Grazie di vero cuore a chi vorrà partecipare a quest’iniziativa.

 

 

Comunicato stampa ANC. Per gli ISA necessaria un’esclusione generalizzata dall’obbligo.


Il Decreto che fisserà le regole di esclusione dall’obbligo di presentazione degli indici di affidabilità fiscale e che introdurrà i “correttivi”, terrà conto solo parzialmente della situazione che tutti gli operatori economici si sono trovati ad affrontare, indipendentemente dall’essere ricompresi o meno nelle tre categorie individuate dalla commissione di esperti e inserite nella norma (calo del fatturato al 33%, attività sottoposte a restrizioni, avvio p. IVA dal 2019).

ANC ritiene che tale agevolazione non debba escludere nessuno. La pandemia, tutt’ora in pieno svolgimento, colpisce economicamente non solo direttamente alcune categorie, ma di riflesso trascina con sé imprenditori, artigiani, commercianti e professionisti, senza chiedere ad ognuno il codice Ateco o l’anno di apertura attività. Si pensi solamente ad una realtà produttiva o a uno studio professionale di pochi elementi dove tutti sono contagiati o in isolamento preventivo: l’attività si blocca indipendentemente dal tipo di servizio reso, le scadenze vengono saltate e l’emergenza rende impossibile seguire tutto ciò che poi rende il soggetto “affidabile” per l’amministrazione finanziaria.

Per questo occorre pensare a una tregua” sostiene fermamente il Presidente ANC Marco Cuchelche consenta a tutti di potersi concentrare sulla ripresa e che tenga conto del fatto che il 2020, ma anche il 2021, non saranno anni normali per nessuno. Sarebbe un grande messaggio di vicinanza. La mancata risposta a queste emergenze confermerebbe la percezione generalizzata di uno scollamento tra la politica e il Paese reale. Se un elemento di esclusione dagli ISA è previsto proprio per i contribuenti che non si trovano in condizioni di normale svolgimento dell’attività, mi chiedo quale sia la categoria economica che in Italia possa dirsi esclusa da questo requisito”  CS_31122020_Isa

 

 

Con lo SPID per i professionisti il rischio è il blocco dell’operatività


L’Associazione Nazionale Commercialisti ha scritto al Ministro Gualtieri per rappresentare al titolare del Dicastero dell’Economia l’impossibilità per gli intermediari, allo scadere del 28 febbraio 2021, di poter operare per i propri clienti utilizzando lo SPID, sistema che andrà a sostituire gli altri metodi di autenticazione a partire dal 1 marzo e che riguarderà anche imprese e professionisti.

Non sarà esente neanche il sistema di accesso all’Agenzia delle Entrate da parte degli intermediari che operano per conto dei clienti nella trasmissione di atti e dichiarazioni e che, ad oggi, agiscono in virtù di una delega. Nella lettera si chiede, fino alla soluzione definitiva di questo problema, di poter continuare ad operare tramite un singolo accesso per tutti i clienti tramite il consueto sistema Entratel. Il concreto rischio è che si verifichi un blocco generalizzato dell’operatività degli intermediari e pertanto del regolare invio di atti e dichiarazioni, a scapito dei cittadini ma anche dell’Amministrazione.

Scrive il Presidente Marco Cuchel: “È questa, ci permettiamo di sottolineare una tipica situazione che prende forma a causa della scarsa consapevolezza, da parte dei decisori preposti, su come si applichino in concreto le norme emanate e ancora una volta riportiamo alla Sua pregiata attenzione l’indifferibile necessità di un tavolo tecnico permanente tra i rappresentanti della nostra Professione, il Mef e l’Agenzia delle Entrate, affinché criticità come quella a cui ci riferiamo,  siano affrontate preventivamente e non si trasformino in emergenze”. CS_23122020_SPID

 

 

Baratto Finanziario: l’approvazione dell’emendamento è un punto a favore del buon senso.


Se tutto procederà come deve, dal prossimo anno i crediti e i debiti derivanti da transazioni commerciali che risultano dalle fatture elettroniche i cui importi non sono ancora stati riscossi, potranno essere compensati tra loro. Dopo la proposta di legge di novembre, a prima firma Garavaglia, sostenuta e promossa da ANC e Confimi Industria, la Commissione Bilancio della Camera ha approvato l’emendamento alla prossima Legge di stabilità, che riguarda l’introduzione di questo sistema attraverso l’implementazione della piattaforma SDI.

L’ANC e Confimi Industria hanno sempre creduto in questa innovativa procedura, che costituirà una vera e propria rivoluzione che consentirà di abbreviare i tempi di riscossione degli importi da parte dei soggetti economici interessati a questo scambio multilaterale. Allo stesso tempo, darà maggior senso all’istituzione del sistema di fatturazione elettronica che, sino ad ora, ha stentato a ricevere l’apprezzamento degli operatori economici.

È un’idea semplice ma che potrebbe facilitare la vita agli uffici amministrativi di molte aziende e anche ai piccoli operatori” sostiene Marco Cuchel Presidente ANC In un momento come questo, di grande difficoltà economica, sarà possibile disporre di maggiore liquidità e fare meno ricorso al sistema creditizio e ad onerosi sistemi di anticipo sulle fatture. Ringraziamo l’On Massimo Garavaglia per aver sostenuto attivamente sia la proposta di legge, che l’emendamento in Commissione. È un esempio di come il lavoro squadra tra imprese, politica e professioni possa dare frutti a beneficio dell’intero Paese.

 

 

In via di cancellazione il divieto di esercitare attività difensiva per potersi iscrivere all’Albo dei CTU e dei Commissari ad acta Presso il C.P.G.T.


Sembra che il buon senso stia prevalendo!

Dopo l’intervento delle categorie interessate, si è aperto un dibattito davanti alla Commissione studi del Consiglio di presidenza di Giustizia Tributari, a seguito del quale si è rilevata l’illegittimità della clausola inserita nel modello di domanda con la quale si impone divieto all’aspirante CTU di esercitare attività difensiva nella Commissione in cui è consulente. Al riguardo, infatti, gli artt. 12 e 23 delle disposizioni per l’attuazione del C.P.C. e le disposizioni transitorie previste dal R.D. 1368/41, non stabiliscono un simile requisito per l’'albo dei consulenti tecnici nei tribunali.

La clausola era stata introdotta originariamente nel 2018 per evitare il rischio di favoritismi nella nomina del Consulente. Il timore, infatti, era che un perito potesse utilizzare in suo favore sentenze, basate su sue consulenze, in altri giudizi per casi simili nei quali era difensore.

Una nota del Consiglio di P.G.T. fa sapere che sull’argomento vi sarà una decisione “ad hoc” che prevederà un maggiore potere al Presidente della Commissione tributaria nella la scelta dei CTU, valutati caso per caso, con lo scopo di evitare “favoritismi” e “conflitti di interesse”.

Si ricorda che sul sito del CPGT all’indirizzo https://www.giustizia-tributaria.it/documentazione è stata creata una apposita sezione denominata “Albo CTU: modulistica”, dove potranno scaricarsi anche i fac-simile, che, tuttavia, alla data odierna non risultano ancora aggiornati con l’eliminazione del divieto. Si ricorda che le domande dovranno essere inviate agli Ordini entro la data del 30.01.21.

Sarà in ogni caso successivamente sempre possibile inoltrare nuove domande, alle stesse condizioni, da parte di coloro che saranno in possesso dei requisiti indicati nelle domande medesime, per il tramite del rispettivo Ordine. Di seguito i Link

Modulo di iscrizione all'albo (giustizia-tributaria.it)

Delibera CPGT

Comunicazione Presidente CTR Campania

 

 

Revisori Legali. Nuove comunicazioni in materia di formazione obbligatoria


Pubblicate dal MEF alcune nuove comunicazioni in materia di obbligo formativo degli iscritti nel registro dei revisori legali. Si segnala, in particolare, la proroga al 31 dicembre 2022 degli obblighi di formazione relativi al 2020 e al 2021.

Leggi le comunicazioni

 

 

Revisori Legali. Contributo annuale 2021.


Il 31 gennaio 2021 scade il termine per il versamento del contributo annuale di iscrizione per l’anno 2021, il cui importo è pari ad euro 35,00.   Leggi le modalità di pagamento

 

 

 

Crediti formativi conseguiti dal 1° gennaio 2020 al 30 settembre 2020 e imputabili al triennio formativo 2017-2019


Si ricorda che il CNDCEC ha fissato al 30 settembre 2020 il termine utile al conseguimento dei crediti per l’assolvimento dell’obbligo formativo relativo al triennio 2017-2019, mediante la partecipazione agli eventi accreditati con codici materie “non utili” per la formazione dei revisori legali. I crediti nelle materie non valide ai fini della revisione legale, che gli Iscritti conseguiranno fino al 30 settembre 2020, saranno utilizzati preliminarmente per colmare i debiti formativi del triennio concluso, salvo che l’Iscritto non comunichi una volontà contraria.

Si rammenta, altresì, che il Consiglio Nazionale, ha reso noto che per l’anno 2020 viene meno l’obbligo per gli iscritti di conseguire almeno 20 crediti formativi nell’anno e il mancato conseguimento dei 20 cfp nel corso del 2020 potrà essere recuperato nel 2021 e 2022; per l’anno 2020 viene anche meno l’obbligo, per gli iscritti che abbiano compiuto o compiano i 65 anni di età nel corso del triennio, di conseguire almeno 7 crediti formativi nell’anno e il mancato conseguimento dei 7 cfp nel corso del 2020 potrà essere recuperato nel 2021 e 2022.

Leggi l’informativa del CNDCEC n. 26/2020

Leggi l’informativa del CNDCEC n. 30/2020

Leggi l'informativa del CNDCEC n. 110/2020

 

 

Online la guida dell’Agenzia delle Entrate: Benvenuti in Agenzia!


L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una guida con cui fornisce informazioni utili su come richiedere i vari servizi erogati dall’Agenzia, come prenotare un appuntamento e cosa portare in ufficio. Inoltre, sono indicati alcuni servizi che è possibile richiedere attraverso le diverse modalità (on line, e-mail o Pec, in ufficio).

Consulta la Guida

 

 

Principi di attestazione dei piani di risanamento.


Il CNCDEC ha pubblicato i nuovi Principi di attestazione dei piani di risanamento, che aggiornano quelli approvati nel 2014. I Principi sono stati rivisti e aggiornati per tener conto degli indirizzi giurisprudenziali, delle novità del Codice della Crisi (limitandosi a quanto utile e necessario visto la frammentazione delle norme entrate in vigore rispetto al testo definitivo), ma anche delle conseguenze dell’emergenza sanitaria Covid-19, trasformatasi ormai anche in emergenza economica per molte imprese. Leggi il documento

 

 

Informativa Periodica - Valutazione e Controlli


Pubblicato il nuovo numero dell’informativa della Fondazione Nazionale Commercialisti “Valutazione e Controlli” che approfondisce i principali provvedimenti, legislativi e non, adottati dagli organismi nazionali e di categoria, in risposta agli eventi pandemici. Leggi l'informativa

 

 

ANC: onorari consigliati per l’anno 2020.


Si ricorda che sul portale ANC è disponibile per la pubblica consultazione il prontuario “onorari consigliati per l’anno 2020”, predisposto da ANC in collaborazione con ANC Livorno. Il prontuario contiene anche un’apposita sezione “Covid 19” dove sono stati valorizzati i compensi legati alle principali pratiche svolte alla clientela nel periodo emergenziale.

Un ringraziamento al collega Carlo Fabri che ha fornito un fattivo contributo alla redazione del documento. Nel merito si segnala altresì l’articolo pubblicato sulla testata Eutekne.info con un intervento del Presidente ANC. Scarica il prontuario "Onorari consigliati 2020"

 

 

OSSERVATORIO PROFESSIONALE

 

Focus tributario


Il messo notificatore deve fare le ricerche.


Nel momento in cui risulti sconosciuta all'indirizzo del luogo di notificazione la destinataria della stessa, il messo notificatore deve svolgere le opportune ricerche volte ad accertare l'irreperibilità assoluta del destinatario.  È questo il principio affermato dalla Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 28154 del 10 dicembre 2020.

Il fatto - La contribuente ha impugnato una intimazione di pagamento - che per l'Agente della Riscossione faceva seguito a una cartella di pagamento già notificata - relativa a IRES e IVA per gli anni di imposta 2000 e 2001, con cui ha contestato il difetto di notificazione della cartella, nonché (nel merito) la prescrizione del diritto a riscuotere. La CTP di Roma ha accolto la domanda del contribuente, mentre la CTR del Lazio ha accolto l'appello dell'Ufficio, osservando che la cartella di pagamento è stata notificata secondo il rito degli irreperibili, a termini dell'art. 60, comma 1, lett. e), del D.P.R. n. 600/73, procedimento sostitutivo di quello previsto dall'art. 143 cod. proc. civ. per il caso del destinatario trasferito in luogo sconosciuto, con conseguente definitività della cartella e inammissibilità dell'impugnazione proposta avverso l'intimazione di pagamento. Propone ricorso per Cassazione il contribuente.

In diritto - Gli Ermellini prendono le mosse dall’art. 60, comma 1, lett. e) d.P.R. n. 600/73, secondo cui «quando nel comune nel quale deve eseguirsi la notificazione non vi è abitazione, ufficio o azienda del contribuente, l'avviso del deposito prescritto dall'art. 140 del codice di procedura civile si affigge nell'albo del comune e la notificazione ai fini della decorrenza del termine per ricorrere, si ha per eseguita nell'ottavo giorno successivo a quello di affissione».
Il procedimento di notificazione degli avvisi e degli atti tributari impositivi, nel sistema delineato dall'art. 60, comma 1, lett. e) D.P.R. n.600/73, “si rende applicabile qualora il messo notificatore non reperisca il contribuente all'indirizzo perché risulta trasferito in luogo sconosciuto, accertamento, questo, cui il messo deve pervenire dopo aver effettuato ricerche nel Comune dov'è situato il domicilio fiscale del contribuente, per verificare che il suddetto trasferimento non si sia risolto in un mero mutamento di indirizzo nell'ambito dello stesso Comune (Cass., Sez. V, 18 marzo 2015, n. 5374; Cass., Sez. V, 3 luglio 2013, n. 16696; Cass., Sez. V, 27 giugno 2011, n. 14030)”.
Peraltro, “la notificazione degli atti impositivi nei confronti degli irreperibili richiede, sotto pena di nullità, che il messo notificatore o l'ufficiale giudiziario, ben prima di dare ingresso al procedimento di notificazione secondo le modalità previste dall'art. 60, comma 1, lett. e), del d.P.R. n. 600 del 1973, in luogo di quella ex art. 140 c.p.c., devono svolgere le opportune ricerche volte a verificare che ricorra in fatto l'irreperibilità assoluta del contribuente, ossia che quest'ultimo non abbia più né l'abitazione né l'ufficio o l'azienda nel Comune nel quale aveva il domicilio fiscale, non essendo sufficienti al riguardo neanche le attività di ricerca svolte dall'ufficiale giudiziario presso il portiere dello stabile nel Comune di residenza del contribuente (Cass., Sez. VI, 8 marzo 2019, n. 6765; Cass., Sez. VI, 7 febbraio 2018, n. 2877; Cass., Sez. VI, 13 novembre 2014, n. 24260)”.

Nel caso di specie, il messo notificatore ha attestato «in (...) soc.tà int.ta sco.ta al citofono e cassette postali. Portiere assente», senza ulteriori attività svolte nelle immediatezze della notificazione.

Pertanto, pur ricorrendo un principio di irreperibilità assoluta, nel momento in cui risulti sconosciuta all'indirizzo del luogo di notificazione la destinataria della stessa “(«al citofono e cassette postali»), non risulta in alcun modo che il messo notificatore abbia svolto le opportune ricerche volte ad accertare l'irreperibilità assoluta del destinatario, senza (peraltro) neanche procedere agli accertamenti in loco presso il portiere o altra persona fisica ivi rinvenuta”. Pertanto, per i massimi giudici, “la notificazione della cartella di pagamento si rivela illegittima per mancata esecuzione delle opportune ricerche, non sussistendo i presupposti di fatto per applicare il rito degli irreperibili al caso di specie non essendovi i presupposti normativi per ritenere che si verta nell'ipotesi dell’irreperibilità assoluta”.

 

Focus societario


Anche il presidente può collegarsi da remoto all’assemblea.     


Il Consiglio Notarile di Milano, con la massima n. 187 dell’11 marzo, semplifica la procedura dell’assemblea agevolandone lo svolgimento mediante mezzi di telecomunicazione.

Si afferma, infatti, che l’intervento in assemblea mediante mezzi di telecomunicazione può riguardare la totalità dei partecipanti alla riunione, ivi compreso il presidente; fermo restando che nel luogo indicato nell’avviso di convocazione deve trovarsi il segretario verbalizzante o il notaio, unitamente alla o alle persone incaricate dal presidente per l’accertamento di coloro che intervengono di persona (sempre che tale incarico non venga affidato al segretario verbalizzante o al notaio).

Tutto ciò sia quando ammesso dallo statuto, ai sensi dell’art. 2370 comma 4 c.c., sia quando “comunque ammesso dalla vigente disciplina”. Quest’ultimo inciso, in particolare, come sostenuto da autorevole dottrina, potrebbe anche leggersi come la concretizzazione della previsione contenuta nell’art. 1 comma 1 lett. q) del DPCM 8 marzo 2020, secondo la quale “sono adottate, in tutti i casi possibili, nello svolgimento di riunioni, modalità di collegamento da remoto”.
Tale disposizione, in pratica, scavalcherebbe l’assenza di una indicazione statutaria autorizzativa dello svolgimento dell’assemblea (ma lo stesso dovrebbe valere per i CdA) mediante mezzi di telecomunicazione, senza il rischio di contestazioni. Presidente e segretario nel luogo di convocazione solo per il verbale contestuale. Ad ogni modo, la massima del Consiglio Notarile di Milano precisa altresì come le clausole statutarie che prevedano la presenza del presidente e del segretario nel luogo di convocazione (o comunque nel medesimo luogo) dovrebbero intendersi di regola funzionali alla formazione contestuale del verbale dell’assemblea, sottoscritto sia dal presidente sia dal segretario. Esse, pertanto, non impediscono lo svolgimento della riunione assembleare con l’intervento di tutti i partecipanti mediante mezzi di telecomunicazione, potendosi in tal caso redigere successivamente il verbale assembleare, con la sottoscrizione del presidente e del segretario, oppure con la sottoscrizione del solo notaio in caso di verbalizzazione in forma pubblica.

 

Focus Enti Locali


Bilancio di previsione Enti Locali 2021-2023. Richiesta di proroga al 31 marzo 2021.


Richiesta di proroga al 31/03/2021 del termine per l’approvazione del bilancio di previsione 2021 degli Enti Locali richiesta dall’Associazione nazionale dei Comuni italiani e dall’Unione delle Province italiane, con una Nota congiunta datata 2 gennaio 2021 e indirizzata al Ministero dell’Interno.

La richiesta è stata motivata facendo riferimento alle numerose difficoltà che le Amministrazioni hanno dovuto fronteggiare nell’ultimo trimestre del 2020 a causa della seconda ondata della pandemia da “Covid-19” e alle molteplici scadenze accumulatesi in queste settimane, tra cui l’approvazione del Piano economico-finanziario rifiuti 2020 in base al “Metodo Arera” per i Comuni che hanno optato per il rinvio a fine anno in applicazione dell’art. 107, comma 5, del Dl. n. 18/2020, e la regolamentazione necessaria per l’avvio del nuovo ‘Canone unico’. Anci e Upi hanno messo l’accento sulla difficoltà di stilare un bilancio preventivo, dato il perdurare dell’emergenza epidemiologica, e sul fatto che il Governo si era impegnato, nella seduta della Conferenza Stato-Città e Autonomie locali del 1° dicembre 2020, ad adottare delle misure ad hoc che potessero agevolare gli Enti chiamati ad assolvere questo difficile compito. Un proposito che ad oggi non si è tradotto in un Provvedimento.

La richiesta di proroga sarà sottoposta al parere della Conferenza Stato-Città e Autonomie locali nella prima seduta utile, fissata per il 14 gennaio 2021

 

 

Estrazione revisori Enti Locali


Si ricorda che è operativo sul portale del Dipartimento per la funzione pubblica una funzione di ricerca che agevolmente consente di visualizzare le ultime estrazioni effettuate presso le prefetture delle province della Regione per l’esercizio della funzione di revisore dell’Ente locale.

Consulta le estrazioni più recenti

Collegati al sito

 

 

SPECIALE CORONAVIRUS


Si informa che l’ODCEC di Milano ha attivato sul proprio sito web una sezione speciale dedicata all'emergenza COVID-19 dove sarà possibile reperire informazioni, ma anche indicazioni operative utili per tutti i colleghi in questo difficile momento. Leggi speciale-coronavirus

 

 

Confprofessioni - Linee guida test sierologici


Pubblicate da Confprofessioni specifiche linee guida sui test sierologici. Leggi le linee guida

 

 

Emergenza covid-19 e locazioni commerciali: brevi note operative.


Si informa che sul portale di ANC Napoli Nord è disponibile per la libera consultazione un interessante documento, redatto dal Collega Pasquale Ristorato, contenente brevi note operative sulle modalità di fruizione del credito d’imposta previsto per le locazioni commerciali e sulle diverse possibilità di modifica contrattuale delle locazioni, e relativi adempimenti, per venire incontro alle esigenze di conduttori e proprietari.  Consulta il documento

 

 

Incentivi per le assunzioni di giovani nella manovra 2021.


La manovra finanziaria 2021 raddoppia la percentuale di esonero e la conseguente soglia massima d'importo per le nuove assunzioni e trasformazioni a tempo indeterminato effettuate dal 1° gennaio 2021 al 31 dicembre 2022 di soggetti con meno di trentasei anni di età che non abbiano avuto, nella loro vita lavorativa, precedenti assunzioni a tempo indeterminato con lo stesso o altro datore di lavoro. In particolare, ricalcando la precedente formulazione contenuta nella Legge 27 dicembre 2017, n. 205, art. 1, commi da 100 a 105 e 107, viene innalzata al 100% la contribuzione a carico azienda oggetto di sgravio, sino al limite di importo massimo di 6.000 euro annui, per un periodo di trentasei mesi, elevati a quarantotto per le assunzioni effettuate in sedi aziendali ubicate nel Mezzogiorno.

 

 

CNPR: le iniziative a sostegno degli Iscritti.


Si riporta di seguito il link alle iniziative intraprese dalla cassa presieduta da Luigi Pagliuca, per venire incontro alle esigenze degli Iscritti.

I servizi attivati da CNPR

 

 

Confprofessioni – Misure a favore degli studi professionali


Trasmettiamo l’informativa di Confprofessioni che descrive le iniziative a supporto degli Iscritti e dei loro dipendenti.

Leggi l’informativa

 

 

La Fondazione Nazionale dei Commercialisti ha pubblicato i seguenti documenti di ricerca:


Contributo a fondo perduto per i Comuni in stato di emergenza

Pubblicato dalla Fondazione un documento che esamina la disciplina prevista dal comma 4 dell’articolo 25 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34 (c.d. Decreto “Rilancio”) in materia di contributi a fondo perduto a favore dei contribuenti aventi il domicilio fiscale o la sede operativa nel territorio di Comuni colpiti da eventi calamitosi (sismi, alluvioni o altri eventi naturali avversi).

Consulta il documento

 

Le disposizioni in materia di società, enti e giustizia - Terzo aggiornamento

Il documento esamina le misure urgenti in materia di società ed enti nonché di giustizia civile, penale, amministrativa e contabile adottate dal Governo per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Leggi il documento

 

Le misure a sostegno della liquidità e delle attività - Terzo aggiornamento

Il documento passa in rassegna le misure in favore di famiglie, lavoratori e imprese e di sostegno della liquidità del tessuto economico produttivo adottate dal Governo per contrastare l'emergenza epide­miologica da COVID-19.

Leggi il documento

 

Emergenza COVID-19. Raccolta circolari e decreti utili.


Normativa nazionale: provvedimenti emessi dal Governo.


Sul portale del Governo è disponibile l’archivio dei provvedimenti attualmente vigenti, approvati dal Governo in seguito all'emergenza sanitaria internazionale. Si possono consultare direttamente cliccando qui, oppure collegandosi alla sezione specifica sul portale, digitando il seguente link:

http://www.governo.it/it/approfondimento/coronavirus-la-normativa/14252

 

 

Ordinanze emesse dal Presidente della Regione Campania


Sul portale della Regione Campania è riportato l’archivio di tutte le ordinanze emesse dal Presidente De Luca nel periodo emergenziale.

È possibile scaricare le ordinanze cliccando qui o collegandosi alla sezione specifica sul portale, digitando il seguente link:

http://www.regione.campania.it/regione/it/la-tua-campania/coronavirus-kyxz/ordinanze-del-presidente-della-regione-campania

 

 

Messaggi e Circolari INPS


I messaggi e le circolari INPS sono prelevabili in formato pdf, cliccando qui, o collegandosi alla sezione specifica sul portale, digitando il seguente link:

https://www.inps.it/Search122/Circolari.aspx

 

 

 

Altre informazioni utili


ANC: onorari consigliati per l’anno 2020.


Si ricorda che sul portale ANC è disponibile per la pubblica consultazione il prontuario “onorari consigliati per l’anno 2020”, predisposto da ANC in collaborazione con ANC Livorno. Il prontuario contiene anche un’apposita sezione “Covid 19” dove sono stati valorizzati i compensi legati alle principali pratiche svolte alla clientela nel periodo emergenziale.

Un ringraziamento al collega Carlo Fabri che ha fornito un fattivo contributo alla redazione del documento. Nel merito si segnala altresì l’articolo pubblicato sulla testata Eutekne.info con un intervento del Presidente ANC. Scarica il prontuario "Onorari consigliati 2020"

 

 

Contributo d'iscrizione 2020 all'Associazione Nazionale Commercialisti Napoli Nord


Il Consiglio direttivo della sezione Napoli Nord dell’Associazione Nazionale Commercialisti ha determinato il contributo d'iscrizione annuale per l’anno 2020 in euro 60,00. Di tale importo si precisa che circa il 40% viene riversato dall’associazione locale all’ANC Nazionale.

Il contributo sarà utilissimo per finanziare tutte le attività sindacali che la nostra associazione sta portando avanti sul territorio e le altre che sono in programmazione, oltre che per accedere a tutte le convenzioni operative, a ricevere la rassegna stampa quotidiana, ad essere aggiornati settimanalmente con la newsletter, e a poter avere accesso ai percorsi formativi che l’associazione organizzerà, anche a quelli e-learning.

Il versamento della quota può essere effettuato con bonifico da appoggiare sul c/c bancario UNICREDIT intestato ad “Associazione Nazionale Commercialisti di Napoli Nord” - IBAN: IT52D0200874791000103632305 – specificando nominativo, ordine di appartenenza e matricola, codice fiscale. Le coordinate per il pagamento della quota d’iscrizione, assieme al modulo di adesione, saranno a breve anche compilabili sul portale internet all’indirizzo: www.ancnapolinord.it.

 

Per segnalare articoli e documenti di interesse comune è possibile inviare un messaggio con i propri riferimenti personali all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Per chiedere informazioni generali: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

Associazione Nazionale Commercialisti  Napoli Nord

 

Consiglio direttivo

Presidente

Antonio Carboni

Vicepresidenti

Mauro Galluccio

Enza Pisano

Segretario

Marco Idolo

Tesoriere

Giuliana Di Caprio

Consiglieri

Filippo Cacciapuoti

Carlo D'Abbrunzo

Giovanni Granata

Salvatore Iorio

Nicola Padricelli

Vincenzo Panico

Pasquale Ristorato

Collegio dei revisori

Luigi Apicella

Corrado Civile

Felice Tranchese