TX Nefario - шаблон joomla Форекс
unioneindex

 

 
     
     

     

I commercialisti italiani devono dotarsi di un organismo sindacale unitario che tuteli i loro diritti e si affianchi al Consiglio nazionale. Abbiamo bisogno di un sindacato che dia voce agli iscritti e prenda posizione su tutto quello che attiene la loro condizione di lavoratori”. Lo ha detto Domenico Posca, presidente dell’Unione Italiana Commercialisti, presentando il Congresso nazionale del sindacato “Unico” che si terrà venerdì 22 febbraio dalle ore 9,00 presso l’Auditorio San Fedele a Milano (via Hoepli 3/b).

La professione sta cambiando rapidamente la crisi degli studi va affrontata con un approccio innovativo: i commercialisti – ha aggiuntoPosca– devono ripensare la loro attività puntando alla specializzazione e all’aggregazione tra studi per poter rispondere alle nuove esigenze dei clienti e dei mercati. Ma serve una maggiore tutela: il Consiglio nazionale è diviso e conflittuale, ci sono due casse di previdenza e 12 sigle associative”.

Per questo motivo, “deve nascere il sindacato dei commercialisti, che eserciti e gestita la tutela dei diritti sindacali, comprese le astensioni collettive”.

Saranno presenti ai lavori congressuali Marco Cuchel (Presidente Associazione Nazionale Commercialisti), Alberto Meloni (Vice Presidente Unione Italiana Commercialisti); Luigi Capuozzo (Presidente Ugrc), Antonio Uva (Consigliere delegato Unione Italiana Commercialisti), Stefano Sfrappa (Presidente Sindacato Italiano Commercialisti), Antonella La Porta (Presidente Federazione Italiana Donne Dottori Commercialisti), Alessandro Cerati (Consigliere Associazione Nazionale Dottori Commercialisti), Domenico Posca (Presidente Unione Italiana Commercialisti, Emmanuela Saggese, (Consigliere Unione Italiana Commercialisti);